Problemi di logistica globale

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 29 agosto è stato annunciato che la Turchia intendeva aumentare cinque volte il prezzo del passaggio attraverso il Bosforo e i Dardanelli. Secondo Sabah, la Turchia è andata ad aumentare il valore del pedaggio, in accordo con i diritti internazionali concessile dalla Convenzione di Montreux, che determina il reddito dello stretto. Nel 1983, la Turchia ha fissato uno sconto del 75% sul valore del pedaggio e lo ha fissato a $ 0,80.

Ma nel passato, questo importo si è sciolto sullo sfondo dell’aumento dell’inflazione e del costo dell’oro nel mondo. Pertanto, il valore del pedaggio è stato aumentato di 5 volte e ammontava a $ 4 per tonnellaggio netto. A partire dal 7 ottobre 2022, il faro, l’evacuazione e le spese mediche saranno aumentate di 5 volte e le entrate aumenteranno da $ 40 milioni a $ 200 milioni. Secondo la Convenzione di Montreux, firmata nel 1936, la Turchia ha il diritto di riscuotere le tasse per i fari, l’evacuazione e le cure mediche dalle navi che passano attraverso lo Stretto di Istanbul ed entrano ed escono dallo Stretto di Çanakkale.

E all’inizio di agosto, i prezzi per la consegna di container dalla Cina sono aumentati in modo significativo, il che aumenterà il costo delle merci. Il costo per un container standard da 40 piedi sulle rotte verso gli Stati Uniti ha superato $ 20 e $ 13.000 sulla rotta europea. Anche il prezzo per la Russia è salito, il che si è riflesso nel prezzo degli elettrodomestici e dell’elettronica.

Nel caso della Russia, la riduzione dei treni, che la Cina ha deciso di limitare, ha risentito del timore di sanzioni. Insieme al mercato delle spedizioni, ciò ha creato una sorta di monopolio per un numero limitato di società di logistica, che ha iniziato ad aumentare i prezzi. L’effetto domino è però evidente, poiché il mutamento della situazione del mercato è già di natura globale.

La logistica e le catene di approvvigionamento rappresentano un elemento importante della geopolitica moderna. Non è un caso che il rapporto 2022 Strategic Foresight della Commissione Europea abbia osservato che “l’attuale instabilità geopolitica conferma la necessità non solo di accelerare la doppia transizione, ma anche di ridurre la nostra dipendenza strategica. Nel breve termine, ciò continuerà a incidere sui prezzi dell’energia e dei generi alimentari, con impatti sociali significativi. Ad esempio, nel medio e lungo termine, l’accesso sostenibile alle materie prime fondamentali per le due transizioni continuerà a essere fondamentale, rafforzando la necessità di passare a catene di approvvigionamento più corte e meno vulnerabili e di sostenere gli amici ove possibile.

Il partenariato richiederà inoltre di collegare il modello economico dell’UE alla prosperità, alla sostenibilità e alla ciclicità. La posizione dell’UE nella definizione di standard globali svolgerà un ruolo importante, mentre un programma di giustizia sociale e sviluppo delle competenze sarà una delle condizioni per il successo, insieme alla mobilitazione di investimenti pubblici e privati. Si prevede che entro il 2030 saranno necessari quasi 650 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi nel futuro all’anno”.

Tra i dieci compiti chiave, uno è dedicato specificamente alle questioni logistiche: gestire strategicamente la fornitura di materiali e merci critiche applicando un approccio sistematico a lungo termine per evitare una nuova trappola della dipendenza.

La frammentazione e il cambiamento del mercato globale hanno una duplice natura. Da un lato, il mantenimento dello status quo è vantaggioso per quegli attori che sono stati inclusi in questo sistema e, se non beneficiari diretti, hanno poi ricevuto determinati benefici dalla loro posizione geostrategica o dal ruolo delle loro aziende. Non è un caso che il WTO fosse preoccupato per il passaggio dal commercio condizionato multilaterale all’emergere di diversi blocchi, che minacciavano l’egemonia del sistema occidentale.

D’altra parte, l’attuale riorganizzazione presenta una serie di inconvenienti e rischi. Per la Russia, l’esclusione delle società di logistica dal commercio mondiale a causa delle sanzioni rappresenta un grave limite. Ma allo stesso tempo non ci sono alternative, quindi chiunque non sia dalla parte dell’Occidente deve risolvere i propri problemi da solo e non fare affidamento sulle disposizioni dell’OMC. Il protezionismo nazionale e regionale è in aumento e le organizzazioni internazionali non possono fare nulla al riguardo. I tentativi dei globalisti di convincere tutti che mantenere le vecchie filiere significa abbassare il prezzo finale non sono certo incoraggianti nel Sud del mondo, cioè nei paesi in via di sviluppo.

