Può l’Occidente usare la guerra per fermare il suo declino e il passaggio a un nuovo ordine monetario globale?

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

A volte i cambiamenti rivoluzionari si insinuano in noi in modo furtivo, arriviamo ad apprezzare la grande biforcazione solo quando ce ne accorgiamo, nello specchietto retrovisore. Questo è particolarmente vero quando coloro che hanno premuto il grilletto per primi non apprezzano pienamente – loro stessi – ciò che hanno fatto.

Che cosa è stato fatto? In un momento di pregiudizio viscerale, alcuni collaboratori del Team Biden hanno deciso di far leva sul loro piano per far crollare il valore del rublo. Così hanno trovato lo stratagemma di sequestrare le riserve di dollari, euro e titoli del Tesoro della Banca Centrale della Russia.

Erano così sicuri del loro piano, che avrebbe completamente bloccato gli sforzi della Russia per salvare il rublo che affondava, che non si sono nemmeno preoccupati di consultare la Federal Reserve o la BCE. Quest’ultima lo ha detto pubblicamente che non era d’accordo con l’azione intrapresa.

Ciò che seguì fu l’involontario lancio del sistema finanziario occidentale verso la sua graduale scomparsa. I “falchi” russofobi di Washington hanno stupidamente scelto una lotta con l’unico paese – la Russia – che ha le materie prime necessarie per gestire il mondo, e per innescare il passaggio a un sistema monetario diverso.

Questo evento monetario cambierà anche la dinamica geopolitica? Di sicuro, anzi, lo ha già fatto.

Sequestrando le sue riserve, Washington in effetti stava dicendo a Mosca: “i dollari ti sono preclusi; non puoi comprare assolutamente nulla con i dollari”. Se fosse così, che senso avrebbe tenere i dollari? La fine della mossa americana e dell’UE era inevitabile: la Russia avrebbe venduto il suo gas in rubli. Ma qui è stato introdotto un tocco machiavellico: giocando entrambi i lati dell’equazione: cioè collegando il rublo all’oro, e poi collegando i pagamenti energetici al rublo, la Banca di Russia sta fondamentalmente alterando l’intero presupposto di funzionamento del sistema commerciale globale (cioè sostituendo i dollari nominali fiat con una solida valuta sostenuta dalle materie prime).

Si noti, però, che la Banca Centrale della Russia ha fatto due cose di importanza geo-strategica: Ha sia aggiunto un “pavimento” di prezzo, e (meno notato), ne ha tolto un altro. La Banca ha aggiunto un pavimento al prezzo dell’oro – promettendo di comprare oro a un tasso fisso. Tuttavia, insistendo sul pagamento nella sua valuta nazionale, la Russia ha iniziato a rimuovere il pavimento imposto dagli Stati Uniti nel 1971 al prezzo del dollaro attraverso il mondo dovendo vendere le loro valute nazionali (indebolendole così) per comprare dollari (per pagare l’energia). In breve, anche se il portavoce russo Dmitri Peskov ha detto che la Russia procederà con cautela, la mossa buca l’eccesso di valutazione strutturale accordato al dollaro.

I produttori di energia del Medio Oriente vedono chiaramente dove si va a parare: La Russia – collegando il rublo all’oro, e l’energia al pagamento del rublo – sta iniziando un processo per collegare il prezzo del petrolio al prezzo dell’oro. Questo costituisce la rivoluzione silenziosa. L’oro diventa provvisoriamente la valuta di riserva neutrale, in attesa di svilupparne una più ampia.

Questo è il terzo “togliere”: inizia il distacco dagli scambi di materie prime “guidati dalla carta” degli Stati Uniti, che l’Occidente manipola per tenere sotto controllo i prezzi delle materie prime e dell’oro. Dà potenzialmente un orizzonte completamente nuovo all’OPEC+, per esempio.

Ecco il punto: se i Treasuries e i dollari detenuti presso la Fed di New York vengono evitati, allora cosa diventerebbe la naturale riserva di valore? Beh, le materie prime, naturalmente. Perché questo è così rivoluzionario? Perché in un’era di interruzione dell’approvvigionamento, interruzione del cibo e guerra, l’Occidente non avrà più accesso a materie prime “a buon mercato”.

Forse, i membri del Team Biden avrebbero dovuto prendersi la briga di consultare la Federal Reserve, perché, ironicamente, non solo hanno spaventato altri detentori stranieri di Treasuries e riserve di dollari statunitensi quando hanno sequestrato le riserve russe, ma lo hanno fatto proprio nel momento in cui l’inflazione interna degli Stati Uniti è in forte aumento, e le obbligazioni vengono comunque evitate.

Dopo una corsa di quarant’anni, i Treasuries statunitensi sono oggi visti come “rischi senza rendimento”. (Rischiosi a causa della paura che l’inflazione trasformi i tassi obbligazionari ancora più negativi in termini reali. Già il rendimento dei Treasuries a 2 anni sta esplodendo più in alto. Ma se la Fed vuole seriamente combattere l’inflazione, i tassi di interesse devono andare molto più in alto).

Come ci si potrebbe aspettare, la corsa alle materie prime (per tutte queste ragioni: minaccia di guerra, interruzione dell’approvvigionamento, sanzioni alla Russia) ha mandato i prezzi delle materie prime a “sparare sulla luna”. I prezzi elevati delle materie prime hanno un impatto su tutti gli altri prezzi e si ripercuotono ovunque – ma da nessuna parte più che negli Stati Uniti, dove una costruzione finanziariamente pesante poggia su una piccola base di garanzie sulle materie prime. E dove l’amministrazione è presa tra Scilla dell’inflazione paurosa e Cariddi di un crollo del mercato se i tassi d’interesse vengono aumentati.

Può questa traiettoria di crisi economica e di declino della rilevanza occidentale – preannunciata dallo spostamento dell’ordine monetario globale; di iper-inflazione minacciosa; di carenza di cibo; di scaffali vuoti; di povertà guidata dall’inflazione; di costi di riscaldamento e di benzina in aumento – essere invertita attraverso “una vittoria degli Stati Uniti” nel conflitto in Ucraina?

Quello che Bucha ci dice è che l’Occidente è in una frenesia accesa “tutto o niente” per dimostrare che può vincere questa guerra. Un fallimento in Ucraina potrebbe significare la disintegrazione dell’UE e della NATO. La coesione patch-work all’interno di queste alleanze non sopravviverà al trauma della sconfitta. E “Bucha” ci dice che l’Occidente è pronto ad andare per una “vittoria” in una guerra immaginaria, anche a spese di una perdita strategica sul terreno in Ucraina.

La disperazione dell’Occidente si rivela anche nell’imitazione da parte dell’Europa dell’Uroboro (l’antico simbolo di un serpente che divora la propria coda e si mangia vivo): Evitando deliberatamente le materie prime russe più economiche, Bruxelles sta corteggiando una spirale inflazionistica che va fuori controllo, e la relegazione dell’Europa in un’area economica arretrata mentre la sua base manifatturiera è resa del tutto non competitiva a causa degli alti costi energetici.

Il presidente del Consiglio Atlantico degli Stati Uniti, uno schietto “ideologo dell’unipolarismo”, Frederick Kempe, ha scritto la scorsa settimana, «una vittoria ucraina – con un forte e unito Occidente alle spalle – costringerebbe a ripensare l’impegno e la competenza degli Stati Uniti e a spostare la traiettoria. e la competenza e spostare la traiettoria del declino dell’influenza e della rilevanza transatlantica… La questione non è quale sarebbe il nuovo ordine mondiale, ma piuttosto se gli Stati Uniti e i suoi alleati possono, attraverso l’Ucraina, invertire l’erosione dei guadagni del secolo scorso – come un primo passo verso la creazione del primo ordine mondiale veramente ‘globale’».

La rilevanza ultima dell’Ucraina è che il mondo (al di là dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti), sta guardando intensamente. Per la maggior parte, si rifiuta di unirsi alle condanne della Russia. Un segno di questo riassetto politico è la freddezza data a Biden dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti. Entrambi hanno rifiutato di accogliere una visita di Biden, o anche di rispondere alle sue telefonate, mentre rifiutano anche di smettere di lavorare a stretto contatto con la Russia sui livelli di produzione e sui prezzi del petrolio.

In qualche modo, le “placche” geopolitiche sono già spostate. Un leader regionale lo ha riassunto in modo succinto: sulla scia dell’iniziativa russa sul rublo, «non temiamo più le sanzioni; abbiamo visto altri paesi sopravvivere».

Pubblicato su Strategic Culture

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

15 aprile 2022