Processo di genocidio già in corso in India

image_pdfimage_print

di Zamir Ahmed Awan

Il 26-28 febbraio 2022 in India si è tenuto un vertice intitolato “Prevenzione del genocidio”, al quale hanno partecipato un ampio spettro di leader e funzionari di organizzazioni nazionali ed internazionali di tutto il mondo. È stato un vertice ben frequentato in rappresentanza di varie parti dell’India e del mondo.

In un vertice globale di tre giorni tenutosi virtualmente, gli esperti che si occupano di incitamento all’odio e genocidio hanno concluso, che poiché il genocidio è un processo e non un evento irripetibile, si può affermare che sia già iniziato il genocidio contro i musulmani in India.

“Recentemente abbiamo ricevuto appelli diretti [per il genocidio] in India”, ha affermato Greg Gordon, un ex avvocato del Tribunale penale internazionale per il Ruanda, a “Le chiamate condizionali” – “Se loro fanno questo, noi lo faremo” – sono anche istigazioni.”

Maung Zarni, ricercatore presso il Centro di documentazione sul genocidio in Cambogia, ha dichiarato: “Credo che l’India non solo sia sull’orlo del baratro, ma si trovi già nella condizione di un genocidio in corso… Gli assassini ritraggono le popolazioni vulnerabili come una minaccia alla sicurezza per la loro religione. Quando inizia questa disumanizzazione, il Paese è già immerso nel processo genocida anche se le uccisioni potrebbero non essere ancora iniziate.”

Meetali Jain, avvocato per i diritti umani, ha sollevato la portata dell’incitamento all’odio e della disinformazione in India “di carattere genocida, molto simile” a ciò che è stato visto in Myanmar e in Etiopia. “Sosteniamo una comprensione sfumata dell’incitamento all’odio che tenga conto del tipo di discorso che potrebbe non essere tecnicamente qualificato come incitamento all’odio, ma che comunque dia alle persone la sensazione di voler fare del male offline”, ha detto Jain. “Nel personale delle società di social media abbiamo bisogno di molti più esperti che ne comprendano le sfumature”.

Adama Dieng, consigliere speciale del pubblico ministero presso la Corte penale internazionale, ha affermato, in un comunicato stampa diffuso dagli organizzatori del vertice, che sebbene l’India abbia una lunga e preziosa storia di convivenza pacifica, sono aumentate sul campo l’intolleranza e la discriminazione per motivi religiosi.

Due giornalisti indiani intervenuti all’evento – Alishan Jafri e Kaushik Raj – hanno parlato di come la violenza anti-musulmana sia aumentata solo da quando il governo di Narendra Modi è salito al potere. Inoltre, i membri del partito al governo e i ministri a livello statale e centrale hanno lanciato e sostenuto tali appelli al genocidio, senza dover affrontare un’azione penale.

Christopher Tuckwood, il direttore esecutivo del Sentinel Project, un’organizzazione no-profit canadese, ha ampliato ciò che i due hanno affermato aggiungendo che prevenire il genocidio in India sarebbe stato difficile, poiché lo stato era sia l’autore che un attivo protettore di altri perpetratori.

Jason Stanley, professore di filosofia alla Yale University e autore di “How Fascism works”, ha paragonato ciò che sta ora accadendo in India alla Germania nazista. “I primi pensatori dell’RSS hanno suggerito espliciti che l’India avrebbe dovuto seguire il modello nazista”, ha detto. “La CAA assomiglia spaventosamente alle leggi di Norimberga. C’è un movimento per privare i musulmani del diritto ad avere diritti. La mappa è estremamente chiara.”

Negli ultimi tempi gli appelli aperti al genocidio in India sono diventati sempre meno rari. Più di recente, un membro adolescente di Bajrang Dal in Karnataka ha detto che tutti coloro che propagano l’hijab saranno “tagliati con la spada di Shivaji”. Prima di allora, al “Dharma Sansad” di Haridwar, diversi leader della destra indù avevano chiesto ai sostenitori di uccidere i musulmani.

È una tragedia che l’India sia ufficialmente impegnata nell’eliminazione dei musulmani. Potrebbe non finire con i soli musulmani, ma che tutte le altre minoranze siano il loro obiettivo. Possono eliminarne una ad una. Gli estremisti guidati dal premier Modi hanno dichiarato di trasformare l’India in un puro Stato indù. Tutti i non indù devono convertirsi all’induismo o lasciano l’India. In caso contrario, potrebbero essere uccisi.

Mentre il mondo si concentra sull’Ucraina, l’India trova l’opportunità per eliminare le sue minoranze. Si chiede all’ONU e a tutta la Comunità Internazionale di prendere seriamente in considerazione la grave situazione in India. Le organizzazioni per i diritti umani, la società civile e gli attivisti per la pace sono esortati ad alzare la voce contro le brutalità dell’India e il genocidio sistematico delle minoranze. I media, essendo lo strumento più efficace, sono anche chiamati a svolgere la propria responsabilità per salvare la perdita di persone innocenti. Agite, prima che sia troppo tardi.

Articolo originale di Zamir Ahmed Awan:

https://www.geopolitica.ru/en/article/process-genocide-already-underway-india

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Mahesh Kumar A./AP

9 marzo 2022