L’uomo più pericoloso per l’Occidente

image_pdfimage_print

di Valery Korovin

“The most dangerous man in the world” – “l’uomo più pericoloso del mondo” – è così che il filosofo e geopolitico russo Aleksandr Dugin viene chiamato dai suoi omologhi americani. Già questo è sufficiente perché una persona decente presti la massima attenzione alle idee di Dugin.

Dugin è l’indubbio nemico dell’Occidente “civilizzatore”, in tutte le sue manifestazioni, dal semplice progetto geopolitico di dominio globale dell’Occidente (globalizzazione), attraverso la negazione del progetto ideologico occidentale (liberalismo), fino all’alto livello filosofico di giustificazione della disumanizzazione (ontologia orientata agli oggetti). Dugin contrappone il primo a un mondo multipolare, il secondo alla Quarta Teoria Politica, il terzo alla Tradizione.

Basandosi solo sulla formula schmittiana per la definizione del politico – amico-nemico – è facile trovare il proprio posto in relazione a Dugin: chi è a favore dell’Occidente, della globalizzazione e della disumanizzazione (la trasformazione dell’uomo in un essere postumano, da soggetto a oggetto) è contro Dugin. Il resto di noi [russi] è “a favore”.

Ci si potrebbe chiedere: perché, esattamente, è necessario allinearsi in qualche modo con Dugin? Molto semplicemente: perché è stato Dugin a creare le basi teoriche di tutto il pensiero patriottico post-sovietico, fondando ogni punto di questa matrice di visione del mondo alternativa all’Occidente nel modo più profondo possibile, dopo aver elaborato a fondo ogni tesi.

Tutto ciò che avreste voluto sapere dal regno del pensiero, ma che avevate paura di chiedere, è in Dugin. Anche se sei un liberale, un globalista e un sostenitore del transumanesimo, devi, se sei un pensatore serio, trovare un’antitesi a ciascuna delle tue tesi (per dimostrarla, questa è la legge del pensiero scientifico). Nessun problema: Dugin ha tutto.

Già all’inizio del crollo del blocco sovietico, quando solo il liberalismo (allora chiamato democrazia) veniva offerto come unica alternativa al sovietismo (su suggerimento dell’Occidente), egli elaborò e offrì alla discussione pubblica l’ideologia della Terza Via – un modello ideologico indipendente della nuova Russia, alternativo sia al sovietismo (con il marxismo al centro) sia all’ideologia dell’Occidente (con il liberalismo al centro).

Dugin ha contrastato l’affermazione dell’Occidente secondo cui non esistono alternative al suo modello di sviluppo basato sul Modernismo con la Tradizione, la cui negazione è stata il fondamento del Modernismo con il materialismo, il progressismo e il positivismo al suo centro negli ultimi tre secoli.

All’affermazione che non c’è alternativa al dominio del tempo, Dugin risponde con la tesi dell’inviolabilità dell’Eternità. Quando si cominciò ad accusarlo di proporre la Terza Via come alternativa alla prima (liberalismo) e alla seconda (marxismo) via, Dugin sottolineò che non era altro che il fascismo (la terza teoria politica), Dugin ha sottolineato che stiamo parlando di un superamento della Modernità, cioè di una Quarta Teoria Politica, che si basa proprio sull’Eternità, sulla Tradizione, su Dio – tutto ciò che nella Modernità con il suo liberalismo, il marxismo e il fascismo è stato negato in assoluto.

In risposta all’affermazione dell’Occidente sull'”oggettività” e l'”inevitabilità” della globalizzazione (tesi ripetuta come un incantesimo da tutti i membri “avanzati” della classe politica russa fin dai primi anni Novanta), ha proposto una teoria del mondo multipolare basata sull’affermazione del pluralismo geopolitico.

In effetti, la geopolitica a quel tempo, per inerzia sovietica, era ancora “una pseudoscienza che giustificava l’espansione imperialista borghese”. È stato Dugin a prendere e tradurre tutte le opere fondamentali dei classici della geopolitica – da Mackinder e Mahan a Schmitt e Haushofer, e in mezzo tutti gli altri grandi autori – e a riassumere tutti i criteri di base della scienza geopolitica nel suo Fondamenti di geopolitica, scritto nel 1995-1996 e pubblicato all’inizio del 1997. È stato allora che è apparsa un’intera galassia di geopolitici russi, che hanno riscritto il libro di testo di Dugin con vari gradi di diligenza e zelo, mentre prima non ce n’erano.

Alla proclamazione da parte dell’Occidente di un progetto di integrazione europea e alla creazione di un’Unione europea, Dugin ha risposto con la dichiarazione di un’Unione eurasiatica, che aveva già elaborato a livello ideologico fin dalla fine degli anni Ottanta. È stato il suo neo-eurasianismo a sostenere per la prima volta la necessità di posizionare la Russia post-sovietica come base per una civiltà eurasiatica distinta, non occidentale e non orientale – la Russia-Eurasia.

All’affermazione dell’Occidente sul punto di riferimento del suo percorso di sviluppo storico e sull’universalità del modello di società occidentale, una civiltà occidentale vera e propria, a cui non c’è alternativa, Dugin ha risposto con i suoi volumi di Noomachia che descrivono solo in prima approssimazione i tipi di civiltà, la loro profondità, validità metafisica, culturale e geopolitica, alternativi alla civiltà evirata, primitiva e superficiale dell’Occidente collettivo.

Non c’è una sola affermazione di ideologi, pensatori e filosofi occidentali a cui egli e il suo gruppo intellettuale non abbiano fornito una risposta altrettanto fondata, concettualmente elaborata e profonda. Non è esagerato dire che Dugin ha tutto!

Quando la gente mi chiede cosa leggo, rispondo in modo semi-scherzoso (o forse semi-serio) che “leggo solo Dugin”. Non in senso letterale, non perché non ci sia nient’altro da leggere, ma perché prima di affrontare qualsiasi questione, tema, concetto o idea filosofica, bisogna guardare a ciò che Dugin ha scritto in merito. Questo solo perché lui ha già letto di tutto, ci ha riflettuto a fondo e lo ha presentato in modo sintetico, paradigmatico e concentrato in un linguaggio accessibile, prestando attenzione alle cose più importanti e non enfatizzando quelle secondarie, riassumendole in conclusioni significative.

Per convincersene basta fare un piccolo esperimento, di cui credo di aver già parlato da qualche parte: basta digitare in un qualsiasi motore di ricerca una qualsiasi combinazione significativa di concetti, una formula intellettuale o un concetto abbinato al nome di Aleksandr Dugin, per ricevere una selezione di link a testi in cui queste idee, modelli o concetti sono già stati compresi, presentati e inquadrati.

È così che le idee di Dugin sono arrivate a dominare il campo intellettuale non solo nella Russia di oggi, ma anche nell’ambiente di pensiero del resto del mondo, compreso l’Occidente, dove la parte pensante della società rappresenta un campo alternativo ai liberali, ai globalisti e ai transumanisti. Proprio perché Dugin ha trionfato, ha preso il sopravvento intellettuale, ha fatto in modo che tutti pensassero in modo paradigmatico e olistico, ha lavorato attraverso l’intera sfera delle Idee in tutte le loro manifestazioni. Ha già invertito il corso della storia, se prendiamo la sfera del pensiero, ma ci vuole tempo per convincersene, perché l’Idea scende dalla sfera del filosofo, dove è contemplata come immagine ideale dalla vista interiore, attraverso la sfera dello scienziato, nella sfera dell’esperto, e poi nella comunità dei media, da dove diventa proprietà delle masse, e quanto a lungo vi scenderà non dipende dal filosofo, ma dalla qualità del mezzo in cui l’idea vive, si sviluppa (se si sviluppa) e viene compresa.

Questa imprevedibilità della qualità degli ambienti influisce sull’accuratezza delle previsioni. Come nota lo stesso Dugin, un filosofo, quando fa una previsione, non sbaglia mai su cosa accadrà, ma sbaglia quasi sempre su quando accadrà. Forse è proprio perché si concentra sull’Eternità, senza tenere conto del tempo.

Tutto ciò che Dugin ha scritto, detto, elaborato a livello intellettuale, si sta svolgendo, si sta realizzando, si sta incarnando sotto i nostri occhi. Non è necessario essere un filosofo profondo per aprire i suoi libri, i suoi articoli e le sue interviste, per leggere, ascoltare, comprendere e capire che tutto ciò di cui ha scritto e parlato negli anni Novanta e Duemila si è già realizzato o si sta realizzando sotto i nostri occhi, proprio in questo momento, e ciò che non si è ancora materializzato è destinato a materializzarsi, anche se non posso dire quando.

È per questo che Dugin è, ad esempio, “il consigliere di Putin”, come l’Occidente e il resto del mondo sono convinti. Ho dovuto rispondere a questa domanda più di una volta ovunque: in Iran, in Turchia, in conversazioni con intellettuali in America Latina, Europa, Asia o Africa. Ovunque il pensiero conti, il mainstream è convinto che sia Dugin a definire i principali vettori della politica di Putin, semplicemente perché tutto ciò che Putin mette in atto è stato precedentemente scritto o detto da Dugin. Che cosa posso dire? Non oso discutere…

Ecco perché viviamo nel tempo di Dugin. Ed è per questo che è l’uomo più pericoloso per l’Occidente. Se non altro perché Dugin ha distrutto tutti i miti, così accuratamente e meticolosamente creati in Occidente, sul punto di riferimento del modo occidentale di sviluppo storico, così come sullo sviluppo del pensiero occidentale, sull’universalità della civiltà occidentale, sull’assenza di alternative e sull’oggettività della globalizzazione, sui vantaggi del liberalismo, sull’oggettività dell’uomo. In realtà, tutto ciò di cui l’Occidente aveva bisogno per dominare il mondo, l’umanità, per essere il dominatore su tutti.

