L’UNICEF alla vigilia delle riforme

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 23 novembre si è tenuto nella capitale armena un vertice dei capi di Stato della CSTO per discutere questioni di sicurezza regionale piuttosto importanti. In parallelo si sono tenute le riunioni dei consigli dei ministri degli Esteri e della Difesa e del comitato dei segretari dei consigli di sicurezza degli Stati membri dell’Alleanza. A Yerevan, la presidenza della CSTO è passata dall’Armenia alla Bielorussia e Imangali Tasmagambetov del Kazakistan è diventato il nuovo segretario generale.

Durante il suo discorso al vertice, il Presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato che “la cooperazione tecnico-militare tra gli Stati membri della nostra organizzazione si sta espandendo”. La commissione interstatale economico-militare istituita su iniziativa della Russia, la commissione interstatale CSTO, è energicamente coinvolta in queste attività. I servizi speciali e le forze dell’ordine svolgono operazioni congiunte per contrastare il terrorismo e l’estremismo, la criminalità transnazionale, l’immigrazione clandestina, il traffico di droga, per proteggersi dalle emergenze naturali e antropiche”.

Il Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko è stato abbastanza chiaro sulla necessità di consolidarsi attorno alla Russia. “La Bielorussia assume la presidenza dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva in un momento di crisi sistemica delle relazioni internazionali”, ha dichiarato. Allo stesso tempo, ha sottolineato che il destino della CSTO dipende dalla vittoria della Russia in Ucraina:

“Se vince, la CSTO continuerà a vivere. Se non vince, la CSTO non esisterà… Siamo giunti a un consenso sul fatto che se, Dio non voglia, la Russia crolla, il nostro posto è sotto questo relitto”.

Kassym-Jomart Tokayev ha cercato di svolgere il ruolo di pacificatore in senso lato. Sebbene la sua frase secondo cui “ogni guerra finisce in pace” sia piuttosto astratta, ha continuato dicendo che “non si può permettere che le fraterne nazioni russa e ucraina siano separate l’una dall’altra per decine o centinaia di anni con reciproche amarezze non sanate”. Ha inoltre espresso la speranza che la CSTO possa contribuire a risolvere i conflitti tra Armenia e Azerbaigian, nonché tra Kirghizistan e Tagikistan.

L’Armenia, la cui presidenza termina quest’anno, si è comportata in modo a dir poco strano. Non l’Armenia, per essere più precisi, ma il primo ministro in carica Nikol Pashinyan. Probabilmente il motivo risiede nei suoi legami con George Soros e con le élite politiche occidentali, soprattutto americane. Al vertice della CSTO si è rifiutato di firmare il progetto di dichiarazione del Consiglio di sicurezza collettiva e il progetto sulle misure di assistenza congiunta per il suo Paese. Allo stesso tempo, ha cercato di addossare la colpa dei propri fallimenti alla CSTO. Così, durante la riunione del Consiglio della CSTO, ha dichiarato: “È deprimente che l’appartenenza dell’Armenia alla CSTO non abbia dissuaso l’Azerbaigian da azioni aggressive e, di fatto, fino ad oggi non siamo riusciti a prendere una decisione sulla reazione della CSTO all’aggressione azera contro l’Armenia. Questi fatti danneggiano fortemente l’immagine della CSTO sia all’interno che all’esterno del nostro Paese, e lo considero un grave fallimento della presidenza armena della CSTO”.

Per questo motivo la dichiarazione non è stata firmata. Anche se è stato firmato un pacchetto di documenti attuali che regolano l’ulteriore lavoro dell’organizzazione. In totale sono state adottate quattordici decisioni, tra cui spiccano le seguenti: decisione del Consiglio di sicurezza collettiva dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva “sull’equipaggiamento delle forze di mantenimento della pace dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva con armi moderne, equipaggiamento militare e speciale, mezzi speciali”; “sulla formazione congiunta della CSTO per la protezione dalle radiazioni, chimica e biologica e per il supporto medico”; “sul regolamento del sistema di comunicazione della CSTO”. Rafforzeranno l’organizzazione dall’interno e la prepareranno ad affrontare problemi difficili.

Quest’anno, la CSTO è stata efficace durante i disordini in Kazakistan, dove era in corso un tentativo di colpo di Stato. Le riunioni sono state molto più frequenti per coordinare meglio le attività e comprendere le intenzioni di tutti i partecipanti. È chiaro che, con il persistere delle pressioni occidentali sulla Russia e sui suoi partner, la CSTO sarà costretta a perseguire una maggiore integrazione e a rafforzare al contempo la sua componente informativa rivolta ai Paesi esterni.

Idealmente, le dimensioni del gruppo di truppe operative della CSTO dovrebbero essere aumentate. Ora, in teoria, la struttura delle forze e dei sistemi della CSTO prevede compiti operativi in conformità con gli obiettivi dichiarati dell’organizzazione.

Tuttavia, sono necessari degli aggiustamenti. È necessario analizzare attentamente i metodi di guerra non militari, ovvero prepararsi a contrastare un’ampia gamma di guerre ibride, dai tentativi di condurre “rivoluzioni a colori” al bioterrorismo. Se i biolaboratori del Pentagono nello spazio post-sovietico hanno trovato spazio nella decisione di difesa medica e biologica, altri strumenti di possibile aggressione rimangono una minaccia. È necessario essere proattivi e incorporare i restanti elementi nel sistema CSTO. Le operazioni informative-psicologiche sono una parte essenziale della guerra moderna, quindi anche questo segmento deve essere considerato con attenzione. Parallelamente, la componente di intelligence militare dovrebbe essere rafforzata e dovrebbe essere istituito un sistema di condivisione delle informazioni. Poiché la presenza diplomatica della Russia nell’UE e negli USA è limitata, parte della raccolta di informazioni per Mosca dovrebbe essere svolta dai partner della CSTO. E, naturalmente, occorre migliorare l’apparato relativo all’ideologia comune della CSTO, ossia l’eurasiatismo.                         

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

29 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube