L’Ucraina ha tradito la fiducia della Polonia con la sua pericolosa teoria del complotto anti-russo

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Non solo i polacchi sono stati informati dai leader dell’affine popolo ucraino che la Russia aveva appena attaccato il loro Paese, il che ha crudelmente innescato ricordi storici molto dolorosi delle sue precedenti occupazioni della Polonia, ma si è scoperto che si trattava solo di una fake news destinata a scatenare la Terza Guerra Mondiale. Ancora peggio, il loro “alleato” voleva che la Polonia desse inizio a questa apocalisse nucleare, nella falsa aspettativa che le sue forze armate avrebbero agito sulla base delle loro parole senza verificarle prima, attaccando così subito la Russia.

La stragrande maggioranza del popolo polacco è solidale con l’Ucraina nel corso della guerra per procura della NATO contro la Russia che si sta svolgendo attraverso il territorio dell’ex Repubblica Sovietica. Inoltre, considera gli ucraini come un popolo affine. Di conseguenza, la maggior parte dei polacchi è politicamente russofoba nel senso di odiare la potenza mondiale appena restaurata, mentre altri sono russofobi nel senso bigotto del termine, in cui discriminano il popolo russo. Questa mentalità li ha portati a fidarsi sempre dell’Ucraina.

Tale fiducia è stata appena tradita, tuttavia, a seguito della pericolosa teoria cospirativa anti-russa di Kiev che incolpa Mosca per il missile che si è schiantato in territorio polacco martedì sera. In realtà, come ha appena detto lo stesso Biden agli alleati del suo Paese, secondo una fonte della NATO che ha informato la Reuters, il missile era in realtà un missile di difesa aerea ucraino che ha avuto un malfunzionamento a mezz’aria prima di attraversare il blocco anti-russo dove ha finito per uccidere due polacchi.

Zelensky e il suo Ministro degli Esteri si sono messi d’accordo per architettare l’ormai screditata teoria del complotto che sostiene che la Russia sia responsabile, nel disperato tentativo di ingannare la NATO per far scoppiare la Terza Guerra Mondiale. Non c’è mai stata alcuna possibilità di successo, ma il fatto che questo complotto a bandiera falsa per catalizzare un’apocalisse nucleare sia stato tentato la dice lunga sull’instabilità psicologica dei funzionari ucraini. Non solo, ma serve anche a far aprire gli occhi al popolo polacco che finora si era sempre fidato dell’Ucraina.

Non solo è stato detto loro dai leader di questo popolo affine che la Russia aveva appena attaccato il loro Paese, il che ha crudelmente innescato ricordi storici molto dolorosi delle sue precedenti occupazioni della Polonia, ma si è scoperto che si trattava solo di una fake news destinata a scatenare la Terza Guerra Mondiale. Ancora peggio, il loro “alleato” ucraino voleva che la Polonia desse inizio a questa apocalisse nucleare, nella falsa aspettativa che le sue forze armate avrebbero agito sulla base delle loro parole senza averle prima verificate, attaccando così subito la Russia.

Questo comportamento non si addice a un “alleato” e in realtà ha messo in luce la verità “politicamente scomoda” che Kiev era diventata così arrogante a seguito del sostegno incondizionato che il popolo polacco e il suo Stato le avevano dato, che la sua leadership pensava di poterli manipolare per provocare una crisi nucleare. La Polonia dovrebbe essere lodata per aver avuto il buon senso di mettere in dubbio la veridicità delle affermazioni di Kiev, evitando così la trappola che il suo “alleato” le aveva teso attraverso la sua ultima propaganda cospirativa contro la Russia.

Kiev ha fatto male i conti aspettandosi che la russofobia che pervade la società polacca e il suo apparato decisionale portasse il suo patrono a mettere in moto la più pericolosa sequenza di eventi della storia. Fortunatamente non è successo, ma non si può ignorare il proverbiale elefante nella stanza: Kiev ha crudelmente innescato il ricordo del trauma storico del popolo polacco, ha tentato di manipolare la sua leadership e ha quindi indiscutibilmente tradito la totale fiducia di cui godeva in quel Paese.

Questa constatazione oggettiva non significa però che la Polonia scaricherà l’Ucraina, ma che sarà più cauta nel dare per scontato tutto ciò che Kiev dice. Il ruolo di prima linea di Varsavia nel condurre la guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso il Paese vicino non cambierà, dal momento che la sua leadership prevede che il conflitto ucraino serva come mezzo per stabilire una “sfera di influenza” regionale in tutta l’Europa centrale e orientale. 

La società polacca potrebbe però reagire in modo diverso, poiché l’illusione dell’innocenza ucraina è appena stata infranta. Anche i più russofobici potrebbero ora mettere in dubbio tutto ciò che Kiev dice, e i polacchi con meno cervello potrebbero anche porre domande “politicamente scomode” su ciò che è stato detto loro in precedenza su questa guerra per procura. L’Ucraina non avrebbe mai dovuto tradire la loro fiducia, ma poiché lo ha fatto nel modo più drammatico possibile, ora è costretta ad affrontarne le conseguenze.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Controinformazione.info

17 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube