Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 18: le responsabilità della crisi climatica

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato un documento dal titolo “Reality Check: Falsehoods in US Perceptions of China”, nel quale si elencano alcune falsità che la propaganda statunitense diffonde sul conto della Cina. Di seguito l’analisi della diciottesima menzogna anticinese.

 

Falsità 18: il clima non riguarda l’ideologia. Si tratta di matematica. Se la Cina si attiene al suo piano attuale e non raggiunge il picco delle emissioni fino al 2030, il resto del mondo deve andare a zero entro il 2035. E questo semplicemente non è possibile.

Realtà: gli Stati Uniti hanno innegabili responsabilità per il cambiamento climatico e sulla riduzione delle emissioni di gas serra. Non dovrebbero scaricare le responsabilità sugli altri, né dovrebbero praticare “doppi standard”.

◆ I Paesi sviluppati, a causa delle loro emissioni illimitate in oltre due secoli di industrializzazione, hanno innegabili responsabilità storiche per il cambiamento climatico. Dal 1850 al 2011, i Paesi sviluppati hanno contribuito al 79% delle emissioni globali di carbonio. La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), il Protocollo di Kyoto e l’Accordo di Parigi richiedono tutti ai Paesi sviluppati di ripagare i loro debiti storici.

◆ Da una prospettiva storica, i Paesi in via di sviluppo non sono i principali emettitori di gas serra, ma le vittime del cambiamento climatico. Il principio delle responsabilità comuni ma differenziate è la pietra angolare della governance climatica globale. Poiché i Paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo non hanno le stesse responsabilità storiche per il cambiamento climatico e hanno esigenze e capacità di sviluppo diverse, sarebbe inappropriato e ingiusto applicare loro le stesse restrizioni. Wera Mori, ministro per la conservazione dell’ambiente e il cambiamento climatico della Papua Nuova Guinea, ha affermato a margine della COP26 che Paesi come la Papua Nuova Guinea sono diventati vittime del cambiamento climatico causato dall’industrializzazione dei Paesi sviluppati e ora stanno sopportando le conseguenze delle loro azioni, il che è assolutamente ingiusto.

◆ Nell’affrontare il cambiamento climatico, la Cina non è solo un partecipante responsabile, ma anche un attore serio. Il presidente Xi Jinping si è impegnato esplicitamente affinché la Cina si adoperi per raggiungere il picco delle emissioni di CO2 prima del 2030 e raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio prima del 2060. Ciò significa che la Cina passerà dal picco di carbonio alla neutralità in soli 30 anni, mentre il tempo che l’UE, gli Stati Uniti e il Giappone si concedono è rispettivamente 2,4, 1,4 e 1,2 volte quello cinese.

La Cina ha dato un notevole contributo agli sforzi globali per il risparmio energetico, l’efficienza energetica, le energie rinnovabili, i trasporti e l’edilizia, che sono tutti compresi tra il 30 e il 50%. Entro la fine del 2020, le emissioni di CO2 della Cina per unità di PIL erano diminuite del 48,4% rispetto al livello del 2005. La percentuale di carbone nel consumo totale di energia è scesa dal 67% nel 2005 al 56,8% nel 2020. La capacità cumulativa installata di generazione di energia rinnovabile ha superato 1 miliardo di kilowatt, rappresentando il 43,5% del totale nazionale. Le aziende cinesi hanno conquistato 15 posti nell’elenco delle prime 20 società fotovoltaiche del mondo, inclusi tutti i primi cinque posti, e sette posti nell’elenco delle prime 10 società di energia eolica. Negli ultimi dieci anni, la Cina ha gradualmente eliminato 120 milioni di kilowatt di capacità di generazione di energia alimentata a carbone, che è maggiore della capacità totale installata del Regno Unito. Entro la fine del 2021, la proprietà di veicoli a nuova energia in Cina aveva superato i 7,84 milioni di unità e nel 2021 sono state immatricolate 2,95 milioni di unità, pari all’11,25% di tutti i veicoli di nuova immatricolazione quell’anno.

La quota di energia rinnovabile nel mix energetico cinese ha già superato quella degli Stati Uniti. Entro la fine del 2019, la capacità totale installata della produzione idroelettrica, eolica e solare della Cina aveva raggiunto i 756 milioni di kilowatt, 2,8 volte quella degli Stati Uniti. L’energia rinnovabile rappresenta il 12,7% del consumo di energia primaria della Cina, circa 1,4 volte quella degli Stati Uniti.

◆ Gli Stati Uniti sono il più grande emettitore di gas serra al mondo in termini cumulativi e le loro emissioni di carbonio pro capite sono 3,3 volte quelle della media globale. Nei 270 anni dal 1750 al 2019, gli Stati Uniti hanno emesso un totale di 412,5 miliardi di tonnellate di gas serra, pari a circa 1/4 del totale globale. Gli Stati Uniti hanno prodotto le maggiori emissioni cumulative del mondo, che sono quasi il doppio di quelle della Cina. Ecco alcune statistiche: il picco storico delle emissioni di gas serra pro capite negli Stati Uniti è stato di 23,44 tonnellate; nel 2018, le emissioni pro capite degli Stati Uniti erano di 16,85 tonnellate, mentre quelle della Cina erano di 7,56 tonnellate. Nonostante il suo status di importante nazione manifatturiera, le attuali emissioni di carbonio pro capite della Cina non sono nemmeno la metà di quelle degli Stati Uniti e le sue emissioni cumulative pro capite sono solo circa 1/8 di quelle degli Stati Uniti. Anche entro il 2030, quando le emissioni di carbonio della Cina avranno raggiunto il picco, le emissioni di carbonio pro capite del Paese saranno ancora di appena 7-8 tonnellate. In confronto, quando gli Stati Uniti hanno raggiunto il picco di carbonio nel 2005, le loro emissioni di carbonio pro capite avevano già raggiunto le 14 tonnellate.

◆ Nel giugno 2017, gli Stati Uniti hanno annunciato la decisione di ritirarsi dall’accordo di Parigi, e nel novembre 2020 si sono ufficialmente ritirati dall’accordo. Tale mossa ha seriamente minato l’equità, l’efficienza e l’efficacia della governance climatica globale. Gli Stati Uniti sono rimasti fuori dall’accordo di Parigi fino a febbraio 2021. Nonostante il miglioramento della posizione politica, le emissioni di gas serra generate semplicemente non possono essere annullate. Invece di ridurre le emissioni, gli Stati Uniti hanno prodotto più emissioni nel 2021 rispetto al 2020, allontanandosi ulteriormente dal percorso stabilito dall’accordo di Parigi. Con il capovolgimento della loro posizione su una tale questione esistenziale, gli Stati Uniti hanno completamente esposto il loro approccio utilitaristico alle principali questioni di principi e hanno perso la loro credibilità nella famiglia delle nazioni.

◆ È insindacabile responsabilità morale dei Paesi sviluppati fornire finanziamenti ai Paesi in via di sviluppo per aiutarli ad affrontare meglio il cambiamento climatico. A Copenaghen, nel 2009, e a Cancún, nel 2010, i Paesi sviluppati si sono impegnati a mobilitare congiuntamente 100 miliardi di dollari USA all’anno entro il 2020 per soddisfare le esigenze dei Paesi in via di sviluppo. Sono passati più di dieci anni, i Paesi sviluppati non hanno mai veramente mantenuto il loro impegno. Il rapporto di un noto gruppo di esperti internazionale mostra che non solo i Paesi sviluppati non sono stati all’altezza del loro obiettivo collettivo di finanziamento del clima ogni anno, ma hanno anche manipolato le cifre, fornendo molti meno fondi rispetto alle cifre pubblicate ufficialmente. In particolare, gli Stati Uniti hanno soddisfatto solo meno del 20% del loro contributo dovuto.

◆ Per anni, gli Stati Uniti hanno affermato pubblicamente di voler lavorare con la Cina sul cambiamento climatico, ma le loro azioni dicono il contrario. Mentre chiedono alla Cina di consumare meno carbone, chiedono alla Cina anche di continuare ad acquistare il loro carbone; mentre fanno appello allo sviluppo delle energie rinnovabili, impongono sanzioni alle imprese cinesi del fotovoltaico. Prendiamo ad esempio i prodotti fotovoltaici: a partire dal 2012 gli Stati Uniti hanno imposto dazi antidumping e compensativi sui prodotti fotovoltaici cinesi, con tassi che vanno dal 34 al 47%. Nel dicembre 2014, gli Stati Uniti hanno condotto indagini antidumping e compensative sui produttori fotovoltaici cinesi. Nel gennaio 2018, la precedente amministrazione statunitense ha deciso di imporre tariffe di salvaguardia globali su importazioni di pannelli solari per un valore di 8,5 miliardi di dollari USA. Alla fine del 2021, gli Stati Uniti hanno firmato il cosiddetto “Uyghur Forced Labor Prevention Act”, che è l’ennesimo tentativo di ostacolare l’industria del fotovoltaico nello Xinjiang sotto le mentite spoglie dei diritti umani. Le misure statunitensi pertinenti non solo hanno ostacolato il normale commercio di prodotti fotovoltaici e interrotto le normali catene di approvvigionamento, ma hanno anche minato gli sforzi globali per contrastare il cambiamento climatico. Gli Stati Uniti dovrebbero correggere le loro pratiche sbagliate al fine di creare un ambiente favorevole alla cooperazione climatica con la Cina.

◆ Il cambiamento climatico sta causando serie sfide alla sopravvivenza e allo sviluppo umano e deve essere affrontato attraverso la cooperazione globale. I Paesi sviluppati, Stati Uniti compresi, dovrebbero rispettare il principio delle responsabilità comuni ma differenziate e seguire i requisiti dell’Accordo di Parigi. Devono far fronte alle loro responsabilità storiche e elevare le loro ambizioni e azioni. Devono assumere un ruolo guida nella riduzione sostanziale delle emissioni e impegnarsi per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio prima del 2050. Nel frattempo, devono dare ai Paesi in via di sviluppo uno spazio adeguato per lo sviluppo e le emissioni, e mantenere i loro impegni di fornire ai Paesi in via di sviluppo finanziamenti adeguati, tecnologia e supporto per lo sviluppo delle capacità. Sulla base del rispetto degli impegni di finanziamento e della leva sui fondi pubblici, si possono compiere sforzi per promuovere lo sviluppo della finanza verde e portare gli investimenti privati nei settori a basse emissioni di carbonio. È anche importante costruire mercati del carbonio nazionali, regionali e globali e meccanismi di determinazione dei prezzi del carbonio, ridurre i costi e aumentare il livello di riduzione delle emissioni, promuovere l’innovazione tecnologica e lo sviluppo sostenibile e fornire ai Paesi in via di sviluppo fonti stabili di finanziamento per la mitigazione e la costruzione di capacità attraverso il meccanismo di condivisione dei benefici dei mercati del carbonio.

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: VCG

28 luglio 2022