L’ipocrita politica degli Stati Uniti nella guerra in Siria

image_pdfimage_print

di Tim Anderson

In otto sanguinose guerre del 21° secolo, tutte perseguite da Washington nel tentativo di creare un “Nuovo Medio Oriente” dominato dagli Stati Uniti, prevalgono quelli più impegnati nella resistenza. L’Iran ha affrontato una campagna ben coordinata per paralizzare il suo programma di energia nucleare e da allora si è difeso dalla rinnovata aggressione economica degli Stati Uniti e dal terrorismo per procura. Hezbollah ha notoriamente sconfitto l’invasione israeliana del Libano meridionale del 2006 e tiene a bada lo stato dell’apartheid. E per molti anni la coraggiosa Siria si è difesa da una massiccia guerra per procura e, con i suoi alleati, ha prevalso. Di seguito, fornisco alcune prove del coinvolgimento diretto degli Stati Uniti nel sostenere il gruppo terroristico dell’ISIS durante la guerra in Siria. Questo volto ipocrita degli Stati Uniti dovrebbe essere registrato nella storia.

L’inefficace, o al massimo selettiva, “guerra” degli Stati Uniti contro ISIS/DAESH tendeva a corroborare le numerose osservazioni irachene e siriane secondo cui esisteva una relazione di controllo, in coordinamento con i suoi alleati regionali, i sauditi, il Qatar, Israele e la Turchia. Washington ha tentato di fare un “doppio gioco” in Siria e Iraq, usando la sua vecchia dottrina della “negabilità plausibile” per mantenere la finzione di una “guerra al terrorismo” il più a lungo possibile.

Il 17 settembre 2016 un raid aereo guidato dagli Stati Uniti e attentamente pianificato su Jabal al Tharda (Monte Tharda), che domina l’aeroporto di Deir Ezzor, ha massacrato oltre 100 soldati siriani e ha consegnato il controllo della montagna al DAESH. Dopo quell’attacco a sorpresa, il gruppo terroristico ha tenuto la montagna per quasi un anno, ma non è riuscito a prendere l’aeroporto o l’intera città. Le forze guidate dagli Stati Uniti hanno ammesso la responsabilità dell’attacco, ma hanno affermato che si trattava di un “errore”.

Eppure fatti non contestati, testimonianze oculari e circostanze critiche dimostrano che questo attacco non è stato un errore, ma un intervento ben pianificato ed efficace per conto del DAESH.

Gli errori accadono in guerra, ma questo non è stato un errore isolato. L’attacco guidato dagli Stati Uniti a questa base strategica anti-DAESH, a protezione dell’aeroporto di Deir Ezzor, è stato un massacro premeditato delle forze siriane che ha permesso all’ISIS di portare avanti il ​​suo piano per conquistare l’intera città. Come si è visto poi, le difese dell’esercito siriano hanno fatto sì che l’azione non avesse successo. Questo è chiaro, da fatti non contestati.

La sorveglianza della base dell’esercito siriano è stata effettuata con giorni di anticipo e l’operazione è durata oltre un’ora. L’esercito americano ha fornito false informazioni alle sue controparti russe sull’attacco, ha lasciato la sua “linea diretta” incustodita e ha nascosto le prove (di bandiere) che dimostravano che sapeva che le forze siriane detenevano la montagna. Avendo distrutto le forze siriane su quella base, Washington non è tornata ad attaccare l’ISIS sulla montagna. La sua storia di facciata era debole e, sebbene servisse a bloccare le indagini da parte dei docili media occidentali, non reggeva a nessun serio esame.

Le smentite statunitensi e australiane sulla loro responsabilità per il massacro di Jabal al Tharda non erano credibili ad un esame approfondito. Eppure servivano al loro scopo immediato. La maggior parte dei media corporativi e statali occidentali è stata bloccata dalla semplice affermazione di un massacro per “errore”.

Tuttavia il crimine era “del tutto coerente con l’obiettivo americano di lunga data del cambio di regime in Siria … [con] il governo australiano ha fornito un coro volontario alle richieste di cambio di regime degli americani”. Le vendite di armi nordamericane, britanniche e australiane ai principali sponsor dell’ISIS, i sauditi, potettero procedere senza interruzioni o controlli. La dottrina da guerra fredda della negabilità plausibile” ha” contribuito a deviare indagini “potenzialmente ostili”.

Mentre l’esercito siriano ha liberato la Siria orientale, nel 2016-2017, l’esercito americano ha cercato di rallentare la sua avanzata con una serie di azioni segrete e palesi. Il massacro di soldati a Jabal al Tharda è stato uno dei cinque attacchi diretti degli Stati Uniti alle forze siriane dal 2015. Dopo il massacro, da tutto l’Eufrate sono arrivate notizie di forze statunitensi che fornivano supporto logistico e di intelligence all’ISIS, aiutando raggruppamenti ed evacuazioni. Le forze siriane hanno ripreso Deir Ezzor.

Nel settembre 2017 Press TV ha riferito che le forze statunitensi avevano evacuato 22 comandanti del DAESH da Deir Ezzor. Chi scrive è stato in città per 4 giorni a fine ottobre, mentre veniva liberata. Il 26 agosto è stato riferito che un elicottero dell’aeronautica statunitense avrebbe trasportato due comandanti del Daesh “di origine europea” con i familiari. Il 28 agosto altri 20 comandanti sul campo del Daesh sono stati presi da elicotteri statunitensi, da aree vicine alla città di Deir Ezzor.

Poi, a novembre, Muhammad Awad Hussein ha detto ai media russi di aver visto elicotteri statunitensi evacuare altri combattenti di DAESH, dopo un attacco aereo fuori al Mayadeen, una città a sud di Deir Ezzor. Il governo anti-siriano, cioè l’“Osservatorio siriano per i diritti umani” con sede in Gran Bretagna, ha confermato che gli elicotteri statunitensi stavano trasferendo combattenti DAESH fuori dalla Siria orientale. Quattro membri del Daesh, tra cui tre egiziani e un civile, sono stati prelevati da una casa a Beqres, un sobborgo di Deir Ezzor, che era stata utilizzata come deposito di armi. Le prove erano ripetitive e coerenti, indicando il supporto sistematico degli Stati Uniti alle forze del DAESH.

Alla fine del 2017 il ministero della Difesa russo ha annunciato di avere prove che “la coalizione guidata dagli Stati Uniti fornisca supporto al gruppo terroristico chiamato Stato islamico”. L’esercito americano aveva respinto due volte le proposte russe di bombardare i convogli identificati dall’ISIS in ritirata da al Bukamal, dicendo che godevano della protezione del diritto internazionale. Quella schermatura del gruppo terroristico e delle sue armi pesanti ha permesso loro di riorganizzarsi e portare a termine nuovi attacchi. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno sostenuto gli accordi della milizia SDF a guida curda per consentire ai combattenti dell’ISIS e alle loro famiglie di lasciare Raqqa per altre parti della regione. Alcuni di loro si sono uniti alle SDF.

Nell’ottobre 2017 un alto generale siriano a Deir Ezzor mi ha confermato che c’erano state evacuazioni in elicottero da tre punti sulla sponda orientale dell’Eufrate: Deir Ezzor a sud, al Mayadeen a est e al Muhassan. Ha anche parlato dell’intelligence satellitare statunitense passata all’ISIS. Da questo catalogo di coordinamento e collaborazione degli Stati Uniti gli ho chiesto: “Senti che stai combattendo un comando statunitense?”. “Al 100%” è stata la risposta.

Pubblicato su ICDT 

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Katehon.com

12 maggio 2022