Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 4: la democrazia

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato un documento dal titolo “Reality Check: Falsehoods in US Perceptions of China”, nel quale si elencano alcune falsità che la propaganda statunitense diffonde sul conto della Cina. Di seguito l’analisi della quarta menzogna anticinese.

 

Falsità 4: La democrazia statunitense è una delle risorse più potenti in questo contesto. Il nostro compito è dimostrare ancora una volta che la democrazia può affrontare sfide urgenti e che il futuro appartiene a chi crede nella libertà.

Realtà: gli Stati Uniti stabiliscono gli standard per la democrazia secondo il proprio sistema, non accettano l’esistenza di altri sistemi, percorsi e modelli, e si alleano con altri per interferire arbitrariamente negli affari interni di altri Paesi in nome della democrazia. Questo non solo contravviene allo spirito della democrazia, ma rappresenta persino un disastro per la democrazia.

◆ La democrazia in stile statunitense è un gioco da ricchi basato sul capitale. La politica monetaria penetra all’intero processo elettorale, legislativo e amministrativo negli Stati Uniti. Le persone infatti hanno solo un diritto limitato alla partecipazione politica. La disuguaglianza di status economico si è trasformata in disuguaglianza di status politico. Secondo le statistiche, i vincitori del 91% delle elezioni del Congresso negli Stati Uniti sono i candidati con un maggiore sostegno finanziario. Le grandi aziende, un piccolo gruppo di ricchi e i gruppi di interesse sono più generosi nell’offrire sostegno finanziario e sono diventati la principale fonte di finanziamento elettorale. I cosiddetti rappresentanti della volontà popolare, una volta eletti, spesso servono gli interessi dei loro finanziatori e parlano per interessi costituiti piuttosto che per la gente comune. Un senatore degli Stati Uniti ha fatto un’osservazione acuta: “Il Congresso non regola Wall Street. Wall Street regola il Congresso”.

Il membro repubblicano dell’Alabama del Congresso statunitense, Mo Brooks, ha pubblicamente denunciato la “corruzione” del Congresso degli Stati Uniti in un video sui social media. “Se vuoi essere presidente di un comitato importante, devi comprartelo”. Il prezzo di acquisto dipende dall’importanza del comitato, con l’offerta minima per un comitato importante di un milione di dollari USA. Coloro che non possono permetterselo devono accettare i contributi di gruppi di interesse speciale e poi dare “quid pro quo” ai lobbisti. “Gruppi di interesse speciale gestiscono Washington. Non intendo metaforicamente, intendo letteralmente”.

◆ Secondo uno studioso di Singapore, gli Stati Uniti chiaramente non funzionano come una democrazia. Funzionano come una plutocrazia. Una democrazia è un governo del popolo, dal popolo, per il popolo. Una plutocrazia è un governo dell’uno per cento, dall’uno per cento, per l’uno per cento.

◆ Le elezioni presidenziali statunitensi seguono il sistema del Collegio elettorale, in cui il presidente e il vicepresidente sono eletti dal Collegio elettorale. I difetti di un tale sistema elettorale sono evidenti. In primo luogo, poiché il presidente eletto potrebbe non essere il vincitore del voto popolare nazionale, manca un’ampia rappresentanza. In secondo luogo, quando ogni Stato decide le proprie regole elettorali, spesso si verificano confusione e disordine. Terzo, il sistema de “il vincitore prende tutto” esacerba la disuguaglianza tra gli Stati e tra i partiti politici. Porta a un enorme spreco di voti e scoraggia l’affluenza alle urne. Gli elettori negli stati blu e rossi sono spesso trascurati, mentre gli stati oscillanti (swing states) diventano sproporzionatamente più importanti quando entrambe le parti cercano di corteggiare più sostenitori. Ci sono state cinque elezioni presidenziali nella storia degli Stati Uniti in cui il vincitore del voto popolare nazionale non è stato eletto presidente.

Il gerrymandering è ampiamente riconosciuto dall’opinione pubblica statunitense come un difetto del sistema elettorale. Si riferisce a un’ingiusta divisione dei distretti elettorali a favore di un particolare partito per ottenere il maggior numero di seggi possibile e consolidare il proprio vantaggio. Gli Stati Uniti effettuano un censimento ogni dieci anni. Dopo il completamento del censimento, la riorganizzazione o il ridisegno dei confini dei distretti elettorali avverrà in base al principio di mantenere una popolazione all’incirca uguale in ogni distretto elettorale, tenendo conto dei cambiamenti demografici. Secondo la Costituzione degli Stati Uniti, ogni legislatore statale ha il potere di riorganizzare le circoscrizioni. Ciò lascia spazio a manipolazioni da parte del partito di maggioranza in una legislatura statale. Secondo un sondaggio YouGov nel 2021, solo 16% dei cittadini adulti statunitensi afferma di pensare che le mappe del Congresso dei loro Stati sarebbero disegnate in modo equo, mentre il 44% afferma di pensare che le mappe sarebbero disegnate ingiustamente e un altro 40% degli adulti afferma di non essere sicuro se le mappe siano corrette.

◆ La democrazia in stile statunitense è “una persona un voto” di nome, ma “governo di una minoranza dominante” nella realtà. Il pluralismo politico è solo una facciata. Un piccolo numero di élite domina gli affari politici, economici e militari. Controllano l’apparato statale e il processo decisionale, manipolano l’opinione pubblica, dominano la comunità imprenditoriale e godono di ogni tipo di privilegio.

Secondo l’Associated Press, 18,8 milioni di persone non sono state conteggiate nel censimento statunitense del 2020. La popolazione nera aveva una sottostima netta del 3,3%, mentre era quasi del 5% per gli ispanici e del 5,6% per gli indiani d’America e i nativi dell’Alaska che vivevano nelle riserve. La sottostima li deruba della loro quota di risorse federali, comprese l’istruzione, l’assistenza sanitaria e l’alloggio, e li mette in una condizione sfavorevole per quanto riguarda la ripartizione del Congresso. Ciò rivela l’ipocrisia nella democrazia statunitense e il suo “perpetuare il razzismo sistemico”.

Noam Chomsky, un commentatore politico e attivista sociale del Massachusetts Institute of Technology, sottolinea che gli Stati Uniti sono una “democrazia capitalista realmente esistente”, in cui esiste una correlazione positiva tra la ricchezza delle persone e la loro influenza sul processo decisionale. Il 70% più basso della scala ricchezza/reddito non ha alcuna influenza sulla politica. Costoro sono effettivamente privati dei diritti civili.

Wertheimer, presidente dell’organizzazione statunitense senza scopo di lucro Democracy 21, afferma che la corruzione negli gli Stati Uniti è una corruzione sistemica del processo stesso. “Quando hai a che fare con miliardi e miliardi di dollari, gran parte dei quali incentrati sull’acquisto di influenze, ciò travolge il sistema ed è molto più difficile difendersi e mantenere la rappresentanza per gli statunitensi comuni”.

Danny Haiphong, giornalista indipendente negli Stati Uniti, crede che la democrazia in stile occidentale veda le elezioni stesse come il momento più alto. La questione se questo sistema soddisfi i bisogni delle grandi masse di persone viene generalmente ignorata per oscurare il fatto che potenti interessi corporativi stabiliscono l’agenda politica ben prima che vengano espressi i voti.

◆ I pesi e contrappesi nella democrazia in stile statunitense sono sfociati in una “vetocrazia”. Il politologo americano Francis Fukuyama sottolinea nel suo libro Ordine politico e decadenza politica che negli Stati Uniti c’è una paralisi politica radicata. Il sistema politico statunitense ha troppi pesi e contrappesi, aumentando il costo dell’azione collettiva e in alcuni casi rendendola del tutto impossibile. Il processo democratico degli Stati Uniti è frammentato e lungo, con molti punti di veto in cui i singoli detentori di veto possono bloccare l’azione dell’intero corpo. La funzione di “pesi e contrappesi”, che sarebbe stata progettata per prevenire l’abuso di potere, è stata distorta nella pratica politica statunitense. I politici a Washington sono preoccupati di garantire i propri interessi di parte e non si preoccupano più dello sviluppo nazionale. I due partiti sono dediti al veto e intrappolati in un circolo vizioso. L’efficacia del governo è inevitabilmente indebolita, la legge e la giustizia sono calpestate, lo sviluppo e il progresso sono bloccati e la divisione sociale si è acuita.

Secondo un rapporto del Pew Research Center dell’ottobre 2021 basato su un’indagine su 17 economie avanzate tra cui Stati Uniti, Germania e Repubblica di Corea, gli Stati Uniti sono politicamente più divisi rispetto alle altre economie intervistate. Nove intervistati statunitensi su dieci ritengono che ci siano forti conflitti tra persone che sostengono diversi partiti politici e quasi il 60% degli statunitensi intervistati pensa che i loro concittadini non siano solo in disaccordo solo sulle politiche, ma anche su questioni di base.

Poiché la polarizzazione politica e partigiana continua a crescere, tra Democratici e Repubblicani si osserva più “opposizione per il bene dell’opposizione”. Sotto la loro influenza, gli elettori dei due partiti sono sempre più nemici sulla politica delle armi. Tra gli elettori repubblicani, il 76% sostiene il diritto al possesso di armi, mentre l’81% degli elettori democratici vede il controllo delle armi come più importante. Dirottati dagli interessi, dal conflitto di parte e dall’opinione pubblica, la legislazione e il processo di applicazione della legge sul controllo delle armi sono irti di difficoltà. Negli ultimi dieci anni, i membri democratici del Congresso hanno presentato dozzine di progetti di legge sulla violenza armata e il controllo delle armi ogni anno, ma, a causa della continua ostruzione da parte del Partito Repubblicano, solo una manciata di loro è entrata con successo nella fase di deliberazione plenaria e dibattito al Senato o alla Camera dei Rappresentanti.

La US National Rifle Association (NRA) ha cinque milioni di membri e spende centinaia di milioni di dollari in pubblicità e lobbying ogni anno. I suoi tentacoli penetrano in profondità nel tessuto della società americana. L’NRA è un importante finanziatore del Partito Repubblicano. Dalla sua istituzione nel 1871, l’NRA ha attirato con successo nove presidenti degli Stati Uniti a farne parte. Secondo le statistiche della CNN nel 2018, 307 dei 535 membri del Congresso degli Stati Uniti hanno ricevuto contributi diretti alla campagna elettorale dall’NRA e dai suoi affiliati o hanno beneficiato di spese indipendenti dell’NRA come la pubblicità a sostegno delle loro campagne. A fronte di enormi profitti, tutti i tipi di tentativi di controllo delle armi sono risultati vani.

◆ Gli Stati Uniti non sono uno studente modello quando si tratta di democrazia. La loro pratica della democrazia è stata disordinata e caotica. Il 6 gennaio 2021, migliaia di statunitensi si sono riuniti a Capitol Hill a Washington, e hanno preso d’assalto il Campidoglio nel tentativo di impedire alla sessione congiunta del Congresso di certificare il neoeletto presidente. L’incidente ha interrotto il trasferimento del potere presidenziale degli Stati Uniti, provocando cinque morti e oltre 140 feriti. È il peggior atto di violenza a Washington dal 1814, quando le truppe britanniche appiccarono il fuoco alla Casa Bianca, e ciò ha provocato onde d’urto in tutta la comunità internazionale. Il leader repubblicano del Senato degli Stati Uniti l’ha descritta come una “insurrezione fallita”.

Uno studioso del Council on Foreign Relations degli Stati Uniti afferma che gli Stati Uniti non sono così unici come credono molti statunitensi, e che la rivolta del Campidoglio dovrebbe porre fine al concetto di eccezionalismo americano, di una città eterna splendente su una collina.

Un esperto statunitense di questioni internazionali ha scritto sul New York Times che mentre il leader statunitense ha riunito l’Occidente, potrebbe non essere in grado di riunire gli USA. Trump e i suoi sostenitori sarebbero disposti a discostarsi dalle regole e dalle norme costituzionali stabilite con la loro Big Lie. Ciò potrebbe minare la capacità del governo degli Stati Uniti di trasferire il potere in modo pacifico e legittimo. Di conseguenza nessuna delle istituzioni funzionerà ancora a lungo e il popolo sarà spinto nel caos politico e finanziario.

◆ La disfunzionale democrazia in stile statunitense ha innescato una crisi di fiducia. Gli impegni pubblici nei confronti del popolo arrivano con accordi dietro le quinte. Le lotte intestine politiche, la politica monetaria e la vetocrazia rendono virtualmente impossibile che una governance di qualità possa essere realizzata come aspirata dal pubblico in generale. Gli statunitensi sono sempre più disillusi dalla politica statunitense e pessimisti riguardo alla democrazia in stile statunitense.

Un sondaggio Gallup nell’ottobre 2020 mostra che solo il 19% degli statunitensi intervistati è “molto fiducioso” riguardo alle elezioni presidenziali, un record da quando il sondaggio è stato condotto per la prima volta nel 2004. Secondo un sondaggio condotto dal Wall Street Journal nel giugno 2022, sei statunitensi su 10 si sentono pessimisti riguardo alla realizzazione del sogno americano.

Una ricerca Pew nel 2021 mostra che il 65% degli statunitensi vede la necessità di una profonda riforma della democrazia USA. La fiducia delle persone nella democrazia statunitense è diminuita in 16 Paesi sviluppati e il 57% degli intervistati pensa che la democrazia statunitense non sia più un buon esempio da seguire.

L’indice di percezione della democrazia pubblicato nel 2021 da un’agenzia di sondaggi tedesca rivela che il 44% degli intervistati nei 53 Paesi coinvolti è preoccupato che gli Stati Uniti minaccino la democrazia nel proprio Paese.

◆ Nel corso degli anni, nonostante i difetti strutturali e la pratica problematica del loro sistema democratico, gli Stati Uniti hanno propagandato “l’alleanza delle democrazie” e esaltato la narrativa “democrazia contro autocrazia”. In sostanza stanno attaccando coloro che hanno visioni diverse sotto la bandiera della democrazia, usando l’ideologia e i valori come uno strumento per sopprimere gli altri e portare avanti le proprie strategie geopolitiche. Questa è egemonia sotto forma di democrazia. Un ex funzionario della CIA ha dichiarato apertamente: “Interverremo ogni volta che decideremo che è nel nostro interesse per la sicurezza nazionale intervenire. Che vi piaccia o meno”.

Gli Stati Uniti hanno spinto per la dottrina neo-Monroe in America Latina con il pretesto di promuovere la democrazia, incitare rivoluzioni colorate in Eurasia e controllare a distanza la Primavera Araba in Asia occidentale e Nord Africa. Queste mosse hanno portato caos e disastri in molti Paesi, minando gravemente la pace, la stabilità e lo sviluppo nel mondo. Come suggerito dal sito francese Le Grand Soir, la democrazia è diventata da tempo un’arma di distruzione di massa per gli Stati Uniti per attaccare Paesi con opinioni diverse.

◆ Se un Paese è democratico o meno dipende dal fatto che il suo popolo sia veramente padrone del Paese. Dipende da se le persone hanno il diritto di voto e, soprattutto, il diritto di partecipazione; quali promesse vengono fatte durante le elezioni e, soprattutto, quante di queste promesse vengono mantenute dopo le elezioni; che tipo di procedure e regole politiche sono stabilite attraverso i sistemi e le leggi statali e, cosa più importante, se questi sistemi e leggi sono veramente applicati; e se le regole e le procedure per l’esercizio del potere siano democratiche e, soprattutto, se l’esercizio del potere sia effettivamente soggetto a controlli pubblici.

◆ Il Partito Comunista Cinese (PCC) guida il popolo cinese nell’attuazione dell’intero processo di democrazia popolare in Cina. Non dispone solo di un insieme completo di istituzioni e procedure, ma anche di una partecipazione civile a tutti gli effetti. È stato formato un sistema di istituzioni completo, ampio e ben coordinato per garantire che il popolo gestisca il Paese e siano predisposti canali diversi, aperti e ordinati per la democrazia. Ciò consente a tutto il popolo di impegnarsi in elezioni democratiche, consultazioni, processi decisionali, gestione e supervisione basate sulla legge e di gestire gli affari statali, economici, culturali e sociali in vari modi e forme e in conformità con la legge. La democrazia popolare a processo intero integra la democrazia orientata al processo con la democrazia orientata ai risultati, la democrazia procedurale con la democrazia sostanziale, la democrazia diretta con la democrazia indiretta e la democrazia popolare con la volontà dello Stato. È un modello di democrazia socialista che copre tutti gli aspetti del processo democratico e tutti i settori della società. È una vera democrazia che funziona. L’intero processo di democrazia popolare cinese sta ottenendo un più ampio riconoscimento e consensi dalla comunità internazionale.

Uno studioso britannico afferma che la democrazia elettorale non genera uno stretto rapporto con il popolo e il governo, perché il popolo è chiamato a essere coinvolto solo ogni volta che si svolgono le elezioni. L’approccio cinese è diverso in quanto vi è una componente consultiva molto importante nel modo in cui opera la Cina.

◆ La democrazia è un fenomeno concreto in continua evoluzione. Radicato nella storia, nella cultura e nella tradizione, assume forme diverse e si sviluppa lungo i percorsi scelti da popoli diversi in base alla loro esperienza e innovazione. La Cina resta impegnata a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi, sostenere la non interferenza negli affari interni e rispetta le scelte indipendenti dei percorsi di sviluppo e dei sistemi sociali fatte dai popoli in Paesi diversi. La Cina non ha intenzione di impegnarsi in una rivalità sistemica o in un confronto ideologico con gli Stati Uniti. La Cina non esporta mai ideologia, non interferisce mai negli affari interni di altri Paesi e non cerca mai di cambiare il sistema degli Stati Uniti.

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: Idee&Azione

7 luglio 2022