Le dimissioni di Boris Johnson

image_pdfimage_print

di Paul Shakeshaft

Riflessioni sulla politica, con particolare riferimento ai partiti di potere di Downing Street

L’insoddisfazione dell’opinione pubblica per l’atteggiamento di Boris Johnson nei confronti delle feste natalizie di Downing Street al culmine della quarantena per il Covid – e la sua successiva doppiezza sui dettagli di tali feste in risposta alle indagini dei giornalisti – lo ha finalmente raggiunto. Johnson si è dimesso la settimana scorsa.

Alla luce del dibattito sulla severità delle misure di blocco, dell’operazione speciale di Vladimir Putin in Ucraina e dell’impennata dell’inflazione, come è successo tutto questo? Le domande che circondano le celebrazioni natalizie possono sembrare a prima vista banali. In effetti, molti dei sostenitori del primo ministro hanno sottolineato la natura relativamente minore di questa tempesta in una tazza da tè rispetto agli sconvolgimenti all’estero, che stanno seminando distruzione più evidente e diretta. Basandosi proprio su questa logica, lo stesso Johnson ha intuito che la tempesta sarebbe passata e gli elettori gli avrebbero nuovamente chiesto di risolvere il problema: garantire la Brexit, adottare politiche a favore della classe operaia e ridurre l’asprezza delle divisioni politiche con il suo fascino caratteristico, simboleggiato dai capelli biondi spettinati e dal familiare soprannome “Boris” (il suo vero nome è Alexander Boris de Pfeffel Johnson).

Ma in realtà l’organizzazione di feste in persona durante le più severe restrizioni di quarantena dovute a Covid toccò un nervo scoperto che andava dritto al cuore del corpo politico britannico: la sensazione che non ci fosse solo la solita ipocrisia in gioco, ma che l’intero ordine morale fosse stato infranto.

Non è forse scomparsa l’aspettativa che i leader politici sostengano gli standard di moralità della società? Forse, ma sfortunatamente per Johnson, c’era un promemoria alle sue spalle che dimostrava che i leader possono e hanno onore nella vita pubblica. In contrasto con la sua indifferenza per le dure misure imposte al popolo britannico, il capo di Stato, la Regina, fece rispettare rigorosamente il blocco, rifiutando qualsiasi privilegio.

Anche la proposta di Downing Street – non sorprendente, visto ciò che stava accadendo dietro le quinte – di allentare le restrizioni e consentire a più di 30 persone di partecipare al funerale del Principe Filippo si è scontrata con la disapprovazione della Regina Elisabetta. Sua Maestà non avrebbe accettato di allentare le restrizioni per sé, nemmeno in occasione di un evento di grande importanza nazionale e personale, mentre i suoi sudditi non avevano questo diritto. Anche loro hanno avuto un funerale. Anche loro piangono i morti. Quando loro se ne sono andati senza il conforto della famiglia e degli amici, perché non dovrebbe seguire anche lei il loro esempio?

Come durante la Seconda Guerra Mondiale, insieme a tutta la sua famiglia, la Regina ha sopportato il peso delle restrizioni governative alla libertà personale in caso di crisi, indipendentemente dal fatto che tali restrizioni fossero o meno pienamente giustificate.

Come si è visto, questo è esattamente ciò che gli inglesi si aspettavano dal loro primo ministro. Ma il suggerimento di Johnson che lui e il suo staff fossero di fatto esenti dalle regole era, agli occhi di molti, la prova che la severità della quarantena non era un requisito inevitabile per la salute pubblica. Dopo essere riusciti ad ammorbidire le richieste più forti delle quarantene più severe (e quindi più “riuscite”), il primo ministro e le persone competenti ridevano dei loro sudditi e conducevano una vita più oziosa.

L’ipocrisia è il tributo che il vizio paga alla virtù, e quando a gennaio Dominic Cummings, consigliere anziano licenziato da Johnson, ha iniziato a far trapelare le prove della violazione delle regole (che possiamo supporre fosse un atto di suprema vendetta piuttosto che il motivo dichiarato), Johnson si è “scusato” alla maniera dei pii addetti alle pubbliche relazioni: mi dispiace, è successo così e così, ecc. Ma tutti si accorsero della sua insincerità.

Per coloro che erano convinti della necessità dell’austerità, il rifiuto di Johnson di condividere i pesanti costi delle sue politiche era un fallimento nel mostrare solidarietà ai suoi vicini. Non solo disprezzava l’uguaglianza con i suoi sudditi, ma si metteva in una posizione che nemmeno la regina osava prendere. A prescindere dalla posizione assunta dai singoli britannici, tutti insieme hanno continuato a ritenere indecente il comportamento del Primo Ministro e intollerabile la sua presenza.

A prescindere dallo scandalo in sé e dall’interesse morboso che abbiamo nel vedere l’instabilità politica minare definitivamente la credibilità di Boris, le risposte divergenti della Regina e del Primo Ministro – e l’atteggiamento sostenuto dell’opinione pubblica nei confronti di tali risposte – indicano qualcosa di più della semplice stanchezza dell’opinione pubblica nei confronti dell’ipocrisia. L’opinione pubblica britannica intuì che era in gioco qualcosa di più serio. Riteneva che l’abitudine di Johnson di mentire, di infrangere le regole, di fare e disfare promesse e di affrontare la vita con un’alzata di spalle e un sorriso da ragazzo, violasse il loro senso della moralità oggettiva da cui dipende il successo della nazione.

È vero che la decenza morale di un monarca significa qualcosa di più della decenza morale del suo primo ministro. Mentre il monarca costituzionale è il rappresentante della sua nazione, un ministro, anche il primo ministro, è un semplice politico che può essere richiamato dal Parlamento e rimosso dall’incarico entro 24 ore. Nel sistema britannico, i ministri sono meno rappresentativi, così come i monarchi sono meno importanti politicamente.

Non è questo il caso del Presidente degli Stati Uniti, che ricopre una posizione che combina funzioni rappresentative ed esecutive. Per questo è fondamentale che un presidente si comporti in modo decente e che il rispetto per la carica possa essere una sfida per i cittadini che sono fortemente contrari alle politiche di un determinato presidente.

Riconoscendo questo, però, aggiungiamo che la promiscuità e l’accondiscendenza di Johnson non hanno riguardato solo le sue azioni personali. Ha colpito tutta la sua amministrazione. Molte decine di membri del personale si sono comportati in modo osceno in questi locali e, quando sono stati scoperti, hanno rifiutato di assumersi la responsabilità. A Downing Street regnava un diffuso spirito di dissolutezza. Tutto ciò dimostra una perdita di fiducia nella moralità oggettiva.

Le culture anglofone, a partire dagli anni Sessanta, si sono mosse chiaramente verso la promiscuità morale. Questa osservazione è facile da deridere; la caricatura secondo cui chi fa questa osservazione vuole tornare agli anni Cinquanta è già abbastanza noiosa. È impossibile recuperare radicalmente il passato, e ci sono molte cose degli anni Cinquanta che non sono desiderabili. Ma ciò che non possiamo ignorare è l’auspicabilità di una cultura che infonda autodisciplina e il riconoscimento che la generazione di Elizabeth Windsor ha favorito tale disciplina meglio della generazione “BoJo”.

Infatti, “BoJo” è vittima dei suoi desideri impulsivi tanto quanto la cultura circostante lo incoraggia a soddisfarli. Questa cultura lo incoraggia a “dire la sua verità” partendo dal presupposto che egli, come tutti gli altri, è un sé autonomo, svincolato da obblighi e diritti corrispondenti nei confronti degli altri. Egli, sostenuto dalla cultura, deve “definire la [propria] concezione dell’esistenza, del significato, dell’universo e del mistero della vita umana” come “diritto” che si trova nel “cuore stesso della libertà”. Boris ha dedicato la sua vita a questo diritto, per cui è perfettamente felice di definire la propria concezione di significato. E il significato è solo se stesso, e nient’altro.

Questa cultura nega l’esistenza di un significato oggettivo al di là dei desideri dell’io, spingendoci a reagire con una certa incredulità ogni volta che ci viene chiesto di essere egoisti. E, dati i presupposti che ci vengono propinati, questa diffidenza è comprensibile.

Boris era diffidente quando le sue azioni e quelle della sua amministrazione venivano messe in discussione, perché Boris ha abbandonato da tempo le virtù della decenza e dell’onore. Anche nel suo discorso di dimissioni della scorsa settimana si è rifiutato di riconoscere la sua trasgressione. Si è posizionato come un uomo magnanimo – scrivendo biografie autoriflessive di Winston Churchill – e una parte di lui si sforzerà inevitabilmente di raggiungere quella grandezza.

Ma Boris è un pagano post-cristiano, uno che sa leggere l’Iliade in greco ma non è un vero pagano. Omero conosceva l’eusebeia, la risposta interiore alle opere di Dio, che si manifesta nella riverenza per ciò che Dio ha reso buono. Ma il paganesimo post-cristiano di Boris è di tipo diverso, peggiore della versione originale, perché si allontana dalle conquiste del paganesimo che Omero e altri sostenevano. Né la vergine né l’adultero conoscono le sublimi profondità della fedeltà coniugale, ma solo uno di loro è innocente.

Per spiegare la “tragicommedia” della nostra perdita di fede nella morale oggettiva, C.S. Lewis tenne una serie di conferenze, poi incluse nel suo libro L’abolizione dell’uomo, riflettendo sulla svolta delle culture anglofone verso il relativismo morale (erano gli anni ’40). Ha osservato che anche in una cultura post-verità, quando si verificano atti di egoismo importanti e diffusi, continuiamo a insistere sulle stesse qualità di abnegazione che sono impossibili a causa della premessa morale di fondo della nostra cultura (che soddisfare i desideri dell’io è intrinsecamente buono). Ridiamo dell’onore e siamo inorriditi nel trovare persone disonorevoli tra noi. Castriamo i castroni e li costringiamo a riprodursi.

Eppure, nonostante i nostri presupposti morali errati, non possiamo fare a meno di distinguere tra giusto e sbagliato. Gli inglesi sapevano in qualche modo che ciò che la Regina faceva era buono e ciò che il Primo Ministro faceva era cattivo. Non è che a loro piacesse quello che faceva la Regina o quello che faceva il Primo Ministro, è che un’azione era oggettivamente buona e l’altra oggettivamente cattiva.

Per spiegare questo senso innato di moralità oggettiva, Lewis prende in prestito il concetto di Tao dall’antica filosofia cinese. Il Tao è, come lo descrive Lewis, la Natura, la Via, la Strada. “È la Via lungo la quale si muove l’universo, la Via lungo la quale le cose sorgono eternamente, ferme e immobili, nello spazio e nel tempo. È anche la Via che ogni essere umano dovrebbe seguire, imitando questa progressione cosmica e sovraspaziale, conformando tutte le azioni a questo grande modello”.

Osservando i modi in cui il Tao (“legge della natura” o “legge naturale”) è universalmente riconosciuto dalle civiltà attraverso il tempo e lo spazio, Lewis continua dicendo che coloro che riconoscono e cercano di obbedire al Tao hanno una base per le nozioni di giusto e sbagliato. Per esempio, chiamare i bambini “deliziosi” o gli anziani “onorevoli” non significa semplicemente registrare un fatto psicologico sulle nostre emozioni parentali o filiali del momento, ma riconoscere una qualità che ci impone di rispondere in qualche modo, che ne siamo consapevoli o meno.

Lewis ammette di non amare la compagnia dei bambini, ma riconosce questa reazione come uno svantaggio, proprio come si potrebbe riconoscere la sordità tonale come uno svantaggio. Poiché l’approvazione e la disapprovazione sono un riconoscimento di un valore oggettivo o una reazione a un ordine oggettivo, i nostri stati emotivi possono essere in armonia con la ragione (quando ci piace ciò che dovrebbe essere approvato) o fuori armonia con la ragione (quando sappiamo cosa ci piace ma non lo sentiamo).

Negare un tale ordine oggettivo dell’universo significa cessare di essere umani. Imporre un ordine politico che nega l’ordine oggettivo significa distruggere l’intera umanità.

Gli inglesi hanno agito saggiamente vedendo la leggerezza di Johnson nei confronti dell’ordine morale oggettivo del nostro universo. Forse non voleva imporre un intero schema politico che negasse il giusto e l’ingiusto, ma consentirgli di rimanere in carica avrebbe reso l’opinione pubblica complice di tale visione.

Come Trump, Boris ha promosso le politiche richieste dall’opinione pubblica per il bene comune della nazione, anche quando non era personalmente interessato ai meriti di tali politiche. In questo senso ha servito bene la sua nazione. Ma la liberazione di Boris da parte della Gran Bretagna, come la Brexit, è un segno che il corpo politico britannico è in buona salute.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

19 luglio 2022