Netanyahu ritorna?

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Lo spoglio dei voti continua presso il Comitato elettorale centrale di Israele, con il 62% del totale delle schede scrutinate. Finora la commissione ha contato 3.020.710 voti.

Il blocco di destra di Binyamin Netanyahu continua a essere in testa e, in base all’attuale conteggio dei voti, otterrà 69 seggi, anche se questo numero cambierà con l’elaborazione di altre schede.

I sondaggi dei principali canali televisivi israeliani, diffusi martedì sera, hanno mostrato che Netanyahu ha una possibilità realistica di tornare al potere, con 62 seggi per il suo partito Likud, il Sionismo religioso di estrema destra e i partiti Shas e United Torah Judaism. Rappresentano tutti un’unica coalizione. Sono necessari almeno 61 seggi per ottenere la maggioranza e formare un governo nella Knesset, che conta 120 seggi.

Il partito di sinistra Meretz, con il 3,17%, è attualmente al limite della soglia minima del 3,25% dei voti necessari per ottenere una rappresentanza alla Knesset, anche se alcuni sondaggisti prevedono che il partito passerà e otterrà circa quattro o cinque seggi nel conteggio finale dei voti.

Anche il partito islamista Raam, che secondo gli exit poll dovrebbe ottenere quattro seggi, non ha ancora raggiunto la soglia elettorale del 2,47%, secondo i conteggi attuali. Anche il partito arabo di opposizione Balad è appena sotto la soglia con il 2,75% dei voti totali. Se Ra’am, Balad o Meretz non riuscissero a ottenere una rappresentanza nella Knesset, le prospettive di Netanyahu di formare una coalizione aumenterebbero ulteriormente.

L’attuale conteggio dei voti non riflette il numero totale di voti, poiché le schede elettorali arrivano da diverse parti del Paese in momenti diversi, e le percentuali assegnate a ciascun partito possono cambiare man mano che il conteggio dei voti prosegue.

Per quanto riguarda i principali rivali di Natanyahu, secondo alcuni analisti, Lapid e Gantz avrebbero scommesso sulla rottura del blocco di Natanyahu. Entrambi i leader erano disposti a negoziare con altri partner o a raccogliere candidati disaffezionati, con Ganz che si è sempre presentato come una valida opzione per il futuro primo ministro di Israele.

Mercoledì mattina, il primo ministro Yair Lapid ha rifiutato di ammettere la sconfitta, consigliando ai sostenitori del partito a Tel Aviv di aspettare che tutti i voti fossero contati e affermando che il suo partito Yesh Atid aveva ricevuto un livello record di sostegno. “Vogliono politiche che non siano basate sull’odio e sull’incitamento”, ha detto Lapid dei suoi elettori, esprimendosi contro la politica settoriale.

La pubblicazione di sinistra Haaretz cerca di rassicurare i suoi lettori e riferisce che anche se il blocco di Natanyahu dovesse vincere, il partito Likud stesso avrà circa 30 seggi, il che significa che “Netanyahu sarà in minoranza nel suo stesso governo”. Tutti i legislatori di estrema destra e i charedim potranno tenerlo in ostaggio. È una coalizione da incubo che non può evitare. Anche se Benny Ganz fosse disposto a rientrare in questa coalizione, come ha fatto nel 2020, cosa molto dubbia, il suo Partito di Unità Nazionale non ha abbastanza seggi (tra gli 11 e i 13, secondo gli exit poll) per spostare o sostituire il Sionismo Religioso all’interno della coalizione.

Ma i risultati sono tutt’altro che certi. Gli exit poll del marzo 2021 mostravano un quadro simile, ma quando sono arrivati i risultati effettivi, il campo di Netanyahu ha ottenuto solo 59 seggi. Questo potrebbe ancora accadere, soprattutto perché il partito nazionalista arabo Balad è sul punto di superare la soglia elettorale. Se ciò accadrà, il blocco di Netanyahu probabilmente si ridurrà a 60 seggi, e il legame tra i blocchi rimarrà”.

Al contrario, i membri di destra del blocco di Netanyahu promettono già di agire una volta formato il governo.

Il legislatore del Likud Miki Zohar ha dichiarato in precedenza che il primo ordine del giorno del potenziale nuovo governo, guidato dal partito insieme ad altri partiti di destra e religiosi, è l’approvazione di una legge che consenta alla Knesset di annullare le decisioni della Corte Suprema.

Parlando a Channel 12 News, Zohar ha dichiarato: “Vogliamo governare, quindi la cosa principale che faremo è applicare la clausola di ridistribuzione”. Anche se il Likud ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la proposta di Zohar è “solo una sua opinione personale”. Zohar, che occupa il decimo posto nella lista del Likud, ha commentato dicendo che non si vede come parte della coalizione a meno che la clausola non venga inclusa.

Il cosiddetto disegno di legge sulla riorganizzazione delle circoscrizioni darebbe alla Knesset la possibilità di annullare le decisioni della Corte Suprema nei casi in cui la giuria annulla nuove leggi. Una misura del genere è stata a lungo l’obiettivo dei politici di destra e ultraortodossi, che si sono opposti all’inversione da parte della Corte di misure riguardanti l’accaparramento di terre in Cisgiordania, la detenzione di migranti e il rinvio della coscrizione degli ebrei ultraortodossi nell’esercito. I legislatori di destra hanno anche identificato la proposta come uno strumento per proteggere Netanyahu dalle accuse di corruzione per le quali è sotto processo.

Significa anche inasprire la politica del sionismo e dell’apartheid.

Le località arabe di Umm al-Fahm, Lidda e Jaffa sono state recentemente attaccate dalle forze di sicurezza israeliane in modo poco diverso dalle dure misure utilizzate a Gaza e Sheikh Jarrah. Ciò dimostra che quasi 75 anni di presunta integrazione di ebrei e arabi all’interno del sistema politico israeliano non hanno cambiato gli atteggiamenti razzisti nei confronti dei palestinesi. E i partiti più moderati al potere non sono riusciti a cambiare questo atteggiamento.

Il 29 settembre, la Commissione elettorale centrale di Israele ha sospeso il partito arabo Balad dalla partecipazione alle elezioni di novembre. La decisione è stata infine annullata dalla Corte Suprema del Paese, che ha invitato l’organizzazione legale araba in Israele a definire la decisione “storica”. In sostanza, hanno suggerito che il sistema di apartheid israeliano offre ancora una speranza di democrazia.

Il giornalista Ramzi Baroud sostiene che ciò lascia incerto il futuro della politica araba in Israele. “Mentre i cittadini palestinesi di Israele godono di privilegi socio-economici rispetto ai palestinesi dei territori occupati, hanno diritti politici e giuridici nominali, e talvolta non ne hanno affatto. Pur rimanendo fedeli partecipanti alla farsa democratica israeliana, questi politici continuano a sostenere l’establishment israeliano, danneggiando così non solo le comunità palestinesi in Israele, ma di fatto i palestinesi in tutto il mondo”.

Sarà interessante anche la reazione degli Stati Uniti alla formazione del nuovo governo. L’amministrazione Biden è notoriamente diffidente nei confronti del ritorno di Natanyahu come primo ministro e, in generale, della preponderanza dei partiti di destra nel governo. Secondo il sito web israeliano Walla, il presidente israeliano Itzhak Herzog, durante una visita negli Stati Uniti la scorsa settimana, ha dovuto fugare i timori espressi da funzionari dell’amministrazione Biden, secondo i quali membri di partiti di estrema destra potrebbero essere nominati in qualsiasi nuova coalizione di governo.

L’eventuale ritorno di Netanyahu a capo del governo avverrebbe dopo cinque elezioni in meno di quattro anni. Le ultime quattro campagne elettorali e i loro risultati hanno portato a una situazione di stallo politico. Netanyahu è stato per la prima volta primo ministro nel 1996-1999, vincendo le elezioni che si tennero dopo l’assassinio del primo ministro Yitzhak Rabin. È poi tornato al potere nel 2009, mantenendo la carica fino al 2021. È già l’uomo che ha ricoperto la carica di primo ministro più a lungo in Israele.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Controinformazione.info

3 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube