Lo Yemen concede all’Arabia Saudita un cessate il fuoco

image_pdfimage_print

di Redazione di Geopolitica.ru

L’ultimatum a Riyadh dice che devono porre fine sia alla guerra che al blocco economico o aspettarsi più operazioni di rappresaglia contro obiettivi sensibili.

Il 26 marzo il presidente del Consiglio politico supremo dello Yemen Mahdi Al-Mashat ha annunciato un cessate il fuoco di tre giorni durante i quali le forze armate yemenite e la resistenza di Ansarallah non lanceranno ulteriori attacchi di rappresaglia contro l’Arabia Saudita.

Lo Yemen ha posto le condizioni affinché il cessate il fuoco diventi permanente solo se l’Arabia Saudita e la sua coalizione metteranno fine ai bombardamenti contro lo Yemen e toglieranno il blocco economico al Paese. Hanno anche chiesto la partenza di tutte le forze straniere dallo Yemen e la fine di tutti i finanziamenti per i gruppi mercenari.

«Il cessate il fuoco sarà osservato su tutti i fronti terrestri, aerei e navali per tre giorni», ha detto Al-Mashat.

Queste richieste concrete sono state sfruttate dall’ultimo attacco di rappresaglia agli impianti Saudi Aramco a Jeddah, in Arabia Saudita, il 25 marzo, che ha distrutto grandi quantità di impianti di stoccaggio del petrolio, provocando grandi incendi e la distruzione di grandi quantità di riserve energetiche.

Questi sono stati preceduti da molteplici attacchi di rappresaglia il 20 marzo contro l’Arabia Saudita nell’arco di un giorno, colpendo gli impianti Aramco e gli impianti di desalinizzazione dell’acqua.

In risposta ai recenti attacchi di rappresaglia contro i suoi impianti petroliferi, Riyadh ha recentemente annunciato di non avere “nessuna responsabilità” per eventuali carenze nella fornitura globale di petrolio.

Tuttavia, Ansarallah ha promesso di smettere di lanciare attacchi di rappresaglia contro le strutture vitali saudite se la guerra e l’assedio economico dovessero finire.

In risposta agli attacchi di rappresaglia del 25 marzo, il 26 marzo la coalizione saudita ha lanciato una serie di attacchi aerei contro obiettivi civili e infrastrutturali all’interno dello Yemen, uccidendo diversi civili tra cui donne e bambini.

Gli obiettivi infrastrutturali colpiti dalla coalizione saudita aggraveranno senza dubbio la già grave crisi umanitaria in Yemen innescata dal blocco navale durato anni imposto da Riyadh.

Il cessate il fuoco yemenita dà all’Arabia Saudita un ultimatum per porre fine alla guerra e al blocco o affrontare continui colpi devastanti simili alle recenti operazioni di rappresaglia.

L’Arabia Saudita ha subito sconfitte consecutive negli ultimi anni della loro guerra contro lo Yemen.

Il Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) ha recentemente annunciato una serie di colloqui per trovare una via d’uscita dalla guerra.

Ansarallah, tuttavia, ha respinto questi negoziati in quanto si sarebbero tenuti a Riyadh, una sede imparziale per il movimento di resistenza yemenita poiché l’Arabia Saudita è il principale istigatore della guerra.

I funzionari di Ansarallah hanno affermato che prenderanno in considerazione i negoziati solo se i colloqui si terranno in un paese neutrale e saranno mediati da funzionari affidabili e imparziali.

La guerra contro lo Yemen guidata dalla coalizione saudita ha provocato circa 377.000 morti dall’inizio della guerra, secondo le stime delle Nazioni Unite.

Traduzione di Alessandro Napoli

Foto: presstv.ir

30 marzo 2022