Libertà da vs libertà per: la necessità di una precisa distinzione

image_pdfimage_print

di Harrison Pitt

Nel lessico politico non c’è parola più logorata dal tempo, o forse dal destino, di “libertà”. È chiaro che questo è un valore importante. Pochi pensatori politici o attori sulla scena della storia mondiale pretenderebbero di opporsi a questo. Anche i nazisti avevano un’idea perversa di libertà (Freiheit), intesa come la libertà di una “comunità popolare” (Volksgemeinschaft) razzialmente pura di realizzarsi attraverso la gloria conquistata con la forza. I sovietici credevano anche che il loro progetto utopico avrebbe liberato l’uomo da condizioni che sotto il capitalismo servivano solo ad alienarlo e renderlo schiavo. Quindi, come dovremmo intendere correttamente la libertà, uno dei nostri valori più nobili e consacrati?

Anche i libertari più accaniti raramente affermano che la libertà è un valore assoluto. Non possiamo guidare a 80 miglia all’ora nelle aree suburbane. Non abbiamo il diritto di abusare dei bambini sulla base del fatto che sono ufficialmente registrati come nostri. Non siamo autorizzati a mescolare il nostro prodotto con sostanze chimiche tossiche perché il costo della scelta di prodotti più sicuri sarebbe troppo alto. La libertà secondo la legge, che limita necessariamente la libertà personale, è una caratteristica distintiva della maggior parte dei paesi occidentali. Senza le garanzie della legge, la libertà non sarebbe una benedizione. Le nostre società sarebbero hobbesiane nel vero senso della parola: la libertà lascerebbe il posto a un’anarchia da incubo, la vita quotidiana sarebbe definita da gare crudeli e disgustose di forza brutale, sfruttamento e inganno.

Durante l’estate a Oxford, un noto filosofo conservatore dei Paesi Bassi tenne una profonda e significativa lezione sulle miriadi di forme sotto le quali la causa della libertà era stata portata avanti dalla fine del diciottesimo secolo. La sua argomentazione principale era che l’adesione alla “libertà” astratta è intrinsecamente una base insostenibile per un ordine sociale stabile, poiché ci sarà sempre una tendenza da parte di coloro che ne fanno parte a garantire che in pratica questo ordine corrisponda alla purezza del suo principio organizzatore nelle teorie. La libertà è un concetto fluido, notoriamente vago, e non c’è quasi nulla che non possa essere giustificato in nome del fare “un ulteriore passo avanti” per raggiungerlo una volta per tutte. O almeno fino a quando la prossima generazione di attivisti sicuri di sé non troverà il modo di continuare questa tradizione liberale, vedendo la propria epoca come un laboratorio in cui l’ideale di libertà viene perfezionato, lottando sempre per sempre più diritti.

Mi sono ritrovato ad annuire come un cagnolino durante tutto il discorso di Andreas Kinneging, cioè fino a quando non ha tracciato quello che mi sembrava un parallelo infondato tra la rivoluzione francese e quella americana. Queste due esplosioni della fine del XVIII secolo, sosteneva il filosofo olandese, misero in moto un processo moderno dirompente mediante il quale la libertà, venerata come un valore universale astratto, venne a essere vista come il puro fondamento di ogni ordine politico legittimo. Considerato in questo modo, l’appello alla vera libertà, al miglioramento radicale dei propri predecessori, è sempre servito da pretesto per l’eterna revisione, il caos e lo sconvolgimento in qualsiasi società che continuasse a danzare sulle note di questi radicali settecenteschi.

I conservatori, nel frattempo, si accontentano di mantenere le consuete libertà di cui godono come parte del loro diritto di nascita, piuttosto che rischiare la rivoluzione dispendiosa e feroce richiesta dai fanatici. Ma argomenti sottili di questo tipo mancano di forza morale in una cultura che sta annegando nei mari tempestosi del liberalismo. La tradizione è una scialuppa di salvataggio, ma è estremamente difficile attirare le persone in questo modesto rifugio quando, da buoni progressisti, accolgono ogni tempesta come una manifestazione esteriore di correnti teleologiche più profonde che cercano di portarci alla terra promessa.

Tuttavia, la domanda va posta. E se la libertà non fosse vista come fondamento, ma invece, più modestamente, vista come precondizione per un florido ordine sociale? E se, inoltre, liberté inteso non nel modo in cui certamente i rivoluzionari francesi pretendevano di intenderlo, come un bene universale, indivisibile, ma piuttosto come un insieme di libertà private, ordinarie, ben definite che sono il nucleo dell’identità nazionale? Qui sta la differenza tra la Rivoluzione francese e il suo predecedente americano, che Kinnegging non ha preso in considerazione. Avevano una sedizione comune, ma per il resto queste rivoluzioni avevano caratteri originali e reciprocamente incompatibili. I conservatori di oggi, compresi quelli di noi in Gran Bretagna che stanno ancora lottando per venire a patti con gli eventi del 1776, non devono perdere di vista il fatto che Filadelfia non è Parigi.

C’è un motivo se la Costituzione degli Stati Uniti, ratificata undici anni dopo la “Dichiarazione di Indipendenza” del 1787, è ancora con noi oggi. Nonostante le cicatrici inflitte dalla schiavitù e dalla guerra civile, sopravvisse. Tuttavia, i francesi sono stati nella Quinta Repubblica da quando la Prima Repubblica è stata proclamata nel 1792. Sir Roger Scruton accenna a una spiegazione: “La costituzione degli Stati Uniti è stata concepita per garantire al popolo ciò di cui un tempo godeva”, scrive in Conservatism: An Invitation to a Great Tradition. “Era un residuo di una pratica già consolidata, non una ricetta per un nuovo ordine di cose”. I francesi, avendo scelto di ricostruire il mondo da zero nel 1789, erano dipendenti dall’aggiungere nuovi ingredienti alla loro rivoluzione, rifiutando ostinatamente tutto ciò che avevano provato nella ricerca di un’utopia il cui ingrediente principale era il sangue.

Quello che Scruton non ha detto è che l’America potrebbe diventare più francese se Thomas Jefferson avesse il controllo dell’agenda. La Dichiarazione di Indipendenza, scritta principalmente da Jefferson, è un bel pezzo di prosa politica, persino poesia, ma sarebbe una costituzione molto povera. Questa altezzosa e insistente ode alle “leggi della natura” e ai “diritti inalienabili” è certamente entusiastica, ma non fornisce una base stabile per l’esistenza degli Stati Uniti come nazione, né fornisce una comprensione dettagliata di ciò che gli ideali astratti di libertà e uguaglianza nel mondo dovrebbero in realtà significare pratica. Fortunatamente, George Washington ebbe la presenza di spirito di nominare Jefferson ambasciatore in Francia nel 1785, tenendolo fuori dal lavoro vitale svolto alla Convenzione di Filadelfia. Costituzione, redatto qui nel 1787, e non la “Dichiarazione di Indipendenza”, è il vero genio dell’America. Senza la loro influenza, che costituiva la base di ciò che Jefferson esaltava sognante, gli Stati Uniti sarebbero stati instabili quanto la Francia nei secoli successivi alla violenta rottura con la sua eredità. Questo documento meno poetico e procedurale riconnetteva la nascente repubblica con le sue radici inglesi e dava una dimensione più dettagliata, conservatrice, particolaristica a quelle che, per Jefferson, erano verità trascendenti, radicali, universaliste “evidenti” a tutte le menti razionali.

«Libertà da» — Liberté – potrebbe portarci praticamente ovunque se ci allontaniamo dal mondo reale e ci avventuriamo nell’universo della fantasia astratta che gli intellettuali di sinistra amano di più. Il filosofo politico polacco Ryszard Legutko riflette in dettaglio su questo problema in The Cunning of Freedom, definendo la libertà “negativa” come quella che dà a tutti la libertà di goderne: “Non c’è nessuno che possa impedirmi o proibirmi di fare ciò che voglio” o “farmi fare qualcosa che non voglio fare”. Per raggiungere questo ideale ultimo di libertà, le persone devono rifiutare tutto ciò che reclama il loro spirito dall’esterno, e tutto ciò che non viene scelto non è solo usa e getta, ma anche vizioso, secondo il purista liberale che apprezza la massima autonomia sopra ogni altra cosa. Nel libro Conservatism: A New Discovery, Yoram Khazoni enumera le terribili conseguenze dell’affermazione che la libertà personale è il valore più alto da cui derivano giustamente tutti i principi della vita:

[Gli uomini] possono abbandonare le loro mogli, lasciandole a crescere i loro figli da sole. I figli hanno il diritto di abbandonare i genitori in età avanzata. Le imprese sono libere di lasciare i propri dipendenti e trasferire il proprio lavoro in altri paesi. Le comunità possono insegnare nelle scuole un condiscendente disprezzo per i loro antenati. I malati di mente sono liberi di vagare per le strade, abusando di alcol e droghe senza cure adeguate.

Ma se il valore della libertà non fosse unico e assoluto, ma molteplice e limitato? E se costringessimo Liberté, nel senso francese del termine, a lasciare il posto alla “libertà per” – un insieme limitato di diritti che troviamo articolati e cruciali per la tradizione anglo-americana?

La Carta dei diritti americana è superiore ai “Diritti dell’uomo” francesi perché si basa su libertà tradizionali preesistenti, sceglie saggiamente quali dovrebbero essere protette come precondizioni (ma non garanzie complete) della prosperità umana, e poi le definisce con precisione. L’equivalente rivoluzionario francese, nel frattempo, assume la forma di una lista dei desideri vaga ed esaustiva. Più o meno ogni forma di Liberté, enunciata nella “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino“, è concessa come una sorta di benedizione secolare, solo per essere minata da ritrattazioni, doppi sensi o giochi di parole. Per scegliere tra diversi esempi, prendiamo l’articolo 10:

Nessuno dovrebbe essere disturbato dalle sue opinioni, anche in relazione alla religione, a condizione che la loro espressione non violi l’ordine sociale stabilito dalla legge.

Come in molti altri articoli, anche qui la legge concede ai cittadini francesi una libertà fondamentale e dichiara anche il diritto di revocarla. E, naturalmente, con l’intensificarsi dello spirito rivoluzionario, la credenza nella tolleranza per coloro che erano dissidenti – “anche nella religione”, come dice piuttosto snobicamente il documento – divenne sinonimo di aiutare i “nemici del popolo” nelle menti di coloro che controllava ciò che in realtà significava “ordine pubblico stabilito dalla legge”. Pertanto, quella che potrebbe essere stata la versione francese del Primo Emendamento americano è stata alla fine minata dall’ambiguità. Inoltre, nonostante il presunto status universale e obbligatorio, si è scoperto che le libertà naturali e l’uguaglianza delle persone possono effettivamente essere ribaltate da una maggioranza semplice in un’istituzione artificiale: l’Assemblea nazionale, che possedeva la legge come un club.

In altre parole, sforzandosi di avere tutto, i francesi non hanno ottenuto altro che instabilità e caos. Anche se la Dichiarazione inizia in modo piuttosto divertente con l’affermazione fiduciosa che “le future esigenze dei cittadini, guidate da principi semplici e innegabili, saranno sempre segnate dal desiderio di difendere la Costituzione e la felicità di tutti”. Al contrario, era così astratto e non concreto nella sua formulazione di ciò che significava veramente ottenere la libertà in pratica, che ha permesso alle varie fazioni allora esistenti di interpretarlo per i propri scopi, ognuno dei quali ha affermato di essere i veri rappresentanti dello spirito della rivoluzione. Entrando in guerra prima con la famiglia reale, poi con gli aristocratici e infine tra loro, trasformarono la Francia in una repubblica insanguinata caratterizzata dall’illegalità, odio reciproco e crudele tirannia. Un destino così triste si sarebbe potuto evitare se i francesi avessero scelto una Costituzione che stabilisse regole civili, piuttosto che invitare i peggiori ideologi a inventarsele sulla via dell’utopia. È proprio questa sfrenata ossessione per la libertà che il filosofo conservatore, reimmaginando il gentiluomo olandese con cui abbiamo iniziato, ha giustamente criticato nella sua lezione di Oxford.

Ma gli americani, pur credendo stranamente che un capo di stato inebriato dai propri meriti sarebbe stato meglio di un re educato al senso del dovere, non erano colpevoli di tale presunzione. La “Bill of Rights” è molto specifica e il processo costituzionale attraverso il quale le sue disposizioni possono essere modificate è così impegnativo da essere praticamente impossibile. Secondo la comprensione americana, la libertà non viene dal capriccio o dalla generosità di uno stato onnipotente; piuttosto, la libertà è ereditata come un privilegio di appartenenza a una comunità storica e richiede una protezione costante da parte della legge per due motivi.

In primo luogo, le libertà ci sembrano precondizioni vitali per la prosperità umana, sia individuale che collettiva. Ad esempio, il diritto alla libertà di parola sancito dal Primo Emendamento non è solo uno dei tanti valori; è un valore che consente agli americani di migliorare i loro altri valori. Ciò è necessario per la correzione della rotta. Se non abbiamo il diritto di segnalare e criticare abusi o carenze intorno a noi, questi si aggraveranno, minacciando la stabilità a lungo termine dell’ordine sociale e la felicità delle persone che lo abitano.

Inoltre, il secondo emendamento, ampiamente respinto oggi come il prodotto di cowboy amanti delle armi, deriva in realtà dal diritto alla vita, la più fondamentale di tutte le libertà, perché senza di essa non abbiamo nient’altro. Le pistole, secondo la mentalità americana (e in una certa misura la mentalità britannica che una volta esisteva prima che decidessimo di diventare una nazione di idioti amanti dello Stato), sono un mezzo rozzo con cui le persone possono assicurarsi che le loro libertà fondamentali non siano altro che chiacchiere vuote. Armati, possono proteggerle, sia dai concittadini ostili sia dalla minaccia della stessa tirannia statale.

Infine, abbiamo emendamenti riguardanti i diritti di proprietà privata. Sono la chiave della prosperità umana perché consentono ai cittadini di godere della minima sicurezza personale di base garantita dal giusto processo. Generando la fiducia del pubblico, contribuiscono anche al bene comune.

In secondo luogo, gli emendamenti costituzionali meritano protezione perché portano l’autorità della tradizione. Le libertà contenute nella Carta dei diritti degli Stati Uniti sono nate dal suo precedente britannico, approvato dal Parlamento nel 1689. Non sono state inventate in un impeto di speculazione metafisica, ma attinte dalla fedeltà a consuetudini consolidate che hanno dimostrato la loro efficacia nel corso di un secolo, e che, infatti, avevano radici più profonde che risalgono al lontano passato dei popoli inglesi.

Tutto ciò servì a inquadrare quello che, se lasciato a Jefferson, avrebbe potuto essere un pericolosissimo esperimento di idealismo politico. Nessuno lo ha capito meglio di Abraham Lincoln, anche se è stato spesso accusato, non da ultimo da coloro che nel sud americano ancora risentivano della guerra civile, di glorificare la Dichiarazione e di violare i limiti della correttezza costituzionale.

Lincoln una volta ammise di “non aver mai avuto un sentimento politico che non derivasse dai sentimenti incarnati nella Dichiarazione di Indipendenza”. Il suo odio per la schiavitù derivava non solo dal fatto che violava il principio della dignità umana, ma anche dal fatto che costringeva molte brave persone alla “guerra aperta” del 1776 che proclamava la nascita dell’America. Gli Stati del Sud proprietari di schiavi accusarono Lincoln di violare i confini successivamente stabiliti dalla Costituzione. Invece di rispettare queste restrizioni procedurali, si lamentò il politico georgiano Alexander Stevens, Lincoln usò la “Dichiarazione” e il suo alto linguaggio sulla libertà per sfidare la Costituzione e sostenere un programma moralistico contro la schiavitù a dispetto delle tradizioni, dei diritti e della sovranità del stati indipendenti. Alla fine, questi stati si separarono per indignazione, scatenando una guerra civile.

È vero, Lincoln era in qualche modo un jeffersoniano, usando i concetti di libertà e uguaglianza come valori “ovvii” – al di fuori di ogni forma particolare stabilita dalla legge costituzionale – per giustificare l’ingiustizia della schiavitù. Dopotutto, la stessa Costituzione non ha fatto nulla per vietare questa nefasta pratica. Ora tutti ammettono che l’abolizione della pena di morte è stato un momento necessario in cui era semplicemente necessario rivolgersi alla libertà come un ideale alto, astratto dai particolari locali, anche se significava abbassare le consuete restrizioni con cui le libertà fondamentali nel mondo anglosassone – La tradizione americana era associata.

In effetti, l’abominio morale della schiavitù portò Lincoln a favorire la Dichiarazione. Ha usato allusioni bibliche e immagini poetiche per sostenere che il documento di fondazione dell’America era, dopotutto, poco più della Costituzione: “La ‘Dichiarazione’ era una parola, detta in modo appropriato, che si è rivelata una ‘mela d’oro’ per noi”. La Costituzione del 1787 (continuata da Lincoln) è “un’immagine in argento, successivamente incorniciata attorno ad essa. L’immagine non è stata realizzata per nasconderla o distruggere la mela; ma per adornarla e preservarla. L’immagine è stata realizzata per la mela, non la mela per l’immagine”.

Ma questo non significa che Lincoln considerasse contraddittorie la mela d’oro e la sua cornice d’argento. Ammetterebbe che la mela della libertà, se non è adeguatamente rivestita, rischia di essere rovinata da ogni sorta di veleni. In effetti, il sud americano ha enormemente esagerato le sue accuse costituzionaliste contro Lincoln, come ha affermato in modo così convincente Veronica Lademan:

Lincoln capì che per abolire veramente e completamente la schiavitù, doveva raggiungere questo obiettivo attraverso le istituzioni che danno forma politica alla società americana. È con questo spirito che ha ammonito i suoi compatrioti, dicendo: “Non interferite con nulla nella Costituzione. Questo deve essere preservato, perché è l’unica garanzia delle nostre libertà”.

Lincoln, come si è scoperto, non era un idealista ingenuo e non un conservatore, ma un saggio statista che ha capito che le libertà devono essere basate sulla tradizione e sulla legge se vogliono avere un valore duraturo. Le odi francesi della liberté non portano da nessuna parte o portano alla necessità di una nuova rivoluzione ogni volta che un numero sufficiente di persone è abbastanza astuto da notare che lo status quo non è l’ideale.

Ma questo ci porta a una domanda difficile. Esistono diritti così fondamentali, vincoli morali così seri, che persino i conservatori sarebbero costretti ad agire più da francesi che da inglesi per ottenere giustizia? Un esempio ovvio è il diritto fondamentale alla vita dei bambini non nati, la cosa più vicina alla schiavitù legale razzista nel nostro tempo.

Sarebbe un errore, diciamo, per i conservatori americani rompere il bordo d’argento delle garanzie costituzionali che proteggono ogni anima del paese dall’aborto? Ovviamente, l’affidamento a determinate strutture abituali – alle libertà legali esistenti, in contrasto con una visione superiore e idealizzata della liberté – non è sempre e ovunque sufficiente per sradicare il male o l’ingiustizia.

Fortunatamente, questo è vero nella stragrande maggioranza dei casi. E mentre dovremmo meditare sulle possibili eccezioni, dalla schiavitù nel passato all’aborto oggi, quelli di noi che sono nati nel mondo anglo-americano dovrebbero essere grati che ci sia stato risparmiato lo sforzo di ogni generazione per elaborare il significato perfetto di umana libertà e, ottenendo tutto in una volta, rischiare libertà reali che ci appartengono come per magia. Conservare questi doni è semplice: non occorre altro che amore, gratitudine e resistenza alla tentazione di sacrificarli per il miraggio della “libertà assoluta”.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli https://nritalia.org/

Foto: Idee&Azione

5 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube