L’IPEF sarà una vendita difficile nell’Indo-Pacifico

image_pdfimage_print

di Melkulangara K. Bhadrakumar

Un nuovo blocco economico composto da dodici Paesi della regione indo-pacifica e dagli Stati Uniti è stato presentato lunedì a Tokyo a margine della visita del Presidente Joe Biden. Denominato Indo-Pacific Economic Framework (IPEF), è concepito come il correlativo economico della strategia indo-pacifica degli Stati Uniti.

L’amministrazione Biden si aspetta che l’IPEF serva come importante strumento degli Stati Uniti nella competizione geopolitica ed economica contro la Cina. Oltre agli Stati Uniti, i partecipanti iniziali al quadro includono grandi economie come l’Australia, l’India, il Giappone e la Corea del Sud, nonché Paesi in via di sviluppo, tra cui l’Indonesia, le Filippine, la Malesia, la Thailandia, il Vietnam e nazioni più piccole come il Brunei, la Nuova Zelanda e Singapore.

In generale, il blocco IPEF fornirebbe un sistema di allerta precoce per i problemi della catena di approvvigionamento, incoraggerebbe le industrie a decarbonizzare e offrirebbe alle imprese statunitensi partner asiatici affidabili al di fuori della Cina. In poche parole, gli Stati Uniti vogliono migliorare il proprio profilo nel mondo economico asiatico, dove la Cina è il Paese dominante.

L’IPEF comprenderà quattro diversi moduli riguardanti il commercio equo e solidale, la resilienza della catena di approvvigionamento, le infrastrutture e la decarbonizzazione, la fiscalità e la lotta alla corruzione. Ciascuno dei 13 Paesi partecipanti potrà scegliere in quale delle quattro aree perseguire gli accordi, senza doversi impegnare in tutte. I parametri per i negoziati dovrebbero essere stabiliti entro la fine di giugno o l’inizio di luglio e l’amministrazione Biden spera di concludere gli accordi entro 12-18 mesi per poi sottoporli a ciascun governo per la ratifica.

In realtà, l’IPEF è una mossa disperata dell’amministrazione Biden per rafforzare il proprio profilo economico in Asia come contrappeso credibile alla Cina. È stato progettato per proiettare gli Stati Uniti nella leadership economica della regione indo-pacifica. L’obiettivo è quello di fare colpo nella regione Asia-Pacifico dopo l’ignominiosa uscita degli Stati Uniti, durante la presidenza di Donald Trump, dal Partenariato Trans-Pacifico che, ironia della sorte, era stato ideato proprio da Washington e che era l’accordo commerciale firmato dal Presid4ente Obama.

L’IPEF non è né un “patto” né un “accordo”, come sembrano pensare i media indiani. È quello che dice: un quadro di paesi asiatici che fornisca un sistema di allerta precoce per i problemi della catena di approvvigionamento, incoraggi le industrie alla decarbonizzazione e offra alle imprese statunitensi partner regionali affidabili al di fuori della Cina.

Non assumerà impegni vincolanti per quanto riguarda l’accesso al mercato, come avviene negli accordi commerciali o di libero scambio, perché ciò sarà difficile da vendere negli Stati Uniti, dove i sentimenti protezionistici sono ben radicati. Ma prevederà standard ambiziosi in materia di lavoro e ambiente e creerà nuove linee guida per il flusso di dati tra i Paesi. Una scheda informativa [1] della Casa Bianca va dritta al punto: “L’IPEF consentirà agli Stati Uniti e ai nostri alleati di decidere regole della strada che garantiscano ai lavoratori, alle piccole imprese e agli allevatori americani di competere nell’Indo-Pacifico”.

Con l’IPEF, l’amministrazione Biden sta cercando di dominare le regole e gli standard delle tecnologie digitali come l’intelligenza artificiale e il 5G. Ma le regole del commercio e della tecnologia digitale che gli Stati Uniti vogliono promuovere sono troppo “americane” e molti Paesi della regione non possono semplicemente soddisfare i cosiddetti standard elevati.

L’obiettivo degli Stati Uniti di isolare la Cina dai Paesi della regione renderà l’attuazione dell’IPEF piuttosto problematica, nella misura in cui il quadro di riferimento servirà gli interessi degli Stati Uniti a spese dei Paesi della regione, fissando soglie più elevate in materia di economia digitale, protezione dell’ambiente e altri settori in linea con le politiche economiche statunitensi. Inoltre, i Paesi dell’ASEAN non sono disposti a sganciarsi dalla Cina e l’attuale modello di divisione della catena di approvvigionamento è durato a lungo e ha portato benefici ai Paesi dell’Indo-Pacifico.

È importante notare che la Cina sta guidando uno sforzo globale per il libero scambio in Asia, in particolare con l’entrata in vigore del Partenariato Economico Globale Regionale (RCEP), mentre l’IPEF ha poco da offrire alle economie asiatiche in termini di benefici economici tangibili, come l’apertura di una parte maggiore del mercato statunitense ai cittadini asiatici. Il quadro non contiene disposizioni sull’accesso al mercato o sulla riduzione delle tariffe e manca di incentivi commerciali che i Paesi della regione desiderano. Soprattutto, l’IPEF potrebbe richiedere anni per prendere forma e la Cina ha tutto il tempo per renderlo inefficace.

L’amministrazione Biden non sa ancora se far ratificare il patto IPEF dal Congresso, dove potrebbe incontrare una morte improvvisa. In altre parole, occorre mettere un punto interrogativo sulla sostenibilità dell’IPEF oltre il 2024. I pochi Paesi della regione Asia-Pacifico che hanno aderito all’IPEF terranno le dita incrociate.

Secondo quanto riferito, l’India era inizialmente riluttante ad aderire all’IPEF, essendo più interessata ad avere un patto commerciale bilaterale con gli Stati Uniti e accordi plurilaterali nell’ambito del Quad. Le preoccupazioni dell’India riguardo a un accordo non-FTA sono perfettamente comprensibili, essendo cauta riguardo al quadro multilaterale non-tariffario e dubitando che possa realmente fornire benefici sostanziali a qualsiasi economia emergente dell’Asia meridionale.

Tuttavia, Delhi e Washington hanno raggiunto un’intesa durante la visita del ministro delle Finanze indiano, Nirmala Sitharaman, negli Stati Uniti il mese scorso, quando è stato concordato che, sebbene l’IPEF richiederà “standard elevati” per quanto riguarda la creazione e il mantenimento di facilitazioni commerciali, la resilienza della catena di approvvigionamento e le infrastrutture, si tratterà comunque di una “mossa strategica” che ha come obiettivo la Cina, su cui esiste una forte congruenza di interessi tra Stati Uniti e India.

Per gli Stati Uniti, ovviamente, è quasi necessario far salire l’India a bordo dell’IPEF poiché quest’ultima è considerata la pietra angolare della strategia indo-pacifica statunitense. Delhi ha ceduto alle richieste degli Stati Uniti anche se avrebbe preferito costruire una zona economica Asia meridionale-Oceano Indiano ottenendo accordi di libero scambio bilaterali con gli Stati Uniti e negoziando il miglior accesso possibile al mercato.

È plausibile che l’India cercherà di ottenere il meglio al miglior prezzo quando si formerà il pacchetto finale dell’IPEF. Da parte sua, anche l’Amministrazione Biden sarebbe consapevole dell’inutilità dei tentativi di integrare l’economia quasi autarchica e la politica autarchica dell’India nell’economia mondiale liberale.

Commentando il tour di Biden in Asia, il New York Times ha scritto di recente: “Con i prezzi in aumento, i mercati azionari in calo e i timori di recessione che si diffondono in patria, il presidente è ansioso di dimostrare che è concentrato sulla stabilizzazione dell’economia, soprattutto quando mancano cinque mesi alle elezioni di midterm”. Ma l’IPEF sarà un’impresa ardua nell’Indo-Pacifico.

 

[1] https://www.whitehouse.gov/briefing-room/statements-releases/2022/05/23/fact-sheet-in-asia-president-biden-and-a-dozen-indo-pacific-partners-launch-the-indo-pacific-economic-framework-for-prosperity/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

31 maggio 2022