L’Etiopia vincerà inevitabilmente anche se l’ingerenza straniera sventerà i colloqui di pace in corso

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko 

Gli osservatori dovrebbero aspettarsi che il Miliardo d’Oro e i suoi vassalli, primo fra tutti l’Egitto, continuino a compiere atti di aggressione asimmetrica contro l’Etiopia nel caso in cui gli ultimi colloqui falliscano, come parte della loro politica di “terra bruciata” contro di essa. Preferirebbero che questa guerra per procura finisse con mezzi militari invece che politici, poiché vogliono punire maliziosamente l’Etiopia per essersi rifiutata di capitolare alle loro richieste di cedere unilateralmente sui suoi interessi nazionali oggettivi, abbandonando il suo diritto, sancito dalle Nazioni Unite, di formulare politiche indipendenti.

Il Primo Ministro etiope Abiy Ahmed ha condannato la pesante interferenza straniera che, a suo dire, viene esercitata sul processo di pace del suo Paese durante gli ultimi colloqui in Sudafrica. Questo conferma ciò che ogni osservatore obiettivo sapeva già da quando, due anni fa, è stata lanciata la guerra ibrida del terrore contro l’Etiopia, condotta congiuntamente da Stati Uniti ed Egitto, come punizione per la sua neutralità nella nuova guerra fredda. Se non ci fosse stata l’interferenza straniera, il conflitto stesso non si sarebbe verificato.

Questo leader africano in ascesa aspirava a trovare un equilibrio tra il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato congiuntamente dai BRICS e dalla SCO, al fine di facilitare l’ascesa dell’Unione Africana (UA) come uno dei poli dell’emergente ordine mondiale multipolare. Questo primo blocco de facto si è rifiutato di rispettare il diritto dell’Etiopia, sancito dalle Nazioni Unite, di formulare autonomamente le proprie politiche, motivo per cui ha orchestrato questa campagna terroristica guidata dal TPLF contro il Paese per dissuadere gli altri dal seguire il suo esempio.

La situazione attuale è che le forze federali hanno recentemente liberato alcune aree chiave nella regione del Tigray, il che aumenta ulteriormente il loro vantaggio militare decisivo sul gruppo terroristico sostenuto dall’estero che occupa quella parte del Paese. Invece di leggere le scritte sul muro e rendersi conto che è impossibile che la loro guerra per procura riesca a “bosnificare” il paese come parte del loro piano di divisione e dominio, i suoi patroni sono apparentemente disposti a combattere le forze federali fino all’ultimo terrorista.

Questa mentalità machiavellica spiega perché non hanno ancora ordinato ai loro fantocci di disarmare e smobilitare unilateralmente per giungere finalmente a una soluzione politica pacifica del conflitto che essi stessi hanno provocato. Inoltre, stanno intensificando la loro campagna di pressione contro l’Etiopia, come dimostra l’ultima dichiarazione del suo premier, poiché si aspettano, a torto, di riuscire a convincerla a cedere unilateralmente sul suo obiettivo interesse nazionale di preservare l’unità del Paese.

Per questo motivo, gli ultimi colloqui di pace potrebbero alla fine fallire a causa di questa interferenza straniera, anche se ciò era prevedibile da sempre. Con il senno di poi, non era realistico aspettarsi che gli Stati Uniti, l’Egitto e i loro partner letterali in questa serie di crimini contro l’umanità commessi contro il popolo etiope si arrendessero senza prima ordinare ai loro proxy terroristi di combattere fino alla fine. Il fatto stesso che i colloqui di pace si siano svolti dimostra che questo governo mirato voleva comunque dare loro un’ultima possibilità.

Il governo dell’Etiopia (GOE) ha recentemente segnalato che tutto potrebbe presto cambiare nel caso in cui i colloqui di pace fallissero. Ciò è stato fortemente suggerito dalla dichiarazione del Servizio di comunicazione governativo della scorsa settimana, che ha avvertito che il governo etiope si sta preparando a rispondere alle calunnie lanciate contro di lui. A tal fine, ha scritto che “il governo etiope è quindi costretto a soppesare le sue opzioni e a considerare le sue relazioni con alcuni Stati ed entità” che stanno partecipando a questa campagna d’informazione.

