Rapina in stile americano alla Siria

image_pdfimage_print

di Vladimir Malyashev

Le autorità statunitensi devono fermare immediatamente l’esportazione illegale di prodotti agricoli e petrolio dalla Siria, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin. Ha sottolineato che l’esercito americano ha sequestrato e occupato importanti giacimenti agricoli e petroliferi in Siria. Il diplomatico cinese ha definito questo saccheggio di livello statale e ha chiesto non solo di fermare il saccheggio delle risorse siriane, ma anche di risarcire tutti i danni causati dagli americani al Paese arabo.

Il rappresentante cinese ha sottolineato che le principali comunicazioni della Siria sono nelle mani degli americani. Come affermano gli stessi siriani, ha osservato Wang Wenbin, molti sono amareggiati dalle azioni dell’esercito americano e dicono: gli americani non sono qui per combattere il terrorismo, ma per depredare il Paese.

Le parole sulla rapina in Siria da parte degli americani sono confermate da molte fonti siriane, scrive l’edizione iraniana di Resalat. Le statistiche ufficiali fornite dal Ministero del Petrolio Siriano confermano che fino a 70.000 barili di petrolio vengono portati fuori dal Paese ogni giorno dagli americani e dai gruppi da loro controllati.

Come notato dall’edizione saudita Asharq Al-Awsat, le dimensioni delle riserve petrolifere siriane sono state classificate da tempo. Nel 2015, il Dipartimento della Difesa Statunitense ha stimato in 40 milioni di dollari al mese le entrate dello Stato Islamico (IS, vietato in Russia) dalla vendita di petrolio siriano. Due anni dopo, le truppe dell’ISIS furono espulse dalle aree della Siria orientale e le forze democratiche siriane curde sostenute dagli americani presero il controllo dei principali giacimenti petroliferi del paese.

La produzione di petrolio in Siria nel 2008 è stata di 406 mila barili al giorno. Entro il 2015 il volume di petrolio prodotto è sceso a 27mila barili, nel 2018 la produzione è stata di soli 24mila barili al giorno. Poi nel 2020 è aumentato e ha raggiunto gli 89mila barili al giorno, ma, come ha detto il Ministro del Petrolio e delle risorse minerarie della Siria, B. Tuome, quasi tutto il petrolio ora prodotto nella Siria orientale viene rubato.

Il ministero della Difesa russo ha da tempo segnalato il saccheggio delle risorse naturali della Siria da parte degli americani. Nel 2019, il maggiore generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero, ha dichiarato: «La produzione di petrolio viene effettuata con l’aiuto di attrezzature fornite dalle principali società occidentali per aggirare tutte le sanzioni americane». E il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato senza mezzi termini che l’esercito americano è illegalmente in Siria da molto tempo e sta rubando minerali dal paese.

Il fatto della rapina in Siria è stato confermato anche dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump: «Stiamo trattenendo il petrolio. Ricorda questo. L’ho sempre detto: tieni l’olio. E vogliamo mantenere il petrolio: 45 milioni di dollari al mese».

Nel 2019, Politico ha riferito che una società statunitense aveva firmato un contratto con le autorità curde nel nord-est della Siria per sviluppare ed esportare petrolio greggio dalla regione in un accordo segreto approvato dal governo degli Stati Uniti. «Il Ministro degli Esteri siriano ha definito l’accordo illegale e ha affermato che si trattava di un “furto” di petrolio siriano», osserva Politico.

Gli Stati Uniti stanno derubando non solo il petrolio siriano, ma anche il grano siriano. Prima del conflitto, la Siria era un paese agricolo prospero e produceva da tre a quattro milioni di tonnellate di grano all’anno. Il raccolto è stato sufficiente non solo per soddisfare la domanda interna, ma anche per l’esportazione, compresa l’Unione Europea. Ora non c’è abbastanza grano in Siria e Damasco è costretta a comprarlo all’estero.

L’esercito americano e le sue forze democratiche siriane subordinate hanno occupato e detengono territori sulla sponda orientale dell’Eufrate, incentrati sulla provincia di Al-Hasakah, che è il più grande produttore di grano del paese. Sia il grano lì prodotto che il petrolio ivi estratto vengono espropriati dagli americani e dalla loro clientela siriana e, aggirando la Siria, vengono trasferiti in Iraq.

Sfortunatamente, non ci sono quasi paesi al mondo che prenderebbero sul serio questa ingiustizia, osserva Yahoo News. Se il grano e il petrolio delle sponde orientali dell’Eufrate fossero completamente utilizzati per soddisfare la domanda interna, i problemi alimentari e di altro tipo nei paesi sarebbero notevolmente alleviati e il tenore di vita della popolazione locale aumenterebbe. “Tuttavia”, scrive la pubblicazione giapponese, “la difficile situazione del popolo siriano… è tranquillamente ignorata dai media occidentali e dai gruppi per i diritti umani. Questo grande problema è trattato solo dai media del governo siriano, così come dai media russi e cinesi, ma i loro messaggi sono respinti in Occidente in Giappone come propaganda della dittatura”.

Il 21 luglio, Dmitry Polyansky, Primo Vice Rappresentante Permanente della Russia presso l’ONU, durante una riunione dell’Assemblea Generale dell’ONU, ha sottolineato ancora una volta : «Le uniche zone non controllate dal governo siriano sono ancora solo la Trans-Eufrate, dove gli americani gli invasori saccheggiano quotidianamente le risorse di grano e idrocarburi e la zona di de-escalation di Idlib nel nord-ovest del paese, occupata dai terroristi di Hayat Tahrir al-Sham, riconosciuti a livello internazionale».

Sullo sfondo dell’ipocrita preoccupazione degli Stati Uniti per il grano ucraino, la sfacciata rapina americana in Siria sembra particolarmente cinica.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

6 agosto 2022