Non si può controllare l’Heartland

image_pdfimage_print

di Pavel Kiselev

Nel suo nuovo libro, La grande Europa dell’Est, Alexander Bovdunov conduce un’importante ricerca e affronta questioni che sono state poco esplorate nello spazio post-sovietico, ma che sono di grande attualità.

Nel pensiero politico russo, i problemi dell’Europa orientale sono appena accennati – i Paesi della regione sono considerati o nell’oikumen dell’intera Europa, o in interazione separata con alcuni Paesi (Polonia e Germania, Serbia e Stati Uniti, ecc.).

A.G. Dugin ha scritto in dettaglio sul ruolo geopolitico e sulle basi filosofiche dei paesi dell’Europa orientale in “Noomakhia”, oltre che nei libri “Fondamenti di geopolitica” e “Geopolitica. “Noomachia” (più precisamente i suoi due volumi, dedicati specificamente all’Europa orientale) si occupa delle caratteristiche metafisiche dello spazio europeo orientale, dell’incarnazione dei tre loghi nelle diverse parti della regione (Dugin descrive separatamente i loghi slavi e non slavi). The Foundations of Geopolitics descrive l’influenza reciproca dei Paesi dell’Europa orientale e della Russia, basata sull’integrazione continentale: i Paesi ortodossi dovrebbero entrare nell’alleanza della Russia sui principi comuni di Tradizione, Fede ed Eurasiatismo.

In “Geopolitica”, Dugin avanza il progetto di una “Grande Europa Orientale” per unire tutti i Paesi della regione (Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Bulgaria, Serbia, Croazia, Slovenia, Montenegro, Macedonia, Bosnia-Erzegovina, Albania e Paesi baltici) in una speciale entità geopolitica “basata sulle caratteristiche storiche, culturali, etniche e religiose delle società est-europee”.

Il libro di Alexander Bovdunov eredita le opere sopra citate di A.G. Dugin. Dal titolo “La grande Europa orientale” si evince chiaramente che l’autore prosegue il vettore ideologico delineato da Dugin in “Geopolitica” e contribuisce allo sviluppo del progetto, considerando esattamente come i Paesi dell’Europa orientale possano interagire comodamente con la Russia.

“La grande Europa dell’Est” non è solo un’analisi di concetti filosofici e della situazione geopolitica dei Paesi della regione. È una delle aree più complesse, articolate ed eterogenee di oggi, con molte componenti che possono aiutare i Paesi a trovare un accordo, ma è anche una polveriera pronta a esplodere in qualsiasi momento. Per identificare il ruolo dell’Europa orientale nelle tensioni geopolitiche odierne, è necessario cercare modi per lavorare con la regione per stabilire un mondo multipolare. Dugin, ad esempio, partendo dalla posizione che la Russia non è solo il cuore dell’Eurasia, ma anche la terra da cui dipende il destino dell’ordine mondiale, vede la soluzione nella riorganizzazione dell’alleanza della Russia con la Germania e l’Europa centrale (cioè l’Europa orientale e i Paesi che in questa fase sono zone cuscinetto per la Russia: Bielorussia, Ucraina e Moldavia).

Ora, vediamo che tra l’intero spazio europeo, è l’Europa orientale che dobbiamo conquistare la lealtà – con i Paesi dell’Europa occidentale, l’interazione è difficile, la loro politica anti-russa ha quasi esaurito ogni possibilità di una soluzione pacifica della crisi economica e politica. Forse il crollo finale di tutti i progetti economici dell’UE farà capire loro che il mondo unipolare è crollato e che un ulteriore sviluppo è possibile solo sulla base di una cooperazione comune e reciprocamente vantaggiosa. Ma l’Europa orientale è un’altra cosa. Sì, alcuni Paesi perseguono politiche apertamente russofobiche: la Polonia, la Repubblica Ceca, gli Stati baltici. Ma ci sono anche alcuni punti luminosi, come il palese antiatlantismo del primo ministro ungherese Viktor Orban, il confronto della Serbia con la NATO (nonostante il fatto che i Paesi della regione e i nostri potenziali alleati siano ora sottoposti a forti pressioni da parte dell’UE e degli USA per combattere l’egemone). Si potrebbe realizzare un grande progetto per l’Europa orientale.

Il libro di Alexander Bovdunov parla di questo. L’autore esamina il potenziale multiforme delle regioni, dalle azioni e personalità atlantiste di quest’area complessa ai fattori che possono costituire la base per la cooperazione con la Russia. In Polonia, ad esempio, c’è un chiaro confronto tra i tipi di Stato Tellurocratico e Talassocratico – la concezione piastiana e quella jagellonica. E ora la Polonia, per aumentare il suo dominio in Europa, sta cercando di estendere la sua influenza nelle terre dell’ex Commonwealth polacco, che comprende parti della Bielorussia e dell’Ucraina. Per questo la Polonia vede una via d’uscita solo nel sostegno ai piani predatori atlantisti della NATO, nell’indebolimento dei territori vicini ai confini della Russia. Ma la Polonia, nel corso della sua storia, si è più volte ribellata alla Russia, a prezzo del suo status politico e del suo potenziale culturale.

Ma nel suo libro, Alexander Bovdunov propone soluzioni che non mirano solo a una rivolta contro-egemonica contro gli Stati Uniti e la NATO insieme alla Russia, ma a elevare lo status geopolitico, l’influenza culturale e la spiritualità dei Paesi dell’Europa orientale. Dopo tutto, oltre alle tendenze apertamente liberali e filo-occidentali, ognuno dei Paesi descritti in questo libro ha forti legami tradizionali trasversali che non solo sono vivi tra la popolazione, ma hanno anche una forte lobby tra i politici e le figure pubbliche. Nei Paesi della regione, ad esempio, il ruolo della Chiesa è forte e la religiosità della gente è molto più alta di quella dei cittadini dell’Europa occidentale. In alcuni Paesi (Romania, Polonia, Macedonia) le strutture conservatrici sono forti. Per quanto possa sembrare strano, il conservatorismo, la ricerca di basi tradizionali e l’etica ortodossa di alcuni Paesi (Romania, Bulgaria) rendono la regione simile alla Russia.

La regione dell’Europa orientale, dopo tutto, non è un’area omogenea separata, una civiltà che, ad esempio, è stata a lungo plasmata dai Paesi occidentali, e l’autore è ben consapevole che per riuscire a cooperare con questi Paesi, la Russia dovrà lavorare molto duramente. Ecco perché il nuovo libro è importante; definisce chiaramente che l’Europa orientale è un punto di incontro di tre civiltà: ortodossa, cristiana occidentale e islamica. All’intersezione di questi tre sensi religiosi eterogenei l’egemone occidentale sta cercando di giocare – la miccia della polveriera si accende facilmente.

Per questo il libro dedica molte sezioni alla questione dell’identità moldava, alle tendenze turaniste in Ungheria, ai sentimenti nazionalisti degli albanesi, molto difficili da conciliare con i serbi, e così via. Tutti questi fattori sono infatti utilizzati dagli Stati Uniti per tenere sotto controllo la frammentata regione. Il principio del “divide et impera” è in azione. Ma se i popoli dell’Europa orientale ricordano le loro radici, ricordano che molte cose (fede comune, lingua, territorio, filosofia) sono storicamente legate a loro e alla Russia, il progetto della “Grande Europa Orientale” può essere realizzato.

All’inizio del libro l’autore cita il geopolitico atlantista inglese H. Mackinder: “chi controlla l’Europa dell’Est, controlla Heartland, chi controlla Heartland, controlla l’Isola del Mondo, chi controlla l’Isola del Mondo, controlla il mondo intero”. Nella seconda metà del XX secolo, gli anglosassoni presero il controllo di questa parte dell’Heartland continentale; dopo il crollo dell’Unione Sovietica e il conflitto jugoslavo, la politica mondiale si spostò verso un mondo unipolare. Ma il lavoro di Alexander Bovdunov non suggerisce meccanicamente di cambiare il polo del dominio mondiale.

Per liberarsi da questo dominio e instaurare un mondo multipolare, i Paesi dell’Europa orientale (e di tutta l’Europa centrale, comprese Ucraina e Moldavia) devono ottenere il diritto all’autodeterminazione. E l’autodeterminazione non è mai possibile attraverso l’imposizione di politiche e valori estranei.

Questo libro parla dell’importanza di prestare attenzione ai problemi delle regioni circostanti e di costruire un dialogo concreto con loro. Molti studi geopolitici oggi riguardano i problemi dei Paesi della CSI, dell’Asia centrale, del Golfo Persico e dell’Estremo Oriente – quelli con cui dobbiamo principalmente cooperare in un ordine mondiale in evoluzione. È sempre stato chiaro che possiamo trovare un contatto con loro solo sulla base di elementi comuni di tradizione, rispettando l’autodeterminazione e il posto nel mondo di ciascuno di questi Paesi. Molto importante è il fatto che ora esiste un libro che descrive il progetto di una “Grande Europa Orientale”, che può diventare non solo un libro di testo per coloro che cercano di esplorare la regione, ma anche un manuale per i politici continentali che desiderano costruire relazioni sane e promettenti con i Paesi che, come figliol prodighi, vagano nell’Oceano da molto tempo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Geopolitika.ru

4 luglio 2022