Qual è lo scopo della trilaterale Polonia-Britannia-Ucraina?

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

L’alleanza Polonia-Ucraina-Regno Unito potrebbe essere fastidiosa per la Russia, ma probabilmente non costituirà un grosso ostacolo alle sue politiche regionali.

Il primo ministro ucraino Denys Shmygal ha detto martedì, parlando con il suo omologo polacco: «Spero che nel prossimo futuro potremo lanciare ufficialmente un nuovo formato regionale di cooperazione Ucraina-Polonia-Regno Unito.» Questo avvenne proprio prima della visita del Primo Ministro britannico Boris Johnson a Kiev. Il loro trilaterale ha scosso le lingue, con molti che si chiedono quale sia esattamente il suo scopo. Ovviamente mirano a «contenere» la Russia, ma potrebbe esserci qualcosa di più.

In primo luogo, un certo contesto è necessario per capire meglio tutto: l’Ucraina non è il soggetto, ma solo l’oggetto della crisi missilistica non dichiarata provocata dagli Stati Uniti in Europa; la Polonia, da parte sua, aspira alla leadership nell’Europa centro-orientale (PECO), ma sta anche considerando una proposta russa di ispezioni reciproche degli impianti di difesa aerea, che gli Stati Uniti hanno menzionato nella loro risposta trapelata alle garanzie di sicurezza di Mosca; per quanto riguarda il Regno Unito, fa parte dell’Asse Anglo-Americano (AAA).

Vale anche la pena ricordare che i legami tra Stati Uniti e Ucraina sono tesi a causa di un’inattesa disputa tra i loro leader sulla probabilità di una cosiddetta «invasione russa.» Kiev ritiene che la paura di Washington stia provocando il panico e peggiorando la sua già moribonda economia. Washington, nel frattempo, sostiene che non sta pubblicizzando nulla e che la minaccia è presumibilmente molto reale.

Con queste osservazioni tenute a mente, tutto comincia ad avere più senso. L’Ucraina sta cercando di diversificare la sua dipendenza finora sproporzionata dagli Stati Uniti con la Polonia e il Regno Unito, entrambi i quali sono più che felici di espandere la loro influenza regionale nel modo più completo possibile. Hanno promesso ogni tipo di sostegno per il loro nuovo alleato, inclusi aiuti militari. È anche probabile che le motivazioni economiche abbiano un ruolo in tutto questo, dato che la Polonia e il Regno Unito probabilmente vogliono un accesso preferenziale all’Ucraina.

A un livello più strategico, questi paesi vogliono anche spingere un cuneo tra Russia e Germania, come hanno storicamente cercato di fare. Ciò assume un significato ancora maggiore nel contesto contemporaneo, considerando la mancanza di interesse di Berlino ad unirsi alla campagna antirussa di questi due. Di fatto, il leader de facto dell’Unione europea ha reagito rilanciando alla fine del mese scorso il processo di pace in Normandia, precedentemente congelato, per cercare una soluzione politica alla guerra civile in corso in Ucraina.

Instaurando la loro alleanza trilaterale, tutte e tre le parti stanno cercando di rafforzare collettivamente il loro significato geostrategico nel teatro eurasiatico occidentale della Nuova Guerra Fredda tra Stati Uniti e Russia. L’Ucraina sta coprendo le sue scommesse dopo essersi improvvisamente insospettita delle intenzioni del suo principale mecenate americano, mentre Polonia e Regno Unito si limitano a ricorrere al loro storico gioco di dividere e governare Russia e Germania.

L’alleanza polacco-Ucraino-Regno Unito potrebbe essere fastidioso per la Russia, ma probabilmente non costituirà un grosso ostacolo alle sue politiche regionali. Dopo tutto, la crisi in corso riguarda principalmente la Russia e gli Stati Uniti, non la Russia e nessuno di questi tre paesi. Inoltre, le relazioni con la Germania possono svilupparsi indipendentemente dalla Polonia, dall’Ucraina e/o dal Regno Unito. Per questi motivi, quest’ultima alleanza va interpretata come poco più di una trovata geopolitica volta a generare disperatamente attenzione.

 

Pubblicato in partnership anche su One World https://oneworld.press/?module=articles&action=view&id=2455

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Ukrinform/dpa, Europa Press

6 febbraio 2022