Rivoluzione colorata in Kazakistan?

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Le massicce proteste provocate dal forte aumento dei prezzi del gas non diminuiscono in Kazakistan. I manifestanti ad Alama-Ata attaccano la polizia, perquisiscono e sequestrano edifici amministrativi. Lo stato di emergenza è stato introdotto in diverse regioni, compresa la capitale Nur-Sultan. Qual è la particolarità della protesta locale e quanto è grave la minaccia della “rivoluzione colorata”?

Mercoledì sono riprese le proteste di massa in Kazakistan (ex Repubblica sovietica), scoppiate all’inizio dell’anno nella regione di Mangistau, al confine con il Turkmenistan e l’Uzbekistan. Il motivo è stato un aumento del 100% dei prezzi del gas per i conducenti in diverse regioni – da 60 a 120 tenge (fino a 20,56 rubli) al litro. I disordini si sono diffusi in altre regioni limitrofe. Oltre alla giustizia sociale, i manifestanti hanno chiesto che il primo presidente della repubblica, Nursultan Nazarbayev, a cui è ufficialmente assegnato lo status di elbasy – il leader nazionale e di cui porta il nome la capitale del paese – sia estromesso dalla politica.

A metà giornata, i manifestanti hanno fatto irruzione nel municipio di Alma-Ata, la capitale meridionale, dove le auto hanno preso fuoco tutta la notte e gli ufficiali della Guardia Nazionale hanno spruzzato gas lacrimogeni. Un incendio è divampato ai primi due piani dell’edificio e si sono sentiti colpi di mitragliatrice. Le forze dell’ordine hanno utilizzato mezzi speciali. È stato anche riferito del sequestro di attrezzature speciali militari, che le autorità avevano precedentemente portato nel centro della città. Successivamente, sono apparse informazioni sull’incendio doloso dell’edificio della procura locale e sull’assalto alla residenza presidenziale. Centinaia di persone si sono rivolte agli ospedali cittadini per cure mediche. Secondo la Tass, citando il dipartimento di informazione sanitaria locale della città, tra le vittime ci sarebbero più di un centinaio di agenti delle forze dell’ordine. Gli eventi ad Aktobe si sono sviluppati secondo uno scenario simile, dove anche l’edificio dell’ufficio del sindaco (akimat) è stato sequestrato dai manifestanti. I tentativi di prendere d’assalto gli akimat sono stati fatti a Shymkent e Taraz.

Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokayev, ha introdotto lo stato di emergenza nelle regioni di Nur-Sultan, Alma-Ata, Almaty e Mangistau fino al 19 gennaio. Lo stato di emergenza prevede il coprifuoco dalle 23.00 alle 7.00. L’ingresso e il movimento all’interno di queste regioni sono limitati. Internet ha temporaneamente smesso di funzionare in tutto il paese. Inoltre, è stato introdotto il divieto di eventi di massa e scioperi e armi e munizioni vengono confiscate alla popolazione. Il decreto del capo dello Stato afferma che lo stato di emergenza viene introdotto per garantire la sicurezza pubblica, ripristinare la legge e l’ordine, nonché tutelare i diritti e le libertà dei cittadini.

Inoltre, Tokayev ha licenziato il governo, sul quale, secondo lui, ricade “una colpa particolare” per aver consentito una situazione di protesta in relazione all’aumento dei prezzi del gas liquefatto. I ministri continuano a servire fino alla nomina di un nuovo gabinetto. Allo stesso tempo, l’Ufficio del Procuratore Generale e il Dipartimento Antimonopoli sono stati incaricati di indagare su una possibile collusione sui prezzi. Inoltre, il presidente era responsabile della regolamentazione statale dei prezzi del gas e della benzina e dei prodotti socialmente importanti per un periodo di 180 giorni. L’introduzione del programma di scambio di e-fuel è stata posticipata di un anno.

Verso sera, Tokayev, durante il suo discorso, ha promesso di rimanere nella capitale e di agire “nel modo più duro possibile contro i delinquenti durante le proteste”. Tokayev ha notato che presto uscirà con un nuovo pacchetto di proposte. Ha anche detto che durante gli scontri nel paese, gli agenti delle forze dell’ordine sono stati uccisi. Secondo lui, dietro le rivolte ci sono “cospiratori motivati ​​finanziariamente”. “Si richiama l’attenzione sull’alto livello di organizzazione degli elementi hooligan. Questa è la prova di un elaborato piano d’azione dei cospiratori che sono motivati ​​finanziariamente. ha detto il presidente Tokayev.

Nella comunità di esperti, sono sicuri che un forte aumento dei prezzi del carburante sia stato uno dei motivi per l’inizio delle rivolte. In generale, le persone sono da tempo mature per l’insoddisfazione per la politica sociale dello stato e la forte stratificazione del reddito tra le diverse regioni. “Il rating del governo è del 23% e nel 2017 era del 63%. Questo è un indicatore di incapacità al lavoro. Una tale valutazione di disapprovazione prima o poi porta a qualcosa”, afferma l’analista politico kazako Marat Shibutov.

I disordini scoppiati non sembravano “abbastanza spontanei” e avrebbero potuto essere organizzati da qualcuno, ha suggerito l’esperto. Tuttavia, se gli organizzatori erano, “l’inchiesta mostrerà”. Secondo a “Strana”, le proteste sono coordinate dall’oppositore Mukhtar Ablyazov dalla sede a Kiev. Negli anni ’90 è stato ministro dell’Energia e del Commercio del Kazakistan, ma è andato all’opposizione dopo il conflitto con Nazarbayev. Sulla sua pagina Facebook, Ablyazov, che ha creato il movimento Scelta democratica del Kazakistan nel 2017, ha invitato i manifestanti a “coordinare le azioni” e ha fornito i suoi numeri di telefono ucraini per la comunicazione.

“D’altra parte, non vediamo il nocciolo della protesta e delle richieste formalizzate. Cioè, non c’è praticamente nessuno con cui condurre un dialogo. Finora sono in corso solo rivolte, non manifestazioni. Restano quindi solo misure rigorose, che ora sono in fase di attuazione”, aggiunge Shibutov.

Tuttavia, mercoledì Akim (capo dell’amministrazione) di Kostanay Kairat Akhmetov è andato dai cittadini per ascoltare le loro richieste. I manifestanti gli hanno raccontato della stanchezza della gente per la difficile situazione economica del Paese.

Shibutov ha sottolineato che gli scontri avvengono principalmente ad Almaty e Aktau, quindi non c’è bisogno di parlare del rischio di una “rivoluzione colorata”. “Non c’è minaccia di rovesciare il governo, c’è una minaccia di pressione attraverso le rivolte. Non sono coinvolti stakeholder esterni. Al contrario, i paesi che hanno investito in Kazakistan potrebbero richiedere la stabilizzazione della situazione e la loro partecipazione a questo“, ha suggerito l’esperto.

La disponibilità della Russia a fornire al Kazakistan assistenza non militare, ha detto a Interfax Vladimir Dzhabarov, il primo vice capo del comitato per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione. Tuttavia, il senatore crede nella capacità delle autorità locali di far fronte in modo indipendente alla risoluzione della situazione. “Stanno lavorando attivamente per alleviare la tensione nella società”, ha detto Dzhabarov.

Secondo il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov, il Kazakistan non si è ancora avvicinato a Mosca. Ma il Cremlino ritiene che le autorità del paese affronteranno da sole i problemi interni e qualsiasi interferenza esterna è inaccettabile.

Dal punto di vista economico, ha spiegato Shibutov, le autorità locali hanno commesso un errore, perché in molte regioni del Paese i prezzi del gas per i veicoli sono aumentati gradualmente. “Il forte aumento dei prezzi è stato stupido da un punto di vista tecnico, ma giustificato economicamente, perché i prezzi del gas stanno aumentando. La differenza tra i prezzi interni e quelli all’esportazione è aumentata di quasi cinque o sei volte. Qui, ovviamente, abbiamo dovuto aumentare i prezzi interni, perché il gas è stato venduto al di sotto del prezzo di costo”, ha sottolineato l’esperto. (……)

Secondo l’esperto, ad Alma-Ata, i leader della protesta, che inizialmente avevano articolato richieste dalla strada, hanno perso il controllo della situazione, ed è iniziato il sequestro degli edifici amministrativi. “La protesta va oltre e sembra una presa di forza e un saccheggio. In tali condizioni, è difficile condurre un dialogo e negoziare”.

La Russia ha reagito ai disordini in corso in Kazakistan, mettendo in guardia contro qualsiasi interferenza esterna negli affari interni della nazione dell’Asia centrale. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto mercoledì che il Kazakistan potrebbe risolvere i suoi problemi ed è importante che nessuno interferisca dall’esterno. Ha anche esortato al “dialogo” nell’ex Kazakistan sovietico mentre i disordini senza precedenti sono sfuggiti al controllo su un aumento dei prezzi dell’energia.

Separatamente, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato in una nota che sta monitorando da vicino la situazione nel suo vicino meridionale e conta sulla “normalizzazione il più presto possibile”. “Speriamo nella prima possibile normalizzazione della situazione nel Paese, a cui la Russia è legata da relazioni di partenariato strategico e di alleanza attraverso contatti umani fraterni”.

Foto: Rassegne Italia

6 gennaio 2021