Manipolazione del sistema nervoso attraverso i campi elettromagnetici dei monitor

image_pdfimage_print

di Redazione

Pubblichiamo questo interessante articolo, ripreso dal sito Nogeoingegneria.com (link in fondo alla pagina) per approfondire le tematiche del controllo e della manipolazione.

**********

Su Google Patents sono depositati dei brevetti che riguardano il controllo mentale di massa, con relative spiegazioni e applicazioni: US6506148B2. Non siamo guidati solo dalla propaganda, ma anche dagli impulsi che provengono dai nostri dispositivi. 

È difficile trovare informazioni sul “Hendricus G. Loos”, nonostante abbia depositato molteplici domande di brevetto, con successo, per gli apparati che si occupano della manipolazione del sistema nervoso umano attraverso uno schermo di computer o un televisore. In astratto, spiega quanto segue:

“Effetti fisiologici sono stati osservati in un soggetto umano in risposta alla stimolazione della pelle con campi elettromagnetici deboli che sono pulsati con certe frequenze vicino a ½ Hz o 2,4 Hz, tali da eccitare una risonanza sensoriale. Molti schermi per computer e televisori, quando si visualizzano immagini pulsate, emettono campi elettromagnetici pulsati di ampiezza sufficiente a causare tale eccitazione. È quindi possibile manipolare il sistema nervoso di un soggetto pulsando le immagini visualizzate su un monitor del computer o sul televisore. Per quest’ultimo, l’immagine che pulsa può essere inserita nel materiale del programma, oppure può essere sovrapposta modulando un flusso del video, sia come segnale RF che come segnale video. L’immagine visualizzata sul monitor di un computer può essere pulsata in modo efficace da un semplice programma per computer. Per alcuni schermi, i campi elettromagnetici pulsati capaci di eccitare le risonanze sensoriali nei soggetti vicini possono essere generati anche se le immagini visualizzate sono pulsate con intensità subliminale. “

La cosa attenta a questo proposito, come spiega la domanda di brevetto, è che anche un impulso molto debole può avere effetti negativi sul sistema nervoso umano.

Prosegue poi descrivendo che la variabilità e la forza degli impulsi possono essere controllate tramite software e spiega come, per quanto riguarda il monitor di un computer, DVD, videocassette e altro, e anche come può essere controllato a distanza da un’altra posizione.

Forse la parte più preoccupante è questa,

Alcuni schermi possono emettere impulsi di campo elettromagnetico che eccitano una risonanza sensoriale in un soggetto vicino, attraverso impulsi dell’immagine che sono così deboli da essere subliminali. Questo è sfortunato poiché apre un modo per un’applicazione dispettosa dell’invenzione, in cui le persone sono esposte inconsapevolmente alla manipolazione del loro sistema nervoso per gli scopi di qualcun altro. Tale applicazione non sarebbe etica e naturalmente non è sostenuta. Viene menzionato qui per avvisare il pubblico della possibilità di abusi nascosti che possono verificarsi mentre si è online, o mentre si guarda la TV, un video o un DVD. ”
L’applicazione è piena di esempi citati che il “sistema nervoso di un soggetto può essere manipolato attraverso impulsi di campo elettromagnetico emessi da un vicino monitor CRT o LCD che visualizza immagini con intensità pulsata”.

Il nostro sistema nervoso controlla fondamentalmente tutto nel nostro corpo, incluso il cervello. È una rete di nervi e cellule che trasportano messaggi da e verso il cervello e il midollo spinale a varie parti del corpo, e non è un segreto che il governo degli Stati Uniti, tra gli altri, abbia una lunga storia di sperimentazione sugli esseri umani con scopi per il controllo mentale. La televisione potrebbe essere una tattica del controllo mentale? Spiegherebbe perché così tante persone credono alle storie e alle spiegazioni degli eventi presentati loro dai media mainstream, istantaneamente, senza nemmeno metterle in discussione.

In alcuni casi, siamo fatti per idolatrare ciò che vediamo sulla tivù, come celebrità, e imitare comportamenti e desideri.

A volte, una prospettiva supportata da prove, che neutralizza completamente la storia e le informazioni che riceviamo dai media mainstream, viene gettata nel “regno della cospirazione”. Questo è pericoloso; abbiamo raggiunto un punto in cui le nostre televisioni stanno facendo il pensiero per noi? Potrebbero usare le tecniche di impulso descritte sopra per influenzare i nostri pensieri, comportamenti e percezioni?

Dato ciò che sappiamo sui nostri governi e le azioni non etiche che hanno intrapreso nel corso della storia, non è assolutamente fuori questione.

C’è un motivo per cui gli aeroplani e gli ospedali vietano l’uso dei telefoni cellulari, perché le loro trasmissioni elettromagnetiche interferiscono con dispositivi elettrici critici. Il cervello non è diverso, è un organo bioelettrico estremamente complesso e genera campi elettrici. Gli scienziati possono effettivamente controllare la funzione cerebrale con la stimolazione magnetica transcranica, una tecnica che utilizza potenti impulsi di radiazione elettromagnetica irradiata nel cervello di una persona per bloccare o eccitare particolari circuiti cerebrali.

Questo è lo stesso tipo di cose descritte nel brevetto, quindi fino a che punto i nostri monitor e schermi televisivi lo fanno? Questo è il motivo per cui, ad esempio, quando qualcuno accende la loro Sony Playstation, lo schermo avverte di leggere le importanti informazioni sulla salute prima di giocare. La ricerca ha anche dimostrato che le trasmissioni cellulari semplici possono influenzare in modo significativo le onde cerebrali di una persona, ciò che alla sua volta porta ad effetti sul loro comportamento.

“Le radiazioni elettromagnetiche possono avere un effetto sul comportamento mentale quando trasmettono alla frequenza appropriata. – James Horne, del Centro di ricerca sul sonno dell’Università di Loughborough”.

Non solo questo, ma centinaia di scienziati si sono uniti e sono al momento creando consapevolezza e presentando petizioni alle Nazioni Unite sugli effetti sulla salute delle radiazioni elettromagnetiche. Sono stati collegati al cancro e hanno dimostrato di manipolare il nostro DNA. L’iniziativa è stata avviata dal Dott. Martin Blank, Ph.D., del Dipartimento di Fisiologia e Biofisica Cellulare presso l’Università della Colombia, che si è unito a un gruppo di scienziati di tutto il mondo che ha fatto un appello internazionale alle Nazioni Unite per quanto riguarda i pericoli associati all’uso di vari dispositivi di emissione elettromagnetica, come telefoni cellulari e WiFi. “Senza mezzi termini stanno danneggiando le cellule viventi nei nostri corpi e uccidendo molti di noi prematuramente”, ha detto il dott. Martin Blank, dal Dipartimento di Fisiologia e Biofisica Cellulare della Columbia University, in un video messaggio. Abbiamo creato qualcosa che ci sta danneggiando e sta andando fuori controllo. Prima della lampadina di Edison c’era poca radiazione elettromagnetica nel nostro ambiente. I livelli oggi sono molto più alti dei livelli di fondo naturali e stanno crescendo rapidamente a causa di tutti i nuovi dispositivi che emettono questa radiazione. “Questa informazione è un effetto separato sul corpo dal controllo della mente, ma è comunque importante menzionare e portare la luce a questo.

Non solo i nostri dispositivi elettronici controllano, guardano e registrano tutto ciò che facciamo, possono anche influenzare il nostro comportamento, le nostre percezioni, i nostri pensieri e sentimenti su larga scala, ma chi sa davvero se i poteri che usano questi dispositivi per il controllo mentale, nello stesso modo in cui li usano per la sorveglianza. Non fraintendermi, ma non è difficile vedere come le multinazionali usano la televisione per influenzare il nostro comportamento e le nostre percezioni, ma forse loro, e altre autorità, stanno cambiando le cose in giro, come detto sopra, e manipolando il nostro sistema nervoso in modo intenzionale per il loro guadagno personale, e consapevolmente farlo. Chaath Palihapitiya, il vicepresidente per la crescita degli utenti su Facebook prima di lasciare la compagnia nel 2011, aveva dichiarato: “I cicli di risposte a breve termine, guidati dalla dopamina che abbiamo creato stanno distruggendo il modo in cui la società funziona. . .”

Nessun discorso civile, nessuna cooperazione, disinformazione, menzogna.

Quindi, stiamo vedendo anche un tipo simile di cose.” Quando si parla di controllo mentale, il progetto MK ultra è stato il bambino della CIA. Si crede comunemente che sia stato solo il LSD ad essere utilizzato su soggetti umani, ma quello era solo un programma. Come la Corte Suprema degli Stati Uniti ha portato alla luce nel 1985, MK ultra consisteva in 162 diversi progetti segreti finanziati indirettamente dalla CIA e contratti in diverse università, fondazioni di ricerca e istituzioni simili. “La maggior parte delle registrazione del MK Ultra erano in realtà distrutte, e non è mai stato visto niente. Forse la programmazione televisiva faceva parte del programma MK Ultra?

Commenti conclusivi

È difficile capire l’idea che potremmo essere manipolati e usati così tanto, ai fini del profitto, del controllo e di altri programmi, ma è una realtà che dobbiamo affrontare. Ci sono esempi illimitati di tutto ciò nel corso della storia fino ai giorni nostri, e tutti gli aspetti della vita umana sembrano essere controllati da un gruppo selezionato di pochissime persone dalla salute, alla finanza, all’istruzione, all’intrattenimento e molto altro.

Siamo diventati strumenti per il loro uso, i nostri pensieri, comportamenti e percezioni, per la maggior parte, sembrano essere gli stessi. Se sono un pò diversi, o non si adattano veramente al fotogramma, uno può essere immediatamente etichettato, o diventare un “emarginato sociale”. Non c’è dubbio nella mia mente che la nostra televisione e altri dispositivi elettronici abbiano effetti dannosi sulla salute e che fanno / possono influenzare il nostro sistema nervoso in molti modi diversi. La scienza su questo è chiara, ma ciò che non è così chiaro è l’idea che ci siano altri che usano queste tecniche, consapevolmente, per controllare le nostre menti. Basata su tutte le ricerche sul controllo della mente e sulle azioni intraprese dai governi, in che misura li hanno portati a, sarei sorpreso se la televisione non fosse a parte del programma MK ultra. Tutto sommato, è un incentivo per passare meno tempo davanti al tuo schermo e più tempo con un libro o spenderlo fuori, con la famiglia e gli amici. Se c’è una cosa che è sicura, i nostri schermi sono dannosi per la nostra salute in molti modi diversi.

 

ALCUNI BREVETTI

Sono passati ormai parecchi anni dai pioneristici esperimenti di Delgado. A che punto sarà arrivata nel frattempo la tecnologia di controllo/manipolazione mentale? Possiamo farcene un’idea dando una scorsa ai numerosi brevetti sull’argomento. Ne elencheremo qui una dozzina in ordine cronologico, dal più antico al più recente.

Brevetto US 3.951.134 (20 aprile 1976) – Apparecchio e metodo per monitorare ed alterare da remoto le onde cerebrali

Sommario: La presente invenzione riguarda un apparecchio e un metodo per monitorare le onde cerebrali in cui tutte le componenti dell’apparecchio impiegato sono distanti dal soggetto dell’esperimento. Più specificatamente, trasmettitori ad alta frequenza sono azionati per irraggiare energia elettromagnetica a diverse frequenze attraverso antenne, le quali sono in grado di scansionare l’intero cervello del soggetto o una qualsivoglia regione di esso. I segnali di diverse frequenze penetrano il cranio del soggetto e colpiscono il cervello, dove si mescolano per produrre un’onda d’interferenza modulata dalle radiazioni provenienti dalla naturale attività elettrica del cervello. L’onda d’interferenza modulata è ritrasmessa dal cervello e ricevuta da un’antenna situata in una stazione remota, dove viene demodulata e processata in modo da ottenere un profilo delle onde cerebrali del soggetto. Oltre a monitorare passivamente le onde cerebrali, è possibile influenzare i processi neurologici del soggetto trasmettendo al suo cervello, attraverso un trasmettitore, dei segnali compensatori. Questi ultimi segnali possono essere ricavati dalle onde cerebrali ricevute e processate.

Foto: Nogeoingegneria.com

Immagine tratta dal Brevetto US 3951134 che illustra il procedimento per inviare onde a diverse frequenze (41, 43) al cervello (10) e captare e analizzare le onde emesse da quest’ultimo (45).

Brevetto US 4.877.027 (31 ottobre 1989) – Sistema per indurre sensazioni uditive

Sommario: Il suono viene indotto nella testa di una persona irradiando la testa con microonde nell’intervallo di 100-10.000 megahertz, modulate con una particolare forma d’onda. La forma d’onda consiste in scariche di frequenza modulata. Ogni scarica è formata da 10-20 pulsazioni uniformemente intervallate e raggruppate strettamente insieme. La durata di una scarica è compresa fra 500 nanosecondi e 100 microsecondi, mentre quella di una pulsazione fra 1 nanosecondo e 1 microsecondo. La frequenza delle scariche è modulata dall’ingresso audio per creare la sensazione di udito nella persona la cui testa è irradiata.

Brevetto US 5.123.899 (23 giugno 1992) – Metodo e sistema per alterare lo stato di coscienza

Sommario: Un sistema per alterare lo stato di coscienza umano comporta l’applicazione simultanea di stimoli multipli, preferibilmente suoni aventi differenti frequenze e forme d’onda. La relazione tra le frequenze dei diversi stimoli è mostrata dall’equazione

g = sn/4 · f

dove: f = frequenza di uno stimolo; g = frequenza di un altro o degli altri stimoli; n = un numero intero positivo o negativo che è diverso per ciascuno stimolo.

Brevetto US 5.899.922 (4 maggio 1999) – Manipolazione del sistema nervoso tramite campi elettrici

Sommario: Apparecchio e metodo per manipolare il sistema nervoso di un soggetto tramite i nervi afferenti, modulati da un debole campo elettrico applicato dall’esterno. La frequenza del campo dev’essere scelta in modo che la modulazione causi l’eccitazione di una risonanza sensoriale. Le risonanze scoperte finora includono una intorno a ½ Hz, che influisce sul sistema nervoso autonomo, e una intorno a 2,4 Hz, che causa il rallentamento di alcuni processi corticali. L’eccitazione della risonanza autonomica di ½ Hz causa rilassamento, sonnolenza, ptosi delle palpebre, o eccitamento sessuale, a seconda della precisa frequenza usata. Il debole campo elettrico usato per causare l’eccitazione è applicato su aree della pelle lontane dalla testa del soggetto, così da evitare notevoli densità di corrente di polarizzazione nel cervello. Campi molto deboli sono sufficienti per determinare gli effetti fisiologici menzionati. Questo rende possibile eccitare risonanze sensoriali con piccoli dispositivi a batteria che hanno un consumo di corrente molto basso. Il metodo e l’apparecchio possono essere usati dalla popolazione generale come un aiuto per il rilassamento, il sonno o l’eccitamento sessuale, e clinicamente per il controllo e forse anche per il trattamento di tremori e crisi nervose, e disordini del sistema nervoso autonomo, come gli attacchi di panico.

Brevetto US 6.024.700 (15 febbraio 2000) – Sistema e metodo per rilevare un pensiero e generare un’istruzione di controllo in risposta ad esso

Sommario: Un metodo per rilevare un pensiero e generare un’istruzione di controllo corrispondente ad esso include il rilevamento del pensiero tramite il monitoraggio della pressione dell’aria vicino all’orecchio mentre il soggetto sta pensando. In aggiunta, il metodo include il fornire un’istruzione di controllo corrispondente al pensiero rilevato. È reso noto anche un sistema per rilevare un pensiero e generare una corrispondente istruzione di controllo: esso comprende un sensore di pressione per percepire la pressione vicino all’orecchio mentre il soggetto sta pensando; lo stesso sensore produce un segnale elettrico corrispondente alla pressione. Un processore elabora il segnale elettrico per rilevare il pensiero, genera l’istruzione di controllo in risposta al rilevamento, e invia un’istruzione di controllo ad una periferica di uscita che fornisce una funzione di controllo in uscita corrispondente all’istruzione di controllo.

Foto: Nogeoingegneria.com

Immagine tratta dal Brevetto US 6024700. Nelle cuffie si trova un sensore che percepisce le variazioni di pressione vicino all’orecchio in seguito a un pensiero. Ogni tipo di pensiero produce una variazione diversa, convertibile in un segnale elettrico.

Brevetto US 6.238.333 (29 maggio 2001) – Manipolazione magnetica remota del sistema nervoso

Sommario: Apparecchio e metodo per la manipolazione magnetica remota del sistema nervoso, tramite il campo magnetico generato dal dipolo di un magnete a barra rotante. La dipendenza dalla modulazione dei pattern di scarica spontanei dei recettori sensoriali, e lo sfruttamento del meccanismo di risonanza di alcuni circuiti neurali, consente l’uso di campi magnetici molto deboli. Questo, unitamente agli ampi momenti magnetici ottenibili con un magnete a barra permanente, rende possibile manipolare efficacemente il sistema nervoso di un soggetto ad una distanza di svariate centinaia di metri, usando un piccolo congegno portatile a batteria. Il metodo può essere impiegato per il mantenimento dell’ordine pubblico in situazioni di stallo [esempio: uno scontro tra civili e militari dove questi ultimi non riescono a prevalere, ndt].

Brevetto US 6.506.148 (14 gennaio 2003) – Manipolazione del sistema nervoso tramite campi elettromagnetici provenienti dai monitor

Sommario: Nel soggetto umano sono stati osservati effetti fisiologici in risposta alla stimolazione cutanea con deboli campi elettromagnetici, pulsati con determinate frequenze intorno a ½ Hz o 2.4 Hz, in modo da eccitare una risonanza sensoriale. Diversi monitor di computer e tubi catodici, quando mostrano immagini pulsate, emettono campi elettromagnetici pulsati di ampiezza sufficiente per causare un’eccitazione di questo tipo. È possibile, quindi, manipolare il sistema nervoso di un soggetto pulsando immagini mostrate su un monitor di computer o un televisore posti nelle vicinanze. Nel caso dei televisori, la pulsazione dell’immagine può essere incorporata nel materiale del programma, oppure sovrapposta modulando un flusso video, sia come segnale a radiofrequenza che come segnale video. L’immagine mostrata su un monitor può essere pulsata in maniera efficace da un semplice programma per computer. Nel caso di alcuni monitor, i campi elettromagnetici pulsati in grado di eccitare risonanze sensoriali in soggetti vicini possono essere generati anche se le immagini mostrate sono pulsate con intensità subliminale.

Foto: Nogeoingegneria.com

Immagini tratte dal Brevetto US 6506148. Il sistema nervoso di un soggetto può essere manipolato tramite lo schermo di un computer (Figura 4) o di un televisore (Figura 5). In quest’ultimo caso, un generatore (GEN) produce delle pulsazioni e un oscillatore (RFM) le trasmette al segnale proveniente dall’antenna, in modo da rendere “pulsate” le immagini che appariranno sullo schermo.

Brevetto US 2003/0171688 (11 settembre 2003) – Apparecchio per il controllo mentale

Sommario: È reso noto un apparecchio per il controllo mentale. Il dispositivo può indurre le onde cerebrali di un utente in uno stato di onde alfa o di onde theta rilevando e analizzando le onde cerebrali umane e trasmettendo quindi all’utente un messaggio audio di controllo mentale congruo con le onde cerebrali umane analizzate, in modo che l’utente possa migliorare le capacità di concentrazione o di memoria per se stesso/a. L’apparecchio di controllo mentale per attivare le onde cerebrali generate dal cervello dell’utente include: un sensore dell’EEG (Elettroencefalogramma) per rilevare, dalle onde cerebrali generate dal cervello dell’utente, la banda di frequenze corrispondente alle onde alfa e alle onde theta; una MCU (Unità di Controllo della Memoria) per determinare se le onde cerebrali rilevate dal sensore dell’EEG siano onde alfa o theta, attraverso un programma integrato di un pacchetto di programmi di analisi delle onde cerebrali, e per controllare l’uscita di un messaggio, che corrisponde alle onde alfa o theta, tra i messaggi audio di controllo mentale di un pacchetto MP3; un decodificatore audio per demodulare il segnale convertito in dati nel pacchetto MP3 dal segnale di controllo in uscita dalla MCU; un convertitore D/A [digitale-analogico, ndt] per ricevere il segnale fornito dal decodificatore audio e convertirlo in un segnale audio analogico; e mezzi di uscita audio per convertire il segnale audio analogico in un suono.

Brevetto DE 10253433 (27 maggio 2004) – Unità di trasmissione del pensiero invia raggi di onde elettromagnetiche modulate ad un ricevitore umano per influenzare pensieri ed azioni in assenza di un ricevitore elettronico

Sommario: L’invenzione riguarda i congegni e i metodi per trasmettere informazioni attraverso ampie distanze per mezzo di radiazioni elettromagnetiche, senza bisogno di sussidi elettronici dalla parte del ricevitore per convertire la radiazione elettromagnetica in segnali acustici od ottici, come nel caso per esempio di radio, televisione o telefoni cellulari. In base all’invenzione, un fascio di radiazioni elettromagnetiche modulato è inviato nell’organismo del ricevitore in modo tale da innescare reazioni che corrispondano ad un’intenzionale trasmissione di pensieri. L’invenzione può essere usata, per esempio, (a) per favorire la comunicazione con persone in bunker o sotto le macerie in seguito a terremoti; (b) per inviare normali messaggi al personale di sicurezza; (c) per sostenere importanti trattative e persone che parlano in pubblico; (d) per sensibilizzare la popolazione su importanti questioni durante situazioni di emergenza, per esempio inviando avvisi di pericolo; (e) in combinazione con metodi investigativi per tracciare un profilo e leggere la mente dei criminali; (f) per la terapia e la profilassi di alcune menomazioni patologiche del metabolismo cerebrale e per influenzare alcune limitazioni non patologiche, situazioni stressanti e processi d’invecchiamento del metabolismo cerebrale.

Foto: Nogeoingegneria.com

Alcune immagini tratte dal Brevetto DE 10253433. Il dispositivo per la trasmissione del pensiero può essere collocato su un veicolo, su un’antenna, in un edificio o su un satellite. Il raggio di energia elettromagnetica può attraversare anche un muro di cemento armato: il soggetto al di là del muro può essere rilevato da una telecamera a onde millimetriche o a raggi infrarossi. Il raggio d’azione del dispositivo può andare da alcune decine di metri fino a centinaia di chilometri.

Brevetto WO 2005/055579 (16 giugno 2005) – Sistema per produrre telepatia artificiale

Sommario: È presentato un dispositivo che fornirà all’utente una forma di telepatia artificiale, vale a dire l’abilità di comunicare con gli altri senza alcun segno evidente di connessione. Il sistema comprende un “motore” per telefono cellulare che si interfaccia con una rete di telefonia mobile pubblica, esistente o futura. Questo dispositivo contiene anche un trasponditore a potenza molto bassa, che è collegato via wireless a uno o più trasponditori corrispondenti impiantati nel corpo. A questi ultimi sono connessi dei trasduttori, anch’essi impiantati: uno è piazzato in una posizione tale da raccogliere le parole pronunciate dall’utente e l’altro in una posizione tale da impartire all’utente voci e segnali di stato udibili. I trasduttori possono essere connessi acusticamente, tramite contatto diretto con le ossa o con altri tessuti, o mioelettricamente, tramite elettrodi connessi ai tessuti o ai nervi. Nelle reti di telecomunicazioni future, quando i livelli di potenza richiesti saranno molto più bassi, l’intero dispositivo potrà essere impiantato e connesso direttamente a una rete mobile pubblica. Il sistema è ulteriormente potenziato dall’uso della tecnologia di riconoscimento vocale, che rende possibili le operazioni del dispositivo tramite comandi vocali o sonori, senza bisogno di azioni manuali. Un ulteriore potenziamento del sistema consisterebbe nella capacità di trasferire immagini attraverso un dispositivo connesso visivamente o elettricamente agli occhi e una piccola telecamera per registrare quello che gli occhi vedono. Le caratteristiche del dispositivo emuleranno la telepatia, poiché esso consentirà una apparentemente invisibile comunicazione di voci e immagini con altri soggetti connessi alla rete.

Brevetto KR 2017/0090373 (7 agosto 2017) – Sistema di controllo mentale per interfacce umane

Sommario: La presente invenzione riguarda un sistema di controllo mentale per controllare un essere umano usando una mappa delle onde cerebrali e una mappa genetica. In base alla presente invenzione, il sistema di controllo mentale comprende: un chip nanoelettronico (NEC) introdotto o collegato al corpo umano per trasmettere e ricevere un segnale wireless; almeno un nano-biosensore, per trasmettere un segnale elettrico generato dal NEC alle cellule nervose e alle altre cellule umane, e incorporato o collegato al NEC per rilevare informazioni biometriche; e un supercomputer principale, per trasmettere un segnale wireless al NEC al fine di controllare arbitrariamente le cellule nervose e i geni del corpo umano, e usato anche per l’Internet via cavo. In base alla presente invenzione, un nervo cranico può essere controllato in modo che un portatore di handicap possa eseguire un’azione premeditata. Inoltre, si prevede che il sistema di controllo mentale descritto nella presente invenzione potrà essere utilizzato come mezzo di compravendita e per operazioni finanziarie, compresa la conferma dell’identificazione personale.

Foto: Nogeoingegneria.com

Immagine tratta dal Brevetto KR 2017/0090373. Il chip impiantato nel corpo umano può scambiare informazioni via wireless (39) con i satelliti, a loro volta collegati al supercomputer principale (MSC, 30). Le informazioni biometriche e finanziarie del soggetto possono essere trasmesse anche allo smartphone (34) e ad altri computer (31, 33, 35, 36), tramite Internet senza fili o via cavo (37).

Brevetto WO 2020/037332 (20 febbraio 2020) – Sistemi e metodi per la valutazione personalizzata dell’apprendimento e dell’attenzione attraverso il “neurofeedback training”

Sommario: Sono resi noti un metodo e un sistema per il neurofeedback training. Il metodo può includere il rilevamento di un segnale di un’onda cerebrale associato all’attività elettrica del cervello di uno studente; l’analisi di una caratteristica di questo segnale; la generazione di un “punteggio di attenzione” indicativo del livello di partecipazione dello studente; la determinazione di un “punteggio di rendimento” dello studente; la regolazione dello stimolo basata su una combinazione dei punteggi di attenzione e di rendimento per personalizzare l’esperienza educativa dello studente.  Sono resi noti anche un metodo e un sistema per la valutazione dell’attenzione. Il metodo comprende l’ottenimento di dati relativi alle risposte quando un utente esegue un gioco programmato per verificare l’attenzione, e può acquisire i corrispondenti dati relativi all’EEG tramite un dispositivo indossabile. I dati relativi alle risposte e all’EEG possono essere processati, in modo da ottenere dei punteggi corrispondenti. I punteggi delle risposte e dell’EEG possono essere sostituiti in un’equazione per ottenere i punteggi di attenzione.

Conclusioni

Alla luce di quanto abbiamo appena visto, è doveroso chiedersi cosa potrà riservarci il futuro in quest’ambito. Recentemente, in una scuola elementare di Hangzhou, in Cina, è stata impiegata una “fascia cerebrale” per monitorare l’attenzione degli alunni. Il dispositivo è basato sulla tecnologia descritta nell’ultimo brevetto elencato e il suo utilizzo ha generato un notevole scalpore.

Il timore è più che comprensibile: un domani, infatti, questa ed altre tecnologie analoghe potrebbero essere applicate su larga scala, con ripercussioni catastrofiche sulla sfera privata dei singoli individui. Forse non è un caso che questo articolo del World Economic Forum, pubblicato nel novembre 2016, reciti: “Benvenuti nel 2030: non possiedo nulla, non ho privacy e la vita non è mai stata migliore”…

Fu lo stesso Delgado, ormai più di mezzo secolo fa, a parlare di “società psicocivilizzata”, nella quale sarebbe stato possibile (grazie agli strumenti da lui inventati) un totale controllo dell’individuo. Ovviamente, non è detto che un simile scenario si concretizzi: i presupposti, però, ci sono tutti, a cominciare dalla tecnologia necessaria. Nel frattempo, non ci resta che vigilare… anche – e soprattutto – sui nostri pensieri.

Pubblicato su Nogeoingegneria.com 

Foto: Idee&Azione

2 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube