L’ora Z sull’orologio della Storia

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

L’operazione speciale Z non è solo la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina, non solo il salvataggio del popolo russo del Donbass e l’affermazione della sovranità dello Stato russo. Si tratta di un ciclo fondamentalmente nuovo della storia russa, che ci riporta da decenni di stagnazione al percorso del nostro destino originale. Come la Terza Roma, il Grande Impero Cristiano, che impedisce al mondo intero di sprofondare nell’abisso.

Pavel Florenskij

La realtà può essere vista da due lati. Immagina un quadrante trasparente. Da un lato, la lancetta dell’orologio va come dovrebbe, ma dall’altro – nella direzione opposta. Allora, dove sta andando? In senso orario o antiorario? In questo esempio, padre Pavel Florensky ha fondato la sua immagine geometrica spiegando cosa sono i “numeri immaginari”, per esempio, i, la radice di -1. Da ciò dedusse l’esatta localizzazione dell’inferno e l’interpretazione dei viaggi verticali di Dante. (Fino a un certo punto ho sottovalutato Florensky, lo confesso).

La stessa lancetta dello stesso orologio allo stesso tempo, vista da due lati della realtà, si muove simultaneamente nella direzione opposta. La mente spirituale e la mente materiale sono su entrambi i lati della realtà. Osservano la stessa cosa, ma il sistema di coordinate è invertito. Una visione della realtà è vera, l’altra è immaginaria (come il numero i). Tuttavia, la realtà è la stessa.

Due punti di vista: una realtà

Dal lato dello spirito, la realtà è una struttura logica e ben ordinata. Ciascuno dei suoi elementi è significativo, porta un contenuto intellettuale integrato nella struttura generale, come nel linguaggio.

Dal lato della mente materiale invertita, all’inizio la cosa esiste – come qualcosa di indefinito, ma dato qui e ora, e solo allora trova significato. Da questo lato, la visione della realtà prevede catene caotiche o frattali, costellazioni di casualità emergente, bagliori e miracoli senza senso (quindi neri). È un oscuro linguaggio delle cose a cui è facile avvicinarsi in un’intossicazione molto pesante o in un viaggio di droga attraverso le profondità delle sciocchezze. Gli oligofrenici (e probabilmente i pesci) si divertono senza doping, sempre. Gli elementi spontanei sono guidati in catene secondo un principio casuale: ciò che è più pesante, più luminoso, più denso, questa è la cosa principale.

Nella mente materiale, tutto è immaginario. Guarda la realtà, ma ne percepisce le macchie sfocate capovolte.

L’economia è una macchia d’inchiostro della scienza. Non ci sono ragioni reali e spiegazioni ragionevoli in esso. Pezzi fatiscenti di oggetti si mescolano ad astrazioni di denaro. Non c’è inizio, non c’è fine. Niente converge, e questo viene dichiarato una “legge” – si dice, l’economia esiste grazie alle crisi. L’immaginario in economia non è solo la scienza, ma il campo stesso di considerazione: non esiste, è un’aberrazione di visione, un difetto di posizione.

Per cominciare a capire almeno qualcosa in fatti realmente drammatici ed estremamente accesi, è necessario prima andare dall’altra parte della realtà, uscire dalla frammentazione materiale, uscire dall’immaginario risucchiante di ogni tipo di materialismo e economicismo e poi diventa chiarissimo cosa sta succedendo.

Pratiche operative di sobrietà

Non c’è niente di più logico e coerente di quanto si sta svolgendo attualmente in Russia, Ucraina e nel mondo. Ma per comprenderlo bisogna abbandonare l’occupazione patologica di combinare semi-materiale-materialistico! – frammenti di una realtà lacerata, che cercano – come dipsomani o degenerati – di ricavarne una spiegazione: i prezzi della benzina, il sistema SWIFT, gli aerei in affitto, Galkin è scappato, ha scoperto un biolaboratorio, gli tsrushnik hanno avvelenato i maiali e hanno rubato il DNA degli slavi. Tutti questi sono immaginari visti da – sotto la realtà. Sì, tutte queste cose ed eventi disparati esistono; ma mentre li guardiamo dal basso, dalla posizione della razionalità materiale, si muovono in un flusso caotico e, soprattutto, nella direzione opposta (a loro stessi). Ci confondono e ci riconfondono. In un certo senso, la stupidità incanta.

Quando tutto è calmo, non ci accorgiamo nemmeno in quale torbidità profonda e densa viviamo, ma ora è irrequieto e non tornerà presto calmo, se non del tutto. Questa è un’occasione per guardare il quadrante del mondo e della storia, delle persone e dello stato dal lato destro, non immaginario.

La Russia come Idea e i suoi cicli

Dal punto di vista dello spirito (guardando il quadrante dal lato destro), nella Russia come fenomeno spirituale e intellettuale, nella Russia come Idea, nella Russia eterna, dopo la fine del comunismo, la trasformazione spirituale e il superamento del materialismo paradigma erano all’ordine del giorno della fine del XX secolo. Eravamo destinati a tornare al livello più alto della storia sacra, dove la Russia è “quel katechon“, il Ritenitore (τό κατέχον), e il luogo di “o catehon” (ὀ κατέχων), il Ritenitore, era vacante, più precisamente, riservato (questo è chiamato “il trono preparato per”, etimasia). L’Uomo del Destino doveva venire per correggere la Via Russa e guidare la nostra nave verso l’Ultima Battaglia. Il nostro paese è stato creato per l’Ultima Battaglia, e tutte le nostre guerre e vittorie storiche ne sono solo un preludio.

Questo ha suggerito:

  • una rottura completa con l’Occidente come con la civiltà del Nemico, Avversario, Anticristo;
  • ritorno ai profondi valori russi e alla Missione Russa;
  • creazione di una statualità completamente autonoma e sovrana senza alcun riferimento alle norme dell’Occidente (capitalismo, democrazia, parlamento, diritti umani, tecnologie di rete, politiche di genere, ecc.);
  • costruzione di una nuova società basata su una nuova teoria politica (4PT), dove la  Chiesa, l’Impero, il Popolo e la giustiziasono al centro.

Tornata alla sua traiettoria, la Russia, uscita dall’era comunista, fu chiamata a preservare lo Stato continentale, tenuto insieme dall’Impero e dall’ideologia eurasiatica. Non c’erano Repubbliche, inclusa la Federazione Russa, nei piani della Provvidenza. Siamo tornati al compimento della Missione per la quale siamo stati creati da Dio; ma il diavolo era vigile, attento e risvegliato, e ci ha portato fuori strada.

Superato il difficile cammino della restaurazione, prima spirituale, e poi materiale, entreremmo in un nuovo ciclo di confronto con l’Occidente, con la “civiltà dell’Anticristo”, che in questo tempo diverrà sempre più apertamente satanica – la distruzione del sesso e delle famiglie, la preparazione al trasferimento del potere all’Intelligenza Artificiale, la totale degenerazione della morale, il predominio di filosofie estremamente perverse, come il Postmodernismo o la LLC. Il nostro destino è stato scritto in lettere d’oro in cielo, ed è stato letto da zar russi, santi, anziani, asceti, guerrieri, filosofi, poeti e artisti dei primi secoli della Santa Russia. Dovevamo fare proprio questo, e quella sarebbe stata la realtà che si sarebbe mossa in senso orario.

Fallimento nell’Anti-Russia

Ma… non abbiamo semplicemente deviato questo percorso, siamo crollati, sfondando il fondo, in una sub-realtà. E il movimento è iniziato nella direzione opposta: in un mondo immaginario, nel limo dell’essere, situato sotto la materia. Tutto ciò è noto. Invece di una rottura con l’Occidente, abbiamo avuto la sua copia cieca e distorta e il culto ossequioso (liberali, riformatori, Eltsin, anni ’90); invece di rivolgersi alle radici russe, ci siamo ritrovati con cosmopolitismo e aperta russofobia, quando tutto il russo era identificato con “rosso-marrone”, una congrega di liberalismo, postmodernismo e “modernizzazione” (dove lo stesso Occidente fungeva da standard della modernità); invece della sovranità statale, abbiamo lasciato spazio ad un tentativo di integrarsi su basi miserabili nell’Occidente globale, con la perdita dell’indipendenza, il controllo esterno, la distruzione del buono rimasto della società sovietica, il saccheggio di risorse, l’imitazione del sistema politico, sociale, economico e culturale occidentale.

Al posto della rinata Russia-Eurasia come unico Stato e del Grande Impero, polo del mondo multipolare, ci fu il crollo dell’URSS e la costruzione di brutte strutture imitative per volere dell’Occidente. Allo stesso tempo, l’Occidente ha sostenuto il nazionalismo e persino il nazismo ovunque tranne che in Russia, poiché l’identità russa non è nazionale, ma imperiale. Quei nazionalisti imitativi, che erano in piccolo numero in Russia, furono accuratamente sostenuti dall’Occidente per distruggere l’unità eurasiatica (imperiale) dall’interno. Abbiamo, in poche parole, iniziato a fare esattamente l’opposto di ciò che dovevamo. Ci siamo dimenticati del lato dello spirito in generale, tutto si è ridotto a indicatori materiali e anche allora forgiato nell’interesse dell’élite corrotta e dei maestri occidentali. Negli anni ’90, la Russia era governata dal diavolo. Era l’Anti-Russia, cioè l’esatto opposto di quello che doveva diventare. Tutto nello spazio post-sovietico era antirusso negli anni ’90 (non solo l’Ucraina, ma anche la Federazione Russa).

Rialzati dal limo della storia

Pertanto, Putin è emerso dalle profondità della sua stessa Anti-Russia. Era necessario dal punto di vista della logica del lato spirituale della storia russa (Katekhon, Restraining, Man of Destiny), ma impossibile dal punto di vista dei processi causali materiali: agenti occidentali, oligarchia e opportunisti degenerati che costituivano l’élite degli anni ’90 (loro, però, sono ancora quasi tutto al suo posto), controllava completamente il potere. Eppure, Putin è venuto perché doveva venire.

Da quel momento iniziò un lungo viaggio fuori dalla palude. Era così lento che spesso dava l’impressione che non ci fosse alcun movimento. Abbiamo approfondito la questione, osservato sacro il liberalismo, approfondito il capitalismo e ci siamo precipitati nell’OMC, ci siamo impegnati nella modernizzazione, ci siamo uniti con entusiasmo alle reti occidentali, nei numeri, nella cultura postmoderna, abbiamo imitato l’Occidente in tutto. Cioè, il potere del diavolo, che si è sviluppato negli anni ’90, è continuato. Sì, ma con un’eccezione: Putin ha aggiunto la sovranità al piano infernale, ma questa era una contraddizione interna. Secondo il globalismo, la sovranità degli Stati dovrebbe essere indebolita e ridotta, non aumentata. Così iniziò il confronto, che ha avuto molte fasi: il discorso di Monaco del 2007, gli eventi del 2008 nel Caucaso, Crimea e Donbass nel 2014 e, infine, un’operazione militare speciale ora, nella primavera del 2022, la Operazione Z.

L’operazione Z è l’uscita per l’ultimo round della storia. Putin ha guidato il Paese da sotto il quadrante al rovescio, da come è a come dovrebbe essere. Seguendo la sovranità come il filo di Arianna, Putin è entrato sempre più in uno scontro mortale con l’Occidente. Quando la stessa Russia era dalla parte del diavolo, nessuno se ne accorse. Quando iniziò a sottrarsi alla sua influenza, la gravità della situazione iniziò a rendersi pienamente conto.

Nel 1991 fu presa una decisione completamente opposta al destino russo. Tutti i popoli, gli Stati, le culture ne erano responsabili, tranne coloro che l’hanno accettato, che l’hanno applaudito e che ne hanno approfittato. Oggi, le persone muoiono in massa in Ucraina solo perché la Russia è caduta in fondo nel 1991. In modo brusco e immediato. Questa è una catastrofe geopolitica, per di più, globale. È facile cadere, incredibilmente difficile decollare; è facile essere una pietra, difficile è essere un uccello che riesce a volare, ancora più difficile essere un angelo.

Da 22 anni ci arrampichiamo e solo ora la superficie del quadrante di Florenskij è visibile. Siamo ancora nella mente del diavolo: Internet, il progresso, lo sviluppo tecnologico, i prezzi del petrolio e del gas, le sanzioni, le regole delle relazioni internazionali, i dogmi liberali e lo stile di vita capitalista. Ma stiamo già assistendo a un Leviatano infuriato, che ci porta via i suoi doni velenosi con la forza: Twitter, TikTok, Facebook, Youtube, marchi e resort, gasdotti e sistemi di pagamento che vengono chiusi, la proprietà degli oligarchi in Occidente che viene portata via, le società offshore che risultano inaffidabili. In Occidente pensano che non possiamo sopportarlo. Se rimani sotto il quadrante di Florenskij e cerchi freneticamente di riprodurre da solo la civiltà diabolica, allora sicuramente non sarai in grado di resistervi e il loro calcolo è corretto. La semplice sovranità senza un ritorno alla Russia come civiltà non è più sufficiente. Il filo di Arianna ci ha condotto all’uscita della grotta, ma non è più funzionante. È necessario compiere l’ultimo e decisivo passo verso l’alto.

La sovranità non basta più. Un tentativo di ripetere la civiltà occidentale, opponendole, in un formato limitato, su un sesto (e oggi, ahimè, meno) della terra si concluderà con un rapido fallimento. Questo non è possibile e non è necessario, è un trucco. La sovranità ci ha portato a un’operazione militare speciale, giustamente, ma poi serve qualcos’altro.

È necessario uscire dal fango della storia una volta per tutte.

Ciò che sta accadendo ora è esattamente ciò che sarebbe dovuto accadere: l’ultima battaglia tra luce e oscurità, noi e loro, l’Eurasia e l’Atlantico, è cominciata. Con il completamento dell’operazione militare speciale, non finirà questa battaglia, anzi inizierà davvero solo allora.

Pensare significa anticipare noi stessi, il futuro si crea nella mente. Noi possiamo creare il futuro corretto, in senso orario sul quadrante di Florenskij.

https://tsargrad.tv/articles/vremja-z-na-chasah-istorii_507904

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

10 marzo 2022