Le molte “guerre” intrecciate – Una guida approssimativa attraverso la nebbia

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

Abbiamo ora un imbarazzo di “guerre” di cui, paradossalmente, l’Ucraina è forse di minore importanza strategica, anche se conserva un significativo contenuto simbolico. Una “bandiera” attorno alla quale si articolano le narrazioni e si raccoglie il sostegno.

Sì, sono in corso non meno di cinque “guerre” sovrapposte e interconnesse, che devono essere chiaramente differenziate per essere ben comprese.

Nelle ultime settimane si sono verificati diversi cambiamenti epocali: il vertice di Samarcanda, la decisione dell’OPEC+ di ridurre la produzione di petrolio dei Paesi membri di due milioni di barili al giorno a partire dal mese prossimo e l’esplicita dichiarazione del Presidente Erdogan: “Russia e Turchia sono insieme, lavorano insieme”.

Gli alleati fondamentali degli Stati Uniti, l’Arabia Saudita, la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti, l’India, il Sudafrica, l’Egitto e i raggruppamenti come l’OPEC+ stanno compiendo un passo importante verso l’autonomia e verso la coagulazione delle nazioni non occidentali in un blocco coerente, che agisce per i propri interessi e fa politica “a modo suo”.

Questo ci avvicina al mondo multipolare che Russia e Cina stanno preparando da diversi anni, un processo che significa “la guerra” del disaccoppiamento geostrategico dall’“ordine” globale occidentale.

La si combatte, da un lato, presentando la Russia e la Cina come troppo diffidenti l’una nei confronti dell’altra per essere partner. E dalla Russia come così debole, disfunzionale ed erratica (pronta a usare armi nucleari tattiche), che il binario “con noi” o “contro di noi” costringe gli Stati a schierarsi con l’Occidente. In questo caso, l’Ucraina viene presentata come la “Camelot” splendente attorno alla quale riunirsi per combattere le “tenebre”.

Questo ci porta direttamente alla lunga “guerra” finanziaria globale, una guerra a due livelli.

Ad un livello, la Fed statunitense sta giocando una “partita globale”. Sta aumentando i tassi di interesse per molte ragioni. In questo caso, però, si tratta di proteggere il “privilegio del dollaro” di poter scambiare denaro che stampa dal nulla con lavoro e beni reali in tutto il mondo. Questo privilegio di “valuta di riserva” è stato alla base dell’elevato tenore di vita degli Stati Uniti (molto più alto di quanto sarebbe altrimenti). Si tratta di un beneficio enorme, che la Fed intende proteggere.

A tal fine, il maggior numero possibile di Stati deve entrare nel “canale” del dollaro e commerciare in dollari. E di collocare i loro risparmi in Treasury statunitensi. La Fed sta facendo tutto il possibile per far crollare la quota di mercato dell’euro e quindi per spostare euro ed euro-dollari nel sindacato del dollaro. Gli Stati Uniti minacceranno i Paesi sauditi, gli Stati del Golfo e la Turchia per impedire loro di lasciare il canale.

Questa è la “guerra” contro la Russia e la Cina che stanno portando via gran parte del mondo dal sindacato del dollaro e lo stanno portando in una sfera diversa da quella del dollaro. La mancata adesione al sindacato del dollaro viene affrontata con vari strumenti, dalle sanzioni, al congelamento dei beni e delle tariffe, fino al cambio di regime.

Se la Fed non protegge il “privilegio del dollaro”, corre il rischio che tutti escano dal canale. Il blocco dell’Eurasia sta lavorando per uscire dal canale del dollaro, per creare resilienza economica e commercio al di fuori del canale. La Fed sta cercando di impedirlo.

La seconda dimensione della guerra finanziaria statunitense è la lunga lotta condotta dagli Stati Uniti (Yellen e Blinken, piuttosto che la Fed) per mantenere il controllo sui mercati energetici e la capacità degli Stati Uniti di fissare il prezzo dei carburanti. I BRICS (con la volontà dei sauditi di aderire) sono intenzionati a sviluppare un “paniere” di valute e materie prime che funga da meccanismo commerciale alternativo al dollaro per il commercio internazionale.

Il punto è che il gruppo eurasiatico non solo intende commerciare con le valute nazionali, e non con il dollaro, ma vuole legare questa valuta commerciale a materie prime (petrolio, gas, cibo, materie prime) che hanno un valore intrinseco – che sono “valute” a sé stanti. Inoltre, il gruppo cerca di sottrarre agli Stati Uniti il controllo dei mercati energetici e di trasferirli in Eurasia. Washington, tuttavia, è intenzionata a riprendere il controllo dei prezzi (attraverso i controlli dei prezzi).

E qui sta un problema fondamentale per Washington: il settore delle materie prime – con il suo intrinseco valore tangibile – diventa di per sé una “valuta” molto ambita. Una valuta che, sulla scia di un’inflazione vertiginosa, supera la svalutazione della moneta fiat. Come sottolinea Karin Kneissl, ex ministro degli Esteri austriaco, “nel solo 2022, il dollaro americano ha stampato più cartamoneta che in tutta la sua storia. L’energia, invece, non può essere stampata”.

Questa “guerra dell’energia” prende la forma di interrompere o distruggere il trasporto – e il flusso – dei produttori energetici eurasiatici verso i clienti. L’Unione Europea ha appena avuto un assaggio di questa particolare “guerra” con la distruzione dei gasdotti Nordstream.

Veniamo ora alle grandi “guerre”: in primo luogo, la guerra per costringere la Fed a cambiare rotta, a passare ai tassi di interesse zero e al QE.

La rivoluzione sociale negli Stati Uniti, che ha visto una Metro-Élite radicalizzata perseguire la diversità, il clima e la giustizia razziale come ideali utopici, ha trovato il suo facile “bersaglio” in una UE già a caccia di un “sistema di valori” per colmare il proprio “gap di democrazia”.

Così, la borghesia europea è salita alacremente sul “treno” liberale statunitense. Attingendo alle politiche identitarie di questi ultimi e al “messianismo” del Club di Roma per la deindustrializzazione, la fusione sembrava offrire un insieme di “valori” imperiali ideali per colmare tale lacuna.

Solo che… solo che i repubblicani americani favorevoli alla guerra, così come i neocons democratici favorevoli alla guerra, erano già saliti su “quel treno”. Le forze culturali e ideologiche mobilitate si adattavano perfettamente al loro progetto interventista: “Il nostro primo obiettivo è impedire il riemergere di un nuovo rivale” (dottrina Wolfowitz) – la Russia in primo luogo, la Cina in secondo luogo.

Cosa c’entra tutto questo con la guerra alla Fed? Molto. Queste correnti sono impegnate a stampare e a spendere alla grande, altrimenti vedranno crollare i loro progetti. Il Re-set richiede la stampa. Il verde richiede la stampa. Il sostegno alla “Camelot” ucraina richiede la stampa. Anche il complesso militare-industriale ne ha bisogno.

I liberal-woke statunitensi e i verdi dell’UE hanno bisogno che il rubinetto del denaro sia completamente aperto. Hanno bisogno di una stampa di denaro a oltranza. Hanno quindi bisogno di “ricattare” la Fed affinché non aumenti i tassi, ma torni all’era dello zero-bound, in modo che il denaro rimanga a costo zero e fluisca liberamente (e al diavolo l’inflazione!).

L’UNCTAD, che implora tutte le banche centrali di smettere di alzare i tassi per evitare una recessione, è un fronte di questa guerra; il proseguimento della guerra in Ucraina, con il relativo enorme deficit finanziario, è un altro asse per forzare un “pivot” della Fed. E costringere la Banca d’Inghilterra a “fare perno” sul QE è un altro.

Eppure, finora, Jerome Powell resiste.

C’è poi un’altra “guerra” (in gran parte non vista) che riflette la convinzione di alcune correnti conservatrici statunitensi che l’era post-2008 sia stata un disastro, mettendo a rischio esistenziale il sistema economico americano.

Certo, i sostenitori di Powell sono certamente preoccupati dall’inflazione (e capiscono anche che i rialzi dei tassi d’interesse sono stati in ritardo rispetto all’inflazione a strappi), ma sono ancora più preoccupati dal “rischio sociale”, ossia lo scivolamento verso la guerra civile in America.

La Fed potrebbe continuare ad alzare i tassi per un po’ di tempo, anche al prezzo di un crollo dei mercati, degli hedge fund e delle piccole imprese. Powell ha l’appoggio di alcune grandi banche di New York che vedono la scritta sul muro per il modello liberale: la fine della loro attività bancaria quando i salvataggi diventano digitali e vengono versati direttamente sui conti bancari dei richiedenti (come ha proposto il governatore Lael Brainard).

Powell non dice nulla (è probabile che si tenga lontano dalla politica americana di parte in questo momento delicato).

La Fed, tuttavia, potrebbe tentare di attuare una demolizione controllata e contraria della bolla economica statunitense, orientata proprio a riportare l’America su binari finanziari più tradizionali. Per rompere la “cultura dell’asset a leva”… Si inizia a risolvere l’enorme divario di disuguaglianza sociale che la Fed ha contribuito a creare, attraverso il QE che ha facilitato bolle di asset giganti… Si inizia a ringiovanire l’economia americana ponendo fine alle distorsioni. Si dissipa l’impulso alla guerra civile, perché il problema non è più solo tra “chi ha” e “chi non ha”.

Questa visione può essere un po’ utopica, ma rompe la “bolla di tutto”, rompe la cultura della leva finanziaria e ferma l’estremizzazione dei beneficiari della bolla rispetto a 18 mesi consecutivi di calo dei salari reali negli Stati Uniti.

Ma… questo è possibile solo se non si rompe nulla di sistemico.

Quali sono le implicazioni geo-strategiche? Ovviamente molto dipende dal risultato degli Stati Uniti a medio termine. Sembra già che (a seconda di quali candidati del Partito Repubblicano faranno meglio) i finanziamenti per la guerra in Ucraina saranno ridotti. L’entità di tale riduzione dipenderà dal margine di successo ottenuto dai “populisti” del GOP.

Non è quindi plausibile che l’Unione Europea – alle prese con la sua devastante crisi – continui a finanziare Kiev come prima.

Ma l’importanza della lotta per reinserire gli Stati Uniti in un paradigma economico degli anni ’80 suggerisce che nelle prossime settimane l’Occidente sarà molto vicino a una rottura sistematica.

Gli euro-élite sono troppo investiti nel loro attuale percorso per cambiare narrazione nel prossimo futuro. Continueranno quindi a incolpare e a parlare male della Russia: hanno poche alternative se vogliono allontanare la rabbia popolare. E ci sono anche pochi segni che abbiano assimilato mentalmente il disastro che i loro errori hanno provocato.

Per quanto riguarda Bruxelles, il meccanismo di rotazione dei leader dell’Unione è in gran parte assente. L’Unione non è mai stata dotata di una retromarcia – un’esigenza che si pensava inimmaginabile all’inizio.

La domanda piuttosto è: quale sarà la situazione in Europa a gennaio-febbraio?

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

26 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube