Quando l’egemonia fa fiasco

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Dal 7 al 10 giugno si è tenuto a Los Angeles il Summit delle Americhe sotto l’egida dell’OAS, che avrebbe dovuto simboleggiare il ritorno degli Stati Uniti in America Latina e nei Caraibi. Lo scopo principale dell’evento era rafforzare la posizione degli Stati Uniti in America Latina.

Tuffiamoci un po’ nella storia del vertice. L’Organizzazione degli Stati Americani (OAS) è un’organizzazione internazionale fondata il 30 aprile 1948. Lo scopo dell’organizzazione è la cooperazione tra il Nord e il Sud America. L’OAS comprende gli stati dell’America Latina, dei Caraibi e gli stessi Stati Uniti. Il vertice si è tenuto per la prima volta nel 1994. Nel giugno 2022 si è tenuto il IX Summit delle Americhe. Lo slogan di questo evento, pubblicato sul sito ufficiale del governo degli Stati Uniti, era “costruire un futuro sostenibile ed equo”. Tuttavia, nell’agenda moderna, questo motto suona molto dubbioso.

Questa volta ci sono stati diversi incidenti contemporaneamente. Gli USA non hanno invitato Venezuela, Cuba e Nicaragua. A questo proposito, 6 stati si sono rifiutati di partecipare al vertice: Messico, Guatemala, Honduras, Bolivia, Antigua e Barbados. Questi paesi erano indignati dal fatto che il presidente degli Stati Uniti Biden non avesse invitato gli stati chiave dei Caraibi. A questo proposito, l’agenda dell’ultimo vertice sta perdendo drasticamente valore. Tutto ciò che gli Stati Uniti possono offrire all’America Latina è un impegno di 300 milioni di dollari per la sicurezza alimentare. In confronto, il commercio della regione con la Cina supera i 450 miliardi di dollari. La Cina è già il principale partner commerciale per i paesi a sud dei Caraibi. Sullo sfondo della situazione attuale, il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard ha proposto di ricreare l’OAS. Ha osservato che l’OAS ha svolto un ruolo negativo nel colpo di stato in Bolivia avvenuto nel 2019. Ha anche condannato l’organizzazione per aver imposto sanzioni contro i paesi dell’America Latina. Il primo ministro del Belize John Briceño ha criticato le azioni della Casa Bianca e ha definito “imperdonabile” l’assenza di alcuni Stati. «È inconcepibile che abbiamo isolato i Paesi d’America, che hanno contribuito a risolvere i problemi più importanti dell’emisfero», ha sottolineato il capo del governo.

«Ovviamente, l’Organizzazione degli Stati americani e il suo modus operandi ha fatto il suo corso», ha affermato il ministro, aggiungendo che la proposta messicana è quella di formare un gruppo di lavoro che presenterà un progetto per ricreare l’organizzazione per la cooperazione interstatale americana.

Ma i problemi nello svolgimento del vertice non sono finiti qui. Biden di nuovo “è inciampato sulla scala, incapace di mantenere l’equilibrio”. Il Presidente d’America ha lottato per giustificare tutte le azioni degli Stati, che vengono criticate. È arrivato con sua moglie e ha accolto tutti gli ospiti. Mentre Biden parlava dal palco di pace e prosperità, il servizio di sicurezza presidenziale ha brutalmente represso qualsiasi tentativo dei manifestanti di esprimersi contro. Un unico picchetto organizzato da una donna è finito in detenzione. Inoltre, il discorso di Joe Biden al vertice è stato interrotto dalle grida dei manifestanti. Il Presidente degli Stati Uniti si è fermato, ha ridacchiato e ha continuato il suo discorso. Come hanno specificato testimoni oculari, Biden è stato interrotto contemporaneamente da due persone tra il pubblico, che sono state rapidamente portate fuori dalla sala dai servizi di sicurezza.

Così, il vertice, concepito come una dimostrazione di forza degli Stati Uniti, si è concluso con un fallimento. Questo è successo per diversi motivi. In primo luogo, gli States hanno cominciato a perdere il loro potere economico. In seguito, l’influenza politica è iniziata a diminuire. Sulla scacchiera compaiono nuovi giocatori forti, come Russia e Cina.

In secondo luogo, il Sud e Centro America avevano contraddizioni con il Nord America. Oggi la Russia promuove il sistema GLONASS nei paesi dell’America Latina e del Sud America. I consiglieri militari russi stanno lavorando in Venezuela e Cuba. Il governo nicaraguense acquista il 90% di tutte le armi dalla Russia e, proprio di recente, ha esteso il permesso alle truppe, alle navi e agli aerei russi di utilizzare il territorio del Paese per partecipare ad addestramenti, esercitazioni e per fornire assistenza umanitaria.

La Cina sta visibilmente minando l’egemonia americana nel continente utilizzando i suoi collegamenti in Nicaragua. La Russia sostiene anche il Nicaragua alla pari della Cina. Lo status della Casa Bianca in America Latina sta perdendo notevolmente il suo potere.

L’Esperto dell’Istituto per gli studi statunitensi e canadesi dell’Accademia delle scienze russa, dottore in economia Vladimir Vasiliev, afferma: «Nessuno può davvero dire oggi quale sia la cosa più importante di questo vertice. Biden ha distorto la sua retorica sulla democrazia. Ad esempio, è necessario sviluppare la democrazia nei paesi dell’America Latina, mentre Cuba, Nicaragua e Venezuela sono “stati non democratici”. Ma si scopre una cosa interessante: solo i migranti di questi paesi negli Stati Uniti hanno opinioni opposte, sono venuti per una vita migliore e finora non sono molto contenti del loro soggiorno in America. Si scopre che l’America è arrivata a questo vertice con un problema centrale: il problema delle migrazioni. I paesi dell’America Latina, i paesi dell’America Centrale, dicono, sviluppano la nostra economia. Ma Biden ha proposto un piano decorativo, niente di concreto. Gli stessi Stati Uniti non li aiuteranno molto».

Da ciò si dovrebbe concludere che il vertice non ha portato risultati concreti positivi. Solo ancora una volta è diventato un pomo della discordia tra i paesi dell’America Latina e gli Stati Uniti. Il Vertice delle Americhe ha mostrato che gli Stati Uniti non hanno molti partner regionali e l’assenza di un certo numero di paesi nel forum sfida l’”egemonia”. Anche le capacità oratorie del presidente Joe Biden non sono all’altezza. Commette spesso errori e riserve, che successivamente si disperdono su Internet e provocano solo “risate nervose”. Il vertice mostra ancora una volta che l’America sta perdendo il suo potere. Il tentativo degli States di consolidare l’emisfero occidentale contro Russia e Cina è fallito. Questo vertice si può riassumere in tre parole: fiasco, fallimento e delusione.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Kevin Lamarque/Reuters

16 giugno 2022