“Peacekeepers” polacchi per l’Ucraina: minacce e prospettive

image_pdfimage_print

di Aleksandr Bovdunov

Cosa prevarrà: la sete di autoaffermazione geopolitica o l’istinto di autoconservazione?

Il 24 marzo si terrà a Bruxelles un vertice di emergenza della NATO. Il secondo incontro dei leader dei paesi dell’Alleanza del Nord Atlantico nell’ultimo mese sarà dedicato al conflitto tra Russia e Ucraina. Anche prima dell’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, i paesi della NATO hanno iniziato a fornire supporto militare attivo a Kiev. Durante l’operazione militare, la fornitura di armi all’Ucraina è aumentata in modo significativo. La questione di portare i militari dei paesi della NATO nella zona del conflitto è oggetto di un’attiva discussione. Si prevede che questo argomento sarà inserito all’ordine del giorno a Bruxelles il 24 marzo.

 

L’idea polacco-ucraina

Il principale sostenitore dell’ingresso delle truppe della NATO nel territorio dell’Ucraina è la Polonia. Secondo i media polacchi, il presidente Andrzeij Duda al prossimo vertice proporrà piani specifici per attuare questa idea.

Una settimana fa, il vice primo ministro polacco Yaroslav Kaczynski ha proposto di inviare una “missione armata di mantenimento della pace della NATO” in Ucraina. È stato sostenuto dall’ambasciatore dell’Ucraina in Polonia, Andriy Deshchitsa, ex Ministro degli Esteri nei primi mesi dopo il colpo di stato del 2014.

«La missione internazionale di mantenimento della pace in Ucraina è necessaria per garantire i corridoi umanitari», – ha affermato, a sua volta, l’ambasciatore polacco in Ucraina Bartosz Cichocki. L’opinione pubblica ucraina e polacca si sta attivamente preparando alla prospettiva di “respingere l’aggressione russa”. Così, negli stessi giorni in cui Polonia e Ucraina hanno avviato discussioni sui “peacekeepers”, i sociologi ucraini della società Active Group hanno condotto un “sondaggio” sugli abitanti della Russia (!), dove la maggioranza avrebbe parlato a favore della successiva aggressione alla Polonia. È una vera e propria manipolazione. Molto probabilmente, nessuno ha condotto alcun sondaggio o i suoi risultati sono stati truccati. È difficile immaginare che i “sociologi” ucraini conducano effettivamente un’indagine sul territorio russo in questi giorni, anche se avessero nascosto la loro identità.

Si tratta di giustificare l’occupazione da parte dell’Ucraina, presumibilmente per fermare la successiva aggressione contro la Polonia. Il vero obiettivo di tutte le manipolazioni è preservare l’Ucraina filo-NATO, fermare l’avanzata delle truppe russe, mettere la Russia davanti al fatto della presenza delle truppe NATO in Ucraina, il che equivarrebbe alla sconfitta. È stato invece proprio per impedirlo che la Russia ha lanciato un’operazione militare.

 

Area operativa

Di tutti i paesi alla periferia orientale della NATO, la Polonia sta cercando di svolgere il ruolo più attivo in Ucraina. Tradizionalmente, Varsavia percepisce l’intero territorio di questo paese come una zona della sua influenza ed espansione secondo il concetto dominante di Gedroits-Meroshevsky in relazione ai suoi vicini orientali, è anche il concetto dell’ULB (Ucraina, Lituania, Bielorussia). La Russia è considerata un pericoloso avversario geopolitico e storico, che deve essere sconfitto e indebolito il più possibile. La Polonia – in quanto avanguardia dell’Occidente nell’est dell’Europa – è l’idea principale del paradigma geopolitico “jagelloniano”. Questo è ciò a cui aderisce l’attuale leadership polacca. E la stessa idea si inserisce perfettamente nelle strategie geopolitiche atlantistiche di utilizzare i paesi dell’Europa orientale (la “zona cuscinetto”) contro la Russia.

Pertanto, nel caso dell’apparizione teorica del personale militare polacco sul territorio dell’Ucraina, non ci si deve aspettare che Varsavia sia limitata esclusivamente al territorio dell’ex “Kresy orientale” (Galizia e Volyn). Varsavia non pensa in termini di irredentismo nazionale (soprattutto perché la popolazione polacca nell’Ucraina occidentale è relativamente piccola), ma si concepisce come il fulcro di un progetto geopolitico antirusso. Questo progetto jagelloniano sviluppa storicamente l’eredità di Josef Piłsudski, mentre l’irredentismo nazionale risale a una linea completamente diversa nella storia del pensiero politico polacco: la democrazia nazionale di Roman Dmowski.

Le attuali élites polacche sono le eredi proprio della linea ideologica del conservatorismo nazionale di Pilsudski, sotto la cui guida nel 1918-1920 la Polonia tentò già di occupare l’intera Ucraina, e le truppe polacche entrarono a Kiev. Pertanto, non è esclusa almeno la comparsa di consiglieri militari polacchi a Kiev o nell’est dell’Ucraina, nonché di singoli gruppi di “peacekeepers”. Tuttavia, per ragioni logistiche, sarà più conveniente per i polacchi concentrarsi sulle zone di confine.

 

Dubbi nella NATO

Naturalmente, qualsiasi apparizione dell’esercito polacco o di una missione mista della NATO in Ucraina sarà percepita dalla Russia come un’escalation geopolitica. Pertanto, è auspicabile che Varsavia ottenga il sostegno dell’intera alleanza, in modo da non assumersi la responsabilità da sola. Tuttavia, l’esperienza della discussione sull’invio di MiG-29 polacchi in Ucraina mostra che non è così semplice. Tre settimane fa, l’aviazione ucraina ha già riferito che Bulgaria, Polonia e Slovacchia avrebbero fornito all’Ucraina 70 aerei militari. A sua volta, il Wall Street Journal ha riferito che gli Stati Uniti stavano “lavorando con Varsavia” su questa questione. Alla fine, la Polonia ha accettato di inviare gli aerei, non direttamente, ma consegnandoli agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno abbandonato un tale schema. Né Varsavia né Washington volevano diventare estremisti su una questione che minacciava uno scontro diretto con la Russia.

Inoltre, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna si sono rifiutati di introdurre da soli una “no-fly zone” sull’Ucraina, richiesta dalle autorità di Kiev. I membri chiave dell’alleanza non si assumono la responsabilità necessaria. Invece, stanno cercando di spostarlo su piccoli membri che hanno ancora sistemi di difesa aerea sovietici e in Turchia (S-400 russi). In quest’ultimo caso, sperano di prendere due piccioni con una fava: sia per far crollare le relazioni russo-turche (per affrontare in seguito la stessa Turchia, o almeno il regime di Erdogan), e sia per fornire all’Ucraina le armi di cui ha bisogno, prolungando così il conflitto. Forse questo tema sarà discusso anche al vertice della NATO a Bruxelles. Se questa iniziativa fallisce, i diplomatici americani possono sempre fare bella figura su di una giocata sbagliata e dire “ci abbiamo provato”.

 

Prospettiva del vertice

Un certo numero di membri della NATO si è già espresso contro l’invio di “peacekeepers” della NATO in Ucraina. L’Ungheria è categoricamente contraria al trasferimento di armi, alla no-fly zone e all’invio di forze di pace. Tuttavia, per ogni evenienza, Budapest ha concentrato le truppe al confine con la regione della Transcarpazia, dove la minoranza ungherese vive compatta. Il portavoce del governo tedesco Steffen Hebestreit si è espresso contro l’invio di truppe della NATO in Ucraina. «Nessun personale militare e della NATO dovrebbe entrare nel territorio dell’Ucraina. Abbiamo una chiara linea rossa su questo tema»ha affermato il rappresentante della Germania.

L’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenflyd ha affermato che Washington non invierà le sue truppe in Ucraina, ma «altri paesi della NATO potrebbero decidere di voler inviare truppe nel territorio dell’Ucraina». Anche Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO, si è opposto alla presenza dei militari dell’alleanza nella zona del conflitto.

Con una tale posizione, è ovvio che sarà estremamente difficile, se non impossibile, per la Polonia ottenere un mandato per introdurre “peacekeepers” per conto della NATO in Ucraina. Pertanto, le decisioni più attese a livello NATO sono: inviare rifornimenti umanitari in Ucraina, supportare Kiev con l’intelligence (il che è già in corso), aumentare le truppe statunitensi nell’Europa orientale e nuove sanzioni contro la Russia. Già con la spedizione di armi potrebbero sorgere problemi a causa della posizione dell’Ungheria. Per quanto riguarda le truppe, è improbabile che il vertice approvi una missione militare NATO formale o di “mantenimento della pace”, o l’imposizione di una “no-fly zone” a nome dell’intera alleanza.

 

La benedizione di Biden

Tuttavia, la Polonia può contare sulla disponibilità degli Stati Uniti a “chiudere un occhio” e persino a benedire la creazione di una “coalizione di volenterosi” da parte dei paesi membri della NATO pronta a invadere l’Ucraina con il pretesto di una missione di mantenimento della pace. Nel 2003, a causa di disaccordi all’interno della NATO, gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq proprio per conto di una tale “coalizione”Il portavoce del governo polacco Piotr Müller ha affermato che la Polonia ha ricevuto risposte positive dai singoli paesi della NATO nonostante lo scetticismo ufficiale. Non ha rivelato quali paesi fossero, ma ufficialmente Lituania e Danimarca hanno precedentemente espresso sostegno a tale missione.

Pertanto, per il momento, le cose si stanno muovendo per garantire che i polacchi e altri che desiderano assumersi l’onere della responsabilità, agendo non per conto della NATO, ma di un gruppo di paesi. Se ciò non accade il 24 marzo, i negoziati proseguiranno.

Cosa accadrà se tali forze di pace provenienti dai paesi della NATO, ma non sotto gli auspici dell’alleanza, apparissero in Ucraina? In primo luogo, diventeranno obiettivi legittimi per le truppe russe, perché custodiranno i corridoi per la consegna delle armi. La Russia non ha minacciato e non minaccia alcun corridoio umanitario.

Secondo il ministro degli Esteri russo Sergeij Lavrov, l’invio di “peacekeepers” della NATO in Ucraina porterà al loro scontro diretto con le forze armate russe.

È improbabile che i combattimenti vengano evitati. Lo stato maggiore russo ha speciali meccanismi di comunicazione con i capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti, ma non con la Polonia e altri piccoli paesi della NATO, tali meccanismi sono assenti anche nelle relazioni russo-britanniche. La decisione degli Stati Uniti di spingere la Polonia in un conflitto con la Russia (almeno per la sua non resistenza) significa una disponibilità all’escalation, ma a spese di qualcun altro.

 

Conflitto con la NATO?

Qual è una possibile risposta della NATO se le truppe polacche vengono attaccate dalle forze russe in Ucraina?

Ciò richiede il ricorso agli articoli 5 e 6 del Trattato Nord Atlantico del 1949, documento fondamentale dell’Alleanza. L’articolo 5 recita: “Le parti contraenti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o Nord America sia considerato un attacco contro di loro nel loro insieme…”. In questo caso, ciascuna parte decide individualmente come aiutare un alleato. Non c’è nessun obbligo da nessuna parte di andare in guerra. E l’articolo 6 chiarisce cosa è considerato un attacco e cosa non lo è:

“Ai fini dell’articolo 5, un attacco armato contro una o più Parti contraenti è considerato come un attacco armato:

al territorio di una qualsiasi delle Parti contraenti in Europa o Nord America, i dipartimenti algerini della Francia, il territorio della Turchia o le isole situate nella zona dell’Atlantico settentrionale a nord del Tropico del Cancro e sotto la giurisdizione di una qualsiasi delle Parti contraenti;

sulle forze armate, navi o aeromobili di una qualsiasi delle Parti contraenti, se tali forze armate, navi o aeromobili si trovavano all’interno o al di sopra di questi territori, o in o al di sopra di un’altra area d’Europa, se su di essi o in essa al momento dell’entrata in vigore del presente Trattato, le forze di occupazione di una delle Parti contraenti sono di stanza nel o al di sopra del Mar Mediterraneo, o all’interno o al di sopra della zona nord atlantica a nord del Tropico del Cancro”.

Cioè, dal punto di vista del documento base della NATO, un attacco contro le truppe polacche al di fuori del territorio della Polonia, se agiscono solo per conto proprio o della “coalizione dei volenterosi”, non sarà considerato motivo di attivazione dell’Articolo 5. Al di fuori dei territori dei paesi della NATO sono protette solo le “truppe di occupazione” ivi dislocate al momento dell’entrata in vigore del trattato (1949). Questo articolo non ha nulla a che fare con la Polonia o l’Ucraina e in precedenza ha riguardato le forze armate statunitensi, britanniche e francesi in Germania e Austria.

Tuttavia, l’escalation del conflitto in caso di attacco contro le truppe polacche potrebbe teoricamente portare a ulteriori attacchi sul territorio polacco e contemporaneamente sul territorio della Russia (regione di Kaliningrad), oltre che in Bielorussia. In questo caso è possibile l’attivazione degli articoli 5 e 6 del Trattato Nord Atlantico. Tuttavia, deve passare del tempo tra un possibile attacco alle truppe polacche in Ucraina e l’espansione della zona di conflitto già sul territorio della Russia, della Bielorussia e della stessa Polonia. Questo intervallo di tempo non esisterebbe se la stessa missione NATO fosse presente in Ucraina. Ecco perché Washington sta spingendo Varsavia verso una “coalizione di volenterosi” per sfruttare questo divario a proprio vantaggio.

La posizione degli Stati Uniti nei confronti della Polonia implica che Washington sarà pronta a gettare l’esercito polacco nel fuoco della guerra. L’obiettivo è quindi utilizzare la loro eventuale distruzione per fare pressione sulla Russia. L’ambigua posizione dei polacchi in Ucraina, senza garanzie di protezione automatica dei fratelli maggiori nella NATO, darà agli americani libertà di manovra. Possono alzare la posta in gioco e minacciare, ma saranno pronti a ritirarsi da un momento all’altro. Washington non avrà alcun obbligo legale vincolante nei confronti di Varsavia, solo morali. Ma possono anche essere incrociati, spiegandolo con la riluttanza a essere coinvolti in una guerra nucleare. La domanda è se la Polonia sarà pronta a continuare a partecipare al gioco degli Stati Uniti potenzialmente pericoloso. Cosa prevarrà: la sete di autoaffermazione geopolitica o l’istinto di autoconservazione?

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: geopolitica.ru

28 marzo 2022

2 Replies to ““Peacekeepers” polacchi per l’Ucraina: minacce e prospettive”

Comments are closed.