Le persone capiscono male cosa sta succedendo

image_pdfimage_print

di Sergey Glazyev

Cercherò di spiegare brevemente e giustificare le misure necessarie per ottenere la Vittoria

L’operazione militare speciale ha rivelato un piano preparato in anticipo dalla potenza e dall’élite finanziaria degli Stati Uniti per prendere il potere in Russia. Include i seguenti componenti e fasi.

  1. Esaurire le forze armate russe in una guerra con combattenti ben addestrati e direttamente controllati dalle forze armate del Pentagono, “cuciti” dalla verticale nazista di ufficiali nominati dai servizi segreti di Stati Uniti e Gran Bretagna; trasformare la popolazione ucraina in zombi infettati dalla russofobia; allo stesso tempo, rivolgere la comunità mondiale contro la Russia, accusando la sua leadership di crimini di guerra e genocidio. Su questa base, confiscare i beni in valuta estera della Russia e imporre sanzioni totali contro di essa, causando il massimo danno possibile. Questa fase è effettivamente completata.
  2. Terrorizzare la popolazione russa bombardando i villaggi di confine e le infrastrutture militari, il sabotaggio dei trasporti, gli attacchi degli hacker; influenzare la coscienza pubblica con un flusso di fake news negative e propaganda anti-governativa attraverso i social network; imporre, attraverso i loro agenti di influenza nelle autorità finanziarie ed economiche, l’attuazione di una politica economica che blocchi la mobilitazione delle risorse, tra cui: gonfiare i tassi di interesse, continuare l’esportazione di capitali, incoraggiare la speculazione monetaria e finanziaria, manipolare il tasso di cambio del rublo, gonfiare i prezzi. Così, per aggravare ripetutamente l’effetto delle sanzioni e provocare un crollo della produzione e un calo del tenore di vita. Questa fase è in pieno svolgimento.
  3. Provocare, sullo sfondo del calo del tenore di vita e delle perdite durante l’operazione militare speciale, stati d’animo di protesta e azioni socio-politiche distruttive con l’obiettivo di rovesciare il governo legittimo; l’uso dell’intero arsenale di metodi per organizzare le “rivoluzioni colorate” finanziate dall’oligarchia compradora con la promessa di sbloccare i beni sequestrati nella giurisdizione USA-Europa; parallelamente, la preparazione delle basi organizzative e ideologiche per le azioni separatiste nelle regioni. Questa fase è in fase di sviluppo attivo.

Questo piano prevede anche le seguenti attività:

  • Il consolidamento del controllo statunitense sull’Unione Europea e sui Paesi della NATO;
  • l’impiego delle forze armate di Polonia, Romania e Stati baltici, nonché di mercenari dei Paesi occidentali, del Vicino e Medio Oriente in operazioni di combattimento contro la Russia;
  • la distruzione della popolazione maschile e la riduzione de facto di donne e bambini dell’Ucraina per il successivo sviluppo di questo territorio nell’interesse del potere e dell’élite finanziaria di Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele.

L’attuazione di questo piano, infatti, è finalizzata alla distruzione del mondo russo, seguita dai piani americani dello “Stato profondo” per distruggere l’Iran e bloccare la Cina.

A causa delle leggi oggettive dello sviluppo economico mondiale, questo piano è destinato al fallimento. Gli Stati Uniti non saranno in grado di vincere la guerra ibrida globale da loro scatenata per mantenere la loro egemonia globale. La stanno perdendo irreversibilmente a favore della Cina, che si sta rapidamente rafforzando a causa delle sanzioni anti-russe.

Nel tentativo di infliggere più danni possibili alla Russia, Washington, Londra e Bruxelles hanno giocato le loro principali carte vincenti: il monopolio sulla questione delle valute mondiali, l’immagine di uno Stato legalmente democratico esemplare, la fede nel diritto “sacro” della proprietà privata. Pertanto, hanno messo tutti i Paesi indipendenti da loro di fronte alla necessità di cercare nuovi strumenti valutari globali, meccanismi di assicurazione del rischio, ripristinare le norme del diritto internazionale e creare i propri sistemi di sicurezza economica.

Le sanzioni anti-russe non hanno rafforzato, ma, al contrario, minato il predominio globale di USA e UE, che il resto del mondo ha iniziato a trattare con sfiducia e apprensione. Hanno notevolmente accelerato la transizione verso un nuovo ordine economico mondiale e il trasferimento del centro dell’economia mondiale nel sud-est asiatico. La Russia ha bisogno di mantenere la sua posizione nel confronto con Stati Uniti e NATO, portandolo alla sua logica conclusione, per non essere divisa tra loro e la Cina, che sta diventando irreversibilmente il leader dell’economia mondiale.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Katehon.com

4 maggio 2022