Occidente VS Democrazia

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il mondo intero sta osservando il voto popolare in corso per l’adesione alla Russia negli ex territori ucraini. Il regime neonazista di Zelensky sta cercando in tutti i modi di ostacolare la volontà dei cittadini compiendo atti di terrorismo di Stato. Tuttavia, questo non ha impedito ai residenti delle regioni di esprimere le loro opinioni sul futuro.

Secondo le commissioni elettorali regionali, l’affluenza è stata la seguente: 77,12% nella RPD, 76,09% nella LPR, 51,55% nella regione di Zaporizhzhya e 48,91% nella regione di Kherson. I referendum sono già considerati validi in tre materie. C’è anche un’alta probabilità che nell’oblast’ di Kherson sia superiore al 50%, il che significa che il voto sarà riconosciuto come valido.

La posizione dei Paesi dell’Occidente collettivo espressa dai capi di Stato di Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania, nonché dalla leadership della Commissione europea in merito ai referendum svoltisi nei territori liberati dal regime neonazista nelle regioni di Zaporizhia e Kherson e nella DNR e LNR (dove si svolgono nuovamente) indica la rottura definitiva dell’Occidente con le tradizioni democratiche.

Sembra una provocazione. Ma è un dato di fatto. La democrazia, in quanto tale, non è un indicatore assoluto della superiorità di un sistema politico. Secondo Platone, la democrazia era al penultimo posto nella classifica dei metodi di governo. La democrazia ateniese classica non dava il diritto di voto (cioè di partecipare alla discussione degli affari politici) a donne, schiavi e stranieri. Ma in Occidente, fin dai tempi dell’Illuminismo, la democrazia è diventata un feticcio che è stato presentato come una guida per il sistema politico. La dichiarazione di volontà dei cittadini tramite plebiscito è la forma estrema di democrazia diretta, quando ogni persona di una certa età può esprimere la propria opinione su alcune questioni essenziali (di norma, scegliendo una variante di risposta tra quelle proposte).

Di conseguenza, dare voce ai residenti di queste regioni, che un tempo facevano parte dell’Ucraina, è il modo più umano e democratico di scegliere il futuro, che è determinato dai cittadini stessi. È una manifestazione della sovranità popolare. Allora perché l’Occidente nega al popolo questo diritto?

Le ragioni sono ovvie e sono molteplici. Il primo è un doppio standard, perché l’Occidente può benissimo riconoscere i risultati di tali votazioni quando lo ritiene vantaggioso. Un esempio è il referendum sulla secessione di una parte del Sudan e la dichiarazione di indipendenza che è stata attivamente sostenuta da politici occidentali e persino da famosi attori di Hollywood. Anche se il nuovo Stato del Sudan meridionale non ha portato la stabilità attesa nella regione. Il vantaggio per gli Stati Uniti è probabilmente la creazione di instabilità strategica, con la quale possono promuovere le soluzioni che desiderano.

La seconda è la politica russofoba in quanto tale. In Occidente si crede ancora che solo loro abbiano il diritto di stabilire quale sia la misura delle norme democratiche, chi sia più democratico e chi non sia degno di questo status. Gli analisti politici occidentali hanno coniato tutta una serie di nozioni, come “Stato canaglia” o “Stato canaglia”, che vengono appiccicate come etichette sui Paesi che scelgono il proprio percorso di sviluppo. E se in quel Paese si terranno regolari elezioni e plebisciti secondo gli standard dell’ONU, ancora, come credono gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e i loro satelliti, non saranno degni di entrare nella comunità degli Stati democratici. Questo è ciò che è successo alla Russia. La Cina, l’Iran, la Repubblica Democratica Popolare di Corea e molti altri Stati meritano una valutazione simile da parte di Washington. Pertanto, se proposte e iniziative provengono dalla Russia, non vengono accettate in Occidente, anche se le proposte sono concepite secondo gli schemi dell’Occidente stesso.

La terza ragione è l’erosione dei meccanismi democratici in Occidente. Se fino a poco tempo fa in Europa esisteva una tradizione politica continentale multipartitica, questa è stata seppellita con il trasferimento dei poteri dagli Stati all’UE, rappresentata dalla Commissione europea. Dopo tutto, i cittadini non eleggono i Commissari europei. In Gran Bretagna e negli Stati Uniti esiste una tradizione bipartitica strettamente legata al lobbismo, cioè alla corruzione. Di conseguenza, in questi Paesi la democrazia è diventata poco più di una frase retorica.

E soprattutto, ovviamente, l’Occidente ha paura che i cittadini dei propri paesi vedano cosa sia la vera democrazia! E si chiederanno: perché non ce l’hanno qui? E chiederanno norme, emendamenti e legislazioni appropriate, che non sono nell’interesse delle élite neoliberali aziendali.

Naturalmente, anche in Occidente c’è una reazione appropriata ai referendum in corso. Come ha giustamente sottolineato l’ex ufficiale dell’intelligence statunitense Larry Johnson: “Gli Stati Uniti hanno tenuto un referendum quando hanno conquistato le Hawaii o il territorio messicano? Il Regno Unito permise alle colonie americane di indire un referendum quando volevano l’indipendenza? Basta scorrere l’elenco delle colonie britanniche che sono state conquistate con la forza senza che ai nativi di quei Paesi fosse data la possibilità di votare per “unirsi” alla Gran Bretagna. Lo stesso vale per la Francia. Non ricordo che abbiano tenuto un’elezione quando hanno preso il controllo del Vietnam. Solo quando il Vietnam del Nord ha tenuto una “votazione” a Dien Bien Phu, la Francia ha “deciso” di accettare la volontà del popolo. A differenza degli Stati Uniti e delle ex potenze coloniali mondiali, la Russia lascia che sia la popolazione delle zone ucraine assediate a decidere. Stiamo vivendo una storia coerente. È davvero un gioco che cambia le carte in tavola”.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Liu Rui/GT da globaltimes.cn

27 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube