Nazionalismo: finzione criminale e impasse ideologica

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Quarta Teoria Politica e critica del nazionalismo

Forse pochi hanno notato che la Quarta Teoria Politica presta la più seria attenzione alla critica del nazionalismo. Più sorprendente è la critica al liberalismo e il rifiuto del dogma marxista, ma ugualmente necessario e fondamentale è il rifiuto radicale non solo del nazionalismo, ma anche della nazione.

Un posto speciale nella Quarta Teoria Politica è occupato da una critica frontale e intransigente al razzismo, che può essere considerato come una delle versioni del nazionalismo, o, più in generale, come un paradigma generale dell’atteggiamento della civiltà occidentale nei confronti di tutti gli altri popoli e culture.

In un momento in cui la Russia sta conducendo un’operazione militare in Ucraina, il cui scopo è la denazificazione, dovremmo soffermarci su questo in modo più dettagliato.

 

Pluralità di civiltà e multipolarità

La Quarta Teoria Politica si basa sull’idea fondamentale di una pluralità di civiltà e culture, cioè l’idea di un mondo multipolare – come storia, stato attuale delle cose e progetto per il futuro. Ciò significa che la civiltà occidentale e, in particolare, la civiltà occidentale moderna che si è sviluppata nei tempi moderni, è solo una delle varianti della civiltà, e al di fuori di essa sono esistite, esistono e, soprattutto, devono esistere e esisteranno altre civiltà sulla base di distinti principi originali.

Queste civiltà non occidentali sono:

  • Civiltà russa (ortodossa-eurasiatica) (iniziamo con essa, perché lo siamo);
  • Cinese (abbastanza unificato e oggi formalizzato politicamente);
  • Islamica (multipolare e multivettore di per sé)
  • Indiana (che non funge ancora da polo indipendente);
  • Latino-americana (in via di divenire);

Africana (potenziale e rappresentata dal progetto Panafricanismo).

Inoltre, nella stessa civiltà occidentale si possono distinguere due settori:

  • Anglosassone (USA, Inghilterra, Australia, Canada) e
  • Europeo-continentale (principalmente franco-tedesco).

Allo stesso tempo, la civiltà occidentale si presenta come l’unica e universale, equiparando i suoi valori e atteggiamenti a quelli di tutta l’umanità. Questo è il profondo razzismo occidentale (etnocentrismo), che è stato alla base del colonialismo classico e rimane tale – ma solo un po’ più velato – nei progetti del globalismo.

 

La natura razzista dell’unipolarità: egemonia occidentale e agenti di influenza

A livello di geopolitica e geostrategia, il razzismo occidentale si esprime in un modello unipolare: l’Occidente (USA e NATO) controlla l’intera umanità sulla base del pieno dominio militare, economico, diplomatico, informativo e culturale (dominio a spettro completo)

Qualsiasi Paese e qualsiasi persona può essere d’accordo con la pretesa dell’Occidente all’universalismo (cioè l’unipolarità) o può rifiutarla. La scelta dell’unipolarità o della multipolarità non è scontata, è sempre aperta. Ogni russo, cinese, musulmano, indù, africano o latino-americano può riconoscere l’egemonia dell’Occidente, o può dirgli un “no” deciso, giurando sulla propria identità di civiltà. Quindi tutto dipende dalla posizione che prendiamo. Se accettiamo l’universalità dell’Occidente e il suo predominio strategico e culturale, diventiamo agenti dell’influenza della NATO. E nient’altro. Se non siamo d’accordo, sperimenteremo il colpo dell’egemonia mondiale. Cioè, stiamo entrando in una lotta con l’Occidente, la NATO ei suoi agenti di influenza – con tutti coloro che dicono “sì” all’Occidente.

Oggi la Russia sta conducendo un’operazione militare contro l’Occidente e la sua egemonia. È stato con lui che siamo entrati in un confronto diretto. Ciò significa che la Russia – in quanto civiltà distintiva e potenza nucleare – rifiuta la pretesa dell’Occidente all’egemonia e all’universalismo. Mosca ha esitato a lungo, ma alla fine ha deciso di dire un “no” radicale.

Abbastanza naturalmente, l’Occidente razzista e globalista risponde alla Russia allo stesso modo e sta conducendo ferocemente una guerra per procura con noi, e per procura, con l’aiuto del regime neonazista che ha nutrito in Ucraina.

C’è un confronto armato tra il mondo multipolare e quello unipolare.  Questo è uno scontro di civiltà. Civiltà al plurale. E non una guerra di “una sola civiltà con i barbari”, come propaganda l’Occidente.

Poiché la guerra (non con l’Ucraina, ma con l’Occidente) è già in corso, quindi, in questo momento è il momento in cui dobbiamo opporci all’Occidente con le nostre strutture di civiltà: teorie, idee, paradigmi, insegnamenti, valori, principi. E i valori occidentali, almeno, dovrebbero essere relativizzati – o addirittura scartati. Relativizzare significa dire: “ti piace, beh, va bene, ma questa è la tua e solo la tua opinione, e non universale”. Per scartare, tutto è chiaro e facile, ma in cambio, in ogni caso, è necessario approvare qualcosa di proprio, originale e completo.

 

L’egemonia nelle scienze politiche

Proprio come alcuni media e organizzazioni pubbliche in Russia sono stati recentemente obbligati a indossare il disclaimer “agente straniero”, così è con le teorie politiche. Il liberalismo, il comunismo e il nazionalismo di particolare interesse per noi sono le principali versioni politiche e ideologiche della modernità occidentale. Tutte e tre le ideologie classiche (liberalismo, comunismo, nazionalismo) si sono sviluppate in Occidente e corrispondono alla sua esperienza storica e alla sua identità. Nel resto delle società non occidentali e di intere civiltà, queste tre teorie furono estese nel corso della colonizzazione intellettuale. Oggi sono considerati generali e universali, e quindi applicabili a qualsiasi popolo e Paese, ma in realtà stiamo parlando dei prodotti concettuali e teorici di una sola parte dell’umanità, di una civiltà: l’Occidente moderno. In tutte le società non occidentali, l’esposizione del liberalismo (oggi dominante e quindi più pericoloso), del comunismo e del nazionalismo deve iniziare con un avvertimento: “Attenzione! Abbiamo a che fare con contenuti coloniali-imperialisti tossici!” Cioè, i sostenitori del liberalismo, del comunismo e del nazionalismo fuori dall’Occidente sono agenti stranieri consci o inconsci. A meno che, ovviamente, non sottopongano queste teorie nemmeno a critiche, ma almeno al confronto con i propri insegnamenti e teorie costruite sulla base dei principi della loro civiltà, e questo accade molto raramente e, di regola, viene immediatamente soppresso.

Essere un liberale, un comunista o un nazionalista fuori dall’Occidente è come essere un agente di influenza, un collaboratore e una “quinta colonna”.

Questa è una conclusione generale della multipolarità e del riconoscimento di una pluralità di civiltà, nonché la base fondamentale della Quarta Teoria Politica, basata sul rifiuto della pretesa della scienza politica occidentale e delle sue tre teorie principali: 1) liberalismo, 2) comunismo, 3) nazionalismo – per l’universalità.

 

La scienza politica occidentale è un prodotto del capitalismo

Inoltre, va aggiunto che si tratta della scienza politica dell’Occidente moderno, che prese forma proprio in quell’epoca in cui l’Occidente ruppe completamente con la sua eredità classica e medievale: prima di tutto, con il cristianesimo.

Le tre teorie politiche divennero la base della scienza politica occidentale insieme all’ordine borghese.

Il liberalismo inizialmente proclamò l’individualismo borghese e la società civile su scala cosmopolita-planetaria.

Il nazionalismo è lo stesso individualismo e cittadinanza, ma solo nel quadro di uno stato borghese.

E il comunismo, accettando il capitalismo come una fase inevitabile dello sviluppo umano (tesi razzista ed eurocentrica), pretendeva di superare l’ordine borghese (che era destinato a diventare prima globale), ma conservava fiducia nel progresso e nello sviluppo tecnico, continuando – ma solo in una chiave democratica di massa e di classe – etica borghese della “liberazione” dalla tradizione, dalla religione, dalla famiglia, ecc.

Naturalmente, avendo vinto nelle società non occidentali (contrariamente allo stesso Marx, che credeva che ciò fosse impossibile), il comunismo è cambiato qualitativamente (in Russia, Cina, ecc.), ma non ha apportato modifiche significative alla teoria stessa, rimanendo parte della scienza politica eurocentrica.

 

Il nazionalismo come anti-Tradizione

Ora parliamo più specificamente del nazionalismo. Il nazionalismo è un fenomeno capitalista borghese occidentale. Appare in Europa come il rifiuto dello stile di vita medievale: la religione, un’unica chiesa europea, l’Impero, l’organizzazione di classe della società. Il nazionalismo europeo è la stessa costruzione artificiale e strumentale delle altre versioni delle ideologie occidentali. Questa non è un’alternativa alla modernità capitalista, questo è il suo prodotto diretto.

Certo, il liberalismo corrisponde più pienamente al sistema capitalista ed è stato originariamente concepito come globalismo, cioè come diffusione delle norme e degli atteggiamenti del sistema borghese a tutta l’umanitàQuesto, per inciso, era ben compreso dai marxisti. Il nazionalismo, invece, fu una tappa intermedia, quando fu necessario distruggere le istituzioni paneuropee del Medioevo – il cattolicesimo, l’Impero, l’organizzazione di classe della società, e offrire qualcosa in cambio della temporanea conservazione dello stato, già catturato dall’oligarchia borghese. Non sorprende che il nazionalismo sia apparso per la prima volta nei paesi protestanti, dove, a cominciare da Olanda e Inghilterra, vediamo tutti e tre i principali segni del capitalismo emergente (anti-Chiesa, anti-Impero, anti-gerarchia), rinuncia a Roma, feroce opposizione agli Asburgo e il trasferimento dell’iniziativa nell’economia e nella politica dall’aristocrazia e dal sacerdozio alla classe dei mercanti urbani.

Furono i circoli borghesi antitradizionali – anticattolici, anti-cementali e antimperiali – delle società europee a diventare i principali portatori del nazionalismo.

Storicamente, il capitalismo si è sviluppato secondo alcune fasi: prima sotto forma di nazionalismo, poi sotto forma di liberalismo globalista, sebbene le teorie liberali si siano formate in una fase iniziale, e il globalismo di Adam Smith fosse identico nei suoi contorni ai territori dell’impero britannico coloniale mondiale.

Con il progredire del sistema borghese, il capitalismo è diventato sempre più liberale e sempre meno nazionale, ma in molti casi le forme nazionali non sono scomparse da nessuna parte: gli stati nazionali borghesi sono sopravvissuti fino ad oggi. I globalisti liberali moderni vogliono abolirli il prima possibile, trasferendo il potere al governo mondiale, ma esistono ancora e, se necessario, vengono utilizzati dalle élite capitaliste che li controllano. Tuttavia, è logico considerare il nazionalismo una fase iniziale del capitalismo e il liberalismo (globalismo) una fase tarda.

Il comunismo in questo contesto è una deviazione. I comunisti (almeno i marxisti dogmatici) sono solidali con i globalisti nel rifiutare gli stati-nazione e considerano necessario e inevitabile il trionfo del capitalismo cosmopolita su scala planetaria. Pertanto, nella lotta contro regimi chiaramente nazionalisti, si trovano spesso dalla parte dei liberali. Ma, allo stesso tempo, aspettano il momento in cui il sistema capitalista, divenuto globale e internazionale, entrerà in crisi e poi, secondo loro, si creeranno le condizioni per la rivoluzione proletaria mondiale. È qui che si farà sentire il confronto tra comunismo e liberalismo. Tale è la teoria astratta del comunismo, completamente confutata dalla pratica storica. I regimi comunisti, infatti, non hanno preso forma nelle società capitaliste e internazionali, ma in paesi agrari con uno stile di vita quasi medievale, e si trasformarono in qualcosa di nazional-bolscevico, che una parte significativa dei marxisti occidentali generalmente rifiutava di considerare “socialismo” o “comunismo”. Così, contrariamente alla pura teoria marxista, alcuni regimi comunisti (Russia sovietica, Cina, ecc.) iniziarono a costruire il socialismo in un solo paese, cioè legavano essenzialmente il comunismo con il contesto nazionale (senza dargli, però, una formulazione teorica).

Tutto ciò ha creato una terribile confusione in termini, dal momento che tutti i partiti sono stati costretti a fare stiramenti ideologici e mosse propagandistiche volte a oscurare in qualche modo evidenti contraddizioni teoriche.

In ogni caso, il nazionalismo è qualcosa di puramente moderno, occidentale e capitalista.

 

La nazione è una comunità immaginaria

La natura artificiale del nazionalismo è magnificamente descritta dal sociologo Benedict Anderson, il quale mostra in modo convincente che, a differenza di un popolo o di un’etnia, “nazione” è un concetto politico e artificiale, creato per scopi pragmatici dagli ideologi borghesi, quando era necessario in qualche modo tenere insieme la società dopo che aveva rifiutato la tradizione – religiosa, di classe e gerarchica (imperiale). Anderson ha chiamato il suo libro An Imaginary Community, sottolineando la natura illusoria della nazione come creazione arbitraria e fittizia dell’intellighenzia, al servizio ideologicamente degli interessi della borghesia. Fa inoltre un’affermazione molto importante: il nazionalismo non segue la nazione come sua forma estrema, ma precede la nazione. Il nazionalismo viene prima, e solo allora la nazione stessa. Ogni nazione è inventata dai nazionalisti. I nazionalisti iniziano inventando radici antiche per un popolo storico specifico che non ha nulla a che fare con esso. Il moderno stato borghese è proclamato erede di qualche grande impero. E poi i nazionalisti impongono all’intera popolazione dello stato un linguaggio preso arbitrariamente (il più delle volte tra i dialetti, è chiamato “idioma”), un codice culturale unico e un sistema di diritto comune su base individuale – civile. Questa raccolta di singoli cittadini, che sono stati costretti a parlare la stessa lingua e si considerano discendenti fittizi di grandi (o fittizi) antenati, è necessaria solo affinché una società frammentata e atomizzata non cada affatto in pezzi, ma allo stesso tempo così che né le proprietà religiose né religiose né le istituzioni imperiali né le comunità rurali. E per unire questa massa eterogenea occorre un nemico, di fronte al quale tutti questi frammenti umani (parti senza un tutto) proverebbero solidarietà nell’odio e nella superiorità ingiustificata.

Allo stesso tempo è importante la stessa parola “cittadino”, che deriva dalla parola “città”, cioè “cittadino”. Questa è la stessa etimologia e la parola borghese, dalla parola Burg, “città”. Il nazionalismo è un fenomeno urbano, urbanistico, in cui le persone vivono sparse e nucleari, in contrasto con le comunità rurali.

Tale è qualsiasi nazionalismo. Si è prima formato in una teoria, che è poi messa in pratica. Il nazionalismo plasma la nazione politica.

Da qui il sentimento di inorganicità e di bruttezza, che sono indissolubilmente legate a tutte le forme di nazionalismo. Si basa sulla menzogna, la falsificazione e la distruzione della vita organica genuina dei popoli, delle culture e delle comunità.

 

Razzismo funzionale

Il razzismo è l’ultima forma di nazionalismo. In questa versione, il nazionalismo raggiunge il suo stadio estremo. I membri di qualche nazione fittizia, in cui saranno necessariamente presenti vari elementi etnici e culturali (ma è proprio questo che si negano nazionalismo e razzismo), sono proclamati la “razza padrona”, la quale (non si sa da chi, perché la religione è considerata una reliquia) è dato il diritto di conquistare gli inferiori.

Il razzismo fu la componente più importante del colonialismo europeo, in primis anglosassone, dove il diritto di soggiogare e asservire interi continenti si basava sulla “superiorità razziale dell’uomo bianco”. Negli imperi tradizionali dell’antichità, ogni popolo conquistato aveva il proprio status legale e non veniva mai in mente a nessuno di schiavizzarlo o di considerarlo inferiore. Il razzismo europeo è sorto nei tempi moderni ed è stato anche un’invenzione borghese. Una razza è tanto un fenomeno immaginario quanto una nazione, ma enfatizza le caratteristiche biologiche, come nel caso degli animali, ad esempio i trottatori purosangue. L’aspetto tipico di questa o quella gente, ovviamente, conta, ma l’idea di basare la gerarchia sociale ed economica sulle differenze biologiche è pura assurdità. Forse i talenti e le culture di popoli diversi sono davvero diversi, ma è impossibile costruire una gerarchia tra loro senza prendere arbitrariamente uno dei popoli come modello e ideale. Ed ecco cos’è il razzismo: identificare la propria cultura (colore della pelle, lingua, storia, valori, ecc.) con uno schema universale.

Se per alcuni – in primo luogo per gli anglosassoni, che hanno creato le prime teorie razziali complete – il razzismo è servito da giustificazione per il dominio coloniale e la schiavitù, in altri casi – nella Germania nazista – il razzismo è stato usato – come il nazionalismo, ma solo più radicale – unire la società borghese che va in pezzi con la scomparsa delle tradizionali istituzioni religiose, politiche e sociali. Il mero nazionalismo non era sufficiente per unire le disparate terre tedesche della Germania occidentale e meridionale e la Prussia protestante completamente diversa in un unico “impero immaginario”. Pertanto, era coinvolto l’ultranazionalismo – cioè il razzismo biologico, mutuato dagli inglesi e portato alle teorie più assurde e disumane – la glorificazione della razza ariana (che si identificava con i tedeschi), l’annuncio di altri popoli “subumani” (tra cui gli indoeuropei slavi o zingari) e il loro sterminio di massa. Ancora, per lo stesso obiettivo puramente pragmatico: unire ciò che si è sbriciolato in atomi, con l’aiuto di una falsa teoria.

 

Perché la Quarta Teoria Politica rifiuta il nazionalismo?

La Quarta Teoria Politica rifiuta il razzismo e ogni forma di nazionalismo proprio perché è un costrutto occidentale e modernista borghese antitradizionale, e operare con il concetto e la teoria del nazionalismo per spiegare i processi politici e sociali delle società non occidentali e specialmente nelle società tradizionali è un atto della stessa strategia universalista – coloniale in sostanza. È qui che si trova il razzismo e l’affermazione che l’Occidente e la sua scienza politica hanno l’ultima parola nello spiegare tutti i processi sociopolitici in qualsiasi popolo e società. Una volta che accettiamo di utilizzare le tre teorie (liberalismo, comunismo e nazionalismo), siamo già sotto il diretto controllo ideologico dell’egemonia occidentale.

La Quarta Teoria Politica è fortemente in disaccordo con le premesse di base del nazionalismo:

  • con l’inevitabilità dello smembramento di una società organica (intera) in atomi, cioè con l’interpretazione occidentale della “modernità”;
  • con il capitalismo come una tappa necessaria nello sviluppo dell’umanità,
  • con un progresso sociale lineare e copiato dalla storia occidentale, che consiste in sempre più individualismo, comodità, sviluppo tecnico, dispersione fittizia del potere sulle masse atomizzate e un reale aumento del controllo da parte dei clan oligarchici nascosti e dei loro monopoli.
  • con la cittadinanza nella sua interpretazione modernista europea,
  • con laicitàobbligatoria (essenzialmente antireligiosa),
  • con l’abolizione del patrimonio,
  • con la distruzione delle comunità rurali a favore di “folle solitarie” urbanizzate, sia borghesi che proletarie.

Poiché questi fenomeni appartengono alla storia dell’Occidente, la Quarta Teoria Politica li considera un caso locale, regionale. Altre civiltà non devono necessariamente attraversare questa fase – Modernità, capitalismo, secolarismo, industrializzazione e urbanizzazione: possono passarla o farne a meno. Né il capitalismo né le sue fasi nazionalistiche o razziste rappresentano una legge universale di sviluppo.

È significativo che gli slavofili russi e i loro seguaci pensassero allo stesso modo, sia nello spettro di destra che di sinistra della vita politica russa nel XIX e all’inizio del XX secolo. Gli slavofili rifiutavano l’universalità dell’Occidente e soprattutto dell’Occidente moderno. La stessa linea era sostenuta, da un lato, dai circoli conservatori monarchici ortodossi e, dall’altro, dai populisti russi, e respinse ancora più chiaramente e radicalmente le pretese dell’Occidente sull’universalità degli eurasiatici russi.

 

Struttura del nazismo ucraino

Queste considerazioni teoriche permettono di comprendere meglio la situazione in cui la Russia moderna ha affrontato il fenomeno del nazionalismo e persino del nazismo nel caso dell’Ucraina post-sovietica, e soprattutto dopo il Maidan e durante l’operazione militare speciale, dove il nazionalismo ucraino (nella sua forma estrema) si è trovata nel ruolo del principale nemico politico ideologico della Russia.

Qui vediamo tutte le caratteristiche classiche del nazionalismo:

  • fare appello ad antenati fittizi (fino a invenzioni idiote sugli “antichi ucraini”),
  • l’immagine del nemico (principalmente nella persona dei russi e della Russia, cioè funzionalmente l’Impero),
  • instillando un senso di immaginaria superiorità (rispetto agli stessi russi),
  • l’imposizione di una lingua (il film), creata artificialmente solo per scopi puramente politici
  • sistema borghese-oligarchico,
  • rapida urbanizzazione della popolazione rurale.

Tutti questi strumenti ideologici mirano a un obiettivo: creare una nazione che non esiste e che non ha e non ha avuto alcun prerequisito storico per l’emergere. Il nazionalismo, e soprattutto le sue forme razziste estreme, testimoniano che la nazione borghese non esiste ancora, ma le persone, la società tradizionale non esistono più – o abbiamo a che fare con persone e identità diverse che si sono trovate casualmente all’interno dei confini della stessa statualità effimera. In una tale situazione di disperata alienazione, la frettolosa creazione di una “piazza” richiedeva misure straordinarie: furono loro a dare vita al moderno nazismo ucraino.

Qui sorge una domanda naturale: come ha fatto l’Occidente, che si trova in una fase completamente diversa, quando gli stati-nazione sono stati quasi aboliti, sostituiti da istituzioni globali e il liberalismo cerca di distruggere anche i resti del nazionalismo, a permettere tale afasia ucraina? Ci sono due risposte a questo:

  • L’ Occidente ha chiuso un occhio sul nazismo ucraino a causa del suo pronunciato orientamento russofobo; la Russia ha il potenziale per diventare un polo indipendente che limiterebbe l’egemonia dell’Occidente, mentre l’Ucraina non rappresenta una seria minaccia.
  • Il nazionalismo ucraino era percepito dall’Occidente come  inevitabile dolore crescente, una fase che le società occidentali sono passate da tempo e (come pensano) hanno superato; l’Ucraina, entrata nell’era del capitalismo e dell’oligarchia, è costretta a fare affidamento sul nazionalismo per costruire uno stato il più rapidamente possibile in condizioni piuttosto difficili, data la mancanza di qualsiasi esperienza costruttiva e potenziale della Russia come forte polo di attrazione della civiltà , alternativa all’Occidente.

Di conseguenza, in Ucraina, l’Occidente ha sostenuto tutto ciò contro cui ha combattuto disperatamente in patria propria. A cosa ha portato questa politica è noto: un altro tentativo di costruire uno Stato ucraino è fallito nuovamente; prima Crimea e Donbass, poi un’operazione militare speciale, e nessun nazismo ha aiutato, anche se questa volta le sue conseguenze sono state di dimensioni mostruose.

 

L’ideologia della nuova Russia

Ultima cosa: è importante capire che la Russia, che sostiene di combattere il nazismo in Ucraina e di insistere sulla denazificazione, in realtà agisce dalla posizione della Quarta Teoria Politica. È ovvio che Mosca non fa affidamento sul globalismo liberale, con il quale, al contrario, è entrata in un confronto mortale. L’Occidente liberale e, più in generale, il capitalismo globale sotto il dominio dell’oligarchia mondiale è il principale nemico della Russia come polo, civiltà e cultura. La lotta per il multipolarismo non può fondarsi sul liberalismo, cioè sull’ideologia del nemico.

La Russia moderna non ha nulla in comune – tranne un passato relativamente recente – con l’ideologia comunista. Il comunismo è crollato proprio perché ha perso la sua vitalità interiore. Il fattore russo ed eurasiatico, la tradizione, la religione e lo spirito comunitario non erano inclusi nel dogma marxista, cioè il bolscevismo nazionale de facto esistente non era compreso e accettato. Ciò ha dato origine a contraddizioni tra ciò che era veramente l’URSS e ciò che la sua élite di partito pensava dogmaticamente. Ma nemmeno il moderno regime politico in Russia può essere definito nazionalista: la via è russa, non ucraina, e questa sarebbe una contraddizione, poiché alla Russia-Eurasia partecipano vari gruppi etnici e culture, facilmente integrabili nell’Impero, ma contrari alla russificazione artificiale diretta, trasformandosi in una nazione. Cioè, nessuna delle tre ideologie politiche occidentali esiste nella Russia moderna e non può esistere. Tuttavia, oggi la Russia non ha alcuna ideologia.

Eppure, la lotta oggi è con il nazionalismo come ideologia – e piuttosto specifica; è però impossibile combattere l’ideologia senza un’ideologia, poiché in questo caso nessuno sarà in grado di capire o spiegare – con cosa esattamente, perché e su quali basi si sta svolgendo questa lotta.

C’è solo una via d’uscita: rifiutare l’Occidente e la sua civiltà come qualcosa di universale e tornare alle nostre radici, alla nostra storia, alla nostra visione fondamentale del mondo, alla nostra Tradizione, di cui tutti gli slavi orientali (e i grandi russi e gli ucraini, e bielorussi) facevano parte. Non esiste un sistema di scienze politiche migliore della Quarta Teoria Politica (così come le sue versioni: slavofilismo, eurasiatismo, tradizionalismo, conservatorismo, ecc.), la sola che è in grado di sostanziare la nostra lotta contro il nazismo ucraino e il globalismo liberale. Un vuoto ideologico in tali condizioni può portare a conseguenze fatali.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

9 marzo 2022