Paul Craig Roberts sull’Operazione Militare Speciale e la Guerra delle Sanzioni

image_pdfimage_print

di Valentin Katasonov

L’America non si limita alla Casa Bianca, al Dipartimento di Stato e al Pentagono. Le opinioni dell’America non ufficiale sull’Operazione Militare Speciale e sulla guerra delle sanzioni possono essere molto diverse da quelle ufficiali. A volte di 180 gradi.

Posso usare Paul Craig Roberts come esempio. Economista americano, commentatore politico ed economico. Cavaliere dell’Ordine della Legion d’Onore. Ex assistente di politica economica del Segretario del Tesoro nell’amministrazione Ronald Reagan (1981-1982). Ha lavorato come ricercatore senior presso la Hoover Institution presso la Stanford University. Ex redattore e editorialista del Wall Street JournalBusinessweek, Scripps Howard News Service. Era un giornalista regolare per il Washington Times. Dal 2004, quando ha criticato la politica di George W. Bush, gli è stato negato l’accesso ai giornali e alle riviste centrali degli Stati Uniti.

Nonostante la sua età avanzata (nato nel 1939), Roberts è in ottima forma. Dirige l’Istituto di Economia Politica, da lui fondato personalmente. Gestisce un sito web personale da molti anni. E ogni giorno, salvo rare eccezioni, pubblica i suoi articoli e commenti su temi di attualità in America e importanti eventi internazionali.

Secondo lui, Roberts è un patriota americano. L’America di oggi (a cominciare dal presidente Bush Jr.) non ha nulla a che fare con la “buona vecchia America” che Paul associa ai presidenti Franklin Roosevelt John F. Kennedy. Paul Craig Roberts definisce “pazzo” e “suicida” il percorso verso la creazione della Pax Americana. In definitiva, un tale corso minaccia sia il mondo intero che l’America stessa. Dall’interno, l’America viene distrutta dalla politica del multiculturalismo, dalla distruzione dei resti del cristianesimo, della moralità e della Costituzione. L’America sta morendo come nazione. Nel luglio di quest’anno, i media mondiali hanno diffuso le parole di Roberts: «Gli Stati Uniti sono un luogo sulla mappa, non uno Stato».

Secondo Paul Roberts, il principale contrappeso all’attuale pazza America non può che essere la Russia (non ripone speranze nell’Europa, gli stessi processi entropici si stanno sviluppando lì come nel Nuovo Mondo). Sì, la Russia oggi, secondo Roberts, è malata. Ma se si fa un confronto: l’America è malata molto più gravemente della Russia. Da qui le speranze di Roberts che i meno malati salveranno i più malati. Roberts è chiamato da alcuni in America un “agente di Mosca”, sebbene questa sia una completa sciocchezza. Per ulteriori informazioni sulle opinioni di Roberts, vedere il mio articolo “Eroi del nostro tempo: Paul Craig Roberts”.

Roberts scrive regolarmente dell’Operazione Militare Speciale e della guerra delle sanzioni da più di sei mesi. Ecco le sue pubblicazioni più significative nel mese di agosto:

La Russia o l’Europa sono l’obiettivo delle sanzioni di Washington?

La distruzione dell’esercito ucraino da parte della Russia

Il Cremlino si sta avvicinando al mio punto di vista

Geopolitical Forecast Interviews PCR

Darò alcune stime di Roberts. In parte, le do nella mia presentazione.

La Russia ha perseguito per molti anni una politica erronea, sperando di poter costruire relazioni normali con l’Occidente. L’Occidente ha sempre cercato di indebolire e distruggere la Russia. Con questo in mente, la guerra delle sanzioni dovrebbe essere vista come un aspetto positivo per la Russia. Ha costretto Mosca ad abbandonare le sue illusioni e a uscire dal letargo.

«Le sanzioni statunitensi contro la Russia sono la cosa migliore che sia successa alla Russia da decenni. Le sanzioni hanno costretto il Cremlino a fare ciò che la leadership avrebbe dovuto fare da sola molto tempo fa: fare un passo indietro dal cercare di costruire relazioni economiche e politiche con l’Occidente, le cui dottrine dominanti di politica estera e militare proclamano la Russia il principale nemico che deve essere distrutto“».

Le sanzioni sono diventate un indizio inaspettato per il Cremlino con cui ha bisogno di costruire relazioni e quale valuta usare nel commercio estero.

«Le sanzioni hanno costretto la Russia ad abbandonare il suo desiderio sconsiderato di far parte dell’Occidente, l’hanno rivolta ai suoi veri alleati e hanno costretto la Russia a fare ciò che avrebbe dovuto fare molto tempo fa: fatturare l’energia in rubli, sostenendo così la propria valuta invece della valuta di il suo nemico».

L’Occidente era sicuro che il primo e più ovvio risultato della guerra delle sanzioni dichiarata dalla Russia sarebbe stato il rovesciamento dell’attuale governo al Cremlino e la sua sostituzione con una squadra che avrebbe eseguito incondizionatamente gli ordini di Washington e avrebbe reso la Russia lo stesso stato fantoccio dell’Ucraina.

Washington, crogiolandosi nel suo orgoglio e arroganza, suggerì di poter ordinare il crollo della Russia. E se no, allora le ONG filo-occidentali e finanziate dalla CIA, a cui il Cremlino ha permesso di operare liberamente in tutta la Russia, avrebbero rovesciato il governo russo, come hanno fatto in Ucraina, e creato un burattino conforme a Washington… i neo-conservatori a Washington ci credevano davvero. Ha funzionato per loro in Ucraina…».

La Russia assume una posizione estremamente passiva nella guerra delle sanzioni. Reagisce solo alle azioni aggressive dell’Occidente, ma, purtroppo, non mostra iniziative offensive.

«Non direi che c’è una “guerra delle sanzioni”. Il Cremlino è stato reattivo, non proattivo e ha semplicemente risposto alle iniziative occidentali. Se il Cremlino si fosse visto in una guerra di sanzioni, il Cremlino avrebbe tagliato tutte le fonti di energia e minerali strategici all’Occidente molto tempo fa, avrebbe confiscato le compagnie occidentali per risarcire la Russia per le riserve di valuta estera rubate…».

La Russia ha una carta vincente come risorse energetiche. Con l’aiuto di quest’arma, Mosca può distruggere l’Europa e allo stesso tempo la NATO, a causa dei 30 membri di questa organizzazione, la maggior parte dei 30 membri di questa organizzazione sono stati europei. Sarà molto strano e pericoloso per il mondo se Mosca non coglierà questa opportunità.

«Le sanzioni di Washington stanno punendo l’impero europeo di Washington, non la Russia. Se il Cremlino non salverà l’Europa fornendo energia e altre risorse necessarie, è probabile che la NATO crolli a causa dell’inverno senza energia che Washington ha imposto a tutta l’Europa. Solo il Cremlino può salvare la NATO».

«Le sanzioni di Washington avvantaggiano anche la Russia poiché minano le economie dei paesi della NATO, causano divisioni tra i membri dell’UE e, infine, fanno sì che i popoli europei si chiedano perché i loro governi stanno sostenendo il guerrafondaio di Washington a spese dei popoli europei».

La Banca Centrale Russa sta facendo tutto il possibile per indebolire l’economia russa; se Mosca non vuole perdere la guerra con l’Occidente, è necessario un urgente cambiamento nella leadership e nel corso della Banca Centrale Russa.

«Tuttavia, congederei il capo della Banca Centrale, che ha preparato l’Occidente al furto delle riserve valutarie russe e a frenare il progresso economico della Russia, rifiutandosi di capire che la sola Banca Centrale Russa è in grado di finanziare lo sviluppo economico della Russia senza prestiti e investimenti da parte dell’Occidente. Come molti membri dell’establishment russo, il capo della Banca Centrale subisce il lavaggio del cervello da parte di economisti neoliberali a Washington. Un capo di una banca centrale a cui gli occidentali hanno fatto il lavaggio del cervello è l’ultima cosa di cui la Russia ha bisogno».

L’ingiustificato prolungamento dell’operazione militare speciale in Ucraina offre all’America l’opportunità di essere sempre più coinvolta nel conflitto fornendo armi all’Ucraina e inviandovi i suoi consiglieri militari e volontari; questo può portare al fatto che il conflitto non diventerà russo-ucraino, ma russo-americano.

«La lenta e limitata operazione del Cremlino ha dato a Washington il tempo necessario per espandere la guerra. Il presidente Putin ha dichiarato questo mese alla X Conferenza sulla sicurezza internazionale di Mosca che “la situazione in Ucraina mostra che gli Stati Uniti stanno cercando di prolungare questo conflitto. Il viceministro degli esteri russo ha affermato che l’operazione limitata si è ampliata al punto che Washington è sul punto di unirsi direttamente al conflitto in Ucraina. In effetti, Washington è già un partecipante attivo».

L’operazione militare di Mosca in Ucraina non può essere molto “limitata” e molto “speciale”. Per garantire la sua sicurezza, la Federazione Russa deve portare Kiev e tutta l’Ucraina sotto il suo controllo e ottenere la sostituzione del governo fantoccio di Zelensky.

«Sotto la tutela di Washington, l’Ucraina sta ora attaccando il territorio russo. Questo fa sembrare il Cremlino debole e incapace di difendere il suo territorio. Per quanto tempo la Russia può tollerarlo prima che il Cremlino si renda conto che il suo obiettivo limitato era un sogno irrealizzabile e che il Cremlino non ha alternativa alla distruzione di Kiev e del governo fantoccio di Zelensky e alla chiusura dell’Ucraina

Paul Craig Roberts analizza in modo sufficientemente dettagliato molte operazioni militari in Ucraina. E valuta molto bene le azioni delle forze armate russe in Ucraina. Il vantaggio delle forze armate russe su quelle ucraine (non in termini quantitativi, ma qualitativi) è evidente nonostante Kiev, con l’aiuto dell’Occidente, stia preparando da otto anni un’operazione militare per impadronirsi del Donbass:

«Quando iniziò la guerra, le forze ucraine più pronte al combattimento, esperte, ben armate e ben piazzate non erano a Kiev, ma nel Donbass e a Mariupol. Si sono stabilite lì per diversi mesi con l’obiettivo finale di reclamare il Donbass e la Crimea, un obiettivo che non ha mai lasciato la mente dei leader ideologici e politici dell’Ucraina. Anzi, ne hanno parlato apertamente e incondizionatamente. Credevano fermamente che la forza delle loro forze armate, dopo otto anni di addestramento, avesse raggiunto un livello in cui erano veramente in grado di raggiungere questo obiettivo».

«Le potenti forze di Mariupol sono state metodicamente circondate e sistematicamente distrutte in un’operazione che sono sicuro sarà studiata nelle scuole militari per generazioni come uno degli esempi più spettacolari di combattimento urbano mai attuato. I russi hanno invertito il convenzionale rapporto di vittime tra attaccanti e difensori e lo hanno fatto contro un nemico protetto dalle massicce ed elaborate fortificazioni che avevano preparato nel corso degli anni all’interno della tentacolare acciaieria Azovstal».

Con alcune valutazioni e opinioni di Paul Roberts, si può essere d’accordo incondizionatamente, con altre – no. Ma in ogni caso, la conoscenza di tutti noi delle opinioni dell’economista americano è molto utile. Seguo questo saggio americano da molti anni e vedo che esulta sinceramente e si preoccupa per la Russia. E come americano (e con esperienza nel servizio pubblico), forse comprende meglio di noi quali sono i veri obiettivi degli Stati Uniti e dell’Occidente in relazione alla Russia. Ecco perché le sue valutazioni sull’Operazione Militare Speciale e sulla guerra delle sanzioni valgono molto.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: Idee&Azione

7 settembre 2022