Non si può negare che la parziale ritirata da Kherson abbia un’ottica politica scomoda

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

A prescindere da come si cerca di interpretarla, una battuta d’arresto è sempre una battuta d’arresto e non dovrebbe mai essere coperta con teorie cospirative come molti nella comunità degli Alt-Media sono inclini a fare. Questi sviluppi devono essere affrontati direttamente, anche se adeguatamente presentati nel grande contesto strategico della Nuova Guerra Fredda.

La decisione del Ministero della Difesa russo di ritirare parzialmente le proprie truppe dalla riva destra del fiume Dnieper, nella regione recentemente riunificata di Kherson, ha innegabilmente comportato un’ottica politica molto scomoda. Dopo tutto, questa ex parte dell’Ucraina ha recentemente votato per entrare nella Federazione Russa, ma ora le forze militari della nuova patria sono state costrette a ritirarsi da diverse migliaia di chilometri quadrati che Mosca considera ufficialmente suoi.

Tuttavia, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha ribadito che lo status costituzionale della regione di Kherson non è cambiato, il che significa che rimane una parte ufficiale della Russia, nonostante Mosca abbia perso il controllo su parte del suo territorio. Ciò crea la deplorevole situazione per cui il territorio della potenza mondiale appena restaurata è temporaneamente occupato da forze straniere pienamente sostenute dalla NATO, la cui ragion d’essere è sempre stata anti-russa.

La precedente osservazione è del tutto reale e non dovrebbe essere edulcorata con le ridicole teorie cospirative degli “scacchi in 5D” vomitate da coloro che nella comunità Alt-Media (AMC) sostengono di sostenere la Russia. Nessuno che sia sinceramente solidale con il leader de facto del Movimento Rivoluzionario Globale (GRM) dovrebbe negare questa realtà oggettiva. Piuttosto, dovrebbero collocare questa battuta d’arresto nel suo contesto appropriato, prima di spiegarla con calma al proprio pubblico, in modo che possa comprendere meglio il tutto.

Non c’era modo per le Forze Armate russe di mantenere il controllo della riva destra della regione di Kherson con la spada di Damocle di Kiev di un attacco terroristico contro la vicina diga di Kakhovka che pendeva sulle loro teste. In questo caso, la priorità più alta è stata comprensibilmente quella di preservare le vite degli abitanti di questa regione appena riunificata e delle forze militari incaricate di proteggerli. Di conseguenza, i primi hanno iniziato l’evacuazione il mese scorso, mentre le seconde hanno appena completato il loro ritiro.

Tenendo presente quanto recentemente confermato da Peskov, nessuno dovrebbe dubitare dell’impegno politico del Cremlino a liberare la regione di Kherson in futuro, anche se attualmente non ha i mezzi militari per farlo e potrebbe quindi non essere in grado di raggiungere questo obiettivo nel prossimo futuro. Coloro che prevedono che la Russia lancerà una controffensiva su larga scala in questa regione durante l’inverno, una volta che il terreno si sarà ghiacciato, probabilmente si stanno solo abbandonando a un pio desiderio, poiché Kiev sicuramente fortificherà la regione.

Inoltre, i suoi avversari sono molto meglio equipaggiati di quanto non fossero all’inizio dell’operazione speciale, otto mesi fa, e dopo aver ricevuto un sostegno strategico completo dai loro patroni occidentali. Anche le precedenti previsioni su un’analoga e presumibilmente imminente controffensiva su larga scala nella regione di Kharkov, dopo il relativo ritiro della Russia due mesi fa, non si sono avverate proprio per lo stesso motivo. Il fatto militare è che la Russia sta combattendo un conflitto difensivo, non offensivo.

Questo però non è necessariamente uno sviluppo negativo, poiché “la Russia sarà ancora strategicamente vincente anche nello scenario di uno stallo militare in Ucraina”, il che significa che tutto ciò che deve fare è mantenere l’attuale linea di controllo (LOC) o almeno la maggior parte di essa che è realisticamente possibile in queste circostanze. Tali circostanze si riferiscono alla crescente forza militare di Kiev come risultato del supporto strategico globale della NATO, che ha trasformato le sue truppe in forze da tenere in considerazione.

Per essere chiari, se non fosse stato per questo stesso sostegno, le Forze Armate dell’Ucraina (UAF) sarebbero crollate molto tempo fa. Ciò significa che attualmente sono solo una forza di combattimento con fronte ucraino ma con il pieno sostegno della NATO, motivo per cui è fuorviante anche solo riferirsi ad esse come “ucraine”, dal momento che la loro essenza è completamente occidentale a questo punto. Accettando questa descrizione come accurata, si può concludere che è la NATO ad occupare militarmente, di fatto, parte della regione di Kherson, e non l'”UAF”.

In questo modo si attutisce il colpo politico dell’ultimo sviluppo militare dell’operazione speciale russa, poiché è comprensibile che Mosca subisca temporaneamente una grave battuta d’arresto nel combattere una coalizione di oltre due dozzine di Paesi che si sono riuniti nell'”UAF”. L’inquadramento finora errato di questo conflitto come se fosse solo tra Russia e Ucraina ha fatto sì che il colpo politico di Mosca apparisse ingannevolmente molto più potente di quanto non fosse in realtà.

Detto questo, una battuta d’arresto è pur sempre una battuta d’arresto e non dovrebbe mai essere insabbiata con teorie cospirative come molti nell’AMC sono inclini a fare. Tali sviluppi devono essere affrontati direttamente, anche se adeguatamente presentati nel grande contesto strategico della Nuova Guerra Fredda. Ricordando che la Russia deve solo raggiungere uno stallo militare in Ucraina per vincere strategicamente, gli scenari funesti che alcuni hanno recentemente abbracciato a causa della disperazione percepita diventano screditati.

In qualità di leader de facto del GRM, il nuovo ruolo della Russia nel mondo è quello di accelerare la transizione sistemica globale verso il multipolarismo, per cui è sufficiente garantire la sua sopravvivenza geostrategica nonostante battute d’arresto politicamente scomode come l’ultima nella regione di Kherson. Questo perché tale risultato mantiene in piedi le tendenze multipolari generali, che a loro volta porteranno al raggiungimento di questo grande obiettivo strategico con il tempo, grazie all’ascesa di Cina, India, Iran, Arabia Saudita e Turchia.

Eliminare la Russia da questa equazione geopolitica farebbe immediatamente deragliare l’ascesa di tutti gli altri, dopo di che un periodo buio di unipolarismo tornerebbe ad abbattersi sul mondo per un futuro indefinito, che con ogni probabilità potrebbe finire per essere irreversibile. Se la Russia ha calcolato che è meglio abbandonare temporaneamente parte della regione di Kherson, pur mantenendo lo status costituzionale di parte integrante del Paese, lo ha fatto per garantire la sopravvivenza a lungo termine della Russia.

Chiunque può discutere sul fatto che si sarebbe potuto evitare se fossero state prese decisioni diverse in passato, ma i decisori hanno chiaramente concordato che questa mossa era necessaria per evitare problemi molto più gravi in futuro se fossero rimasti sulla riva destra del fiume Dnieper. Tutti dovrebbero ricordare che l’obiettivo in questo momento è garantire la continuità dell’esistenza della Russia, che non è comunque minacciata nonostante le fantasie occidentali del contrario, al fine di completare la transizione sistemica globale.

Stando così le cose, il Cremlino sembra aver accettato l’occupazione militare temporanea della regione di Kherson da parte della NATO come compromesso per raggiungere questo grande obiettivo strategico. Il Cremlino non rinuncerà mai alle sue pretese su quel territorio, poiché è un soggetto costitutivo del Paese dopo il riconoscimento ufficiale del referendum di settembre e la Costituzione proibisce esplicitamente di cedere qualsiasi terra russa. Per il prossimo futuro, quindi, rimarrà probabilmente occupato come altri territori contesi in tutto il mondo.

Ancora una volta, nonostante la scomoda ottica insita nel suddetto compromesso, non bisogna dimenticare che la sconfitta politica della Russia in questa particolare battaglia non significa la sua sconfitta strategica nella Nuova Guerra Fredda. La transizione sistemica globale continua ad accelerare verso il multipolarismo, esattamente come Mosca si aspettava, il che porta alle perdite strategiche a somma zero che si accumulano per Washington. Finché non si perderà di vista questo punto di vista, si eviterà l’apocalisse e si manterrà il morale alto.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Controinformazione.info

12 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube