Può l’Europa esistere senza la Russia?

image_pdfimage_print

di Michel Pinton

La domanda che è il titolo di questo articolo è stata posta ai partecipanti di un seminario che ho avuto l’onore di organizzare trent’anni fa. Era il 1994. La Russia stava lottando per emergere dalle rovine dell’impero sovietico. La sua lunga prigionia l’aveva esaurita. Finalmente libera, aveva una sola aspirazione: recuperare le forze e tornare ad essere se stessa. Con questo intendo non solo riconquistare la prosperità materiale che i bolscevichi avevano sperperato, ma anche ricostruire le sue relazioni sociali distrutte, il suo ordine politico crollato, la sua cultura distorta e la sua identità perduta.

All’epoca ero membro del Parlamento europeo. Sentivo che era essenziale capire cosa fosse la nuova Russia, quale strada stesse prendendo e come l’Europa occidentale potesse lavorare con essa. Ho avuto l’idea di guidare una delegazione di deputati a Mosca per discutere questi temi con le nostre controparti della Duma federale. Ne parlai a Philippe Seguin, allora presidente dell’Assemblea nazionale francese, ha immediatamente accettato il mio progetto. I parlamentari russi hanno risposto alla nostra richiesta invitandoci a venire immediatamente. Di comune accordo, abbiamo deciso di ampliare le nostre rispettive delegazioni per includere esperti nel campo dell’economia, della difesa, della cultura e della religione, in modo che i loro pensieri avrebbero informato le nostre discussioni.

Seguin ed io non eravamo spinti solo dalla curiosità di questa nazione allora indecisa. Ci vedevamo come eredi di una scuola di pensiero francese secondo cui l’Europa è una sola, dall’Atlantico agli Urali, non solo geograficamente, ma anche in termini di cultura e storia. Credevamo anche che né la pace, né lo sviluppo economico, né il progresso delle idee si sarebbero potuti stabilire nel nostro continente, se le sue nazioni si fossero lacerate a vicenda, o addirittura ignorate. Volevamo continuare la politica di comprensione e cooperazione iniziata da Charles de Gaulle dal 1958 al 1968 e ripresa brevemente nel 1989 da François Mitterrand nella sua proposta di una “grande confederazione europea”.

 

LA NATO: un ostacolo ai nostri progetti

Sapevamo che c’era un ostacolo al nostro progetto: si chiamava NATO. De Gaulle, il primo a farlo, aveva costantemente denunciato questo “sistema grazie al quale Washington detiene la difesa e di conseguenza la politica e persino il territorio dei suoi alleati europei”. Affermava che non ci sarebbe mai stata “un’Europa veramente europea”, finché le sue nazioni occidentali non si fossero liberate della “pesante tutela” che il Nuovo Mondo esercitava sul Vecchio. Aveva dato l’esempio “liberando la Francia dall’integrazione sotto il comando americano”. Gli altri governi non osarono seguirlo. Ma la caduta dell’impero sovietico nel 1990, e la dissoluzione del Patto di Varsavia, ci sembrava giustificare la politica gollista: era ovvio per noi che la NATO, avendo perso la sua ragion d’essere, doveva scomparire. Non c’era più alcun ostacolo a una stretta intesa tra tutti i popoli d’Europa. Seguin, da uomo di stato visionario, poteva prevedere “un’organizzazione di sicurezza specifica per l’Europa”, sotto forma di “un Consiglio di sicurezza europeo in cui quattro o cinque delle principali potenze, tra cui Russia e Francia, avrebbero avuto il diritto di veto”.

Fu con queste idee che volai a Mosca. Seguin fu trattenuto a Parigi da un imprevisto vincolo della sessione parlamentare francese. Il nostro seminario è durato tre giorni. L’élite russa è venuta con lo stesso entusiasmo dei rappresentanti dell’Europa occidentale. Dai nostri scambi, ho tratto una lezione principale: i nostri interlocutori erano ossessionati da due domande fondamentali per il futuro della loro nazione: chi è russo? Come garantire la sicurezza della Russia?

La prima questione nasceva dai confini arbitrari che Stalin aveva imposto al popolo russo all’interno dell’ex Unione Sovietica. La seconda era il riemergere dei tragici ricordi delle invasioni passate. C’era chi pensava che le risposte si trovassero negli scambi con l’Europa occidentale, le cui nazioni avevano imparato a negoziare i loro limiti e a collaborare fraternamente per il bene di tutti. E poi c’erano altri che, rifiutando l’idea di una vocazione europea della Russia, la vedevano come se avesse un destino proprio, che chiamavano “eurasiatico”. Naturalmente, è stato il primo gruppo che abbiamo incoraggiato. È a questo gruppo che abbiamo portato le nostre proposte. In quel momento era dominante.

Rileggendo i verbali di quel seminario trent’anni dopo, mi si stringe il cuore quando riscopro l’avvertimento che ci diede un eminente accademico, all’epoca membro del Consiglio Presidenziale: “Se l’Occidente non mostra alcuna volontà di comprendere la Russia, se Mosca non acquisisce ciò a cui aspira – un efficace sistema di sicurezza europeo – se l’Europa non supera il nostro isolamento, allora la Russia diventerà inevitabilmente una potenza revisionista. Non sarà soddisfatta dello status quo e cercherà attivamente di destabilizzare il continente”.

Nel 2022, è proprio quello che sta facendo. Perché la nostra generazione di europei ha fallito così miseramente nell’opera di unificazione che nel 1994 sembrava a portata di mano?

Tendiamo a far ricadere la responsabilità esclusivamente su un uomo: Putin, “un dittatore brutale e freddo, un bugiardo inveterato, nostalgico di un impero scomparso”, che dobbiamo combattere, o addirittura eliminare, affinché la democrazia, tesoro prezioso dell’Occidente, possa prevalere anche a Est e stabilirvi la pace. È a questo compito, sotto l’egida della NATO, che ci chiama il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. La sua spiegazione ha il vantaggio di essere semplice, ma è troppo egoista per essere accettata senza essere esaminata. Coloro che non si lasciano dominare dalle emozioni dell’attualità non hanno difficoltà a capire che il problema dell’Europa è molto più complesso e profondo.

La storia del nostro continente negli ultimi trent’anni si può riassumere in un progressivo allontanamento dell’Est dall’Ovest. Nell’ex impero sovietico, la preoccupazione principale era, ed è tuttora, quella di ricostruire nazioni che si ricolleghino al loro passato e vivano in sicurezza per tornare ad essere se stesse. Per la Russia, questo significa riunire tutti i popoli che rivendicano la patria, stabilire relazioni stabili e fiduciose con i popoli fratelli della Bielorussia, dell’Ucraina e del Kazakistan, e costruire un sistema di sicurezza europeo che la protegga dai pericoli esterni.

 

L’ossessione europea

I leader dell’Europa occidentale hanno avuto una preoccupazione molto diversa. Dalla caduta del muro di Berlino, hanno dato la loro attenzione, la loro energia e la loro fiducia a ciò che hanno chiamato “Unione Europea”. Il trattato di Maastricht, la costruzione della moneta unica, la “costituzione” di Lisbona – questo è ciò a cui hanno lavorato quasi a tempo pieno. Mentre all’Est hanno fatto sforzi minuziosi per recuperare il tempo perduto nella storia nazionale, all’Ovest le élite sono state trascinate da una mistica irresistibile, quella del superamento delle nazioni e dell’organizzazione razionale dello spazio comune. Il problema della sicurezza non si poneva più in Occidente, poiché tutte le controversie tra gli stati membri dovevano essere risolte da organismi sovranazionali. La pace nell'”Unione” sembrava essere definitivamente stabilita. In breve, l’Occidente pensava di aver superato l’idea di nazione e costruito un sistema stabile del lieto fine della storia. La Russia stava affrontando domande scottanti sull’idea di nazione e aveva un crescente senso di appuntamenti strazianti con la storia. In queste condizioni, l’Est e l’Ovest avevano poco da scambiarsi, tranne il petrolio e le macchine utensili, che sono a un livello troppo basso per mitigare il loro futuro divergente.

Di conseguenza, la NATO è diventata un pomo della discordia ancora peggiore di quello che era ai tempi dei due blocchi. In Europa occidentale, l’organizzazione militare guidata da Washington è vista come una garanzia benigna contro i possibili ritorni della storia. Permette ai popoli membri dell’Unione Europea di godere del “dividendo di pace” dal mondo esterno senza preoccuparsene, proprio come l’Unione fa con la sua pace interna. In Russia, la NATO appare come una minaccia mortale. È lo strumento di una potenza che ha mostrato in molte occasioni, dopo la caduta del muro di Berlino, il suo desiderio di egemonia mondiale e di dominio sull’Europa. L’inclusione della Polonia, dei tre stati baltici e della Romania, tutti così vicini alla Russia, nei territori coperti dalla supremazia americana, è stata applaudita in Occidente. A Mosca, suscitò allarme e rabbia.

 

Il fallimento della Francia

E la Francia? Perché non ha cercato di impedire la progressiva divisione del nostro continente? Perché la sua classe dirigente ha coerentemente scelto di dare priorità assoluta alla mistica dell'”Unione Europea”. Come conseguenza logica, si è lasciata trascinare nel suo complemento naturale, la NATO. Jacques Chirac ha partecipato, naturalmente a malincuore, ma esplicitamente, alla spedizione decisa da Washington contro la Serbia. Sarkozy ha fatto il passo di riavvicinare il nostro paese al sistema dominato dall’America. Hollande e Macron ci hanno legato sempre più strettamente all’organizzazione la cui testa si trova al di là dell’Atlantico. Legandoci sempre più strettamente alla NATO, i nostri presidenti hanno perso molto del credito internazionale che la Francia aveva quando era libera di fare come meglio credeva.

Uno slancio di coscienza li ha talvolta portati a rifiutare la tutela americana e a riprendere la missione che de Gaulle aveva iniziato. Chirac ha rifiutato di partecipare all’aggressione di Bush contro l’Iraq, Sarkozy ha stabilito da solo con Mosca le condizioni di un armistizio in Georgia, Hollande ha negoziato gli accordi di Minsk per porre fine ai combattimenti in Ucraina, tutti hanno compiuto atti degni della nostra vocazione in Europa. Sono persino riusciti a coinvolgere la Germania. Ma ahimè, i loro sforzi sono stati improvvisati, parziali e di breve durata.

È a causa di questa serie di divergenze che l’Europa è stata ancora una volta tagliata in due. La sfortunata Ucraina, situata sulla linea di frattura del continente, è la prima a pagarne il prezzo in sangue, lacrime e distruzione. La Russia la rivendica in nome della storia. L’Unione Europea si indigna in nome dei valori democratici che, secondo lei, hanno messo fine alla storia. L’America approfitta di questa disputa insolubile per far avanzare silenziosamente le sue pedine e rendere ancora più complicato l’esito della guerra.

Ecco dove si trova l’Europa, un terzo di secolo dopo la sua riunificazione: un abisso di incomprensioni la divide; una guerra crudele la dilania; una nuova cortina di ferro, imposta questa volta dall’Occidente, comincia a separare il suo spazio; la corsa agli armamenti è ripresa; e, più ancora della caduta vertiginosa degli scambi economici, è la fine degli scambi culturali che minaccia ciascuna delle sue due parti. Il grande europeo Giovanni Paolo II diceva che il nostro continente poteva respirare solo con i suoi due polmoni. Ora, in Occidente come in Oriente, siamo condannati a respirare con uno solo. Questo è un cattivo presagio per entrambe le metà. Ma i veri europei devono rifiutarsi di scoraggiarsi. Anche se oggi sono poco ascoltati, sono loro e solo loro che potranno portare la pace nel nostro continente e restituirgli prosperità e grandezza.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

10 maggio 2022