Medvedev ha spiegato in modo conciso l’obiettivo della denazificazione della Russia in Ucraina

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

L’ex presidente russo e attuale vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitry Medvedev ha condiviso un altro post informativo sul suo canale Telegram, questa volta spiegando concisamente l’obiettivo di denazificazione dell’operazione militare speciale del suo paese in corso in Ucraina. Questo nobile obiettivo è stato molto denigrato dai media mainstream occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM), che gasano il loro pubblico mirato sostenendo falsamente che nessuna cosa come il fascismo esiste nemmeno lontanamente in Ucraina sotto il suo presidente ebreo.

Medvedev ha iniziato ricordando a tutti la serie di psy-ops costantemente screditate di Kiev: il Fantasma di Kiev; l’affermazione di qualcuno che ha abbattuto un drone russo con un vaso di cetrioli; l’incidente dell’Isola dei Serpenti; il bombardamento dell’ospedale materno e infantile di Mariupol; e ora Bucha. Ha poi spiegato come tutti questi siano stati prodotti da una combinazione di agenzie di PR, fabbriche di troll e “ONG”. Secondo lui, tutte queste provocazioni di guerra dell’informazione sono state spinte per disumanizzare la Russia agli occhi del mondo e portare avanti l’ideologia antirussa del fascismo ucraino.

A tal proposito, l’ex presidente russo ha detto che ha iniziato accademicamente proprio come il fascismo tedesco, ma poi è diventato troppo potente anche per le figure di alta cultura da controllare, una volta che ha iniziato inevitabilmente a ispirare la sete di sangue dei suoi seguaci. Questo è stato portato dal revisionismo storico radicale che in questo contesto ha cercato di negare la prova documentata da secoli dell’unità storica tra russi e ucraini di cui il presidente Putin ha scritto ampiamente la scorsa estate e invece li ha dipinti come eterni nemici. Questo ha avuto conseguenze disastrose per tutte le persone coinvolte.

Il risultato finale è che l’Ucraina post-indipendenza oggi insegna alla sua gente questa versione fascista della falsa storia che enfatizza anche solo il ruolo delle figure di spicco di quel movimento attraverso il secolo scorso invece di quelle che non hanno nulla a che fare con questa ideologia. La proliferazione del simbolismo fascista nella società ucraina contemporanea non è solo una cosiddetta “estetica” innocua, come dice Medvedev, che l’Occidente guidato dagli Stati Uniti cerca di minimizzare insinceramente, ma la prova di quanto il fascismo sia diventato profondamente radicato in quel Paese negli ultimi tre decenni.

Questo suggerisce che l’obiettivo di denazificazione del presidente Putin non può essere raggiunto solo sul campo di battaglia, poiché l’unico modo per raggiungere durevolmente questo risultato è cambiare la coscienza ucraina moderna che ha descritto come “sanguinaria” e “piena di falsi miti”. In altre parole, la denazificazione dovrà essere completa e verificabile esattamente come lo fu nella Germania sconfitta dopo la Seconda guerra mondiale, il che è l’unico modo per garantire la pace delle future generazioni di ucraini stessi e l’opportunità di costruire finalmente un’Eurasia aperta da Lisbona a Vladivostok come la Russia immagina essere nell’interesse di tutti.

Per approfondire l’osservazione conclusiva di Medvedev, il lettore dovrebbe essere informato che la grande strategia della Russia del XXI secolo è ufficialmente conosciuta come la Grande Partnership Eurasiatica (GEP). Questo concetto cerca di integrare il supercontinente per migliorare al massimo le prospettive di pace, stabilità e prosperità reciproca di tutti. L’Ucraina appena nazificata rappresentava un ostacolo costruito dagli americani a questa ambiziosa visione eurasiatica, ergo il motivo per cui si è investito enormemente fin dall’indipendenza di quel paese nel 1991 e anche nei decenni precedenti.

L’élite europea controllata dagli americani o non si rende conto dell’importanza di armonizzare il suo progetto di integrazione regionale attraverso l’Eurasia con quello della Russia o sta deliberatamente andando avanti con il sabotaggio del suo signore per qualsiasi ragione. Tuttavia, il fatto della questione è che questo processo di regionalizzazione globale si sta già svolgendo sul lato opposto del supercontinente nel nord-est, est e sud-est asiatico.

La recente entrata in vigore della Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) tra ASEAN, Australia, Cina, Giappone, Nuova Zelanda e Repubblica di Corea ha portato al più grande blocco commerciale del mondo. Dimostra che anche paesi con dispute preesistenti e a volte molto accese come quelle che diversi membri hanno con la Cina possono unirsi per perseguire interessi reciproci legati al miglioramento delle prospettive di prosperità dei loro popoli.

La replica di questo scenario nell’Eurasia occidentale è impossibile finché l’Ucraina rimane nazificata; gli Stati Uniti continuano ad avere successo nella loro campagna divide et impera contro l’UE e la Russia; e questi due non armonizzano i loro rispettivi progetti di integrazione regionale. Onestamente parlando, l’Eurasia occidentale è probabilmente già troppo indietro rispetto all’Eurasia orientale per recuperare in qualsiasi momento presto, a meno che un evento cigno nero che potrebbe strappare quella regione proprio come la rivoluzione dei colori dell’Ucraina del 2014 ha strappato l’UE e la Russia.

Sia come sia, rimane ancora l’obiettivo della Russia di continuare a perseguire questa visione ambiziosa con l’obiettivo di completarla dopo un tempo non chiaro. Il primo passo è la denazificazione dell’Ucraina, solo dopo di che si può tentare di mediare un riavvicinamento tra l’UE e la Russia, anche se non prima che l’egemonia unipolare degli Stati Uniti, recentemente riaffermata su quel blocco, diminuisca nuovamente. Non si può dire quando ciò avverrà, ma la Russia non smetterà comunque di cercare di raggiungere questo obiettivo.

Pubblicato in partnership su OneWorld 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

11 aprile 2022