Paura e odio in Occidente

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

I recenti sviluppi – l’incorporazione ufficiale di quattro nuove entità nella Russia a scapito dell’ultimo distacco dall’Ucraina, la richiesta di Zelensky di una rapida accettazione dell’Ucraina nella NATO, la mobilitazione in Russia – hanno provocato una forte reazione nei circoli degli esperti, dei media e della politica in Occidente.

La paura è visibile ovunque. Paura di accettare l’Ucraina nella NATO. Il timore che scoppi una guerra nucleare. Perplessità dopo il discorso di Putin con chiari impulsi e messaggi ideologici.

Il Washington Post ha risposto con un editoriale in cui afferma chiaramente che l’Ucraina non ha bisogno di essere accettata nella NATO.

“Non c’è bisogno che i leader occidentali facciano qualcosa su questa complessa questione”, ha scritto la pubblicazione.

“Il meglio che il Presidente Biden e i suoi colleghi leader della NATO possono fare è continuare le sanzioni e le forniture di armi che indeboliscono le forze armate russe e danno all’Ucraina la possibilità di reagire. Venerdì Biden ha dichiarato che lo avrebbe fatto perché era in preparazione un altro pacchetto di armi da 1,1 miliardi di dollari. Si parla anche della necessità di finalizzare e attuare un piano per limitare il prezzo delle esportazioni di petrolio russo e di accelerare i preparativi per rifornire di energia le case e le imprese europee durante l’inverno.

“All’ordine del giorno dovrebbero esserci anche contatti diplomatici o pressioni su India, Cina e Turchia, che sembrano sempre più stanchi dell’aggressione di Putin e potrebbero contribuire a convincerlo ad abbandonarla. Le ultime mosse di Putin, per quanto pericolose, dimostrano che sente l’arrivo dell’epilogo – e lo teme”.

The Hill è ancora più categorico e affronta i problemi interni della NATO, che sono già abbastanza senza l’Ucraina:

“La tossicità delle attuali sfide della NATO è esacerbata dalla crisi energetica innescata dall’armamento di Vladimir Putin delle vaste risorse energetiche della Russia, da cui l’Europa è diventata troppo dipendente. Ironia della sorte, l’Europa si è posta questo dilemma con l’aggressivo perseguimento di un’agenda “verde” che ha di fatto distrutto le capacità nucleari e di combustibili fossili del continente. In un articolo del Wall Street Journal, Joseph Sternberg ha illustrato le ferite autoinflitte dell’Europa, indicando l’avvicinarsi di uno “tsunami di fallimenti” dovuti ai prezzi dell’energia.

Mentre questi problemi economici attanagliano i Paesi della NATO, generando una concomitante instabilità politica, le crepe nella “unità” dell’Alleanza nei confronti dell’Ucraina potrebbero continuare a moltiplicarsi. La prevista adesione di Finlandia e Svezia alla NATO è stata bloccata dalla Turchia almeno fino al 2023, in attesa che questi Paesi promettano di arginare il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), che il Presidente Recep Tayyip Erdoğan considera una minaccia per il suo Paese. Con i porti del Mar Nero di fatto bloccati dalla Russia, l’Ucraina ha iniziato a esportare grandi quantità di grano in Europa a prezzi ridotti, il che ha fatto arrabbiare gli agricoltori europei e ha scatenato proteste di piazza dalla Francia alla Bulgaria.

Secondo l’ex diplomatica statunitense Kathleen Doherty, le imminenti elezioni potrebbero minare ulteriormente il fragile impegno della NATO nel sostenere i costi economici del conflitto in Ucraina. Con un recente sondaggio di Rasmussen che mostra come l’80% degli americani consideri la sicurezza nazionale un tema importante per le elezioni di novembre e il 42% consideri il conflitto in Ucraina dannoso per la sicurezza americana, anche gli Stati Uniti – leader della NATO – non sono immuni dal cambiamento dell’opinione pubblica.

I ricordi europei della mancata consultazione dei contingenti NATO in Afghanistan da parte dell’amministrazione Biden prima dell’improvviso e incompetente ritiro americano non sono svaniti e contribuiscono chiaramente alle attuali ansie sulla nostra potenziale imprevedibilità e inaffidabilità come alleato. In questo senso, anche la fissazione di molti politici americani di spicco sul principio “America first” non è incoraggiante.

Alla luce del continuo deterioramento economico, mentre l’Europa affronta un inverno rigido e l’instabilità sul campo di battaglia in Ucraina, le proteste pubbliche contro l’unità della NATO dovrebbero essere viste come un segnale sempre più incerto”.

“La parziale mobilitazione in Russia, l’attacco ancora anonimo ai gasdotti Nord Stream, il commento di Putin secondo cui Hiroshima avrebbe creato un precedente per l’uso di armi nucleari in guerra: sembra proprio che ora abbiamo a che fare con una Russia diversa – più arrabbiata, più disperata, più frenetica”, scrive Jim Geraghty su National Review.

Ma l’autore non menziona chi ha sganciato la bomba su Hiroshima. Continua a scrivere di vari timori e problemi, tra cui gli eventi di Wuhan (per alludere ancora una volta al senso di colpa della Cina).

Il noto russofilo Anatol Lieven, a differenza di molti giornalisti e analisti politici statunitensi, si pone il problema che non sarà la Russia a scatenare una guerra nucleare, ma gli Stati Uniti. In risposta, dice, la Russia invierà missili all’America. E anche se si tratta di un solo missile, il risultato sarà la morte di centinaia di migliaia di americani, la maggior parte dei quali civili.

“Quello di cui stiamo parlando ora è una tipica battaglia post-coloniale per un territorio limitato nell’Ucraina orientale e meridionale. Chiunque pensi che valga la pena di rischiare potenzialmente miliardi di vite – tra l’altro, alle persone di tutto il mondo non è mai stata chiesta la loro opinione al riguardo – ha perso il contatto con alcuni elementi della realtà e della sanità mentale di base, ma anche con alcuni aspetti della moralità di base… Sono semplicemente sconcertato dalla disinvoltura con cui alcuni commentatori parlano ora della possibilità di una guerra nucleare.

…Gli Stati Uniti stanno armando l’Ucraina in massa, finanziando l’Ucraina e correndo grossi rischi per l’Ucraina – una guerra nucleare – ma anche se si guarda alle condizioni globali, alla minaccia di recessione, all’inflazione negli Stati Uniti, alla minaccia di una recessione davvero profonda in Europa, alla scarsità di cibo in alcune parti del mondo. Naturalmente questo ci dà voce in capitolo nel tentativo di raggiungere un accordo di pace. L’America ha cercato di intervenire nei conflitti in tutto il mondo per stabilire la pace.

Il secondo è il governo ucraino: è difficile dire fino a che punto questa sia la posizione di Vladimir Zelensky e dove sia caduto nella trappola dei suoi stessi integralisti, ma il governo ucraino sta prendendo sempre più posizione sulla piena restituzione di tutto il territorio detenuto dalla Russia dal 2014, cosa che nessun governo russo accetterà. Cercare di riprendere la Crimea o la base navale di Sebastopoli sarebbe molto simile al tentativo della Cina di conquistare le Hawaii e Pearl Harbour”.

Diamo la parola ai professionisti della guerra e della difesa. Dan Gouret, che ha lavorato per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, afferma quanto segue

“Cosa farebbero la NATO e l’Occidente se la Russia rispondesse con armi nucleari al successo dell’offensiva convenzionale dell’Ucraina? È quasi certo che la NATO non risponderà con un attacco nucleare equivalente. Chiunque, negli ultimi decenni, come me, abbia partecipato a giochi di guerra di alto livello negli Stati Uniti o nella NATO, in cui la controparte ha usato armi nucleari contro di noi, è giunto alla conclusione che è estremamente difficile far sì che Washington – e ancor meno l’alleanza NATO – risponda allo stesso modo, anche se l’obiettivo di un tale attacco sono le forze statunitensi o della NATO. A meno che l’attacco non sia massiccio, le squadre che rappresentano il governo degli Stati Uniti e i Paesi della NATO optano quasi sempre per una campagna convenzionale intensificata o per una ritirata.

Se Putin usasse le armi nucleari contro l’Ucraina, le opzioni dell’Occidente sarebbero ancora più limitate. L’Ucraina non è un membro della NATO e non è protetta dall’ombrello nucleare dell’Alleanza. Una risposta nucleare sembrerebbe insondabile per i leader occidentali. Un ex funzionario del governo statunitense e negoziatore per il controllo degli armamenti nucleari ha commentato come Washington risponderebbe a un’esplosione nucleare russa: “Non credo che gli Stati Uniti si inasprirebbero. Di certo non risponderebbero con armi nucleari”. Siate certi che Putin lo sa.

I leader occidentali, in particolare il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, hanno promesso di rispondere all’uso di armi nucleari da parte della Russia raddoppiando il sostegno all’Ucraina, fornendole più armi convenzionali e migliori, ampliando le sanzioni economiche contro la Russia e cercando di coinvolgere la comunità globale per trasformare la Russia in uno Stato canaglia. Questo è ciò che ha messo in guardia Biden nel suo recente discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. In realtà, l’Occidente cercherà di perseguire esattamente la strategia che avrebbe portato Putin a usare le armi nucleari. È una manifestazione di follia fare di nuovo la stessa cosa aspettandosi un risultato diverso.

Fornire all’Ucraina ulteriori equipaggiamenti militari occidentali, tra cui più lanciatori HIMARS, missili a lungo raggio, droni avanzati, attrezzature pesanti e persino jet da combattimento F-16, garantisce che l’Ucraina sia in grado di affrontare l’esercito russo. Ma questo non porrà fine al conflitto.

In realtà, una probabile risposta occidentale farebbe solo il gioco di Putin. L’uso iniziale di armi nucleari sarebbe stato accolto con una risposta non proporzionata, dimostrando la debolezza dell’Occidente. Mosca l’avrebbe fatta franca con l’uso di armi nucleari, avrebbe dimostrato che la deterrenza era inutile e si sarebbe preparata a usare di nuovo le armi nucleari in futuro. La posizione di Putin all’interno del Paese sarebbe certamente migliorata. Egli affermerebbe di essere il leader russo che si è opposto all’Occidente e che è riuscito ad usare le armi nucleari per difendere la patria.

Putin ritiene che il conflitto in Ucraina sia necessario per affrontare la minaccia esistenziale per la Russia rappresentata dall’espansione della NATO e dai suoi sforzi per creare uno Stato satellite in Ucraina. In questo contesto, l’uso delle armi nucleari è giustificato. Così come il rischio di un’escalation da parte dell’Occidente. Come ha detto Putin in un’intervista del 2018, il primo uso di armi nucleari avrebbe senso anche se portasse a una catastrofe globale. Dopo tutto, ha detto: “Perché abbiamo bisogno di un mondo del genere se la Russia non c’è?”. Un leader disposto ad andare in capo al mondo per difendere la patria incuterebbe profondo rispetto o, meglio ancora, paura in Russia. Questo dovrebbe essere sufficiente per Putin.

Dietro tutte queste parole, tuttavia, la maggior parte degli oratori occidentali sembra deliberatamente tacere su altre importanti questioni sottolineate da Vladimir Putin durante il suo discorso.

Si tratta della difesa del mondo russo e della restituzione dei territori storici (molti dei quali sono ancora occupati da Stati ostili, non solo l’Ucraina, ma anche gli Stati baltici e persino la Polonia); del percorso verso la piena sovranità e l’autarchia; della lotta contro il colonialismo e il razzismo in tutte le sue forme e del sostegno alle aspirazioni anticoloniali in altre regioni del mondo.

Quest’ultimo aspetto è particolarmente importante perché gli Stati Uniti hanno cercato di lanciare progetti separatisti sotto l’egida della “decolonizzazione della Russia”. Ora siamo noi a decolonizzare. E c’è un apparato semantico adeguato per questo. Lo Stato russo investirà ora ulteriori risorse e mezzi a tal fine. La politica di non ingerenza negli affari degli Stati occidentali sta per finire. Tutto ciò che devono fare è ammettere la perniciosità delle loro azioni e, pentiti, chiedere di venire al tavolo dei negoziati.

Tra l’altro, proprio il giorno prima il Quincy Institute ha condotto un sondaggio che ha rivelato che la maggioranza degli americani (sia democratici che repubblicani, così come rappresentanti e sostenitori di altri partiti) sono favorevoli a una soluzione diplomatica del conflitto in Ucraina, con questo tipo di assistenza, piuttosto che con forniture militari, da parte degli Stati Uniti.

Il futuro dell’Occidente è nelle mani di persone così adeguate. Questo, ovviamente, se si verifica lì.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

6 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube