L’enigma sulle mosse di Putin fa impazzire gli americani

image_pdfimage_print

di Alexander Kirk

Mentre lo scenario dell’ennesima “imminente” invasione russa dell’Ucraina si dipana, il corrispondente della BBC a Mosca, Steve Rosemberg, si rammarica per il fatto che i russi non stanno aprendo il loro gioco. Dice Rosemberg: “Hai mai provato a mettere insieme un puzzle con la metà dei pezzi mancanti? È frustrante. È fonte di confusione. Non vedi mai il quadro completo. Benvenuto nel mondo del Cremlino”.

Si chiama “Maskirovka”, la complessa rete di distrazioni e inganni tattici e strategici in cui dominavano i militari sovietici e i loro eredi russi e che oggi fa impazzire gli strateghi americani.

A quanto pareva a Washington contavano su un conflitto locale senza fine che avrebbe logorato la Russia come in Afghanistan, dove avrebbero venduto molte armi, così che i morti sarebbero stati portati dai russi e dal loro cliente, l’Ucraina, che, oltre a prendere in prestito dalle banche occidentali per pagare le quasi cento tonnellate di forniture che ha ricevuto in queste settimane, ha aumentato gli affari. Gli analisti militari occidentali considerano che la “maskirovka” fu uno degli elementi decisivi per la vittoria sovietica contro gli invasori tedeschi nella Grande Guerra Patriottica (Seconda guerra mondiale), giocando sui propri pregiudizi e percezioni.

Fondamentalmente consiste prima di tutto nel conoscere o sentire il pensiero del nemico per rafforzarlo nelle sue conclusioni e poi agire in modo diverso da quello previsto dall’avversario, e colpirlo poi di sorpresa. Nel caso dei tedeschi, raccontano i loro ex generali nelle memorie, che i sovietici invariabilmente li indussero accuratamente ad aspettarsi l’attacco dove e quando loro stessi (i generali nazisti) l’avrebbero fatto. Il giornalista inglese lascia intendere che in questo modo la Russia sta giocando sporco in Ucraina: non si sa se attaccherà o meno, né quando, né dove, mentre semina voci e gioca con il silenzio, quindi non puoi combattere!

I media corporativi attribuiscono tutta l’astuzia e tutte le decisioni al presidente russo Vladimir Putin. È una vecchia tattica mediatica: personalizzare e demonizzare ogni giorno dell’anno avversario, e fargli pensare di essere un despota solitario che riassume in sé tutto il male. Le truppe sono di Putin, i carri armati sono di Putin, gli aerei sono di Putin. Tuttavia la storia militare sovietica racconta di un altro metodo, anche quando il tiranno Stalin era al potere. Una delle più grandi operazioni offensive e di maskirovka fu compiuta dal maresciallo Ivan Konev, proprio sul fronte ucraino, contro il parere di Stalin e dell’intero Stavka (quartier generale).

Mentre la tensione nervosa causata dalla mskirovka aumenta, il bullismo svanisce, principalmente perché nessuno dei belligeranti ha la minima intenzione di scendere nell’arena e affrontare i russi. Gli spagnoli inviano una fregata in Romania, gli inglesi vendono armi, la Nato minaccia, ma nessuno offre soldati. Il caso degli spagnoli deve essere il più patetico, perché il loro governo “di sinistra” offre aerei e navi senza che gli venga chiesto, e nell’incontro virtuale che Joe Biden ha tenuto con i capi di governo della NATO, non ha incluso il socialista superdisposto Pedro Sanchez. E ora l’esasperazione sta crescendo ancora di più, perché gli ucraini hanno capito che tutto il conto si presenta su di loro, compreso un approfondimento della debacle economica del Paese, senza prospettive di successo, a meno che una guerra nucleare globale non abbia successo.

Proprio come aveva fatto nei giorni precedenti il ​​ministero degli Esteri ucraino, venerdì il presidente Volodymir Zelensky ha dichiarato che non vi è alcun pericolo di guerra imminente e ha invitato i paesi occidentali a porre fine alla campagna di terrore: “Ci sono segnali da leader rispettabili che domani la guerra inizia. Questo fa scatenare il panico… Quanto costa al nostro Stato?” E poiché l’Ucraina – che è stata parte della Russia per secoli e dell’Unione Sovietica in seguito – conosce bene anche la maskirovka, Zelensky ha accennato verso dove stanno andando le cose: “La destabilizzazione interna è la principale minaccia”, ha affermato.

L’incendiario nazionalismo ucraino suscitato dai media internazionali si basa su gruppi di potere minoritari nella società ucraina, che è per lo più di lingua russa, e la popolazione assorbe a malapena con piacere il culto delle sette paramilitari (come l’”Esercito di Azov”) per il nazista Stepan Bandera, che durante l’occupazione tedesca contribuì al genocidio del suo stesso popolo.

Gli Stati Uniti hanno già fatto quello che dicevano che non avrebbero mai fatto: dare alla Russia garanzie scritte che la sua sicurezza non sarebbe stata pregiudicata. Un (finora) documento segreto che i russi hanno respinto perché non contiene la richiesta principale: che l’Ucraina non venga incorporata nella Nato, e che il sistema missilistico offensivo dispiegato lungo l’intero confine russo sia smantellato. Le conversazioni di Putin con i presidenti di Cuba, Venezuela e Nicaragua sono incluse nel gioco della maskirovka, in cui non si dice, ma si insinua, che la possibilità di stabilire sistemi missilistici russi avanzati in quei paesi, dove operano già i russi. In altre parole, circondare gli Stati Uniti con la stessa terrificante minaccia che i russi hanno oggi alle loro porte (si stima che i missili statunitensi di stanza in Ucraina raggiungerebbero Mosca in cinque minuti).

La Russia oggi ha i missili ipersonici più avanzati al mondo, che per ora sono inarrestabili. Secondo gli specialisti dell’artiglieria, la Russia ha ottenuto un vantaggio strategico di 15 anni sui suoi avversari americani. Ma quei missili non sarebbero in grado di rispondere a uno sbarramento dall’Ucraina. Di fronte a tanta provocazione, “Putin deve fare qualcosa, non può non fare niente”, ha detto il presidente Biden, esasperato, cadendo direttamente nel gioco delle distrazioni russe.

Il panico è già in atto e l’Ucraina e questa potrebbe commettere l’errore di tentare di recuperare Lugansk e Donieck, le due regioni industriali autodichiarate “repubbliche popolari” nel 2014. Se così fosse, molto probabilmente entrambe finiranno per essere incorporate nella Federazione Russa, come è successo con la penisola di Crimea dopo il bombardamento ucraino. Oppure potrebbe anche essere che sia Putin a “fare qualcosa” e la Russia si assicura in un colpo secco l’annessione di queste repubbliche, che sarebbero accolte con gioia dalla loro popolazione. Le tensioni non sono tra Russia e Ucraina, come dicono i media. Nemmeno tra Russia e Nato, tanto meno con l’Unione Europea. E a rigor di termini, non solo tra Russia e Stati Uniti.

L’Ucraina è oggi parte del terreno in cui si manifesta la battaglia per la riorganizzazione globale del capitalismo, iniziata quando Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti; chiara espressione del declino dell’impero per mano della globalizzazione neoliberista.

L’esito in Ucraina potrebbe segnare una pietra miliare nella riorganizzazione capitalista globale, rafforzando il nuovo asse di potere alternativo rappresentato da Cina e Russia, e il cosiddetto Gruppo di Shanghai.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Sputnik/Kremlin via Reuters

1° febbraio 2022