Perché l’estrema destra l’estrema sinistra americane si sono schierate contro gli aiuti all’Ucraina

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Sebbene la maggior parte dell’opinione pubblica americana, guidata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, abbia espresso il proprio sostegno all’Ucraina, molti a destra e a sinistra si sono affrettati a difendere il regime del presidente russo Vladimir Putin o, per lo meno, hanno esortato gli Stati Uniti a non intervenire in difesa dell’Ucraina.

Tucker Carlson, il volto di Fox News e conduttore del più popolare programma di telegiornali via cavo negli Stati Uniti, ha lanciato per mesi argomenti pro-Cremlino (ed è spesso ritrasmesso dalla televisione di stato russa). Altre figure di destra vomitano regolarmente disinformazione anti-ucraina e si scagliano contro l’invio di armi pesanti nel paese.

Nel frattempo, il luminare della sinistra intellettuale americana, Noam Chomsky, ha invocato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump come un modello di statista geopolitico equilibrato per la sua opposizione all’armamento dell’Ucraina. Fonti di sinistra, come JacobinNew Left Review Democracy Now! — hanno aderito a una linea di partito che fa cadere la colpa sull’espansione della NATO per l’invasione della Russia e si oppone agli aiuti militari all’Ucraina.

Online, eserciti di account di sinistra e di destra trovano da ridire sulla politica, le politiche e il presidente dell’Ucraina. Al Congresso, sette dei più ferventi sostenitori conservatori di Trump hanno votato insieme ai campioni progressisti Ilhan Omar e Cori Bush contro il divieto dei combustibili fossili russi; ancora più sorprendentemente, a Omar e Bush si uniscono i, per così dire, membri della squadra Alexandria Ocasio-Cortez e Rashida Tlaib, nonché la frangia di estrema destra del Partito Repubblicano nell’opporsi al governo degli Stati Uniti che si impossessa dei beni degli oligarchi russi.

Tutti questi sviluppi evidenziano una bizzarra alleanza tra le due estremità dello spettro politico. La domanda è: perché?

Quello che sembra di vedere è una versione moderna della teoria della politica a ferro di cavallo, in cui l’estrema sinistra e l’estrema destra si trovano in un inquietante allineamento. Sebbene storicamente diffamata, la teoria sembra reggere molto bene quando si tratta dell’opinione degli Stati Uniti sulla guerra Russia-Ucraina. Questo non ha molto a che fare con la simmetria ideologica, tuttavia, e nemmeno con la Russia o l’Ucraina, se è per questo. Piuttosto, ha tutto a che fare con lo stato difficile della politica statunitense, dove basarsi su semplici nozioni di “sinistra” e “destra” o “conservatore” e “progressista” non serve più un’euristica utile per comprendere gli sviluppi politici.

La teoria della politica a ferro di cavallo è stata introdotta dal filosofo francese Jean-Pierre Faye, che credeva che lo spettro ideologico politico, tradizionalmente interpretato come una progressione lineare da una qualche forma di socialismo o collettivismo democratico attraverso un centro borghese-liberale e su una qualche forma di totalitarismo o il fascismo: non era una linea retta tra posizioni politiche sempre più lontane, ma piuttosto qualcosa come un ferro di cavallo, con gli estremi che si piegavano quasi magneticamente in congiunzione l’uno con l’altro.

Sulla base della sua osservazione dell’allineamento dei partiti fascisti e comunisti nella politica interna tedesca dei primi anni ’30 e poi dell’allineamento nazista-sovietico nella sfera internazionale, forse meglio incarnato dal Patto Molotov-Ribbentrop, credeva che gli estremi politici avessero molto più in comune di quanto potrebbe suggerire un’interpretazione tradizionale dello spettro politico.

L’idea del ferro di cavallo politico è stata a lungo criticata sia per la sua mancanza di rigore intellettuale sia in modo strumentale da parte dei centristi per screditare i propri oppositori, principalmente da quelli di sinistra che potrebbero essere paragonati ai conservatori a cui apparentemente si oppongono. I critici della teoria tendono a sottolineare che qualsiasi apparente convergenza su posizioni politiche tra l’estrema sinistra e l’estrema destra – come le critiche alla democrazia liberale, alla globalizzazione e alle soluzioni basate sul mercato ai problemi sociali – è superficiale, mascherando ideologie molto più profonde e divergenti e preferenze politiche. Semmai, ciò che unisce l’estrema sinistra e l’estrema destra, affermano i critici, è l’opposizione al centro liberale, motivo per cui il centro liberale usa così spesso il ferro di cavallo come randello.

Tuttavia, la teoria continua a riemergere, anche perché l’estrema sinistra e l’estrema destra sembrano continuare ad allinearsi sia sulle idee che sulla politica.

Uno dei motivi è che il tradizionale spettro unidimensionale sinistra-destra non tiene conto di altri assi di divisione politica nella politica statunitense, come quelli dominati non da nessuna nozione tradizionalmente intellettuale di progressismo o conservatorismo, ma invece da atteggiamenti negativi verso “l’establishment” e forme più ampie di populismo. Come uno di noi ha notato in precedenza, il populismo negli Stati Uniti non è vincolato ai sostenitori di Trump “Make America Great Again” (MAGA) sulla destra. Invece, è distribuito in tutto lo spettro politico, con populisti sia di sinistra politica (tra i sostenitori del senatore Bernie Sanders, ad esempio) che di destra (tra i sostenitori di Trump).

Ciò che sembra unire le estremità del ferro di cavallo, se seguiamo la metafora di Faye, non sono nozioni intellettuali di conservatorismo o progressismo, ma invece, l’opposizione alle élite, alle “establishment” del partito e ai tradizionali guardiani della stampa mainstream. Quando si tratta dell’invasione russa dell’Ucraina, non solo vediamo un notevole sostegno per la teoria del ferro di cavallo, ma anche per qualcosa che va oltre: l’idea che il semplice paradigma sinistra-destra non ci porti particolarmente lontano nella comprensione della politica statunitense.

… a stragrande maggioranza degli americani di entrambe le parti ha sostenuto la posizione del governo degli Stati Uniti: sostengono la fornitura di aiuti militari e umanitari all’Ucraina e, sorprendentemente, c’è persino un notevole sostegno bipartisan per accogliere i rifugiati ucraini negli Stati Uniti. Ma anche la Russia ha trovato alleati vocali.

Il GOP ha storicamente esercitato la sua posizione antisovietica (prima del 1989) e antirussa (dopo il 1989) con grande effetto politico. Dopotutto, questa è la festa del “Signor Gorbaciov, abbatti questo muro!”. Nel 2012, l’allora candidato presidenziale del GOP Mitt Romney definì la Russia il principale nemico geopolitico degli Stati Uniti e un paese che “difende sempre i peggiori attori del mondo”. Avanti veloce fino al 2022 e repubblicani, incluso Trump; suo figlio maggiore, Donald Trump Jr.; Madison Cawthorn; il candidato al Senato dell’Ohio JD Vance; Personaggi di Fox News, come Laura Ingraham; e influencer conservatori, come Candace Owens — si sono tutti allontanati dalla linea del partito per disprezzare gli sforzi dell’Ucraina e degli Stati Uniti per assisterla.

Un certo numero di tropi che ricorrono in questa critica di destra è l’affermazione che l’espansione della NATO ha costretto la mano di Putin e ha portato all’invasione, nonché che i soldi spesi per gli aiuti militari all’Ucraina sarebbero stati spesi meglio per questioni interne, anche se tali questioni includono la continua militarizzazione del confine tra Stati Uniti e Messico, come suggerito dal senatore del Missouri Josh Hawley.

Nel frattempo, molti della sinistra progressista, inclusi membri dei Socialisti Democratici d’America (DSA) e i politici che supportano, accademici e saggisti di sinistra e fasce di sedicenti “antimperialisti” online, hanno avuto la tendenza a schierarsi con l’aggressore, la Russia (o almeno non schierarsi con la vittima, l’Ucraina) in uno degli esempi più evidenti di aggressione coloniale nella memoria recente. Le loro argomentazioni principali rispecchiano quelle della destra – l’espansione della NATO e le legittime preoccupazioni per la sicurezza della Russia come fattore scatenante della guerra, nonché l’uso improprio dei fondi che potrebbero essere utilizzati per risolvere i problemi interni – ma esprimono anche opposizione alla guerra completa e, a volte, sposano il sostegno diretto alla Russia, il tutto avvolto in un linguaggio di opposizione all’intervento statunitense all’estero, spesso interpretato come “imperialismo statunitense“.

C’è sempre stata una minoranza marginale di voci all’estrema sinistra che sono state etichettate in modo peggiorativo “tankies“. Spesso autoidentificati come marxisti-leninisti, si sono scusati per le azioni repressive dei governi comunisti autoritari, come quelli dell’Unione Sovietica o della Cina. L’insulto fu originariamente lanciato da compagni di sinistra contro i comunisti occidentali che esultarono quando l’Unione Sovietica fece rotolare i carri armati a Budapest per reprimere una rivolta popolare antisovietica in Ungheria nel 1956. Oggi, il termine è per lo più diffuso nei circoli online, riferendosi ai sostenitori di regimi repressivi e applicandosi principalmente alle opinioni detenute da giornalisti marginali che lavorano per fonti di notizie alternative finanziate in modo opaco che lodano i dittatori, come il presidente siriano Bashar al-Assad.

Quando si tratta dell’Ucraina, molti tankies hanno abbracciato una posizione pro-Mosca e hanno riproposto argomenti di discussione sul Cremlino, forse non riuscendo a disambiguare tra la Russia, uno stato capitalista-oligarchico autoritario, e il suo predecessore, l’Unione Sovietica, uno stato comunista autoritario. Queste posizioni includono la falsa affermazione che il movimento di protesta Euromaidan del 2014 in Ucraina sia stato un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti, che è stato condiviso direttamente da funzionari eletti come il membro del consiglio di New York City sostenuto dalla DSA Kristin Richardson Jordan sotto forma di collegamenti a disinformazione sui tank online. Ma affermazioni simili sono state fatte anche dalla rappresentante del GOP Marjorie Taylor Greene, sostenitrice di QAnon, e da studiosi di spicco apparentemente seri, tra cui Chomsky e il professore dell’Università di Chicago John Mearsheimer.

In effetti, ciò che ha unito le estremità del ferro di cavallo quando si tratta dell’Ucraina non è semplicemente l’opposizione al conflitto o il tifo per la Russia, ma un pronto abbraccio di idee da tutto lo spettro politico che si adatta a queste posizioni. In altre parole, contrariamente a quanto affermano i critici della teoria del ferro di cavallo, vediamo non solo somiglianze politiche superficiali sull’Ucraina, ma un allineamento ideologico molto più profondo, seppur opportunistico.

Il lavoro di Mearsheimer è istruttivo qui. Studioso di relazioni internazionali molto influente, Mearsheimer è conosciuto come uno dei principali fautori della scuola di analisi degli affari mondiali del “realismo offensivo”. Questa scuola sostiene che gli stati, in particolare le grandi potenze, agiranno razionalmente per massimizzare il loro potere militare in un sistema mondiale anarchico, il che significa che è probabile che reagiscano violentemente alle minacce percepite alla loro sicurezza.

Il contributo più influente di Mearsheimer al dibattito sull’Ucraina – oltre alle sue riflessioni sul fatto che il sostegno degli Stati Uniti alle proteste di Euromaidan del 2014 costituisse un colpo di stato – è che l’invasione russa dell’Ucraina è stata direttamente causata dall’espansione della NATO nella sfera di influenza russa nell’Europa orientale e nei Paesi baltici, comprese le sue aperture all’Ucraina. Secondo l’analisi realista offensiva, l’attacco della Russia sconvolge questa espansione guidata dagli Stati Uniti. Nonostante il fatto che questa teoria sia stata ampiamente contestata sin dal primo giorno del conflitto, la spiegazione di Mearsheimer ha viaggiato ampiamente.

Ha espresso le sue idee in una colonna ospite per l’Economist e in un’intervista al New Yorker, e il suo lavoro è stato menzionato da critici della politica statunitense in Ucraina da gruppi di riflessione come il Quincy Institute for Responsible Statecraft, le cui fonti di finanziamento includono sia le Open Society Foundations del miliardario George Soros che la Koch Foundation, e le Defense Priorities finanziate da Koch e sostenute dal senatore Rand Paul, nonché pubblicazioni di sinistra, come la Monthly Review apertamente socialista, il tweedy Current Affairs e il fidato socialdemocratico in attesa della Nazione. Anche Mearsheimer è stato ritwittato dal Ministero degli Affari Esteri russo.

Di solito, le idee di Mearsheimer sull’Ucraina sono state discusse separatamente dalle sue teorie più ampie sul realismo offensivo perché potrebbero rivelarsi poco appetibili per le stesse persone che sostengono Mearsheimer come l’eminenza grigia della logica strategica russa. Per fare un esempio storico, è difficile immaginare che l’élite progressista degli Stati Uniti abbia sostenuto il suo tentativo di invasione di Cuba nel 1961 perché il paese era un palcoscenico sovietico all’interno della sfera di influenza degli Stati Uniti. Ma questo realismo “rosso con i denti e gli artigli” è esattamente ciò che implica il realismo offensivo.

Un destino simile è toccato sia a Chomsky, un feroce critico della politica estera degli Stati Uniti e del brutale interventismo internazionale, sia all’ex Segretario di Stato americano Henry Kissinger, l’architetto di gran parte di quella politica estera e del brutale interventismo internazionale. Le estremità del ferro di cavallo si baciano praticamente quando le teorie di questi due uomini sulla fine del conflitto in Ucraina si sovrappongono. Di recente, entrambi gli uomini hanno chiesto all’Occidente e all’Ucraina di non intensificare il conflitto con la Russia e di cercare invece la “pace“.

Ed entrambi, spesso in tandem, sono stati utilizzati sia dal commentatore di sinistra che da quello di destra per sostenere le loro affermazioni sull’Ucraina, incluso in un recente articolo sulla rivista di New York che è riuscito a sostenere in egual maniera che gli Stati Uniti non hanno il diritto di intervenire nel conflitto e ha sia il potere che il diritto di portare Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky al tavolo delle trattative.

Naturalmente, non c’è motivo per cui persone di diverse tendenze politiche non dovrebbero attingere alle stesse analisi politiche degli esperti, ma l’abbraccio volente o nolente di studiosi e statisti semplicemente perché condividono la propria predisposizione mostra una scarsità di vera analisi politica sul estrema sinistra e estrema destra allo stesso modo. Entrambi sono d’accordo sull’Ucraina, quindi entrambi attingono agli esperti (per lo più anglosassoni di grandi nomi e pochi, se non nessuno, ucraini) che confermano la loro posizione.

Vedere la sinistra ammettere che Kissinger ha ragione e che i repubblicani lo consegnano a Chomsky è stato piuttosto qualcosa. Ma, l’argomento va, se Chomsky e Kissinger (e Mearsheimer) sono d’accordo, allora devono avere ragione. Ma non lo sono. Lo ha affermato lo stesso Putin quando di recente si è paragonato a Pietro il Grande, rivendicando il diritto della Russia di espandersi nelle sue precedenti colonie e abbandonando la pretesa che le provocazioni occidentali avessero molto a che fare con la sua decisione di invadere l’Ucraina. E c’era l’argomento più forte di entrambe le estremità del ferro di cavallo: che questa era colpa dell’Occidente, guidato dagli Stati Uniti. In effetti, forse ciò che spiega il ferro di cavallo riguardo all’Ucraina è che dopotutto ha poco a che fare con l’Ucraina.

Nonostante tutti i loro obiettivi politici e motivazioni disparate, ciò che unisce l’estrema sinistra e l’estrema destra è il loro rapporto con la politica statunitense. Ciò che li unisce è un’opposizione a ciò che percepiscono come le colpe dello status quo, una sfiducia nei confronti dell’establishment e un crudo antiamericanismo.

Sulla destra politica, le azioni di legislatori come Greene, Cawthorn, Paul Gosar o Matt Gaetz, i quali si oppongono al sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina contro la Russia, sembrano essere guidate da una profonda avversione per gli Stati Uniti come una democrazia etnicamente e razzialmente diversificata, un paese in cui il caso Obergefell v. Hodges, la decisione della Corte Suprema del 2015 che legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso, è la legge del paese (almeno, per ora).

Molti dell’estrema destra disprezzano questa realtà e riconoscono la vicinanza ideologica dei loro obiettivi politici a ciò che vedono come i risultati di Putin, incluso il rendere la vita estremamente difficile per la comunità LGBTQ russa. Le sue generali posizioni anti-woke sono state lodate dall’ex consigliere di Trump e attuale influencer MAGA Steve Bannon. La macchina della propaganda russa è stata notevolmente esperta nel linguaggio delle guerre culturali statunitensi, ed è diffusa la percezione che Putin e la Russia siano alleati dell’ala MAGA del GOP su quel fronte di guerra culturale.

L’altro aspetto è il semplice fatto che nel panorama polarizzato della politica statunitense, il particolare prevale sull’interesse nazionale e dare qualsiasi sostegno a Biden è semplicemente inaccettabile. Se Biden e i Democratici prendono una posizione (qualsiasi posizione), deve semplicemente essere sbagliata ed essere ferocemente contrastata. Quella dinamica è stata catturata da una foto virale di una manifestazione di Trump nel 2018 che mostra due uomini che indossano con orgoglio magliette “Preferirei essere un russo che un democratico”. Sfortunatamente, come abbiamo evidenziato, molti politici MAGA non parlano solo di chiacchiere; stanno camminando su quel fronte.

Sulla sinistra progressista, la motivazione è meno un allineamento percepito con le politiche di Putin e più semplicemente la sfiducia nella politica estera degli Stati Uniti. Molti americani in questi circoli politici sono molto coinvolti nella narrativa secondo cui gli Stati Uniti sono un cattivo attore internazionale che ha causato molto dolore all’estero attraverso varie guerre (in particolare, ma non esclusivamente: Afghanistan, Iraq e Vietnam). Di conseguenza, di riflesso si dichiarano inadempienti sul punto di vista che qualunque sia la politica degli Stati Uniti nei confronti di un conflitto estero, deve essere egoistica o addirittura imperialista. Questo è il motivo per cui molti esponenti di sinistra finiscono per ripetere la definizione pro-Cremlino dell’espansione della NATO come imperialismo americano unilaterale e, ancora più stranamente, citando figure come Mearsheimer e persino Kissinger, un nemico tradizionale della sinistra americana, per sostenere la loro tesi.

Questa inquadratura, ovviamente, perde anni di pressioni in cui paesi come la Polonia si sono impegnati per aderire alla NATO o le ragioni che questi paesi avevano per perseguire questo corso politico e priva implicitamente questi stati di qualsiasi agenda nel tracciare il proprio futuro. Questo non è solo sciovinismo culturale rivolto agli stati slavi post-sovietici che potrebbe essere spiegato da una sbornia analitica della Guerra Fredda o da un semplice razzismo, dato che una serie simile di argomenti viene schierata contro Svezia e Finlandia, che sono entrambe sulla buona strada per unirsi NATO.

Semmai, questo approccio porta (o, si potrebbe dire, rivela) i progressisti ad essere esattamente ciò che affermano di non essere: centrati sugli Stati Uniti. Trattando gli Stati Uniti come la potenza globale de facto, anche se è una grande potenza a cui si oppongono, ripetono inavvertitamente tropi di grande potenza, come ad esempio che gli Stati Uniti dovrebbero (e possono) raggiungere un cessate il fuoco in Ucraina e dettare i termini di tale cessate il fuoco sia per la Russia che per l’Ucraina. Ciò include l’idea che gli Stati Uniti dovrebbero convincere l’Ucraina a cedere il territorio e le persone che ci vivono alla Russia.

Rianimando una mentalità da Conferenza di Yalta, ma da sinistra, questi apparenti progressisti rifiutano l’agenda ucraina, si oppongono al coinvolgimento armato degli Stati Uniti e tuttavia credono che gli Stati Uniti abbiano il potere e il diritto di parcellizzare la terra ucraina in cambio della pace in Ucraina. Nel cuore di questo perverso antimperialismo di sinistra risiede l’impulso non imperiale di esercitare il potere imperiale ma solo, apparentemente, in nome della pace, indipendentemente dalla volontà della gente del posto.

Non è che l’estrema destra e l’estrema sinistra statunitensi condividano una visione unificata di politica estera, ma condividono una visione per l’Ucraina: un ingenuo anti-interventismo. Ma forse, piuttosto che semplicemente confermare la teoria del ferro di cavallo, l’esistenza di questi strani compagni di letto dovrebbe farci mettere in discussione una visione semplicistica dello spettro politico come spazio politico unidimensionale sinistra-destra.

Dopotutto, ci sono molti a sinistra, intesi come coloro che sostengono l’internazionalismo, la giustizia sociale e le politiche redistributive, incluso Sanders, che hanno dato il loro sostegno all’Ucraina per ragioni coerenti con la propria politica più ampia, inclusa l’opposizione al precedente coinvolgimento militare degli Stati Uniti all’estero. Così anche molti a destra – intesi come coloro che credono nel libero mercato o detengono posizioni sociopolitiche generalmente conservatrici – hanno sostenuto l’armamento dell’Ucraina, anche per ragioni coerenti con la loro politica, inclusa la visione di un ruolo forte per gli Stati Uniti nella politica mondiale. Anche il centro (inteso in senso lato) è a bordo, da qui il relativo consenso sulla politica effettiva.

Allora, cosa spiega perché le estremità del ferro di cavallo sono magneticamente attratte l’una dall’altra, allontanate dal resto dello spettro?

Quella forza magnetica non viene dal contenuto politico dei lati dello spettro. Come dimostrò il politologo Philip Converse nel 1964, e come hanno successivamente dimostrato altri studiosi, la stragrande maggioranza degli americani non ha opinioni ideologiche coerenti. Le persone che lo fanno sono, per molti versi, valori anomali. La forza dietro il ferro di cavallo, quindi, è un’altra dimensione della politica senza la quale è impossibile capire, tra le altre cose, perché mai Chomsky e Kissinger sarebbero abbracciati da persone che altrimenti non sarebbero mai d’accordo con entrambi su gran parte di qualsiasi cosa. Questa è la dimensione populista e anti-establishment della politica statunitense.

Il populismo come termine è diventato una sorta di vuoto significante e, per molti, un peggiorativo. È stato associato ai leader nativisti di destra, come il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro, il Primo Ministro ungherese Viktor Orban, il politico polacco Jaroslaw Kaczynski e Trump, ma anche alla campagna presidenziale di Sanders. Semmai, negli Stati Uniti, il populismo è stato storicamente associato alla politica egualitaria del Partito populista e al successivo movimento progressista di sinistra.

Ma qui, ciò che intendiamo per populismo è semplicemente una visione del mondo che contrappone i cittadini medi, “il popolo”, alle “élites”, che i populisti considerano corrotte. Questo può significare cose diverse per i populisti conservatori e progressisti.

A destra, ad esempio, si manifesta in “America First” il nazionalismo, l’isolazionismo e la sfiducia degli esperti e dei media. A sinistra, si manifesta nella sfiducia nei confronti dell’establishment tradizionale del partito, degli interessi economici e dei commentatori tradizionali. Questo è il motivo per cui i populisti di entrambi i lati del ferro di cavallo generalmente diffidano della stampa tradizionale e delle sue teste parlanti d’élite e spesso cercano informazioni da fonti più apparentemente indipendenti ed esplicitamente allineate ideologicamente. Spinge anche le persone verso l’interno, verso un isolazionismo radicato nella convinzione che quando gli Stati Uniti vengono coinvolti all’estero, lo fanno nell’interesse dell’élite politica o imprenditoriale del paese.

In entrambi i casi, fomenta un contrarianismo forse più visibile su questioni in cui esiste un raro consenso nazionale, come il sostegno all’Ucraina. In questo caso, le motivazioni contrastanti dei populisti di sinistra e di destra portano entrambe le parti a raggiungere la stessa posizione: quella che “da entrambe le parti” alla guerra in Ucraina, nega il libero arbitrio degli ucraini e fa il gioco di Putin. E questo, nonostante il fatto che non vi sia nulla di inerente né al pensiero di estrema destra né di estrema sinistra che porti al sostegno della Russia o all’opposizione alla difficile situazione degli ucraini.

Quindi forse, la teoria del ferro di cavallo come l’ha concettualizzata Faye non è del tutto corretta. Non è che gli estremi dello spettro politico si pieghino intrinsecamente l’uno verso l’altro, in altre parole, che comunisti e fascisti siano intrinsecamente allineati. Semmai, le estremità dello spettro politico tendono verso un’ampia eterogeneità di opinioni. Piuttosto, è che l’impulso populista e anti-establishment su entrambi i fronti spezza frammenti di aderenti che si trovano d’accordo nonostante le loro ideologie.

Ovviamente non aiuta il fatto che lo spettro politico tradizionale e unidimensionale sia esso stesso un’euristica imperfetta per comprendere la totalità degli impegni politici delle persone, specialmente in un paese come gli Stati Uniti, dove si chiede un minimo di espansione dello stato sociale verso lo standard dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico indica una persona di sinistra e negare i risultati delle elezioni democratiche rende una persona di destra abbastanza tradizionale.

Eppure la prevalenza di un certo populismo sia a sinistra che a destra, che modella i dibattiti online e nei media, così come i messaggi politici e le priorità politiche dei politici democratici e repubblicani allo stesso modo mostrano che non solo il panorama politico ma la natura del discorso politico è profondamente fratturato. Non si tratta semplicemente di una questione di polarizzazione, ma di qualcosa di più profondo: la crescente inesistenza di una comprensione condivisa della realtà politica. L’Ucraina, più che una protagonista di questa tendenza, è solo un campanello d’allarme delle cose a venire.

Traduzione di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

12 luglio 2022