Qual è il motivo dell’odio verso la Russia?

image_pdfimage_print

di Andrius Martinkus

La Russia sta attuando una controrivoluzione contro la rivoluzione neoliberale globale guidata dagli USA

Da dove nasce un odio così brutale nei confronti della Russia? L’odio che unisce gli ammiratori permanenti del regime lituano al potere e i suoi critici pubblici. Non citerò i loro nomi, i nomi dei canali televisivi e dei giornali – sono ben noti.

Da dove nasce un odio così brutale verso la Russia? Un odio che si è risvegliato – almeno a me sembra – dopo gli eventi del 2014. È stata seguita dalla perdita di amici (questa volta, per fortuna, solo amici di Facebook per ora) e da un indescrivibile disgusto per tutto ciò che ti entra dentro dallo spazio pubblico.

Un odio di fronte al quale ci si sente impotenti. Perché si è costretti a scegliere da che parte stare. E questa scelta è difficile, perché molti di coloro che scelgono la parte opposta sono brave persone. Ma siete costretti a scegliere, perché se non scegliete, non sarete nulla. Siete costretti a scegliere perché la vostra coscienza vi fa scegliere.

Da dove viene questo odio bestiale per la Russia? Viene dalla bestia dell’Apocalisse (capitolo 13). Viene dal primo rivoluzionario che ha sfidato il Creatore. Nasce da una lunga catena di rivoluzioni, di cui la rivoluzione di Maidan è un anello.

Dal punto di vista della scienza politica classica, il colpo di Stato del 2014 in Ucraina non è stato una rivoluzione – l’oligarchia capitalista ucraina era e rimane al potere. Ma gli autori del colpo di Stato amano chiamare le loro azioni “rivoluzione”. E, in un certo senso, hanno ragione.

Il colpo di stato di Maidan è stato una rivoluzione nel senso che è stata commessa una violenza rivoluzionaria contro la storia, la società e lo Stato ucraini. La storia dell’Ucraina è una simbiosi di simpatia e antipatia verso la Russia. La società ucraina è composta da segmenti filo-occidentali e filo-russi. Lo Stato ucraino era – ed è tuttora – territorialmente diviso tra questi segmenti.

Il colpo di stato di Maidan è stato una rivoluzione nel senso di coercizione rivoluzionaria contro la componente filorussa dell’Ucraina. È quindi comprensibile che si sia verificata una controrivoluzione. Si è manifestato con l’annessione della Crimea e la rivolta nel Donbass. E ora si combatte in tutta l’Ucraina.

La Russia sta portando avanti (quanto consapevolmente è una questione molto importante, ma che esula dallo scopo di questo breve testo) una controrivoluzione contro la rivoluzione neoliberale globale che gli Stati Uniti stanno conducendo da tre decenni.

La controrivoluzione della tradizione contro la rivoluzione anti-tradizionale.

E questa volta, i rivoluzionari occidentali in Lituania sentono che la controrivoluzione in Ucraina potrebbe ottenere la vittoria. Ne hanno brutalmente paura. E odiare brutalmente la Russia.

L’odio brutale per la Russia non è una banale russofobia. È vero che la maggior parte dei russofobi in Lituania e in altre ridicole entità statali (ad esempio la Polonia) sono vittime delle solite procedure di lavaggio del cervello dei media liberali e dei loro stessi istinti animali. Tuttavia, stanno partecipando a eventi tutt’altro che ordinari.

Gabrielius Landsbergis ha ragione a dire che in questi giorni si stanno verificando cambiamenti storici.

Anche se non sono sicuro che sappia di combattere dalla parte di Satana, il primo rivoluzionario. Non sono nemmeno sicuro che tutti coloro che stanno distruggendo la Lituania con il pretesto di una “politica dei valori” si rendano conto che stanno servendo Lucifero.

Tre decenni di neoliberismo hanno eroso gravemente il potenziale intellettuale e spirituale dello spazio post-sovietico. Non c’è da stupirsi che pochi riescano a cogliere l’essenza dei processi in cui siamo coinvolti. Sia in Lituania che in Ucraina e in Russia.

Ecco perché la lotta tra rivoluzione e controrivoluzione in Ucraina è così disordinata, violenta e sporca.

“Allahu akbar!” – “Dio è grande!” – gridato dai terroristi russi bombardati dai missili in Siria.

“Andate a ***!” – viene ascoltato in Ucraina esattamente nelle stesse circostanze.

“Vai a ***!”, scrive il Seimas della Repubblica di Lituania sulla sua pagina internet.

Gesù! Dove siamo?

Secondo un politologo ucraino, la cosa peggiore non è essere in trappola.

La cosa più terribile è che siete in trappola e non lo sapete. Si riferiva all’Ucraina.

So dove si trova la Lituania. La Lituania è in trappola. Ma anche in questo caso si ha l’obbligo di fare una scelta. E io scelgo la controrivoluzione.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: idee&Azione

15 maggio 2022