Eppure nessuno in Occidente è stato in grado di dimostrare la propria superiorità intellettuale rispetto a Dugin (invitato a centinaia di discussioni intellettuali con ideologi e filosofi occidentali), di dimostrare il primato e la validità del pensiero intellettuale occidentale in un dialogo aperto – non Brzezinski, non Fukuyama, non Bernard-Henry Levy, divinizzato dalla comunità intellettuale occidentale contemporanea.

In un confronto intellettuale aperto con Dugin, appaiono patetici e poco convincenti. In inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo, Dugin non lascia nulla di intentato nei concetti liberali-globalisti occidentali, giustificando la sua giustezza a qualsiasi livello di discussione – dalle trasmissioni televisive con tempi di un secondo, al pubblico scientifico in dibattiti di ore.

È qui che entrano in gioco tutte le bassezze e le meschinità dell’Occidente. Incapaci di sconfiggere Dugin in un dibattito aperto, i tecnologi politici occidentali si abbassano al livello della meschinità, delle tecniche sporche e delle piccole sordidezze. Una intera sezione all’interno del Dipartimento di Stato [americano] ha lavorato per screditare Dugin, ordinando una campagna discriminatoria dopo l’altra per quasi un decennio e mezzo. La gamma di metodi di spin politico utilizzati per diffamarlo non manca di originalità o varietà. Di cosa ha più paura l’Occidente? Il fascismo (ne hanno sofferto, dandolo loro stessi alla luce) e l’occulto (che già di per sé fa paura).

Resta da risolvere un semplice problema politico-tecnologico: identificare Dugin con questi due terribili fenomeni. Fortunatamente (per loro), lo stesso metodo funziona in questo caso: digitate in un motore di ricerca i concetti spaventosi di “fascismo” e “occultismo” in combinazione con “Dugin” e voilà. Dugin ha studiato e descritto tutto il pensiero occidentale, dai Presocratici a Platone e Aristotele, passando per la caduta nella Scolastica e nel Cartesianesimo, fino alla New Age, al Moderno e al Postmoderno.

Naturalmente è incluso anche il periodo del XX secolo, insieme a fenomeni europei come il fascismo, il nazionalsocialismo con la sua teoria razziale, l’occultismo e così via. Con la stessa logica si potrebbe accusare qualcuno che scrive di insetti di essere un insetto. È esattamente così che operano: se Dugin ha scritto sul fascismo allora è un fascista, e se ha scritto sull’occulto allora è un “fascista occulto”.

Per screditare Dugin, i politologi statunitensi ingaggiano un appaltatore, alcuni subappaltatori locali, tutti i tipi di imbroglioni sul libro paga del Dipartimento di Stato, che per pochi soldi, con un flusso infinito di taglia-e-incolla, hanno singhiozzato mattoni illeggibili per dieci anni, collegando senza sosta le parole “Dugin”, “fascismo” e “occultismo” con tutti i loro derivati. Il risultato è molto sciocco, ma molto, e possiamo rimandare all’infinito, ritraendo la “scientificità”, l'”elaboratezza” e la “validità” dei libelli uno dopo l’altro. Il calcolo è lo stesso: se si digita “Aleksandr Dugin” in un motore di ricerca, con una tale abbondanza di porcherie ordinate, salta fuori sicuramente qualcosa che contiene “fascista” e “occultista”, ma il lettore di massa non seguirà nemmeno i link, accontentandosi dei titoli.

Tutto questo, secondo il cliente occidentale, avrebbe dovuto rendere Dugin “tossico”, come si esprimono oggi i giovani, per escludere anche solo teoricamente una sintesi tra il principale politico del mondo attuale, Vladimir Putin, e il principale intellettuale. In un certo senso, come si è visto, ci sono riusciti. Tuttavia, lo stesso Dugin, con la dignità di un filosofo con gli occhi rivolti verso l’interno, a contemplare un’immagine ideale del pensiero, ha continuato a tacere sulla questione, mentre Putin ha continuato a mettere in atto le strategie descritte da Dugin, ignorando anche il puzzo e il turpiloquio dei “partner” occidentali.

Alla ricerca disperata di un cambiamento, i clienti occidentali decisero di ricorrere alla cattiveria più nera di tutte: l’assassinio. Tuttavia, il principe di questo mondo ha qualcuno con cui confrontarsi. La Russia è entrata nella battaglia escatologica finale per la fine della storia. Dio e il diavolo si sono incontrati nella battaglia finale e il campo di battaglia, come dice lo stesso Dugin, è l’anima umana e la sua mente. La guerra della mente. La Noomachia. Il tempo di Dugin. Endkampf.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

16 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube