L’operazione speciale in Ucraina e il contributo della Russia alla decolonizzazione dell’Africa: intervista con il panafricanista Kemi Seba

image_pdfimage_print

di Matvey Arkov

L’operazione speciale della Russia in Ucraina ha scoperto tutte le conseguenze dell’influenza occidentale sulle autorità di Kiev. Su istigazione di Washington, lo stato, una volta fraterno, è diventato una roccaforte del neonazismo e della russofobia, poco caratteristico di qualsiasi nazione slava.

Nella comunità di esperti, la liberazione dell’Ucraina dall’egemonia occidentale è stata paragonata al processo di decolonizzazione in Africa. Gli stati del continente nero hanno sperimentato la vita sotto l’oppressione degli imperialisti, interessati unicamente a soddisfare le proprie ambizioni, spesso predatorie.

Su come la denazificazione dell’Ucraina è legata alla lotta della Russia contro la globalizzazione occidentale e il neocolonialismo, leggete un’intervista esclusiva a Kemi Seba, una figura centrale del panafricanismo del XXI secolo, nella Redazione Internazionale dell’Agenzia Federale di Notizie.

La Russia è impegnata nella de-globalizzazione globale

Signor Seba, la ringrazio molto per essere venuto in Russia. Qual è lo scopo della sua visita, qual è la sua motivazione? E perché ora, quando il mondo è così diviso?

Sono venuto in Russia per una semplice ragione: l’Africa non accetta un’oligarchia neoliberale occidentale che detta al mondo dove deve e non deve andare. Partiamo dal principio che il mondo sarebbe un posto molto migliore se ci fossero diversi poli di civiltà che resistono. Seguendo la logica dell’equilibrio dei poteri, essi porteranno un ordine sostenibile in cui ogni nazione potrà decidere il proprio destino e difendere la propria identità.

Sono venuto in Russia in un momento in cui tutto il mondo occidentale la sta demonizzando. Vorrei ricordare all’Occidente che il diavolo per alcuni non è necessariamente il diavolo per altri, e che i nemici di Washington non saranno mai i nostri. I nostri nemici sono coloro che hanno schiavizzato i popoli africani, che li hanno colonizzati e continuano a farlo ancora oggi. E non è una questione di amore cieco per la Russia. Ci sono sfumature e complessità perché la sovranità richiede discrezione, rinculo e soprattutto distanza critica.

Questo permette di definire oggi due campi: uno vuole sradicare l’umanità e unificare i popoli in un approccio neoliberale, mentre l’altro vuole proteggere l’identità dei popoli e il loro diritto a determinare il proprio modo di sviluppo. Noi siamo dalla parte del secondo. Ecco perché siamo qui, in Russia. Visiteremo anche altri paesi: in Medio Oriente, in Africa, dove vive la maggior parte di noi, in Sud America, perché abbiamo missioni lì.

Alcuni chiamano l’operazione militare della Russia la “decolonizzazione” dell’Ucraina, volta a ridurre l’influenza esterna degli americani, dei globalisti e di altri. Pensa che ci siano paralleli nella “decolonizzazione” tra l’Africa e l’Ucraina?

In Ucraina, c’è un processo di “de-apalonizzazione”, nessuno lo può negare. Questo aiuta a dare dinamica alla creazione delle basi dell’eurasiatismo, che, a mio parere, le autorità russe vogliono garantire. Vogliono ricordare ai popoli la loro unità nonostante le loro differenze. Ci sono diversi gruppi etnici, famiglie e peculiarità nel mondo. Non sta a me dire quanto abbiano torto i singoli ucraini.

Ma posso dire con certezza che la vittoria sulla colonizzazione è la deglobalizzazione. E Vladimir Putin sta facendo proprio questo, così come il capo del Venezuela, Nicolas Maduro, così come il leader della rivoluzione islamica, l’Ayatollah Ali Khamenei, e noi, il movimento di Urgences Panafricanistes, compresi tutti gli associati. Queste cose sono affare dei leader, ma molti governanti africani sono diventati burattini del globalismo neoliberale. Quindi noi, i cittadini, dobbiamo fare il lavoro per loro.

Ventisei paesi africani si sono opposti alla risoluzione che chiedeva alla Russia di porre fine alla sua operazione militare. Ma allo stesso tempo, vediamo che paesi come il Ciad o il Niger si sono schierati con il globalismo e l’Occidente su questo tema. Quali sono le motivazioni di entrambe le parti?

Le ragioni per cui alcuni paesi non sostengono la Russia sono abbastanza chiare: è una questione di finanziamenti e di influenza. Ci sono forze che mantengono la loro legittimità attraverso i legami con l’Occidente, soprattutto la Francia. Quanto al Niger, non è così distante dalla Francia in certi punti. A quanto pare, i governanti locali pensano che se non scelgono la strada indicata da Emmanuel Macron, il loro potere, illegittimo di fronte al popolo, rischia di cadere. Temono anche di perdere la lealtà dell’oligarchia occidentale che effettivamente li governa.

D’altra parte, c’è chi ha posizioni più equilibrate sulla questione delle sanzioni. Non c’è ancora un sostegno palese in alcuni paesi, ma questo è in gran parte dovuto al fatto che vogliono semplicemente il cambiamento. Dicono: visto che le autorità francesi non ci sostengono più, forse dovremmo scegliere di stare dalla parte della Russia.

Cos’è Fransafrica

Nel continente africano, stiamo assistendo a una protesta contro la Fransafrique. Può dirci cos’è oggi?

La Fransafrica è la più lunga espressione globalista del continente, che si è materializzata sotto forma di approccio coloniale francese, che è stata la prima forma di globalizzazione nel mondo. Gli anglosassoni vennero a colonizzare il territorio e le autorità locali, ma non erano disposti a cambiare sistematicamente la mentalità dei nativi. I francesi sono andati oltre, facendo credere agli africani di essere parte dell’impero coloniale francese.

La globalizzazione unifica le persone in un paradigma che non era in origine il loro. Il nuovo ordine mondiale per molti popoli bianchi del mondo è il vecchio ordine mondiale per noi. Sono arrivati ad opporsi ad un modo di guardare il mondo diverso da quello che è stato creato nelle nostre realtà. Oggi arriviamo a un progetto di saturazione della popolazione africana che crede che nel XXI secolo il nostro paradigma debba essere orientato verso l’oligarchia francese come rappresentante delle élite pan-occidentali.

Parliamo sia degli Stati Uniti che del Regno Unito, ma la forma più brutale e efferata di globalismo, che consiste nel controllo finanziario, nel posizionamento di basi militari, nell’imposizione culturale, nel dominio intellettuale e politico, è il neocolonialismo francese. Ci sono sovrapposizioni tra il neoglobalismo liberale e la Fransafrica, che a mio parere è più violenta.

Sotto il colonialismo vecchio stile, era chiaro: i colonizzatori bianchi soggiogavano gli africani. Oggi, sono gli africani stessi che sono diventati i ritrasmettitori del neoliberalismo occidentale, che si è materializzato nella forma della presenza francese.

Chi è il rappresentante della Francia oggi?

-Jean-Yves Le Drian (Ministro degli Esteri francese – FAN) non era un cattivo rappresentante. Vale la pena di tornare a Macron. È un genio nel rinnovare il globalismo in Africa. Il presidente francese è un prodotto dei Rothschild e delle élite finanziarie, questo è molto importante da notare. È un portavoce pulito e brutale del globalismo neoliberale con una faccia che sembra simpatica e benevola. Macron è della generazione che parla la stessa lingua dei giovani.

In precedenza, la Françafrique era teorizzata dalla mafia e dai criminali. Oggi Macron ha capito che ha bisogno di usare la sua influenza su alcuni africani per svolgere il ruolo che Jean Foccard (politico francese, diplomatico, ufficiale dei servizi segreti, uno dei creatori dei moderni servizi segreti della Quinta Repubblica) aveva un tempo. – FAN), credendo che fossero impegnati nell’emancipazione della popolazione africana.

Macron ha creato il Consiglio presidenziale per l’Africa (Conseil présidentiel pour l’Afrique). Gli africani della diaspora e alcuni rappresentanti del continente sono impegnati ad aggiornare il neocolonialismo in modo trendy, alla moda, posizionandolo come un “partenariato”. Tuttavia, non è una partnership, ma uno strumento di controllo con cui Macron controlla i poteri per procura – le élite corrotte sul terreno.

C’è molto da pensare su questo. Penso che la forma più dura di colonialismo sia quella francese. Macron finge che il colonialismo sia finito, che il globalismo non esista, che sia una partnership reciprocamente vantaggiosa, quando in realtà l’oligarchia francese non è mai stata così predatrice come ora.

Lei ha parlato dell’importanza dell’influenza culturale. La Francia continua a giocare sulle divisioni etniche che esistono in Africa, alimentandole?

Come si dice, dividi e conquista. Lo sapete molto bene dall’esempio della “balcanizzazione”. Questo è un metodo usato dai colonizzatori di tutto il mondo. Questo è quello che stanno facendo ai Tuareg nel Sahel, ostacolando i negoziati delle parti che potrebbero accordarsi, mettendo alcuni gruppi contro altri per consolidare il proprio potere. Questa è la logica e la tecnologia del globalismo.

Poiché la Francia si è ormai ritirata dal processo di riconciliazione tra le due parti, vediamo che molti Tuareg alla fine sono riusciti a negoziare e il problema è stato risolto. Non completamente, certo, ma almeno possono negoziare, cosa che fino a poco tempo fa sembrava impossibile. Come risolvere il problema? È necessario che le parti opposte almeno parlino. Oggi vediamo la Russia e l’Ucraina avere un percorso diplomatico.

Come porre fine al conflitto se non c’è dialogo, non c’è scambio di opinioni? Queste sono le basi della diplomazia. Ma gli europei hanno rinunciato alla diplomazia pacifica. La Francia ha sempre voluto essere un mediatore per mantenere l’accesso alle risorse. Questo è il senso del globalismo e del “virtuoso imperialismo”: “veniamo per aiutare, per salvare, per proteggere”, anche se in realtà l’unico interesse dei globalisti è l’appropriazione delle risorse, l’uniformazione delle popolazioni e un’agenda imposta contro gli interessi delle persone.

Il contributo della Russia alla liberazione dell’Africa

Bandiere russe sono state avvistate durante le proteste in Mali, Guinea e Burkina Faso. Cosa simboleggia la Russia per la nuova Africa e la decolonizzazione?

Per me, la Russia e la Cina si sentono come sassolini che si agitano negli stivali del globalismo neoliberale. Anche l’Iran, ma in modo diverso. È stato forse più demonizzato dal 1979, e per anni è stato ai margini delle relazioni internazionali. Allo stesso tempo la Russia, da quando Vladimir Putin è salito al potere, è nel gioco dell’equilibrio, essendo a volte un contrappeso al globalismo neoliberale e a volte parte di esso.

Ora è arrivato il momento di una fase critica, che definisce quando Mosca deve svolgere il suo ruolo, per compiere la sua missione storica. La Russia è sempre stata in opposizione all’Occidente. Tuttavia, non si è opposto direttamente alle élite occidentali. Oggi ci stiamo avvicinando a un punto in cui al di là del materialismo rappresentato dal neoliberalismo o dal comunismo, ci sono da una parte i sostenitori del globalismo e del liberalismo, e dall’altra i popoli che capiscono che la loro identità, le loro tradizioni e le loro radici sono molto più importanti.

Sono collegati ad una logica trascendente e sono travolti da questo, spogliati della loro paura. La seconda direzione è rappresentata oggi dai russi e dalla Cina, ma in modo leggermente diverso. C’è anche molta critica nei confronti della Repubblica Popolare Cinese, perché non tutto è perfetto neanche dal punto di vista politico: ci sono molte sfumature che devono essere corrette. Soprattutto nel continente africano, i cinesi stanno facendo cose che creano problemi fondamentali. Ma questo non impedisce la visione generale di ciò che sta accadendo al più alto livello – l’Occidente riconosce che la Cina, la Russia, in parte l’Iran e il Venezuela sono ostacoli alla globalizzazione.

Cosa pensa della Russia? Pensa che la Russia abbia un’ideologia interessante che potrebbe essere la base per un approccio antiglobalizzazione?

Credo che una nuova ideologia antiglobalizzazione sarebbe costruita su paradigmi diversi. Non c’è una metodologia unica che dovrebbe essere ripetuta da tutte le nazioni. Questo è stato l’errore dei comunisti e dei capitalisti. Ogni nazione dovrebbe avere il proprio approccio, la propria realtà. Ma ci sono anche punti di convergenza, tre assi: tradizione, sovranità e multipolarità. Questo trittico potrebbe essere la base di un’ideologia comune di resistenza contro il globalismo neoliberale.

Potrebbe spiegare cosa sta succedendo in Mali? Perché sono state imposte sanzioni al paese, perché è sotto pressione? Qual è il contesto di ciò che sta accadendo?

Il globalismo, come ho già detto, si è diviso in diverse correnti, ognuna delle quali divide i settori del mercato. In Africa, sono ovviamente i globalisti francesi. Per anni, hanno considerato il Mali un paese povero, ma incredibilmente ricco di risorse. Questo punto è molto importante da notare perché gli europei stanno portando via dal Mali molti oggetti di valore.

La Francia vi ha piazzato le sue pedine per anni. L’oligarchia francese ha partecipato alla distruzione della Libia, che ha portato alla destabilizzazione delle regioni circostanti. Quelli più vicini agli eventi sono stati purtroppo i primi ad affrontarne le conseguenze.

La Quinta Repubblica, che era stata guerrafondaia nella regione limitrofa, è tornata nel ruolo di marchio di fuoco, ricordando al suo burattino, l’ex presidente maliano Ibrahim Keita, gli accordi di sicurezza che erano già stati presi. France ha finito per apparire nel ruolo di sceriffo e pompiere solo per mantenere l’accesso alle risorse.

Tuttavia, non ha calcolato l’importanza dei moderni social media. Questo è l’accesso alle informazioni. In precedenza, la popolazione africana era alimentata dai media neocoloniali francesi: RFI, France 24, il giornale Le Monde e simili. Ma chiunque può avere accesso a diversi dati e formarsi una propria opinione su quello che sta succedendo.

Di fronte a questo fatto, la crisi di coscienza sul campo dell’informazione e l’educazione che il nostro movimento panafricanista, con le sue organizzazioni amiche, sta rendendo più credibile alle masse. Hanno capito che il vero problema da combattere è il globalismo che si è materializzato in Francia.

E che dire del Burkina Faso, patria del famoso Tomas Sankara, conosciuto come il ‘Che Guevara africano’? Molti fanno dei paralleli tra quello che ha fatto prima e quello che sta succedendo oggi.

Ci sono paralleli nel suo e nel nostro approccio al popolo. Ci sono anche strutture con cui la nostra ONG lavora. Per esempio, la Coalizione dei patrioti africani del Burkina Faso. Lì abbiamo dei rappresentanti che sono responsabili delle attività dell’organizzazione in Burkina Faso. È essenzialmente un’organizzazione patriottica, che si occupa di sovranità.

Ho un’idea del governo dell’attuale presidente, che ha ripristinato la forza dello stato attraverso un colpo di stato. Ci aspettiamo di vedere la nostra linea ideologica. Non mi schiererò con coloro che lo definiscono una pedina dei globalisti.

Penso che sia un politico che calcola i suoi passi. Tuttavia, la popolazione ha bisogno di chiarezza, di una comprensione chiara in un momento di confronto storico tra i liberali occidentali e le masse proletarie del mondo che vogliono decidere il proprio destino.

Quali altre regioni dell’Africa non sono d’accordo con la globalizzazione e la colonizzazione della Francia?

Ci sono altri paesi. Credo che tutti i territori francofoni siano oggi una prigione chiamata Fransafrica. Siamo arrivati al punto in cui i prigionieri ingiustamente imprigionati vogliono bruciare il luogo della loro stessa reclusione.

I sentimenti che vedete in Mali, Burkina Faso e Guinea si stanno diffondendo ovunque. Questi sentimenti sono sentiti da tutti i popoli, il che è molto importante. Ora arriva il punto di svolta.

L’unificazione avviene in mezzo alla stanchezza di una popolazione che è stufa di questo globalismo materialista sotto forma di neocolonialismo francese. I militari, genuinamente patriottici e finanziati “per il coraggio”, si rendono conto che è ora di cambiare. Questo è ciò che vogliamo, e ci siamo quasi. Questo è il senso della storia.

L’inefficacia delle missioni ONU

Alcune autorità africane hanno criticato gli sforzi delle Nazioni Unite per combattere il terrorismo. Critiche simili sono state mosse alla RCA. Ritiene che l’aiuto delle forze di pace sul continente sia efficace?

No. Prima di parlare della missione dell’ONU, parliamo dell’ONU stessa: a cosa serve? Niente. Ci sono un sacco di eventi drammatici che accadono nel mondo e, a rigore, l’ONU non fa nulla.

L’ONU è un giocattolo degli Stati Uniti. Crea delle regole a cui i poteri occidentali globalisti non obbediscono. Fanno quello che vogliono, hanno la loro agenda. Al contrario, l’organizzazione serve a far sì che i piccoli paesi si sottomettano alle pressioni dell’Occidente.

Se l’ONU stesso è già strutturalmente depresso, non ci si deve aspettare che le sue missioni abbiano una qualche efficacia nelle regioni in cui sono rappresentate. A mio parere, questa è una chimera storica. Penso che in un mondo multipolare l’organizzazione cambierà la sua forma o scomparirà del tutto.

Lei ha menzionato la Libia. È interessante notare che la missione dell’ONU lì aveva lo scopo di aiutare a condurre le elezioni. Tuttavia, c’è una crisi in corso nel paese. Inoltre, la Francia è stata precedentemente coinvolta nell’esecuzione dell’ultimo leader legittimo dello stato nordafricano, Muammar Gheddafi.

Lei ha detto che l’intervento in Libia è stato un fattore scatenante per gli eventi nel continente, in particolare in Ciad e in altri paesi. Cosa pensa di quel paese oggi?

Questa è una domanda molto difficile, perché richiede una comprensione di ciò che sta accadendo lì. Quello che sappiamo è la genesi. C’è stata una ristrutturazione del paese, che avrebbe potuto essere un vero polo nel progetto di panafricanismo che stiamo difendendo e promuovendo nel continente nero e tra le diaspore. L’assassinio di Gheddafi è stato un atto ideologico, monetario, politico, militare.

Il fatto è che Gheddafi voleva davvero accelerare il processo di costruzione istituzionale del panafricanismo popolare. Quando si trattò della creazione di una moneta unica, che egli desiderava, e del progetto di federalismo nel continente africano, alcune forze dissero che ciò era impossibile. Hanno anche rifatto il paese per poterne succhiare le risorse.

Oggi c’è il caos lì, “una terra di nomadi”. Ci sono diverse fazioni rappresentate, che si sovrappongono e sono sostenute da diversi paesi. Compresa la Russia, in questo ragionamento dobbiamo essere molto onesti. Chi mi dà fiducia, relativamente ma comunque più degli altri partecipanti, è Seif al-Islam Gheddafi.

Capisce l’importanza di molti compiti. Ma l’Occidente sta facendo tutto il possibile per impedirgli di andare al potere. Le élite capiscono: c’è il rischio che Gheddafi continui il progetto iniziato da suo padre. Direi che ha un’enfasi leggermente minore sul panafricanismo rispetto al colonnello. Tuttavia, potrei sbagliarmi.

Parlare del futuro della Libia sarebbe poco serio da parte mia, perché ci sono molte opzioni di sviluppo in questo momento. Finché non saranno in qualche modo integrati nel paradigma della popolazione africana, non ci si può impegnare in previsioni lungimiranti. A mio parere, la Libia oggi è divisa. C’è bisogno che le diverse fazioni e tribù si parlino.

Ciò che è necessario è che ogni parte capisca che non saranno gli attori esterni a risolvere i problemi, perché il paese è diviso dall’interno, e può essere unito dall’interno. Non sono un libico. Eppure, vedo cosa stanno facendo i libici ai negri africani locali. Si dovrebbe parlare anche di questo, ma nella mia mente e nel mio cuore uno dei più grandi uomini del continente è Muammar Gheddafi.

Il fallimento degli interventi militari occidentali

Torniamo al tema della Fransafrique. Vediamo le opinioni del Mali, dove gli istruttori russi, che i media occidentali hanno attribuito alle PMC di Wagner, sono considerati più efficaci dei rappresentanti dell’operazione militare francese “Barkhan”. Cosa pensa degli specialisti russi e delle attività della Quinta Repubblica?

Un esercito che agisce sarà sempre più efficace di un militare che fa di tutto per peggiorare la situazione. I soldati francesi sono arrivati in Mali per destabilizzare la situazione e servire a garantire che Parigi mantenga l’accesso alle risorse, non per combattere i terroristi. Quindi non importa quale esercito operi, sarà sempre più efficace di quello francese.

In questo senso gli istruttori russi, associati dall’Occidente alle PMC di Wagner, sono naturalmente più efficaci dell’esercito francese. Penso che dovremmo attenerci alla relatività nell’analisi e nel ragionamento a freddo. Abbiamo la mente libera, diciamo sempre quello che pensiamo. Sì, i russi sono molto più efficaci delle forze francesi dell’operazione Barkhan. Questo è un fatto.

Oggi l’operazione Barkhan è finita. Cosa deve fare ora la Francia sul Continente Nero?

I soldati del Barkhan se ne andranno o resteranno? Prima di tutto, la questione riguarda il Niger, dove sono stati riassegnati dopo il Mali. Penso che questo sarà un bene per la popolazione locale perché la presenza di un contingente straniero aumenterà solo il sentimento antifrancese nella regione. Quindi lasciate che Barkhan vada in Niger e in qualsiasi paese africano, ci permetterà di spingere la nostra agenda.

Lo stesso vale per l’operazione Takuba. Gli è stato detto di no in Mali, ma il Benin e la Costa d’Avorio non hanno voltato le spalle completamente, e nemmeno il Niger e il Ciad. Questo lascia molti paesi che collaboreranno con Takuba e Barkhan.

Ci sono molti giocatori in Africa: Turchia, Cina, Arabia Saudita, Russia. Crede che sarà un’alleanza multipolare o c’è il rischio di una nuova colonizzazione?

Penso che se le nostre élite non si comportano in modo protezionistico verso il popolo, qualsiasi partner può diventare un colonizzatore. Il problema è che quando le persone sono in piedi a parlare con qualcuno che è sdraiato, la relazione non sarà la stessa che se entrambi comunicano in piedi o sdraiati. Se uno è in piedi e l’altro è orizzontale, il primo avrà una posizione dominante su quello che è sdraiato.

Questo è quello che succede ai nostri governanti africani quando vedono arrivare gli stranieri – i politici si sdraiano invece di stare in piedi e impegnarsi nel dialogo. In politica, bisogna capire che partnership non significa sottomissione. Molti governanti africani non lo capiscono.

Prendiamo ad esempio la Cina, che un tempo ha vissuto le difficoltà della colonizzazione. Quando ha iniziato il suo partenariato con l’Africa, ha agito nella logica dei paesi del terzo mondo che si tendono la mano per uscire dalla situazione. È vero che la RPC è stata capace di uscire veramente da questa posizione di non libertà e ha raggiunto un apogeo, guidata da Xi Jinping, che ha una sua visione che si oppone al globalismo neoliberale occidentale.

È necessaria un’analisi a freddo su questo tema. Dobbiamo capire che chiunque venga da noi, faremo capire che non abbandoneremo la decisione che abbiamo preso. La partnership è quando ognuno agisce sulla propria visione sulla base di un accordo per raggiungere un obiettivo comune.

 

Il fenomeno del panafricanismo

Quindi, il panafricanismo ha una strategia per stabilire la sovranità nel continente africano. Come si spiega il termine a chi non lo conosce?

Il panafricanismo è un amalgama di diverse forme di africanismo che mira a raggiungere la sovranità e la giustizia sociale. Si basa sulle nostre radici nel polo della civiltà e sui paradigmi di alcuni storici che ci hanno influenzato: Cheikh Anta Diop, Molefi Kete Asante, Ivan Van Sertima.

Queste persone seguono la logica che veniamo tutti dalle stesse radici e dalla stessa civiltà, e che le molteplici etnie e culture rappresentano rami di un unico grande albero che è diventato un progenitore comune. Questa è una manifestazione di correnti diverse e solo le persone che vengono da fuori segnano la differenza. Questo è un grande errore. Per questo il panafricanismo è un’ideologia, come l’eurasiatismo attuale per voi, ed è percepito come la liberazione dei popoli.

Chi sono gli eroi del panafricanismo per lei personalmente? Chi ti ha ispirato e ha influenzato il tuo percorso?

Certo, Thomas Sankara. Vorrei anche menzionare quanto segue: Patrice Lumumba, Mandela, Khalid Muhammad, Amilcar Cabral, Kwame Nkrumah, Marcus Garvey. Questi sono personaggi che hanno fortemente influenzato chi siamo oggi.

Quali libri consiglieresti per iniziare? Sankara?

Da una prospettiva storica e culturale, suggerirei le opere di Sheikh Anta Diop per capire meglio le radici comuni. E da un punto di vista politico, Kwame Nkrumah, che ha un approccio molto profondo al panafricanismo. E Thomas Sankara dovrebbe essere letto come un rivoluzionario.

Abbiamo un approccio sfaccettato. Da un lato, è un’azione per la sovranità. Abbiamo campagne educative che mirano a combattere il globalismo neoliberale occidentale e il neocolonialismo. Si tratta di conferenze universitarie, manifestazioni popolari, spettacoli televisivi, coordinamento tra diversi movimenti locali. D’altra parte, una parte altrettanto importante dell’attivismo del nostro movimento è il lavoro sulla giustizia sociale.

Questo è il lavoro di Alodo, il cui programma è dedicato ad aiutare le famiglie vulnerabili che vivono sotto la soglia di povertà. Anche i giocatori di calcio li sostengono. A volte anche gli operatori economici africani danno una mano – forniscono microcrediti alle madri svantaggiate. Facciamo quello che possiamo, non è mai facile. Ma è uno dei nostri motivi di orgoglio. I media occidentali spesso non hanno idea del nostro lavoro perché ci conoscono solo come movimento anticoloniale. Tuttavia, non ci sono anticolonialisti che non sostengono la giustizia sociale. Questo è il nostro approccio.

Cosa vorrebbe dire ai russi?

La prima cosa che vorrei dire al popolo russo è che è importante capire che gli africani, sia che vivano nel loro continente o in Russia, sono un popolo decente. Se ne avessimo la possibilità, nessuno lascerebbe il proprio continente perché l’Africa è un paradiso per noi. Ma a volte il tuo paradiso è assediato. Oggi si vede un esempio simile in Ucraina. Lì, altre ragioni hanno costretto persone pacifiche ad andarsene, ma credo che molti vorrebbero tornare.

Molti africani vivono qui perché il loro paese è sotto assedio. Alcuni dei russi che mostrano risentimento verso gli africani emigrati dovrebbero saperlo: se avessero stabilità nella loro patria, tornerebbero.

Il messaggio della nostra lotta: vogliamo restituire il paradiso alla popolazione africana. Per questo dobbiamo porre fine alla globalizzazione occidentale neoliberale: dobbiamo decolonizzare i paesi per poter ristrutturare gli stati e farli governare da persone con le stesse opinioni.

Lo stiamo vedendo in Guinea, in Mali, e ce ne saranno altri. Speriamo che questo valga anche per il Burkina Faso e per altri stati. Questa è una lotta rivoluzionaria. Non è stato iniziato da noi, ma dai nostri predecessori. Ma lo completeremo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Pubblicato su Riafan.ru

Foto: Idee&Azione

2 aprile 2022