L’inizio della Storia Sacra della Russia

image_pdfimage_print

di Konstantin Malofeev

Oggi, la grande festa della Natività della Beata Vergine Maria, sarà una vera e propria Giornata della Russia. In effetti, questo è esattamente ciò che il Capo di Stato Vladimir Putin ha confermato nel suo discorso alla nazione. La sua dichiarazione sulla protezione della sovranità russa e l’annuncio di una mobilitazione parziale sono davvero storici e per molti versi simbolici.

In questo giorno 1160 anni fa, nell’862, nasceva lo Stato russo. E nel 1380 dai principati della Vecchia Russia, separati da lotte intestine al Polo di Kulikovo, nacque un’unica nazione russa. Non è una coincidenza: in ogni momento sulla Santa Russia, feudo della Santissima Madre di Dio, si è steso il manto protettivo e benevolo della nostra Madre Celeste. Per questo la sua Natività, che tradizionalmente dà inizio all’anno ecclesiastico, è stata l’inizio della storia sacra russa.

La storia della Grande Russia, la Terza Roma, continua. Ecco cosa ha detto Vladimir Putin nel suo discorso di oggi. Non avremmo potuto adempiere alla nostra missione di catecumeni, tenendo il mondo intero al sicuro dal male, se non ci fossimo battuti per la nostra unità nazionale, per il mondo russo. Ma la decisione è stata presa. Ed è importante che noi, russi, lo sosteniamo unanimemente e offriamo le nostre preghiere alla Madre di Dio per la nostra vittoria. Il discorso patriarcale di oggi al servizio divino festivo era in gran parte dedicato a questo. Il fatto che il popolo russo nei momenti critici abbia sempre trovato la forza di resistere alle sfide esterne.

Santa Madre di Dio, aiutaci!

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

22 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube