Operazione russa in Ucraina: amici e nemici e la battaglia per il Rimland

image_pdfimage_print

di Daria Platonova Dugin

Gli eventi delle ultime settimane hanno messo in luce gli assi di nuove alleanze geopolitiche e ricostruito completamente la mappa geopolitica del mondo. Così, lo spazio dell’Europa, situato tra il polo dell’Eurasia e quello degli USA (la civiltà del mare) e facendo parte di un’ampia zona, che in geopolitica è chiamata “Rimland” (“terra dell’arco”) ha finalmente perso la sua sovranità (e anche prima, in gran parte virtuale, piuttosto potenziale, che reale) e orientamento al continentalismo. Tutta l’Europa oggi è atlantista.

Il geopolitico Nicholas Spykman notò nel 1942 che proprio l’instaurazione del controllo su questo arco del “Rimland” (che comprende l’Europa, la Turchia, l’Iran, i paesi dell’Asia meridionale fino alla Cina e all’Indonesia) è la chiave della vittoria degli Stati Uniti nella battaglia per il dominio del mondo. Analizzando le reazioni al conflitto, si può notare che una parte significativa del Rimland si è ora spostata su una posizione (atlantica) più ferma, ma ciò porterà al predominio globale degli Stati Uniti o a un ridisegno della mappa geopolitica del mondo?

Sullo sfondo delle consistenti accuse statunitensi di aggressione russa, seguite molto prima dell’inizio dell’operazione speciale russa, l’UE si è ovviamente radicalizzata, i rappresentanti dei paesi europei hanno iniziato ad accusare la Russia di imperialismo e ad imporre sanzioni su tutto, dalla cooperazione economica, ai viaggi aerei agli eventi sportivi, fino al divieto di partecipazione dei gatti agli eventi internazionali.

Al blocco della “condanna” e del sostegno delle sanzioni si sono aggiunti anche i Paesi che si sono costituiti per cooperare con gli Stati Uniti sia nel continente africano (Ghana, Liberia), sia in Medio Oriente (Israele, Kuwait, Libano, Libia) e in Asia (Separatisti di Taiwan, Giappone, Corea del Sud). In generale, questi paesi, secondo i modelli geopolitici, sono proprio i componenti della fascia costiera che circonda la Russia (“Heartland”) da Ovest, Sud e Sud-Est. Ed erano questi paesi che erano una priorità per gli Stati Uniti come roccaforti per la costruzione di una rete di basi militari nei loro territori.

Tuttavia, alle sanzioni si aggiungono quasi esclusivamente i paesi della NATO e i paesi vicini dell’UE, nonché quei paesi che erano comunque alleati degli Stati Uniti, principalmente nell’Asia orientale. Gli Stati Uniti hanno ottenuto il maggior successo in Europa, dove è sorta la questione di accettare la Finlandia e la Svezia precedentemente neutrali nella NATO.

Allo stesso tempo, un certo numero di paesi ha espresso sostegno alle azioni del presidente russo o ha dimostrato di comprendere la situazione geopolitica, definendo gli Stati Uniti il ​​principale colpevole della guerra. Questi spazi, se si caratterizza la situazione da un punto di vista geopolitico, hanno scelto di collaborare con il continentalismo.

Lo svolgimento dell’operazione speciale della Federazione Russa e l’analisi delle reazioni ad essa hanno mostrato:

  • riorientamento dell’UE verso gli USA, seguendo l’agenda globalista;
  • attivazione dell’influenza globalista nella zona del Rimland;
  • la presenza di alleati in America Latina (Venezuela, Nicaragua, Cuba), che significa la formazione di un polo decentralizzato dell’”Heartland”;
  • stretto sostegno dai paesi del Medio Oriente (Siria, Iran);
  • supporto alla Russia in Indocina (Myanmar);

È interessante notare, ha sostenuto la Federazione Russa, che proprio queste sono le regioni in cui gli Stati Uniti cercano da tempo di stabilire l’egemonia dell’ordine mondiale americano destabilizzandone la vita politica interna (tentativi di “Maidan” a Cuba nell’autunno del 2021, sostegno all’opposizione in Venezuela, Siria, blocco economico dell’Iran, sanzioni e sostegno all’opposizione al governo militare del Myanmar nel 2021). I tentativi di ritirare dal gioco alleati della Federazione Russa sono falliti.

La neutralità di un certo numero di paesi costituisce un nuovo asse di paesi “non allineati” geopoliticamente, il che può essere descritto come l’emergere di un nuovo Rimland, uno spazio neutrale nella “Grande Guerra Continentale”. Tra i paesi che hanno mantenuto uno status neutrale ci sono Azerbaigian, Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, Vietnam, Egitto, India, Kazakistan, Qatar, Cina, Kirghizistan, Malesia, Mongolia, Nigeria, Emirati Arabi Uniti, Pakistan, Serbia, Tagikistan, Thailandia, Turkmenistan, Filippine, Sri-Lanka, Sud Africa, Repubblica Centrafricana, Brasile, Messico.

La neutralità di un certo numero di paesi può essere definita “amica” nei confronti della Russia. Pertanto, Argentina, Guatemala, Cile e Colombia hanno chiesto a Mosca di interrompere l’operazione militare, ma si sono rifiutati di imporre sanzioni su richiesta dell’Occidente. Nessun Paese latinoamericano (nemmeno quelli che hanno condannato l’operazione) ha imposto sanzioni commerciali alla Russia. Anche Pakistan e India, nonostante le pressioni statunitensi, hanno abbandonato qualsiasi misura anti-russa.

La situazione è simile nel Golfo Persico, dove Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita non si uniscono alla pressione delle sanzioni occidentali.

La Turchia rifiuta di imporre sanzioni. Nella parte meridionale del Rimland – così come nel suo “cortile” in America Latina – gli Stati Uniti hanno ottenuto un evidente fallimento nei loro piani per isolare la Russia. Sia i più potenti alleati e partner dell’America che gli avversari degli Stati Uniti non hanno fretta di unirsi alle misure anti-russe.

Nello spazio post-sovietico, anche le autorità filo-occidentali di Moldova e Georgia, alleate degli Stati Uniti, non hanno iniziato a imporre sanzioni alla Russia.

È questa configurazione e il quadro emerso dopo l’inizio dell’operazione speciale russa in Ucraina a dimostrare l’attuale assetto geopolitico, che è ben diverso da quello della Guerra Fredda con il suo confronto bipolare. Non siamo più alleati e nemmeno partner dell’Europa all’interno dell’UE (con la possibile eccezione dell’Ungheria). Allo stesso tempo, abbiamo ricevuto sostegno o un’espressione di neutralità sia dalle grandi potenze incentrate sul multipolarismo sia da un certo numero di piccole potenze, anche filoamericane, che non possono permettersi di entrare in un vero confronto geopolitico con la Russia.

Al riguardo si possono trarre alcune conclusioni:

  • l’obiettivo principale della Federazione Russa nel prossimo futuro sarà quello di costruire la cooperazione economica e politica con paesi a “status neutrale”, Cina e Pakistan sono particolarmente importanti e allo stesso tempo rafforzano la partnership con l’India (che sta subendo l’influenza degli Stati Uniti ed in fase di costituzione dell’alleanza QUAD, l’analogo pacifico della NATO). Importante è l’interazione economica e politica con i paesi del Vicino e Medio Oriente: sia con l’Iran che con gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita.
  • Aumenteranno le sanzioni statunitensi e la pressione politica sui paesi che hanno espresso sostegno alla Russia (sono stati fatti tentativi per destabilizzare Venezuela, Nicaragua, Cuba, Myanmar).
  • Gli Stati Uniti faranno di tutto per far passare le sanzioni dove hanno la maggiore influenza sulle élites: in Georgia, Moldova. Corromperanno i paesi africani e piccoli paesi dell’America Latina al fine di creare una dimostrazione di presumibilmente più ampia condanna possibile della Russia. In Europa, gli Stati Uniti faranno di tutto per impedire a Viktor Orban di vincere le elezioni parlamentari di aprile.
  • i paesi con status “neutrale” diventeranno effettivamente il campo di battaglia di due ordini mondiali: il globalista americano e il multipolare russo.
  • Gli Stati Uniti e le reti atlantistiche faranno di tutto per mantenere l’unità della NATO come loro principale baluardo, da dove si svolge l’offensiva geopolitica contro la Russia, si scateneranno le repressioni contro gli oppositori del globalismo e dell’orientamento americano, saranno sottoposti alla cancel culture (presumibilmente per posizioni filo-russe).

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Geopolitica.ru

7 marzo 2022