Nagorno-Karabakh: escalation e de-escalation

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Sullo sfondo dell’Operazione Militare Speciale in Ucraina, la situazione nel Nagorno-Karabakh attira meno l’attenzione. Tuttavia, la regione potrebbe potenzialmente diventare uno dei punti di tensione nello spazio eurasiatico.

All’inizio di agosto, la situazione in questa regione dell’Azerbaigian è peggiorata. Il 3 agosto un soldato azero è stato ucciso nella regione. Il 4 agosto, Baku ha annunciato la cattura di diverse alture a seguito dell’operazione militare speciale “Retribution”. Le autorità dell’autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh (NKR) hanno annunciato una mobilitazione parziale. La linea di contatto tra le forze armene e le truppe azere è controllata dalle forze di pace russe.

C’era il pericolo di un’escalation del conflitto, che avrebbe interessato anche la Russia, costringendo Mosca, di fronte al confronto con l’Occidente, a disperdere risorse e attenzione su più fronti contemporaneamente.

L’Occidente è principalmente interessato a fomentare conflitti alla periferia della Russia. Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno influenza su Baku e Erevan.

La Gran Bretagna è attiva nella direzione transcaucasica, che tradizionalmente gode di una forte influenza in Azerbaigian, essendo uno dei principali partner economici del paese. A loro volta, per gli Stati Uniti, gli strumenti di influenza in Armenia sono la diaspora armena negli Stati Uniti e le reti di organizzazioni liberali non governative e le persone che ne derivano nelle strutture governative. Due settimane prima dell’escalation del conflitto, il direttore della CIA William Burns ha visitato Erevan.

L’escalation della tensione in Nagorno-Karabakh è stata discussa alla vigilia dell’incontro dei presidenti di Russia e Turchia a Sochi nella riunione operativa del presidente Putin con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza russo. Sebbene gli esperti si aspettassero che questo argomento sarebbe stato espresso durante i colloqui tra Putin ed Erdogan il 5 agosto, ufficialmente non era all’ordine del giorno. Tuttavia, dopo i colloqui a Sochi, le tensioni nella regione hanno cominciato a placarsi.

Il 10 agosto, il presidente della non riconosciuta NKR, Arayik Harutyunyan, ha annunciato la smobilitazione della popolazione maschile della repubblica non riconosciuta, che era stata mobilitata una settimana prima. Il 12 agosto, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha affermato che le truppe azere avevano vendicato il soldato morto, chiarendo che l’operazione delle truppe azere era finita. Tuttavia, ha promesso che qualsiasi provocazione da parte armena sarebbe stata severamente repressa.

«Sulle nostre terre, possiamo effettuare qualsiasi operazione in qualsiasi momento», ha affermato il leader azero.

Secondo Nedret Ersanel, analista del quotidiano turco filogovernativo Yeni Şafak il valore strategico dell’Azerbaigian è aumentato “più volte” sullo sfondo del successo della Russia in Ucraina. La Russia controlla di fatto la costa dell’Azov e il Mar Nero. La firma dell’accordo sul grano a Istanbul attraverso la mediazione delle Nazioni Unite ha di fatto riconosciuto alla Russia il diritto di bloccare i porti ucraini e impedire l’esportazione di armi verso l’Ucraina via mare. Sotto il controllo della Russia ci sono le comunicazioni tra il Mar Nero e il Mar Caspio, che sono importanti per i processi di integrazione continentale con il coinvolgimento della Cina. È ovvio che Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele cercheranno di alienare l’Azerbaigian dalla Russia, cercando di distruggere i corridoi di integrazione nell’area Caspio-Mar Nero.

La Turchia, al contrario, è interessata a Mosca. Baku e Ankara lavorano insieme, integrando le regioni del Mar Nero e del Caspio con progetti transeurasiatici.

Nelle condizioni attuali, la Russia sarà interessata a raggiungere accordi, anche attraverso la mediazione della Turchia, che escluderanno l’escalation del conflitto intorno al Nagorno-Karabakh e tra Armenia e Azerbaigian, ma rafforzeranno la posizione di Baku nella regione.

Se Baku e Erevan non soccomberanno alle provocazioni degli agenti di influenza atlantisti, che, da un lato, spingeranno l’Azerbaigian a un’operazione militare su vasta scala nel Karabakh, e dall’altro, persuaderanno l’Armenia a rifiutare la cooperazione con la Russia, è possibile evitare un conflitto su vasta scala. Erevan riceverà la pace e la prospettiva di preservare la popolazione armena nel Nagorno-Karabakh, mantenendo la sovranità su Syunik (altro possibile punto di escalation del conflitto). Per l’Azerbaigian si concreterà l’attuazione del progetto del corridoio di trasporto Zangezur sotto il controllo delle forze di sicurezza russe, che collegherà Nakhchivan con il territorio principale dell’Azerbaigian. Anche la Turchia trarrà vantaggio dall’attuazione di questo scenario.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: NR-Italia

26 agosto 2022