L’IA sta già imparando dall’Operazione Militare Speciale in Ucraina

image_pdfimage_print

di Patrick Tuckler

Si è detto meno sull’uso dell’intelligenza artificiale nella guerra in Ucraina rispetto, diciamo, ai missili anticarro, ma il Pentagono sta usando silenziosamente strumenti di intelligenza artificiale e apprendimento automatico per analizzare grandi quantità di dati, generare utili informazioni sul campo di battaglia e conoscere tattiche e strategie russe, ha detto giovedì un alto funzionario del Dipartimento della Difesa.

«Quello che non state vedendo», ha affermato Maynard Holiday, direttore della ricerca e dell’ingegneria della difesa per la modernizzazione, sono «le nostre squisite capacità di intelligence in grado di supervisionare il campo di battaglia», inclusa la raccolta e l’archiviazione dei segnali di intelligence.

«Faremo sicuramente un’analisi post-operazione su tutto ciò che abbiamo visto riguardo alle tattiche russe», ha detto Holiday giovedì al vertice AI della Genius Machine di Defense One, e tutto andrà in un database con cui «possiamo allenarci e poi fare i giochi di guerra».

La quantità di intelligence sul campo di battaglia che gli Stati Uniti stanno trasmettendo all’Ucraina è una questione di congettura. Gli Stati Uniti non utilizzano droni in Ucraina, ma le società di satelliti commerciali hanno reso disponibili al pubblico grandi volumi di immagini e foto.

Sempre giovedì, Gregory Allen, che guida l’ AI Governance Project ed è ricercatore presso il programma di tecnologie strategiche presso il Center for Strategic and International Studies, ha sottolineato che gli strumenti di intelligenza artificiale dei militari per trovare e tracciare oggetti specifici nei filmati raccolti dai droni era notevolmente avanzato negli ultimi anni. E i militari hanno iniziato a fare lo stesso con le foto satellitari.

Allen ha affermato che l’IA militare ha fatto molta strada dal 2017, quando il pubblico ha appreso del Project Maven, il programma militare di riconoscimento degli oggetti.

«L’intelligenza artificiale [e] l’apprendimento automatico sono diventati un fattore sempre più capace e sempre più diffuso nelle operazioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione degli Stati Uniti», ha affermato. È stato molto utile per tenere traccia di quello che sta succedendo in Ucraina. «Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e i nostri alleati stanno approfittando di ciò che è stato costruito negli ultimi cinque anni».

In altre parole, l’applicazione di strumenti avanzati di intelligenza artificiale alle immagini pubblicamente disponibili sta producendo informazioni critiche per aiutare l’esercito ucraino a contrastare gli attacchi russi.

I dati di questa guerra aiuteranno il modello militare migliore e anticiperanno come si comporterà un avversario avanzato nel mondo reale, in particolare Russia e Cina. È qualcosa che i leader militari hanno detto che deve iniziare ad accadere ora.

Holiday ha detto che ci stava lavorando con il Naval Information Warfare Center, Pacific, a San Diego, in California. Il Battlespace Exploitation of Mixed Reality Lab del Centro sta cercando di capire in che modo la tecnologia in rapida evoluzione modellerà il comportamento dell’avversario. La maggior parte dei wargame si concentra sulla tecnologia e sul comportamento attuali.

Gli Stati Uniti devono essere in grado di modellare i cambiamenti nel tempo, di guardare a cosa avranno il Pentagono e gli avversari paritari nel 2025 o nel 2030, ha affermato.

«Saremo in grado di visualizzare tutto questo, sapete, per la leadership e quindi anche per l’analisi multifattoriale tra le nostre diverse aree tecnologiche».

La performance poco brillante della Russia in Ucraina e le sanzioni paralizzanti che gli stati occidentali hanno imposto al paese suggeriscono che lo sviluppo dell’IA russa rallenterà, ma non si fermerà.

«Anche se l’economia russa e anche se l’ecosistema tecnico continuasse a essere colpito dalle sanzioni, ciò non impedirà al [Ministero della Difesa] di pensare a cosa potrebbero eventualmente significare questi concetti una volta che la guerra finirà in un modo o nell’altro», ha detto giovedì Samuel Bendett, membro senior presso il Center for a New American Security e consulente presso la CNA Corporation.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: NR-Italia

29 aprile 2022