Riyad si rivolge a Israele per prevenire ulteriori fallimenti nello Yemen

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

L’Arabia Saudita ha assunto esperti militari israeliani per gestire le sue sale operative nella guerra contro lo Yemen, come ipotizzano i media.

Come all’inizio dell’aggressione saudita iniziata nel marzo 2015, quando la coalizione tra Arabia Saudita e Stati Uniti ha intensificato istericamente i suoi attacchi aerei contro quartieri residenziali e obiettivi civili nella capitale, Sana’a, ora è insorto anche il regno saudita, senza alcun accenno di sensibilità, nel fomentare l’escalation di attacchi contro i civili, secondo un articolo pubblicato lunedì dalla rete libanese Al-Mayadeen in cui si affronta la recente escalation della coalizione saudita.

Attualmente l’Arabia Saudita ha adottato il metodo del regime israeliano, secondo il quale in precedenza annunciava gli obiettivi e, con avvertimenti e denunce, sostiene che questi siano utilizzati per “scopi militari” o che “immagazzinino armi militari”. La sua escalation è culminata in un orribile crimine contro una famiglia povera ad Al-Mahwit, uccidendo e ferendo 10 persone di una stessa famiglia, rendendo la coalizione l’obiettivo del sarcasmo di molti attivisti sui social media, che hanno pubblicato immagini di bambini feriti come quelle di presunti magazzini dell’Arabia Saudita e di armi americane.

Alla luce della recente escalation, c‘è chi suggerisce con forza l’ipotesi che il regime saudita sia recentemente ricorso all’assunzione di esperti militari israeliani per gestire le sue sale operative nella guerra contro il territorio e la popolazione dello Yemen. Quello che guida questa ipotesi è che il regime saudita ha recentemente inviato, in un modo senza precedenti in 7 anni, “messaggi di avvertimento” e diffuso “propaganda fuorviante” per attaccare i quartieri residenziali e gli oggetti civili della capitale, Sana’a, proprio come fa il regime israeliano nelle sue aggressioni contro il Libano e la Striscia di Gaza.

Il regime israeliano ha compiuto incursioni militari nello Yemen insieme alla cosiddetta coalizione saudita, effettuando attacchi contro un matrimonio e altri obiettivi. A prescindere dalle ipotesi, Sanaa aveva precedentemente annunciato di avere informazioni che confermavano l’associazione diretta del regime israeliano nell’aggressione contro lo Yemen. Allo stesso modo, gli israeliani hanno francamente indicato che il loro interesse risiede nella vittoria della coalizione saudita, e che il suo fallimento significa anche la loro sconfitta, e hanno parlato di interessi e paure comuni con gli aggressori sauditi.

Lo Yemen ha prove del ruolo di Israele negli attacchi indiscriminati contro il paese arabo. In ogni caso, la recente escalation esprime lo stato di frustrazione, confusione e disperazione che ha raggiunto la coalizione degli aggressori, guidata dal suo fallimento sul campo a Marib e su altri fronti, e dalle sue opzioni militari e non militari per fare pressione su Sana’a, mentre i rappresentanti della monarchia saudita siedono al tavolo dei negoziati sotto i tetti politici proposti da Stati Uniti e Gran Bretagna, ma senza prendere l’iniziativa di togliere l’assedio, fermare l’aggressione e ritirare le forze straniere.

Tuttavia, questa folle escalation saudita nelle città e nelle periferie non passerà senza una risposta sismica, come hanno promesso le forze armate yemenite, e nemmeno la coalizione saudita riuscirà a trascinare Sanaa al tavolo dei negoziati sotto i suoi protettori politici, come immagina.
Di fronte a questa escalation, la posizione di Sana’a non è cambiata, e il suo intento politico e militare non è sceso, ma può anche aumentare il suo entusiasmo e la sua determinazione. Durante la recente ondata di escalation, le avanguardie yemenite di Sana’a sono state in grado di raccogliere nuovi progressi sul terreno liberando più di 1.200 km2 nel governatorato di Al-Jawf, come parte dell’operazione “Fajr. Il Sahara”, annunciato dal portavoce delle forze armate, il generale di brigata Yahya Saree, insieme a nuovi guadagni sul campo a Marib, al di là delle zone orientali, e afferma che l’escalation costituirà un motivo di decisione, e più velocemente di quanto si aspetta la coalizione di aggressione, e che le operazioni strategiche non smetteranno di prendere di mira la profondità del territorio saudita, l’assedio continua.

È arrivata anche la recente operazione Jizan, in cui sono stati introdotti, forse per la prima volta, missili più precisi ed efficaci, che hanno colpito la zona industriale dell’Arabia Saudita, che le forze armate hanno descritto come “obiettivi molto sensibili” e perdite ingenti. Si prevede che questo sarà l’inizio della risposta all’escalation, e la prossima sarà più dolorosa.

Almeno questo è ciò che suggeriscono i messaggi politici, poiché il capo negoziatore yemenita e capo della delegazione negoziale, Muhammad Abdul Salam, ha minacciato la coalizione di aggressione con “le peggiori conseguenze” alla luce della continua escalation. Il suo messaggio è arrivato dopo il crimine di aggressione a Mahwit, che ha ucciso 10 civili, compresi i bambini. Abdul Salam ha accusato le Nazioni Unite e la comunità internazionale di complicità con la coalizione di aggressione e di non aver condananto l’aggressione che ha preso di mira persone indifese e obiettivi civili.

Il ministro della Difesa, il maggiore generale Mohammed Nasser al-Atifi, aveva promesso alla coalizione di aggressione che “un destino nero li attende, dopo che a Minaya li stanno circondando da tutte le parti”, osservando che “i fuochi delle fiamme incendiarie sono più feroci e irascibili del fuoco dei vulcani esplosivi, e divoreranno e schiacceranno i loro troni».

La sua dichiarazione era chiara di non ritirarsi dal percorso di liberazione e ripristino di ciò che era rimasto nel Governatorato di Ma’rib dalle mani degli occupanti, dicendo: “Se tutte le forze della terra si radunano contro di noi, questo non scoraggerà la fede dello Yemen e la saggezza, il suo esercito e i suoi comitati di procedere per completare la liberazione di ciò che resta della nostra terra”.

La conclusione inevitabile è che questa folle festa e escalation nelle città e nei quartieri residenziali non passerà senza una risposta al terremoto, come ci hanno promesso le forze armate che ancora mantengono la loro piena forza e mantengono l’equazione di escalation con escalation, proprio come l’aggressione saudita non riuscirà a trascinare Sanaa al tavolo delle trattative. La Monarchia Saudita più aumenta i suoi crimini e misfatti, più grave e dolorosa sarà la risposta, e più commette omicidi e distruzione, più caro sarà il conto del risarcimento. E va considerato dall’Iraq, che sta ancora pagando il prezzo della follia di Saddam Hussein in Kuwait. Ad oggi ha pagato 52 miliardi di dollari. Quanto alla guerra dei sette anni, questa non ha prezzo se non con la fine del regime di Al Saud dalla penisola arabica. Questa la promessa del fronte della Resistenza.

Foto: Insidertrend

29 dicembre 2021