L’ODCB è in sintonia con lo Zeitgeist?

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

In un’epoca di forte escalation del conflitto tra Russia e Occidente e di crescente distacco di alcuni Paesi dell’Est dagli Stati Uniti, si parla sempre più spesso di riformulare le organizzazioni internazionali. Si parla da tempo di riforma delle Nazioni Unite. La SCO è in continua trasformazione e recentemente è stato deciso un altro allargamento. Anche il club dei BRICS è soggetto a cambiamenti. Almeno c’è chi è disposto a unirsi a questa associazione informale ma efficace. Anche l’UEEA sta attraversando questo processo, anche se ora si concentra maggiormente su tipi specifici di partenariati. In Iran si stanno risolvendo le questioni relative alla piena adesione. Non è forse questo a indicare la necessità di modernizzare la CSTO, soprattutto perché nello spazio eurasiatico si stanno ampliando le contraddizioni e gli antagonismi, spesso istigati dall’esterno?

Nel caso della CSTO, è preoccupante anche il fatto che l’esercitazione “Fratellanza infrangibile 2022”, prevista in Kirghizistan a ottobre, sia stata annullata su iniziativa della parte invitata. Presumibilmente ciò è dovuto al fatto che alle manovre doveva partecipare personale militare del Tagikistan e che il giorno prima si era verificato un altro conflitto di confine con l’uso delle armi tra i due Paesi. Anche se in passato ci sono stati scontri al confine tra Kirghizistan e Tagikistan.

L’operazione militare speciale in Ucraina è il motivo del congelamento delle attività della CSTO? Ovviamente, gli Stati Uniti stanno esercitando una pressione attiva sui nostri partner, chiedendo persino l’imposizione di sanzioni economiche. E l’attuale presa di distanza da Mosca non è un tentativo di dichiarare una posizione neutrale. Il problema è che sul territorio dei Paesi CSTO, ad eccezione di Bielorussia e Armenia, si sono svolte esercitazioni congiunte con le truppe della NATO. Si possono citare manovre come Steppe Eagle, Zhardem e Balance-Kayak. Di recente, il Tagikistan ha ospitato, insieme agli Stati Uniti, i giochi di comando e di staff della Cooperazione regionale 22 presso il centro di addestramento di Fakhrabad.

Allo stesso tempo, la CSTO continua ad aiutare il Tagikistan a rafforzare il confine con l’Afghanistan. Questa situazione sembra alquanto strana. Si ha l’impressione che alcuni partecipanti utilizzino la loro partecipazione solo per interessi personali. Dopo tutto, nessuno dei Paesi asiatici offre assistenza alla Russia in relazione al bombardamento del suo territorio da parte dell’Ucraina. Questi tentativi di sedersi su due sedie non dovrebbero rimanere senza risposta, anche se è chiaro che questi temi devono essere trattati con estrema cautela con i partner.

Nel frattempo, l’Occidente sta sfruttando la situazione in Ucraina per comprimere la presenza della Russia in Asia centrale e per insediarsi il più possibile nella regione. Anche l’Afghanistan deve essere tenuto in considerazione. Ma creando sacche di presenza (prima diplomatica, poi umanitaria e militare), Washington intende risolvere un problema complesso. Questo comprometterà l’integrazione eurasiatica in quanto tale, poiché qualsiasi pregiudizio filoamericano in Tagikistan, Kazakistan e Kirghizistan aumenterà le tensioni regionali e getterà le basi per potenziali nuovi conflitti nell’Eurasia meridionale.

È importante capire che la sicurezza è un concetto piuttosto ampio e non si limita all’uso della forza militare o a dure misure preventive. Ci sono questioni di sicurezza economica, ideologica, informativa, tecnologica e umana. L’aggravarsi o l’emergere di un problema in un’area può avere un effetto domino in altre. Non è concepibile alcuno sviluppo dello Stato senza la pianificazione di un sistema di misure integrate che abbraccino tutti gli ambiti.

La visione della CSTO è in linea con lo spirito dei tempi? Con ogni probabilità, no. Anche se ci sono difficoltà nell’attuazione dei piani e dei compiti stabiliti in ambito puramente militare, non si può certo dire che l’organizzazione sia in grado di affrontare prontamente le questioni in altri settori. Per questo motivo, è necessario riformarlo e modernizzarlo. Poiché Mosca è il principale attore all’interno della CSTO, è probabile che sia la Russia a sostenere il peso maggiore dei costi. Data la difficile situazione in prima linea e alcune difficoltà economiche, la riforma potrebbe essere ritardata indefinitamente. Tuttavia, una giustificazione teorica e un’elaborazione della questione dovrebbero iniziare ora.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

24 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube