Patrushev ha biasimato completamente l’Occidente

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

L’ultima intervista di Nikolay Patrushev è stata eccezionalmente importante per il modo in cui ha esecrato l’Occidente, in particolare per il paradigma attraverso il quale lo ha fatto. Il suo approccio di considerare i rappresentanti del Miliardo d’Oro come procuratori pubblici di quelle oscure società transnazionali e organizzazioni non governative che, a suo dire, controllano di fatto questo blocco della Nuova Guerra Fredda non è nuovo, ma è significativo che il capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale di una Grande Potenza come la Russia ne sia convinto, soprattutto dopo il crollo dell’URSS, considerando le origini marxiste di quel paradigma.

Il Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale russo (NSC) Nikolay Patrushev ha recentemente rilasciato un’intervista ad Argumenty i Fakty in cui ha elaborato in dettaglio le dinamiche della transizione sistemica globale verso la multiplexity. L’intervista è in lingua russa, ma il presente articolo ne evidenzierà i punti principali per sensibilizzarli maggiormente, visto che ha appena esecrato l’Occidente. Tutti dovrebbero leggere l’intervista, ma per coloro che non hanno il tempo di farlo, il seguente riassunto dovrebbe essere sufficiente.

Patrushev ha esordito riconoscendo non solo la crisi politico-militare, economica e sociale in atto in molti Paesi, ma anche quella spirituale. Poi è passato a parlare delle reti oscure di influenza che gli attori non statali, come le imprese transnazionali (TNC) e le “organizzazioni non governative” (ONG) come quella di Soros, impiegano per controllare i governi del miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti.

Secondo il capo dell’NSC, questo blocco di fatto della Nuova Guerra Fredda manca di sovranità pratica, poiché le sue politiche sono realmente dettate dalle TNC e dalle ONG. Patrushev ha poi affermato che sono così potenti che hanno persino avuto un ruolo nell’assassinio di quattro Presidenti americani. Oggi una delle loro forze più influenti è il complesso militare-industriale (MIC), che Patrushev ha accusato di essere alla base dell’aggressione globale degli Stati Uniti, come recentemente manifestato dagli schemi della NATO e della sua controparte Asia-Pacifico AUKUS in Eurasia.

Nonostante il debito crescente degli Stati membri, Patrushev non si aspetta che questi ripaghino mai nulla. Piuttosto, Patrushev prevede che le TNC che controllano i loro governi continueranno a sfruttare economicamente gli altri Paesi, mentre le ONG continueranno a fare il lavaggio del cervello alle loro popolazioni, impedendo loro di rendersi conto di ciò che sta accadendo. È anche scettico sul fatto che qualsiasi legislazione occidentale possa effettivamente porre fine a questo saccheggio e a questa propaganda, a causa del profondo radicamento dei loro agenti di influenza nelle istituzioni nazionali.

A suo avviso, l’élite transnazionale non è fedele ad alcuno Stato, motivo per cui nessuno dovrebbe sperare che i burattini di queste forze che governano pubblicamente il Miliardo d’Oro al loro posto lavorino mai contro gli interessi dei loro patroni. Le TNC e le ONG che controllano questi Paesi occidentali odiano la Russia con passione, perché ha le risorse naturali, la volontà politica, la forza spirituale e la vera sovranità per resistere con successo ai loro complotti e aiutare i suoi partner a farlo.

Per questo motivo hanno incaricato i loro burattini del Miliardo d’Oro di condurre la loro guerra ibrida contro la Russia, che mira a “balcanizzare” questa Grande Potenza. Patrushev riconosce che sono riusciti a mettere gli Stati russo e ucraino l’uno contro l’altro, ma ha chiarito che il suo Paese non è in guerra con il popolo ucraino, né potrebbe mai esserlo, dal momento che molti dei suoi cittadini possono far risalire la loro eredità a quel Paese e praticano ancora la sua cultura strettamente legata.

Ha inoltre aggiunto che l’operazione speciale non è nemmeno contro la stessa Kiev, poiché i suoi rappresentanti sono solo proxy della NATO, in particolare dell’Asse anglo-americano. Patrushev spera che il popolo ucraino si renda presto conto che questi due soggetti lo stanno sfruttando e ponga fine a questa guerra per procura con un mezzo o con un altro. Ha poi ricordato come il Miliardo d’oro abbia abbandonato i suoi alleati in Afghanistan, lasciando intendere che potrebbe fare lo stesso con quelli ucraini.

Il capo dell’NSC ha anche affermato che gli Stati Uniti sono responsabili della creazione di Al Qaeda, dei Talebani, dell’ISIS e di altre organizzazioni terroristiche. Non erano sinceri nel combatterli in Afghanistan, a differenza di quanto affermato ufficialmente dai suoi rappresentanti, dal momento che Patrushev ha affermato che l’intero conflitto era in realtà legato al riciclaggio di denaro e al controllo dell’industria globale degli stupefacenti. Il motivo per cui se ne sono andati così improvvisamente, ha affermato, è stato quello di concentrare completamente i loro sforzi e i loro fondi sull’armamento dello Stato ucraino contro la Russia.

Pur prevedendo che il suo Paese riuscirà alla fine a smilitarizzare e denazificare lo Stato per procura antirusso del Miliardo d’Oro, è ancora scettico sul fatto che tutti i loro burattini saranno mai consegnati alla giustizia, visto che gli Stati Uniti hanno cooptato i nazisti dopo la Seconda Guerra Mondiale per aiutare le loro agenzie di intelligence e il MIC. Patrushev ha poi spiegato in dettaglio come ciò sia avvenuto, nel caso in cui i cittadini lo avessero dimenticato o non ne fossero mai stati informati.

Patrushev ha poi insinuato che il Miliardo d’Oro, o meglio i suoi burattinai delle TNC e delle ONG, sono i successori spirituali dei nazisti, dal momento che la loro misurazione dell’impronta di carbonio delle persone per valutare il loro valore per la società è simile, in linea di principio, agli “scienziati” fascisti che misurano i crani delle persone per lo stesso scopo. Ha poi denunciato i pericolosi esperimenti biologici di questo blocco de facto della Nuova Guerra Fredda e l’ossessivo proselitismo di quelli che ha descritto come disumani “valori” neoliberali.

A suo avviso, l’imposizione dell’agenda LBGT riguarda in realtà il controllo della popolazione, così come l’esportazione di OGM e le pressioni affinché le donne evitino di avere figli con il pretesto di fare la loro parte per combattere il cambiamento climatico. Per quanto possano sembrare pessimistici gli avvertimenti di Patrushev sull’armamento di tutto da parte dell’Occidente, egli è in realtà ottimista sul fatto che il mondo cambierà inevitabilmente in meglio, poiché ha affermato che la stragrande maggioranza dell’umanità è contraria a questa agenda disumana.

La Russia sta dando l’esempio di come opporsi a tutto questo, dimostrando l’importanza della sovranità economico-finanziaria e degli investimenti orientati a livello nazionale (compresi quelli del capitale privato), che le garantiscono di rimanere libera dalle grinfie delle TNC e delle ONG. Tuttavia, ammette che si può fare di più, come far rivivere i culti dell’era sovietica, come li ha definiti, di scienziati, ingegneri e lavoratori in generale, in modo che la nuova generazione sia ispirata a servire la Madrepatria.

Concludendo l’intervista, Patrushev ha descritto la Russia come invincibile grazie al suo popolo laborioso, alle sue diverse visioni della vita e alla sua composizione etno-religiosa. Questo ha fatto sì che la Russia abbia una cultura unica, che non ha descritto come europea, asiatica o “anti-occidentale”. Elaborando su questo punto, Patrushev ha detto che solo gli occidentali propagandati sono capaci di odio, ma spera che ricordare le loro sconfitte in Afghanistan, Vietnam e presto in Ucraina li umili un giorno.

Nel complesso, l’ultima intervista di Patrushev è stata eccezionalmente importante per il modo in cui ha biasimato l’Occidente, in particolare per il paradigma attraverso il quale lo ha fatto. Il suo approccio di considerare i rappresentanti del Miliardo d’Oro come i procuratori pubblici di quelle oscure TNC e ONG che, a suo dire, controllano di fatto questo blocco della Nuova Guerra Fredda non è nuovo, ma è significativo che il capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale di una Grande Potenza come la Russia ne sia convinto, soprattutto dopo il crollo dell’URSS, considerando le origini marxiste di quel paradigma.

Molto di ciò che ha detto sarà probabilmente liquidato come cosiddette “teorie della cospirazione” dai media mainstream occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM) se riporteranno la sua intervista, cosa che probabilmente molti saranno restii a fare per evitare di amplificare inavvertitamente le sue opinioni. Ciononostante, è difficile contestare tutto ciò che ha detto, poiché è tutto basato su fatti e logica, comprese le sue riflessioni provocatorie sul motivo per cui le agende LGBT, OGM e cambiamento climatico sono state imposte in modo così aggressivo dalle TNC e dalle ONG al mondo.

È anche degno di nota il fatto che abbia parlato dei modi in cui la Russia sta resistendo a queste agende, il che evoca il modus operandi proposto dal Presidente Putin nel suo Manifesto rivoluzionario globale che ha articolato in diverse occasioni importanti lo scorso anno. La Russia sta veramente guidando la Maggioranza Globale nella sua lotta contro la minoranza elitaria che ha preso il controllo del Miliardo d’Oro e ha armato i suoi Paesi nel tentativo di conquistare il mondo, che è ciò che la Nuova Guerra Fredda è in realtà.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Controinformazione.info

11 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube