Politica di minimizzazione dei costi: la nazionalizzazione

image_pdfimage_print

di Mikhail Delyagin

La via da seguire per lo sviluppo umano è il progresso tecnologico. Richiede categoricamente di ridurre al minimo il prezzo di tutte le materie prime e dei semilavorati; altrimenti, semplicemente, non ci saranno risorse sufficienti per un’adeguata scala di trasformazione. Il mantra liberale “solo l’energia costosa stimola il progresso” è una menzogna consapevolmente cinica in stile anglosassone, pensata per schiacciare l’ingenuo concorrente, perché (come dimostrano, ad esempio, la riforma dell’elettricità “di Chubais, non dell’intelligenza” e l’attuale agonia dell’Unione Europea) i soldi per tale progresso sono volgari: tutto andrà a pagare le utenze.

L’espressione più brillante della necessità oggettiva dello sviluppo economico in materie prime a basso costo è espressa dai monopoli naturali (settori in cui, per ragioni tecnologiche, il costo dell’organizzazione della concorrenza supera l’effetto della concorrenza – di solito le infrastrutture): poiché determinano le condizioni di vita dell’intera economia, ogni rublo (o dollaro, o yuan) del loro profitto è 3-6 unità corrispondenti di perdita per l’economia nel suo complesso. Pertanto i loro prezzi dovrebbero essere minimi (tenendo conto, ovviamente, della necessità di finanziare i costi per garantire l’affidabilità della fornitura, la qualità dei loro prodotti e la loro stessa modernizzazione).

La stessa regola – e per le stesse ragioni – vale per tutte le materie prime e, più in generale, per tutti i costi di produzione (compreso il credito): dal punto di vista degli interessi dell’economia nazionale nel suo complesso, i loro produttori possono ottenere un profitto solo per sostenere il proprio sviluppo (o attraverso le esportazioni).

Ciò significa che tutta la produzione in queste aree (cioè nelle industrie di base e nelle grandi banche) dovrebbe essere nazionalizzata (e poi ristrutturata, compreso il ripristino di complessi tecnologici unificati nel settore dell’elettricità, delle ferrovie, ecc. nell’interesse dell’efficienza complessiva dell’economia nazionale, piuttosto che dei profitti dei singoli comproprietari privati), come è stato fatto nell’Inghilterra del dopoguerra.

Naturalmente, la nazionalizzazione dovrebbe essere morbida, riducendo al minimo il panico e l’incertezza di qualsiasi tipo: per preservare e incoraggiare l’iniziativa privata (e indirizzarla verso la riduzione dei costi piuttosto che verso l’aumento dei prezzi), lo Stato dovrebbe avere il 51% del capitale, a condizione che non permetta il consolidamento di una partecipazione di blocco in nessuno dei comproprietari privati

Anche il meccanismo dovrebbe essere morbido: oltre a una tassa di compensazione (sull’esempio dell’Inghilterra post-Thatcher – pari alla differenza tra il valore della proprietà privatizzata al momento della privatizzazione e il denaro ricevuto per essa nel bilancio con il pagamento per l’uso della somma corrispondente durante il tempo trascorso dopo la privatizzazione), che dovrebbe essere riscossa anche in azioni (perché il prelievo in un’unica fase di somme così significative dall’impresa potrebbe interromperne l’attività, il che sembra categoricamente inaccettabile), dovrebbe consistere nel riacquisto di azioni a un prezzo di parte.

Naturalmente, prima dell’acquisizione, sarebbe necessario un audit completo delle imprese per tutto il periodo in cui sono rimaste in mani private, e i fondi ritirati o sottoinvestiti in esse (in base alla necessità di investire almeno la metà dei profitti nella produzione) dovrebbero essere restituiti allo Stato dai proprietari privati che hanno partecipato alla gestione dell’impresa e le cui decisioni hanno portato a questo sottoinvestimento.

Considerando le circostanze di cui sopra, possiamo essere assolutamente certi che come risultato della nazionalizzazione non solo una parte considerevole dei privatizzatori e degli oligarchi, ma tutti in generale, saranno indebitati con la società, vale a dire che la nazionalizzazione, anche se effettuata acquistando in cambio di denaro i beni precedentemente privatizzati, sarà vantaggiosa per lo Stato non solo in termini di restituzione dei suoi beni altamente redditizi, ma anche in termini di esecuzione del bilancio corrente: gli porterà entrate aggiuntive, non lo costringerà a spese aggiuntive.

A parte la sfera che fornisce i costi delle industrie tecnologicamente avanzate, così come le 5-7 banche più grandi e le banche di proprietà di uomini d’affari ostili alla Russia (si dovrebbe stabilire che solo le banche di proprietà dello Stato hanno il diritto di lavorare con i soldi dei cittadini), i contribuenti delle accise dovrebbero essere nazionalizzati – per garantire la disciplina di bilancio – compresi i produttori di alcol, tabacco e benzina (le perversioni di bilancio come “l’accisa sull’acciaio liquido” dovrebbero essere abrogate insieme ai loro autori che non sono meno pericolosi per la società).

La nazionalizzazione comporterà un enorme aumento delle entrate di bilancio, sia attraverso i dividendi e un sostanziale rafforzamento della disciplina fiscale, sia (soprattutto) attraverso un drastico aumento dell’attività imprenditoriale grazie alla riduzione dei costi e a un aumento complessivo della governabilità.

Aumenterà anche l’influenza dello Stato che, in quanto cervello e mani della società, è oggettivamente l’organizzatore del progresso tecnologico. Dopo tutto, tutte le icone tecnologiche dell’imprenditoria privata occidentale e le “start-up di successo” sono cresciute, senza eccezioni, da garage a grandi aziende proprio con il sostegno dello Stato, e spesso con il suo finanziamento diretto.

La riduzione dei costi dell’economia aprirà la strada alla creazione di aree e distretti industriali, dotati dei materiali e dei servizi necessari a prezzo di costo (dopo e grazie alla nazionalizzazione dei loro produttori).

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

25 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube