L’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

È difficile prevedere cosa accadrà in Pakistan, un paese che è sempre stato caratterizzato da intrighi politici e improvvisi cambiamenti radicali che spesso prendono molti alla sprovvista, ma è chiaro che l’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata. Per quanto imperfetta sia stata la sua premiership, non si può negare che abbia avuto un impatto immenso in termini di rimodellamento delle percezioni in patria e all’estero, anche attraverso la sua politica di sicurezza nazionale multipolare.

Il successo dell’operazione di cambio di regime in Pakistan, orchestrata dagli Stati Uniti, ha suscitato la preoccupazione che la scuola di pensiero pro-USA all’interno dell’establishment di quel paese tenterà di smantellare alcune delle conquiste dei loro pari multipolari sotto il governo dell’ex primo ministro Imran Khan. Mentre resta da vedere se qualche tentativo sarà intrapreso in questa direzione, non c’è dubbio che è impossibile smantellare completamente la sua eredità multipolare. Questo perché il PTI, un tempo al potere, è diventato da allora un movimento genuinamente multipolare che articola chiaramente questa promettente visione del mondo alle masse, a differenza dei suoi concorrenti che mancano di una visione del mondo coerente (se non addirittura di una qualsiasi, a parte l’essere pro-USA). Questo sviluppo avrà conseguenze di vasta portata per il futuro politico interno del Pakistan.

Anche se le relazioni del paese con la Russia hanno cominciato a migliorare sotto diversi governi, è stato solo sotto il PTI che sono diventate strategiche dopo aver ottenuto una sostanza significativa attraverso una stretta cooperazione sull’Afghanistan, il gasdotto Pakistan Stream (PSGP), e PAKAFUZ. In realtà, è stato proprio a causa del viaggio dell’ex primo ministro a Mosca alla fine di febbraio, contro i desideri riferiti degli Stati Uniti, che l’egemone unipolare in declino ha messo in moto il suo colpo di stato de facto lawfare contro di lui, sfruttando le differenze politiche preesistenti all’interno del paese, nonché il suo processo costituzionale per rovesciarlo come punizione. Ciò significa che i risultati di politica estera del suo governo con quella grande potenza eurasiatica saranno sempre inestricabilmente legati all’eredità dell’ex primo ministro Khan.

Mentre questo potrebbe rimanere per sempre l’aspetto di politica estera più drammatico del suo mandato per ovvie ragioni legate al modo scandaloso in cui la sua premiership è finita, non è stato l’unico risultato multipolare sotto la sua cintura. Di simile importanza è stato il suo coraggioso rifiuto di ospitare le basi statunitensi dopo la caotica evacuazione americana dall’Afghanistan lo scorso agosto, sacrificando così quelli che considerava sinceramente gli interessi nazionali oggettivi del suo paese. L’ex primo ministro Khan ha anche sfidato la pressione occidentale guidata dagli Stati Uniti chiedendo in modo indimenticabile a quelle quasi due dozzine di ambasciatori europei a Islamabad che hanno rotto il protocollo diplomatico chiedendo di condannare pubblicamente la Russia: “Siamo i vostri schiavi? Questo messaggio facilmente comprensibile ha rappresentato la visione pro-sovranità che ha definito il suo tempo in carica.

Non solo, ma ha anche fatto più di qualsiasi altro leader pakistano prima di lui per attirare l’attenzione globale sulla posizione del suo paese nei confronti del conflitto irrisolto del Kashmir: il suo discorso del 2019 all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, poco più di un mese dopo l’abrogazione unilaterale dell’articolo 370 da parte di Nuova Delhi, è considerato uno dei tratti distintivi della sua premiership. Non c’è dubbio che la percezione globale dell’India ha cominciato a cambiare gradualmente in peggio, come risultato del suo mettere il Kashmir al centro della politica estera del Pakistan. Visto quanto è patriottica questa questione per i pakistani medi, si può dire che abbia galvanizzato le masse sotto la sua guida, il che aiuta a spiegare la sua immensa popolarità e quella del suo partito.

Lo stesso si può dire della passione con cui ha portato avanti la sua campagna anti-Islamofobia. L’ex primo ministro Khan non tollerava alcuna mancanza di rispetto nei confronti del profeta Maometto o dei suoi fedeli in qualsiasi parte del mondo. Questo è stato associato globalmente alla sua premiership come il suo sostegno al Kashmir. Anche se nessuno dei due ha ottenuto molto in termini di sostanza tangibile, erano altamente simbolici e perseguiti con indiscutibile sincerità grazie alla forza delle sue convinzioni personali. Hanno radunato le masse e generato molta attenzione positiva in tutto il mondo per il Pakistan. Queste campagne servirono anche a ispirare i pakistani medi a sentirsi molto orgogliosi del loro paese.

Merita anche menzionare che è stato sotto l’ex primo ministro Khan che il Pakistan ha finalmente promulgato la sua prima politica di sicurezza nazionale in gennaio. Questo documento può essere oggettivamente descritto come l’articolazione di una visione genuinamente multipolare attraverso la sua proibizione della politica dei blocchi e la sua attenzione alla geo-economia invece della geopolitica. Questa doppia rottura con il passato è stata provocata dalla scuola multipolare dell’establishment del suo paese che sostiene queste politiche in contrasto con la visione presumibilmente diversa sostenuta dai loro colleghi pro-USA. Nonostante la partenza di questo leader multipolare dalla carica, ci si aspetta che coloro all’interno dell’Establishment che condividono la sua visione del mondo e hanno contribuito ad implementarla nella politica faranno del loro meglio per mantenere questa visione multipolare.

Queste osservazioni spiegano perché domenica, il giorno dopo la sua estromissione dall’incarico e appena prima che il nuovo governo venga annunciato lunedì, si sono tenuti raduni a suo sostegno in tutta la nazione. A differenza del PMLN e del PPP, gli altri due maggiori partiti del paese che si sono uniti per deporlo, il PTI non è considerato un partito regionale. Ha anche una reputazione anticorruzione, che lo distingue da quei due che sono stati afflitti dalla percezione di essere corrotti fino al midollo. Sono anche considerati da molti come rappresentanti del passato sistema di governo che molti incolpano per i perduranti problemi del Pakistan, che nemmeno l’ex primo ministro Khan è stato in grado di risolvere nonostante abbia fatto del suo meglio negli ultimi anni in carica. Un’altra osservazione importante è che ampi segmenti della gioventù e dell’intellighenzia sostengono l’ex premier.

Questo perché ha articolato in modo convincente la sua visione del “Naya (Nuovo) Pakistan” e ha fatto alcuni passi tangibili per metterla in pratica, sia in termini di messaggi potenti associati alle sue campagne pro-Kashmir e anti-Islamofobia, sia per i risultati connessi al rapido avvicinamento alla Russia che ha supervisionato. La visione geo-economica della politica di sicurezza nazionale e la proibizione della politica dei blocchi hanno riempito i pakistani di speranza che il loro paese stesse finalmente cambiando in meglio con i tempi. Molte persone disprezzano il modo in cui il loro formale alleato americano si è approfittato di loro nel corso della “Guerra globale al terrore”, così hanno visto le politiche dell’ex primo ministro Khan come un’alternativa pro-pakistana alle politiche pro-USA dei suoi predecessori che hanno causato così tanta sofferenza.

Resistere agli Stati Uniti non era considerato “anti-americano” ma pro-pakistano, o detto più semplicemente, come un’espressione a lungo attesa di rispetto per se stessi e di sovranità che questo popolo orgoglioso ha desiderato per decenni di vedere i propri leader mostrare pubblicamente. La famosa dichiarazione del loro ex premier di “assolutamente no” in risposta a una domanda sull’ospitare basi statunitensi li ha riempiti di orgoglio perché ha fatto quello che nessun leader precedente era mai stato in grado di fare, anche se alla fine ha contribuito a costargli la sua posizione. Per quanto la scuola pro-USA dell’Establishment possa provare, non può rimuovere l’impressione dal cuore di molti pakistani che Imran Khan rappresenti veramente il “Naya Pakistan” che essi sentono di aver finalmente meritato di sperimentare nel corso della loro vita, mentre l’opposizione sostenuta dagli USA rappresenta un ritorno al vergognoso passato.

Le percezioni sono realtà, come alcuni hanno provocatoriamente affermato, e sono anche una potente forza di mobilitazione, come dimostrato dai raduni in tutta la nazione a sostegno dell’ex primo ministro domenica. Il suo PTI è iniziato come un movimento anticorruzione che si è trasformato in un movimento genuinamente multipolare che ha impressionato la coscienza politica e di classe della popolazione, compresa la consapevolezza degli affari esteri e l’importanza di un approccio equilibrato alla transizione sistemica globale in corso verso la multipolarità. Per queste ragioni, si può in qualche modo descrivere la sua premiership come “rivoluzionaria” per i cambiamenti sociopolitici che ha scatenato tra le masse. È anche un bel risultato il fatto che abbia unito ampi segmenti dell’intellighenzia dietro di lui, così come molti pakistani d’oltremare.

È difficile prevedere cosa succederà in Pakistan, un paese che è sempre stato caratterizzato da intrighi politici e improvvisi cambiamenti radicali che spesso prendono molti alla sprovvista, ma è chiaro che l’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata. Ha lasciato il segno nel suo popolo, che ora è ispirato dall’esempio che ha dato durante il suo mandato, soprattutto per quanto riguarda il ripristino del loro orgoglio e il rispetto del mondo per il loro paese. Per quanto imperfetta sia stata la sua premiership, non si può negare che abbia avuto un impatto immenso in termini di rimodellamento delle percezioni in patria e all’estero, anche attraverso la sua politica di sicurezza nazionale multipolare. Questa è una realtà che la scuola pro-USA dell’establishment e l’opposizione sostenuta dagli USA non possono cancellare dalla coscienza del pubblico e sono quindi costretti ad accettare.

Pubblicato in partnership con OneWorld 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: OneWorld

13 aprile 2022

One Reply to “L’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata”

Comments are closed.