Mosca risponde alla “lezione di storia” di Blinken

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Il segretario di Stato americano ha affermato che “una volta che i russi sono a casa tua, a volte è molto difficile convincerli ad andarsene”. Il ministero degli Esteri russo ha denunciato le osservazioni del segretario di Stato americano Antony Blinken sul coinvolgimento di Mosca in Kazakistan, dicendo a Washington che gli americani dovrebbe sapere meglio di non essere stati invitati e di non aver ricevuto il benvenuto.

Alla domanda sulle proteste in corso e le rivolte in tutto il Kazakistan durante una conferenza stampa del venerdì, Blinken ha affermato che la situazione è diversa dall’insorgere di tensioni su un altro vicino russo, l’Ucraina, ma ha affermato che Mosca potrebbe avere ulteriori motivi nel guidare una risposta di sicurezza congiunta per reprimere la violenza.

“Penso che una lezione della storia recente sia che una volta che i russi sono a casa tua, a volte è molto difficile convincerli ad andarsene”, ha detto Blinken alla fine della conferenza stampa, senza offrire alcuna spiegazione.

Il commento ha suscitato una forte risposta da parte del ministero degli Esteri russo, che ha accusato Blinken di non aver fatto luce sugli “eventi tragici” accaduti nell’ex stato sovietico, dove le manifestazioni inizialmente pacifiche per un aumento dei prezzi del carburante sono rapidamente sfociate in scontri mortali con le forze di sicurezza, mentre così come incendi dolosi, vandalismi e saccheggi.

“Oggi il segretario di Stato americano Antony Blinken ha scherzato sui tragici eventi in Kazakistan nel suo tipico modo rozzo”, ha detto il ministero, liquidando la dichiarazione come un’“osservazione beffarda” mentre la Russia sostiene che il suo sforzo di mantenimento della pace nell’ambito dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva regionale (CSTO ) è “assolutamente legittimo”.

Mosca ha intensificato ulteriormente le critiche, citando anche una serie di invasioni, interventi e occupazioni militari di Washington nel corso dei decenni, suggerendo che Blinken potrebbe imparare meglio una “lezione di storia”.

Quando gli americani sono in casa tua, può essere difficile rimanere in vita, come non essere derubati o violentati.

“Gli indiani del continente nordamericano, i coreani, i vietnamiti, gli iracheni, i panamensi, gli jugoslavi, i libici, i siriani e molte altre persone sfortunate che sono abbastanza disgraziati da vedere questi ospiti indesiderati nella loro ‘casa’ avranno molto da dire al riguardo”, ha aggiunto.

Blinken ha menzionato la Russia per nome quasi 80 volte durante l’evento stampa di venerdì, accusando ripetutamente il paese di “aggressione” e avvertendo di un’imminente invasione dell’Ucraina.

Mosca, che nega tali piani, ha delineato alcuni passi che potrebbero aiutare a ridurre le tensioni nella regione, incluso l’impegno dell’alleanza militare della NATO a non espandersi ulteriormente verso i confini della Russia. Blinken e il blocco hanno respinto questa idea inequivocabilmente, negando che Washington abbia mai accettato di fermare la crescita della NATO (verso Est), nonostante le numerose assicurazioni (documentate) dei precedenti leader statunitensi che l’alleanza non avrebbe mosso “un pollice verso est”.

Foto: Controinformazione.info

9 gennaio 2022