Tuttavia, potrebbe non essere l’unica cosa che finirà per fare, poiché è anche possibile che venga effettuata un’altra spinta militare per liberare altro territorio dai terroristi-occupanti del TPLF sostenuti dall’estero. Naturalmente, il GOE preferirebbe risolvere questo conflitto con mezzi politici pacifici, ma ciò non è possibile a meno che i patroni del suo nemico non gli ordinino di disarmare e smobilitare, rendendosi conto dell’impossibilità di raggiungere i loro obiettivi in questa guerra ibrida del terrore che sono responsabili di aver provocato.

Tornando alle motivazioni strategiche di questi orchestratori, essi sembrano pronti a intensificare la loro campagna di infowar contro il GOE come ultima risorsa prima dell’imminente sconfitta dei loro proxy. Questa previsione spiega il motivo per cui stanno sventando il processo di pace pur sapendo perfettamente che il loro Stato bersaglio sta per smascherare le loro macchinazioni di ingerenza una volta che questo sarà avvenuto. Per questo motivo, si sta avviando la prossima fase della loro infowar per screditare il GOE e distrarre dai fatti che condividerà.

Il primo passo in questa direzione sarà prevedibilmente quello di incolparlo del probabile fallimento di questi stessi colloqui di pace che essi stessi sarebbero in realtà responsabili di sabotare con la loro interferenza. In secondo luogo, riproporranno le loro screditate menzogne sul fatto che il GOE avrebbe armato la carestia, anche se sono i loro proxy terroristi del TPLF a fare davvero questo alle popolazioni occupate del Tigray. La terza fase di questa imminente campagna consisterà poi nel paventare “crimini contro l’umanità”.

Nel complesso, l’impatto che le prossime operazioni di infowar intendono ottenere è quello di screditare il GOE agli occhi dei governi e delle società del miliardo d’oro, per “giustificare” un’ulteriore escalation della dimensione militare della loro guerra ibrida. Poiché l’inviato dell’UE per il Corno d’Africa avrebbe ammesso che le armi vengono contrabbandate al TPLF attraverso il Sudan, questo Paese, sottoposto a forti pressioni, giocherà prevedibilmente un ruolo di prima linea nel possibile “ultimo colpo” dei terroristi contro le forze federali.

Questo scenario, tuttavia, potrebbe essere evitato nel caso in cui le forze federali continuassero a costruire sulla base della loro inerzia militare, liberando altre parti della regione occupata del Tigray poco dopo il probabile fallimento dei colloqui di pace in corso. In ogni caso, gli osservatori dovrebbero aspettarsi che il Miliardo d’Oro e i suoi vassalli, primo fra tutti l’Egitto, continueranno a compiere atti di aggressione asimmetrica contro l’Etiopia nel caso in cui gli ultimi colloqui falliscano, come parte della loro politica di “terra bruciata” contro di essa.

Preferirebbero che questa guerra per procura finisse con mezzi militari invece che politici, poiché vogliono punire maliziosamente l’Etiopia per essersi rifiutata di capitolare alle loro richieste di cedere unilateralmente sui suoi interessi nazionali oggettivi, abbandonando il suo diritto, sancito dalle Nazioni Unite, di formulare politiche indipendenti. Nessuno Stato o società che si rispetti accetterebbe mai di diventare volontariamente vassallo di qualcun altro, ed è per questo che la resistenza a questa guerra ibrida può essere descritta come una lotta di liberazione nazionale.

Alla luce di ciò, si può quindi affermare che l’Etiopia è ancora una volta alla guida del movimento antimperialista del continente, con l’obiettivo di far progredire la visione panafricana condivisa dai suoi pari. Ciò è pienamente in linea con il ruolo dell’Africa nell’emergente ordine mondiale multipolare, poiché è inevitabile che l’UA si erga in seguito come polo d’influenza indipendente in questo sistema. La lotta di liberazione nazionale dell’Etiopia non è quindi combattuta solo per se stessa, ma per tutta l’Africa e il suo futuro.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko’s Substack 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

3 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube