L’unità fra Bielorussia e Russia volta alla sicurezza

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

La Russia rafforza il suo contributo alla sicurezza della Bielorussia. Alla vigilia dell’incontro Valery Revenko, capo del dipartimento per la cooperazione militare internazionale del Ministero della Difesa della Repubblica di Bielorussia, ha annunciato che un gruppo militare russo di 9.000 uomini, composto da 170 carri armati, fino a 200 veicoli corazzati da combattimento e fino a 100 cannoni e mortai di calibro superiore a 100 mm, sarà dispiegato sul territorio della Bielorussia. Il raggruppamento regionale avrà anche una componente aerea, tra cui i caccia MiG-31.

In precedenza, il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenka aveva annunciato il dispiegamento delle truppe alleate. Il 14 ottobre, durante il vertice della CSI ad Astana, ha annunciato l’introduzione di un regime di minaccia terroristica rafforzata in Bielorussia. “Per questo motivo abbiamo avviato le procedure per il dispiegamento del raggruppamento di truppe alleate, che si basa sull’esercito della Bielorussia, già integrato da unità della Federazione Russa”, ha aggiunto Lukashenka.

All’inizio di ottobre, il leader bielorusso ha annunciato l’esistenza di una minaccia militare diretta alla Bielorussia da parte di Polonia, Lituania, Lettonia e Ucraina. Lukashenka ha osservato che Kiev ha schierato “15.000 truppe al confine bielorusso, sta costruendo posti di blocco e postazioni di tiro e ha istituito posti di blocco”.

Nell’ambito dell’aumento della prontezza di combattimento del Paese, Lukashenko ha chiesto che gli uffici per l’arruolamento militare inizino a controllare le persone soggette al servizio militare “senza alcun clamore”. Ufficialmente, le autorità bielorusse non hanno confermato i piani per una possibile mobilitazione. Tuttavia, data l’importanza geopolitica della Bielorussia, è possibile che l’Ucraina e la NATO tentino di eliminarla.

La Bielorussia nella SMO

Le truppe bielorusse non sono coinvolte nell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina. Tuttavia, nella prima fase dell’operazione, l’offensiva del raggruppamento settentrionale delle truppe russe contro Kiev è stata condotta proprio dal territorio bielorusso.

 Dopo il ritiro dell’esercito russo dalla parte settentrionale dell’Ucraina, la sicurezza della Bielorussia è stata minacciata. Le autorità di Kiev stavano costituendo formazioni di combattenti dell’opposizione bielorussa con l’obiettivo di rovesciare il governo di Minsk. L’Ucraina e i Paesi della NATO hanno rafforzato i loro gruppi ai confini della Bielorussia.

Il 4 ottobre, in occasione di un incontro sulle questioni di sicurezza militare, Aliaksandr Lukashenka ha dichiarato che è in atto un rafforzamento militare ai confini dei Paesi NATO con la Bielorussia. Il leader bielorusso ha sottolineato l’importanza del suo Paese per la sicurezza della Russia:

“Il nostro impegno [nella SMO] è quello di impedire che il conflitto si estenda al territorio bielorusso, in primo luogo. In secondo luogo, per evitare un attacco alla Bielorussia con il pretesto di un’operazione militare speciale da parte di Polonia, Lituania e Lettonia. Come ho detto, nessuno sparerà ai russi dal territorio della Bielorussia. Questo è il nostro coinvolgimento”.

L’11 ottobre, Ivan Tertel, presidente del KGB bielorusso, ha dichiarato in diretta sul canale televisivo “Belarus 1” che da 100 a 300 sovversivi erano stati addestrati in Ucraina per effettuare “un sequestro armato di un centro distrettuale sul territorio della Bielorussia”. Inoltre, ha osservato che la NATO sta discutendo “la possibilità di utilizzare armi nucleari tattiche o di utilizzare quei gruppi che vengono creati per l’aggressione diretta contro il nostro Paese e contro i nostri alleati”.

L’importanza geopolitica della Bielorussia

La Bielorussia è il principale e più vicino alleato della Russia. L’alleanza bielorusso-russa è una falla nel cordone sanitario che il blocco atlantista sta costruendo contro la Russia. La presenza di una Bielorussia filorussa consente di condurre operazioni in Ucraina e di tenere sotto minaccia le regioni settentrionali e occidentali dello Stato ostile. La Bielorussia copre i confini occidentali della Russia, incuneandosi tra gli Stati baltici della NATO e l’Ucraina. Un centinaio di chilometri separa la Bielorussia dal territorio della regione russa di Kaliningrad (Corridoio Suvalki). Da Brest a Mosca ci sono 1.000 chilometri. Dal confine bielorusso a Mosca ci sono 400 chilometri. La presenza di una Bielorussia alleata rafforza le capacità militari e strategiche della Russia nella guerra difensiva e offensiva con la NATO e il suo satellite ucraino.

Secondo le stime degli esperti, le forze armate della Repubblica di Bielorussia (che ha una popolazione di 9 milioni di persone) sono superiori agli eserciti di Paesi della NATO come Danimarca, Bulgaria, Belgio, Portogallo, alle forze armate di tutti gli Stati baltici e sono paragonabili all’esercito di 20 milioni di persone della Romania.  Le forze armate della Bielorussia contano 70.000 uomini. Inoltre, il Paese può schierare unità di difesa territoriale per un totale di 120 mila persone.  Il 27 maggio, il ministro della Difesa bielorusso Viktor Khrenin ha annunciato l’intenzione di creare un altro tipo di formazioni: una milizia popolare di persone non idonee al servizio militare ma in grado di portare armi per motivi di salute. La prima unità della milizia è stata creata a settembre con il compito di difendere un insediamento dai saccheggiatori.

Strutture unitarie

La Russia e la Bielorussia hanno strutture comuni di Stato dell’Unione e collaborano strettamente a livello militare e di altre agenzie di sicurezza. I cieli di entrambi i Paesi sono coperti da un unico sistema di difesa aerea regionale. L’interazione e l’assistenza reciproca rafforzano i due Paesi che cercano di preservare la loro sovranità comune di fronte alla minaccia dell’Occidente. La Russia è in grado di fornire protezione strategica alla Bielorussia e di livellare la minaccia nucleare rappresentata dal blocco NATO. La Bielorussia, in quanto avamposto affidabile del mondo russo, garantisce la sicurezza della Russia. L’industria militare bielorussa e la cooperazione tra Minsk e Mosca nel complesso militare-industriale sono di notevole interesse per la Russia nel contesto del NWO. Una parte significativa dei prodotti bielorussi, dai telai su ruote alla microelettronica, all’ottica e alle immagini termiche, viene utilizzata per equipaggiare i sistemi di difesa russi. In teoria, l’esercito russo potrebbe essere rafforzato ottenendo il sistema missilistico Polonez, il sistema missilistico a più lunga gittata in Europa, prodotto in Bielorussia (gittata fino a 300 km).

Le sanzioni occidentali, le pressioni economiche e politiche, unite a quelle militari, stanno costringendo Mosca e Minsk ad allineare meglio tutti i processi e ad approfondire l’integrazione a tutti i livelli. Un unico mercato, un’unica strategia di sostituzione delle importazioni nelle condizioni della guerra sanzionatoria dichiarata dall’Occidente, un’unica difesa, un unico campo ideologico costruito sul rispetto reciproco dei popoli dello spazio eurasiatico, sulla fiducia nel futuro dei loro figli e sui valori tradizionali: tutto questo è un unico campo di integrazione in cui i tempi difficili richiedono sforzi seri.

Sfide immediate

Per l’Occidente è fondamentale privare il mondo russo ed eurasiatico del suo avamposto occidentale. Non è escluso che attacchi sabotatori e terroristici contro la Bielorussia e bombardamenti del territorio possano essere effettuati sullo sfondo di un’offensiva su larga scala lanciata dall’AFU nelle regioni di Kherson e Zaporozhye. In teoria, è possibile introdurre “forze di pace” o “osservatori” dai Paesi della NATO, in primo luogo dalla Polonia, in Ucraina vicino al confine bielorusso. A seconda delle dimensioni del gruppo, essi svolgerebbero funzioni di ricognizione o minaccerebbero la sicurezza della Bielorussia, liberando allo stesso tempo le forze ucraine concentrate in loco da utilizzare in altre aree. È probabile che anche i Paesi della NATO e dell’Ucraina tentino attacchi informatici contro la Bielorussia. Non si possono escludere tentativi di scuotere i sentimenti di protesta in Bielorussia conducendo operazioni informative e psicologiche dai territori dell’Ucraina e degli Stati baltici.

La lotta contro la quinta e la sesta colonna, i sostenitori di un orientamento filo-occidentale, è rilevante per le società di Russia e Bielorussia. Per alcuni aspetti, la grande Federazione Russa può imparare dalla relativamente piccola Bielorussia – in particolare, nella progettazione di un sistema socio-economico stabile e orientato ai cittadini piuttosto che a una piccola classe oligarchica. Tuttavia, nel complesso, le minacce esterne e interne ai due Paesi sono ormai identiche.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

24 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube