Megalopolis x Russia: guerra totale

image_pdfimage_print

di Pepe Escobar

Dopo un’attenta valutazione, il Cremlino sta riorganizzando la scacchiera geopolitica per porre fine all’egemonia unipolare della “nazione indispensabile”.

Ma è il nostro destino / Non avere un posto dove riposare, / Come mortali sofferenti / Cadono ciecamente e svaniscono / Da un’ora / All’altra, / Come l’acqua che cade / Di rupe in rupe, verso il basso / Per anni fino all’incertezza.

 

Holderlin, Il canto del destino di Hyperion

L’operazione Z è la prima salva di una lotta titanica: tre decenni dopo la caduta dell’URSS, e 77 anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale, dopo un’attenta valutazione, il Cremlino sta riorganizzando la scacchiera geopolitica per porre fine all’egemonia unipolare della “nazione indispensabile”. Non c’è da stupirsi che l’Impero della Menzogna sia andato completamente fuori di testa, ossessionato nell’espellere completamente la Russia dal sistema occidente-centrico.

Gli Stati Uniti e i loro cuccioli della NATO non possono assolutamente venire a patti con la loro perplessità di fronte a una perdita sbalorditiva: niente più diritto che permette l’uso esclusivo della forza geopolitica per perpetuare i “nostri valori”. Niente più Full Spectrum Dominance.

Anche il micro quadro è chiaro. Il Deep State degli Stati Uniti sta mungendo fino all’inverosimile la sua pianificata mossa dell’Ucraina per nascondere un attacco strategico alla Russia. Il “segreto” era quello di forzare Mosca in una guerra intra-slava in Ucraina per rompere Nord Stream 2 – e quindi la dipendenza tedesca dalle risorse naturali russe. Questo pone fine – almeno per il prossimo futuro – alla prospettiva di una connessione russo-tedesca bismarckiana che alla fine farebbe perdere agli Stati Uniti il controllo della massa eurasiatica dal Canale della Manica al Pacifico a un emergente patto Cina-Russia-Germania.

La mossa strategica americana, finora, ha funzionato a meraviglia. Ma la battaglia è tutt’altro che finita. I silos psico neo-con/neoliberalcon all’interno dello Stato Profondo considerano la Russia una minaccia così seria all'”ordine internazionale basato sulle regole” che sono pronti a rischiare, se non a incorrere in una guerra nucleare “limitata” per il loro gambetto. La posta in gioco è niente meno che la perdita del dominio del mondo da parte degli anglosassoni.

 

Padroneggiare i cinque mari 

La Russia, in base alla parità di potere d’acquisto (PPP), è la sesta economia del mondo, subito dopo la Germania e davanti a Regno Unito e Francia. La sua economia “hard” è simile a quella degli Stati Uniti. La produzione di acciaio può essere circa la stessa, ma la capacità intellettuale è di gran lunga superiore. La Russia ha più o meno lo stesso numero di ingegneri degli Stati Uniti, ma sono molto più istruiti.

Il Mossad attribuisce il miracolo economico di Israele nel creare un equivalente della Silicon Valley a una base di un milione di immigrati russi. Si dà il caso che questa Silicon Valley israeliana sia una risorsa chiave del MICIMATT americano (complesso militare-industriale-congressuale-intelligence-media-accademia-tank tank), come indelebilmente nominato da Ray McGovern.

I media NATOstan che sbraitano istericamente che il PIL della Russia è grande come il Texas è una sciocchezza. Il PPP è ciò che conta davvero; questo e gli ingegneri superiori della Russia sono il motivo per cui le loro armi ipersoniche sono almeno due o tre generazioni avanti rispetto agli Stati Uniti, basta chiedere all’indispensabile Andrei Martyanov.

L’Impero delle Bugie non ha missili difensivi degni di questo nome, e nessun equivalente al signor Zircon e al signor Sarmat. La sfera NATOstan semplicemente non può vincere una guerra, qualsiasi guerra contro la Russia solo per questo motivo.

L’assordante “narrazione” della NATOstan che l’Ucraina sta sconfiggendo la Russia non si qualifica nemmeno come una battuta innocua (confrontatela con la strategia russa “Reach Out and Touch Someone“). Il sistema corrotto di fanatici dell’SBU mescolati a fazioni ucraino-naziste è kaput. Il Pentagono lo sa. La CIA non può assolutamente ammetterlo. Ciò che l’Impero della Menzogna ha più o meno vinto, finora, è una “vittoria” mediatica per gli ucraini, non una vittoria militare.

Il generale Aleksandr Dvornikov, di fama siriana, ha un mandato chiaro: conquistare tutto il Donbass, liberare totalmente la Crimea e preparare l’avanzata verso Odessa e la Transnistria, riducendo un’Ucraina a uno stato fallito senza alcun accesso al mare.

