Lituania e Russia: la stagnazione

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Le relazioni tra Lituania e Russia non sono state per molto tempo caratterizzate da profondità e perspicacia. Se torniamo alla storia, possiamo ricordare che questi paesi hanno avuto un incontro ai massimi livelli 12 anni fa. La Lituania è famosa per la sua russofobia, che la giustifica con l’”occupazione” durante l’era sovietica e chiama la Russia un paese aggressore. Come sono cambiati i rapporti tra Lituania e Russia durante l’operazione militare speciale – ed è vero che alla fine hanno raggiunto un punto morto?

Dall’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, l’UE, insieme alla Lituania, ha introdotto cinque pacchetti di sanzioni (sanzioni dell’UE contro la Federazione russa e la Bielorussia, 2022) contro la Russia. L’ultimo pacchetto di sanzioni includeva una disposizione per vietare ai camion con targa russa di attraversare i confini.

Indipendentemente dal divieto di trovare camion con targa russa e bielorussa nell’UE, entrato in vigore il 16 aprile, il direttore del dipartimento Vygantas Paigozinas ha annunciato che i camion accumulati potevano attraversare il confine.

«Le auto dei vettori russi e bielorussi che si sono allineate prima delle 24:00 del 16 aprile hanno l’opportunità di lasciare il confine più tardi, poiché la lunghezza della coda non dipende dall’autista», afferma il (messaggio). Tuttavia, vale la pena notare che i camion arrivati in seguito hanno iniziato a essere reindirizzati al centro logistico o al terminal più vicino.

 

Rifiuto del gas naturale

Il divieto di importazione di merci con camion targati russi è ben lontano dalle prime sanzioni. In precedenza, la Lituania, insieme all’Unione Europea, ha adottato 5 pacchetti di sanzioni contro la Federazione Russa a causa di un’operazione speciale in Ucraina. Pertanto, la Lituania è diventata il primo Stato che ha rifiutato completamente la fornitura di gas naturale russo da aprile. Lo ha riferito il ministero dell’Energia del Paese.

Dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sugli accordi con paesi ostili per le forniture di gas russo in rubli, l’Europa ha iniziato. Molti paesi dell’UE hanno reagito negativamente a questa disposizione e la Lituania è diventato il primo paese a decidere di abbandonare il gas russo.

Secondo l’agenzia, la Lituania si rifornisce completamente di gas attraverso il terminale GNL di Klaipeda. Nel prossimo futuro, i clienti riceveranno carburante solo da esso. Il gas può essere consegnato anche attraverso la Lituania o tramite un collegamento del gas con la Polonia. Dainius Kreivis, ministro dell’Energia, considera questa decisione un punto di svolta nell’indipendenza del settore energetico nella Repubblica di Lituania.

«Siamo il primo paese dell’UE tra i paesi clienti di Gazprom a ottenere l’indipendenza dalle forniture di gas russe, e questo è il risultato di molti anni di politica energetica coerente e soluzioni infrastrutturali tempestive», ha affermato.

 

Regione di Kaliningrad

La regione di Kaliningrad non ha confini terrestri con il resto del Paese, quindi la questione acuta riguarda la possibilità di un “blocco di Kaliningrad”. Anton Alikhanov, il capo della regione, ha affermato che la Lituania non sarebbe in grado di chiudere i confini unilateralmente e che tali misure dovrebbero essere considerate come “giocare con il fuoco”. Vilnius ha già proposto di chiudere il confine terrestre con la Russia, ma l’Unione Europea non è d’accordo a una mossa del genere.

Il governatore è anche sicuro che il blocco della regione di Kaliningrad sia impossibile, dal momento che “gli aerei volano e sorvolano acque neutrali” e “il trasporto via acqua ci collegherà sempre, abbiamo una tale opportunità“.

La chiusura del transito ferroviario, ha affermato, non è redditizia per l’Europa.

«L’Europa beneficia di questo transito, fa risparmiare parecchio tempo sui trasporti e in termini di denaro a volte è più economico del trasporto via acqua, per non parlare del fatto che è da tre a quattro volte più veloce», ha affermato il capo della regione. Il rifiuto del transito bloccherà completamente la possibilità di consegnare merci in Europa dal sud-est asiatico e dalla Cina, ha aggiunto Alikhanov.

 

Relazioni diplomatiche

Le autorità lituane, come molti altri paesi dell’UE, hanno abbassato il livello delle relazioni diplomatiche con la Russia. La Lituania ha ordinato all’ambasciatore russo di lasciare il paese e ha chiuso il consolato a Klaipeda, la terza città più grande della Lituania. Queste azioni sono state intraprese dopo gli eventi provocatori nella città di Bucha. E sebbene nessuno potesse fornire prove adeguate della colpevolezza della parte russa, molti paesi, in particolare i paesi dell’UE, hanno reagito abbastanza rapidamente e hanno iniziato a espellere i diplomatici.

 

Propaganda dei media occidentali e lituani

Anche prima del 24 febbraio, la russofobia stava guadagnando slancio anno dopo anno e ora ha raggiunto il suo limite. Sul territorio dello Stato, si dice sempre più che è possibile un’invasione della Federazione Russa nel territorio della Lituania: la propaganda occidentale e lituana fa paura ogni giorno alla popolazione del paese. Al momento, la popolazione è limitata nell’ottenere e analizzare le informazioni, poiché le fonti russe sono precluse. Pertanto, i cittadini sono costretti a ricevere informazioni esclusivamente dai media ammessi sul territorio dello Stato.

L’unica via d’uscita sono i canali di Telegram, utilizzati principalmente solo dalla parte della popolazione di lingua russa (la diaspora russa è solo del 5%). Immediatamente il giorno successivo all’inizio dell’operazione speciale in Ucraina, i media occidentali erano pieni di titoli provocatori. Uno degli articoli del 25 febbraio (BBC) portava il seguente titolo: “I paesi baltici si stanno preparando per un conflitto militare con la Russia. Quanto è reale? Tali titoli incidono negativamente sulla stabilità psicologica della popolazione del paese. La guerra dell’informazione si fa sempre più furiosa e gli articoli sempre più provocatori. Ad esempio, DELFI, una rete di testate giornalistiche online nei Paesi baltici, bandita in Russia, batte record di sentimento anti-russo. L’articolo (datato 15 aprile) raccomanda di non toccare l’argomento di Kaliningrad, perché V. V. Putin può usarlo come pretesto per una “invasione”, a cui è stato costretto dagli stessi funzionari lituani.

Pertanto, le relazioni tra i paesi sono a un livello catastroficamente basso. A questo punto, va riconosciuto che la ripresa dei rapporti è possibile solo se l’operazione militare speciale sarà completata, così come la volontà dei due Stati. La Lituania sta già imparando a vivere senza gas russo, a prescindere dal fatto che la popolazione ne soffra economicamente. Del resto, in questo caso, seguire l’Unione Europea per la Lituania è una questione di principio, soprattutto quando le sanzioni riguardano la Federazione Russa.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

1° maggio 2022