Omaggio bordelese a Darya Dugina: “Nella sua vita, Darya ha scelto la luce. L’ha ugualmente scelta nell’eternità.”

image_pdfimage_print

di Redazione di Rébellion

In seguito all’assassinio di Darya Dugina, avvenuto lo scorso 20 agosto, una quindicina di amici e compagni che l’avevano conosciuta bene durante i suoi studi a Bordeaux, si sono riuniti sabato 27 agosto per dedicare questa giornata alla sua memoria e per essere vicini alla sua famiglia nel pensiero e, per alcuni, nella preghiera. In questa occasione è stata celebrata una messa in memoria di Darya nella chiesa di Saint-Siméon, a Bouliac. Vorremmo anche condividere con voi la testimonianza che Thomas, uno degli amici presenti, ci ha dato lo stesso giorno su Darya.

 

Lo scorso 20 agosto una tragedia ha colpito la Russia. Al termine di un festival musicale sulla Tradizione, la nostra amica Darya Dugina è stata vigliaccamente assassinata, vittima di un’autobomba. L’attacco era rivolto ai Dugin, padre e figlia, ed è riuscito: ha tolto la vita a un padre e a sua figlia.

Dopo una giornata felice insieme, Darya Dugina è morta sotto gli occhi di suo padre all’età di 29 anni.

È una tragedia che ha colpito la Russia, ed è una tragedia che ha colpito noi, in Francia. Qui a Bordeaux conoscevamo bene Darya Dugina. Nel 2012-2013 era venuta a trascorrere un anno universitario per studiare filosofia.

Ricordiamo il primo pasto che abbiamo organizzato per la sua visita, nel nostro piccolo appartamento condiviso, il nostro “Casapound” bordolese. Era molto semplice: vino, buon pane, un tagliere di formaggi, un tagliere di salumi. Darya era entusiasta di questo piccolo pasto francese, e molte volte lo abbiamo ripetuto perché era una tale gioia vedersi.

Come posso descrivervi Darya? All’epoca era una bella ragazza di 20 anni, con un viso perfettamente slavo, uno sguardo scintillante di intelligenza e bontà. Bella, intelligente e piena di bontà e lo è rimasta fino alla fine.

I nostri amici di Bordeaux possono testimoniare le numerose discussioni che abbiamo avuto con lei su tutto: filosofia, la sua materia preferita, ma anche politica, letteratura, cinema…

Era curiosa di tutto e aveva il dono di guardare tutto con fermezza e lucidità.

Aveva anche un grande senso dell’umorismo. L’autore di queste righe ricorda un giorno in cui, tra due bicchieri di vino rosso, la conversazione si spostò sul mito dell’androgino in Platone. Darya ricordava che Platone descriveva i primi uomini come creature sferiche e che il loro collo era arrotondato come i loro fianchi. E Darya, rivolgendosi allora, piena di gentilezza, a un compagno un po’ in sovrappeso, gli disse: “Vedi, tu sei importante per me perché sei un uomo primordiale!”.

Ma, al di là della sua gentilezza, del suo senso dell’umorismo e della sua intelligenza, Darya ci ha lasciato il segno per una cosa in particolare: ha incarnato valori che ci stanno a cuore.

Amava la Russia con un amore che avrebbe fatto arrossire di vergogna il più patriottico di noi. Amava la tradizione – nel suo caso, ovviamente, l’Ortodossia – con un’umiltà e una semplicità che molti le invidierebbero, soprattutto quelli di noi che a volte hanno un rapporto complicato e distante con le proprie tradizioni.

Questo è forse ciò che ci ha colpito di più di Darya: la sua semplicità. Tutti coloro che hanno scambiato qualche parola con lei concordano sulla sua gentilezza. Non è che fosse gentile, è che aveva il dono di guardare le cose con occhio puro. Come un bambino. Uno sguardo fermo e allo stesso tempo estremamente gentile.

Era questa gentilezza d’animo, questa semplicità di cuore che la rendeva così combattiva. Nel suo lavoro di giornalista in Russia, Darya ha difeso brillantemente un’idea che noi, nella nostra Europa nichilista, abbiamo difficoltà ad affrontare: l’idea di verità.

A noi occidentali, che tendiamo a pensare che la verità non esista o che ognuno debba avere la propria verità, lei non aveva paura di dire: ci sono cose vere e cose false. C’è la verità e ci sono gli errori o le bugie. Non aveva paura di dire che ci sono cose normali e cose che non lo sono.

Questo era il suo modo di combattere contro quello che Vladimir Putin ha recentemente definito l’Impero della Menzogna. Ed è stato questo Impero della Menzogna a ucciderla vigliaccamente.

Darya non ha mai lavorato nell’ombra. Non ha mai nascosto le sue convinzioni. Le sue virtù? Coraggio, onestà, rigore, gentilezza. E il mondo che l’ha uccisa è il mondo della codardia, della menzogna, della dissimulazione e del vizio.

Vorrei sottolineare un importante parallelo: la donna che ha compiuto l’attentato con l’autobomba contro i Dugin, a parte il fatto che si tratta di puro e semplice terrorismo, ha anche usato la propria figlia, un’adolescente, per spiare Darya e assistere al festival a cui partecipavano i Dugin. In altre parole, ciò che questa madre ha mostrato alla propria figlia è dissimulazione, doppiezza e violenza.

Al contrario, Aleksandr Dugin stava partecipando a un festival con la figlia ed era accessibile come tutti noi. Non avevano nulla da nascondere. Erano lì, presenti, molto semplicemente.

Gli amici di Bordeaux che hanno avuto la gioia di conoscere Darya e suo padre Alexandr possono testimoniarlo: Darya era una grande intellettuale come suo padre, ma un’intellettuale accessibile. Brave persone. Persone che amano le cose semplici.

Quando ha partecipato alla Manif pour Tous a Bordeaux, Darya ci ha detto semplicemente: “È bellissimo vedere tutte queste persone che vogliono solo difendere la famiglia e la tradizione”. Queste parole molto semplici riassumono tutto.

Manifestazione per tutti, studi di filosofia politica, attività di giornalista, analisi sull’Euro Maïdan e, più recentemente, sul conflitto ucraino: Darya non ha mai smesso di essere una feroce combattente per la verità.

Come lei stessa disse al padre pochi istanti prima di lasciare questo mondo: “Papà, mi sento una guerriera, mi sento un’eroina. Voglio essere così, non voglio altri destini, voglio stare con la mia gente, con il mio Paese. Voglio stare dalla parte delle forze della luce.”

Questo riassume ciò che Darya è stata per noi in questo periodo di oscurità: una luce.

Questa luce è stata per noi un vero ristoro, una vera risorsa. Tutti noi ricordiamo con grande gioia l’anno trascorso con lei. Oggi la piangiamo perché era un’attivista, ma anche un’amica.

Ma, dobbiamo ammetterlo, Darya è stata anche uno specchio per noi delle nostre inadeguatezze. Ecco una ragazza che amava la cultura, che amava la sua gente, che amava il suo paese, che amava le sue tradizioni, e che con la sua stessa presenza ci chiedeva: cosa amate?

Stare con Darya Dugina significava porsi costantemente la domanda: cosa amo? Cosa voglio difendere? Per cosa sono pronto a dare la mia vita? Per chi sono pronto a dare la mia vita? Quali valori voglio difendere? Quali virtù voglio incarnare? Voglio stare dalla parte della luce? Voglio stare con l’oscurità?

Sono domande radicali. Ma questo è il senso della vita di Darya e il senso della visione neo-eurasiatica che ha difeso. Sono domande a cui il viaggio della sua vita e la sua morte prematura hanno risposto.

Daria viveva per i valori che sosteneva. Darya è morta per i valori che rappresentava. È morta per il padre che amava così tanto, l’oppositore dell’Impero della Menzogna e l’ardente difensore del cristianesimo. È morta per la Russia. È morta per il suo popolo.

È morta per noi.

Nella sua vita, Darya ha scelto la luce. L’ha scelto anche nell’eternità.

Il modo migliore per salutare la nostra amica Darya è continuare a portare dentro di noi e intorno a noi un po’ della luce che ci ha portato.

Articolo originale pubblicato su Rebellion-Sre

Foto: Idee&Azione

5 settembre 2022