Il Mar d’Azov – collegato al Caspio dal canale Don-Volga – è già un lago russo. E il Mar Nero è il prossimo, il collegamento chiave tra l’Heartland e il Mediterraneo. Il sistema dei Cinque Mari – Nero, Azov, Caspio, Baltico, Bianco – sancisce la Russia come potenza navale continentale de facto. Chi ha bisogno di acque calde?

 

Muoversi “alla velocità della guerra

Il quadrante del dolore, d’ora in poi, salirà senza sosta. La realtà – come i fatti sul terreno – diventerà presto evidente anche per la NATOstan-wide LugenPresse.

Il presidente sveglio del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, si aspetta che l’operazione Z duri anni. Questa è una sciocchezza. Le forze armate russe possono permettersi di essere abbastanza metodiche e prendersi tutto il tempo necessario per smilitarizzare correttamente l’Ucraina. L’Occidente collettivo da parte sua è pressato dal tempo – perché il contraccolpo dell’economia reale è già in atto e destinato a diventare feroce.

Il ministro della difesa Shoigu è stato molto chiaro: tutti i veicoli della NATO che portano armi a Kiev saranno distrutti come “obiettivi militari legittimi”.

Un rapporto del servizio scientifico del Bundestag ha stabilito che l’addestramento dei soldati ucraini sul suolo tedesco può equivalere, secondo il diritto internazionale, alla partecipazione alla guerra. E questo diventa ancora più complicato se accoppiato con le consegne di armi della NATO: “Solo se, oltre alla fornitura di armi, si trattasse anche dell’istruzione della parte in conflitto o dell’addestramento in tali armi, si uscirebbe dalla zona sicura della non guerra”

Ora almeno è irrimediabilmente chiaro come l’Impero della Menzogna “si muove alla velocità della guerra” – come descritto in pubblico dal venditore di armi diventato capo del Pentagono, Lloyd “Raytheon” Austin. In Pentagonese, questo è stato spiegato dal proverbiale “funzionario” come “una combinazione di un call center, un piano di guardia, sale riunioni. Eseguono un ritmo di battaglia per sostenere chi prende le decisioni”.

Il “ritmo di battaglia” pentagonale offerto a un presunto “militare ucraino credibile, resistente e capace di combattere” è alimentato da un sistema EUCom che essenzialmente sposta gli ordini di armi dai magazzini del Pentagono negli Stati Uniti. alle filiali dell’Impero delle Basi in Europa e poi al fronte orientale della NATO in Polonia, dove vengono trasportate attraverso l’Ucraina appena in tempo per essere debitamente incenerite dai colpi di precisione russi: la ricchezza di opzioni include missili supersonici P-800 Onyx, due tipi di Iskander, e il signor Khinzal lanciato dai Mig-31K.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha sottolineato che Mosca è perfettamente consapevole che gli Stati Uniti, la NATO e il Regno Unito stanno trasferendo non solo armi ma anche carichi di informazioni. In parallelo, l’Occidente collettivo capovolge tutto 24 ore su 24, plasmando un nuovo ambiente totalmente orientato contro la Russia, non curandosi nemmeno di una parvenza di partenariato in qualsiasi area. L’Occidente collettivo non considera nemmeno la possibilità di dialogo con la Russia.

Quindi parlare con Putin è “una perdita di tempo”, a meno che una “sconfitta russa” in Ucraina (facendo eco alle stridenti pubbliche relazioni di Kiev) lo renda “più realista”. Per tutti i suoi difetti, Le Petit Roi Macron/McKinsey è stato un’eccezione, al telefono con Putin all’inizio di questa settimana.

La neo-orwelliana hitlerizzazione di Putin lo riduce, anche tra la cosiddetta euro-intellighenzia, allo status di dittatore di una nazione cloroformizzata nel suo nazionalismo del XIX secolo. Dimenticate ogni parvenza di analisi storica/politica/culturale. Putin è un tardo Augusto che veste il suo Imperium come una Repubblica.

Nel migliore dei casi gli europei predicano e pregano – chihuahua che abbaia alla voce del suo padrone – per una strategia ibrida di “contenimento e impegno” da scatenare da parte degli Stati Uniti, ripetendo maldestramente gli scarabocchi degli abitanti di quella no-fly zone intellettuale, Think Tankland.

Ma in realtà gli europei preferirebbero “isolare” la Russia – come il 12% della popolazione mondiale che “isola” l’88% (naturalmente: la loro “visione” occidentalizzata ignora completamente il Sud globale). L'”aiuto” alla Russia arriverà solo quando le sanzioni saranno efficaci (come mai: il ritorno di fiamma sarà la norma) o – il sogno bagnato per eccellenza – ci sarà un cambio di regime a Mosca.

 

La caduta

L’agente di pubbliche relazioni ucraino Ursula von der Lugen ha presentato il sesto pacchetto di sanzioni della (Dis)Unione Europea.

In cima al conto c’è l’esclusione di altre tre banche russe da SWIFT, tra cui Sberbank. Sette banche sono già escluse. Questo rafforzerà il “totale isolamento” della Russia. È inutile commentare qualcosa che inganna solo il LugenPresse.

Poi c’è l’embargo “progressivo” sulle importazioni di petrolio. Niente più greggio importato nell’UE tra sei mesi e niente più prodotti raffinati prima della fine del 2022. Allo stato attuale, l’AIE mostra che il 45% delle esportazioni di petrolio della Russia va all’UE (con il 22% alla Cina e il 10% agli USA). La Voce del suo Maestro continua e continuerà a importare petrolio russo.

E naturalmente spuntano anche 58 sanzioni “personali” che prendono di mira personaggi molto pericolosi come il patriarca Kirill della Chiesa ortodossa, e la moglie, il figlio e la figlia del portavoce del Cremlino Dmitri Peskov.

Questa sbalorditiva dimostrazione di stupidità dovrà essere approvata da tutti i membri dell’UE. La rivolta interna è garantita, specialmente dall’Ungheria, anche se molti rimangono disposti a commettere un suicidio energetico e a rovinare la vita dei loro cittadini alla grande per difendere un regime neonazista.

Alastair Crooke ha richiamato la mia attenzione su una sorprendente e originale interpretazione di ciò che sta succedendo, offerta in russo da un analista serbo, il Prof. Slobodan Vladusic. La sua tesi principale, in poche parole: “Megalopoli odia la Russia perché non è Megalopoli – non è entrata nella sfera dell’anti-umanesimo e per questo rimane un’alternativa di civiltà. Da qui la russofobia”.

Vladusic sostiene che la guerra intra-slava in Ucraina è “una grande catastrofe per la civiltà ortodossa” – rispecchiando il mio recente primo tentativo di aprire un serio dibattito su uno scontro tra cristianità.

Eppure lo scisma maggiore non è sulla religione ma sulla cultura: “La differenza chiave tra il vecchio Occidente e la Megalopoli di oggi è che Megalopoli rinuncia programmaticamente all’eredità umanistica dell’Occidente”.

Così ora “è possibile cancellare non solo il canone musicale, ma anche l’intero patrimonio umanistico europeo: tutta la letteratura, le belle arti, la filosofia” a causa di una “banalizzazione del sapere”. Quello che rimane è uno spazio vuoto, in realtà un buco nero culturale, “riempito dalla promozione di termini come ‘postumanesimo’ e ‘transumanesimo'”.

Qui Vladusic arriva al cuore della questione: La Russia si oppone ferocemente al Grande Reset architettato dalle “hackerabili”, autodefinite “élite” di Megalopoli.

Sergey Glazyev, che ora coordina il progetto di un nuovo sistema finanziario/monetario da parte dell’Unione Economica Eurasia (EAEU) in collaborazione con i cinesi, adatta Vladusic ai fatti sul campo (qui in russo, qui in una imperfetta traduzione inglese).

Glazyev è molto più schietto che nelle sue meticolose analisi economiche. Pur notando gli obiettivi dello Stato profondo di distruggere il mondo russo, l’Iran e bloccare la Cina, sottolinea che gli Stati Uniti “non saranno in grado di vincere la guerra ibrida globale”. Una ragione fondamentale è che l’Occidente collettivo ha “messo tutti i paesi indipendenti di fronte alla necessità di trovare nuovi strumenti monetari globali, meccanismi di assicurazione del rischio, ripristinare le norme del diritto internazionale e creare i propri sistemi di sicurezza economica”.

Quindi sì, questa è la Totalen Krieg, la guerra totale – come Glazyev la scandisce senza attenuanti, e come la Russia ha denunciato questa settimana all’ONU: “La Russia deve tenere testa agli Stati Uniti e alla NATO nel suo confronto, portandolo alla sua logica conclusione, per non essere divisa tra loro e la Cina, che sta irrevocabilmente diventando il leader dell’economia mondiale”.

La storia potrebbe alla fine registrare, 77 anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale, che gli psicopatici neocon/neoliberisti nei silos di Washington che istigano una guerra inter-slava ordinando a Kiev di lanciare una guerra lampo contro il Donbass è stata la scintilla che ha portato alla caduta dell’impero statunitense.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

8 maggio 2022