La “fabbrica mondiale”, che comprende Cina, India e una serie di altri paesi dell’ASEAN, conosce bene i meccanismi della globalizzazione, quindi preferirà riorientarsi verso altri mercati piuttosto che credere nelle promesse dell’Occidente. Inoltre, la Cina ha una buona esperienza nella politica di dumping, eliminando i concorrenti high-tech dagli Stati Uniti e da altri paesi sviluppati.

Tutto ciò su cui l’Occidente può contare è il concetto di sostegno amichevole basato sul modello di partenariato aperto, che include quegli stati che condividono la comprensione americana dei mercati aperti e allo stesso tempo implementano standard di lavoro e ambientali. La decisione dell’Europa di porre fine alle relazioni economiche con la Russia ha accelerato lo sviluppo di questo concetto. Ciò apre la prospettiva di un nuovo blocco commerciale composto da democrazie liberali che cercano di avvicinare economie e normative. Per la gestione della filiera ciò significa introdurre una dimensione nuova e fortemente geopolitica nel più ampio dibattito sul “riorientamento” geografico che ha finora incoraggiato la diversificazione in senso più neutro. Ciò vale principalmente per settori strategici come quello aerospaziale, automobilistico, microelettronico, apparecchiature mediche e farmaceutiche, nonché per i minerali, l’energia e le risorse agricole e la loro lavorazione.

In ogni caso, la proposta revisione delle politiche di collocamento aziendale e la riduzione della catena di fornitura sarebbe finanziariamente costosa e dispendiosa in termini di tempo per l’Occidente, soprattutto con catene di fornitura complesse. Secondo stime approssimative, fino al 26% delle esportazioni mondiali per un valore fino a 4,6 trilioni di dollari potrebbe essere potenzialmente ricollocato nei prossimi cinque anni. Tuttavia, le decisioni aziendali correlate devono ora tenere sempre più conto di aspetti politici che in precedenza avevano scelto di ignorare.

Concretamente, ciò significherebbe abbandonare la semplice logica di spostare la produzione offshore e sostituirla con un mix flessibile di politiche di “produzione vicino ai confini”, “ridimensionamento” e “sostegno degli amici”. A seconda della presenza dei fattori produttivi e della localizzazione, questa combinazione porterebbe ad una riconfigurazione modulare dei vari segmenti della filiera. In Occidente, credono che ciò possa essere raggiunto solo se lo Stato e le corporazioni lavorano di pari passo. Il punto finale degli sforzi per creare catene di approvvigionamento “sicure” di beni e servizi strategici sarebbe la riorganizzazione geopolitica del mondo, dividendolo in filiere Nord-Nord e Sud-Sud. In questo caso, sarebbe opportuno formare una coalizione di alleati.

Tuttavia, data la distribuzione geografica globale delle risorse, è discutibile se un tale modello sarebbe praticabile. È prevedibile che l’applicazione di tale logica porti a una massiccia interruzione dei flussi commerciali, con conseguenti enormi aumenti dei prezzi per i consumatori.

Inoltre, la crisi provocata dal coronavirus ha dimostrato che non si può parlare di nessun tipo di solidarietà (e quindi di “sostegno degli amici”). Ci sono solo interessi ristretti. Questo è un altro aspetto estremamente negativo per l’Occidente, dove si cerca di fare affidamento sulla lealtà dei propri cittadini, che, con un calo del tenore di vita, accuseranno le autorità di incompetenza.

Per la Russia, l’attuale riconfigurazione presenta una chiara finestra di opportunità. Dal momento che è necessario liberarsi della dipendenza nel campo della logistica e, al contrario, coprire più segmenti di questo settore per premere gli interessi dell’Occidente. A questo proposito, l’autarchia e la posizione geostrategica della Russia giocano un ruolo fondamentale. Restano da risolvere i problemi tecnici legati alla sostenibilità delle nuove rotte. Queste sono la rotta del Mare del Nord, così come il corridoio nord-sud attraverso il Mar Caspio, che possono essere importanti comunicazioni strategiche dell’Eurasia. Inoltre, l’espansione delle arterie di trasporto in Asia centrale attraverso l’Unione economica eurasiatica avrebbe un effetto positivo sull’economia dell’EAEU.

Pertanto, le catene di approvvigionamento globali e le questioni logistiche rimarranno nell’agenda dei cambiamenti geopolitici nei prossimi anni. Questo dovrebbe essere preso in considerazione nella politica estera e nella strategia di sicurezza nazionale della Federazione Russa.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Reuters

6 settembre 2022